1. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #5103621
    SHARM EL SHEIK - "E' tutta colpa di Ancelotti". Qualcosa si deve
    essere proprio rotto tra Silvio Berlusconi e il tecnico. Anche con
    l'allenatore del Milan sembra esserci aria di divorzio. E già, perché
    altrimenti non si spiegherebbe il motivo per cui ieri sera, a Sharm el
    Sheik, davanti ad un gruppetto di turisti italiani il premier si sia
    lasciato andar ad un lungo sfogo contro l'allenatore rossonero. Accuse
    e recriminazioni con tanto di spiegazioni tattiche.

    Sorseggiando un
    aperitivo in riva alla piscina del Resort Domina Coral Bay, il
    Cavaliere ha prima salutato i concittadini con una battuta sulle
    recenti polemiche legate alla seperazione da Veronica ("questa volta,
    come vedete, non mi sono portato le veline") e subito dopo è partito
    alla carica contro Ancelotti. Il premier è in Egitto per un vertice con
    Mubarak, ma il pari con la Juve non è stato ancora digerito. "Se
    quest'anno non abbiamo vinto lo scudetto è solo colpa di Ancelotti", è
    stato il suo primo affondo senza nemmeno una attenuante. Dopo il 2 a 2
    dell'Inter con il Chievo, aveva sperato in una rincorsa dell'ultima
    ora. Ma il pari agguantato da Iaquinta ha fatto dissolvere anche le
    ultime speranze berlusconiane.

    A suo giudizio,
    allora, la "colpa" è di Ancelotti perché " con gli uomini che ha il
    Milan, noi potevamo tranquillamente tenere testa all'Inter". Parole
    che, lette alla luce di quel che sta avvenendo in casa Milan, assumono
    un significato ulteriore. Ieri, infatti, il tecnico ha ricordato di
    essere "blindato fino al 2010" dal contratto che lo lega al team
    rossonero. Si sa però che il Chelsea ha fatto un offerta di 5 milioni
    l'anno fino al 2013. E con Abramovich c'è un accordo. Il Milan in
    questi giorni ha rilanciato: 3,5 milioni netti all'anno fino 2012. E
    Carletto ha preso tempo. Ma è una situazione che al Cavaliere non
    piace.


    OAS_RICH('Middle');



    Così prima del vertice ufficiale con Mubarak ha quasi voluto liberarsi
    di un peso. E via allo sfogo. Ogni tanto una pausa. I lumini che
    circondavano la piscina andavano via via spegnendosi. Nel frattempo a
    tavola tutto era pronto per la cena. Il bicchiere con il prosecco si è
    alzato per un altro brindisi. Qualche barzelletta sui cugini nerazzurri
    e sull'Inter, poi Berlusconi ha ripreso la sua requisitoria. Ha
    continuato a parlare dell'annata sfortunata della sua squadra.

    Con i turisti
    italiani sempre più interessati, ha fornito anche le sue idee sul gioco
    della squadra. "Molte volte - ha ricordato - abbiamo davvero sbagliato
    la tattica. Noi abbiamo tanti calciatori bravissimo nel palleggio, sono
    dei gran palleggiatori e allora dovevamo puntare su questo. E invece
    abbiamo fatto il contrario". Un richiamo allo scarso ricorso a schemi
    più offensivi. Alla necessità di un uso più frequente di Ronaldinho?
    Sta di fatto che se l'è presa pure con la difesa: "Troppe volte abbiamo
    preso gol nella parte finale della partita". Insomma, per dirla con una
    sola frase, "se abbiamo perso lo scudetto, è solo colpa di Ancelotti".

    vorrei vedere la faccia di galliani stamattina :asd:
  2. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #5103827
    SHARM EL SHEIKH - Un giro sulla macchinetta elettrica nel
    villaggio turistico più grande di Sharm el Sheikh. Poi un salto in
    discoteca. Dopo la cena di benvenuto, Silvio Berlusconi non resiste
    alla tentazione di fare una visita al dancing del Domina Coral Bay. Il
    locale è lo Smaila-Space gestito proprio da Umberto Smaila.

    L'ex "Gatti di vicolo Miracoli" in Egitto è presente solo in alcuni
    mesi dell'anno. Così il Cavaliere, nel Mar Rosso per il vertice
    bilaterale con Mubarak che si terrà oggi, non perde l'occasione per
    assaggiare un pizzico di vita notturna egiziana. Già al suo arrivo, lo
    staff non aveva nascosto la voglia di "bagno di folla" del capo del
    governo. Le guardie del corpo hanno tenuto lontano i cronisti ma hanno
    fatto entrare nel ristorante "Prestige" un gruppo di turisti milanesi.
    Con loro ha sorseggiato un aperitivo e raccontato qualche barzelletta
    sull'Inter.

    Dopo cena, poi, scortato dal proprietario del Villaggio, l'italiano,
    Ernesto Priatone, Berlusconi entra nel locale e viene accolto dagli
    applausi dei giovani. Con Preatone l'amicizia sembra ormai consolidata.
    Anche in occasione dell'ultimo vertice internazionale svoltosi a Sharm
    el Sheikh, il Cavaliere aveva scelto la residenza all'interno del
    Domina Resort. Stavolta vuole visitare pure la discoteca. Luci soffuse.
    Uno sguardo al bancone del bar e, sempre circondato dalla security
    italiana e egiziana, si mette seduto nel privè. Mancano pochi minuti
    alle 23 ore italiane, mezzanotte in Egitto, e sul divano bianco dello
    Smaila-Space si avvicinano ragazzi e ragazze, molti italiani e
    tantissimi russi, per fare il con il premier una foto-ricordo. Le più
    intraprendenti sono le ragazze. I flash sono un'infinità e la pista da
    ballo di fatto si blocca. Del resto, due ragazze di Mosca si erano
    messe in fila già dalle dieci di sera per provare a parlare con il
    presidente del consiglio italiano.


    OAS_RICH('Middle');



    Un quarto d'ora in discoteca con il sottofondo di note "disco" sparate
    a tutto volume. Tanti sorrisi. Baci e abbracci dalle giovani e anche da
    signore più attempate. "Posso amore?", chiede una turista al marito. E
    subito dopo un bacio sulla guancia del Cavaliere. Un'altra coppia si
    avvicina. Stavolta è il marito il più coraggioso: "Sa, mia moglie è
    innamorata di lei".

    Vestito con una tuta blu, però, anche Berlusconi avvicina qualche
    turista. Scambia in inglese qualche parola con due ragazze russe e
    subito dopo, lasciato il dancing, va verso il market del villaggio
    . Si
    muove come fa solitamente nel negozio di collanine che periodicamente
    visita a Roma in Corso Vittorio. Tante cianfrusaglie e souvenir "made
    in Egypt", e anche qualche acquisto: alcune ceramiche adesive a forma
    di pesciolino. Quindi risale sulla macchinetta elettrica e torna in
    camera.

    è tornato il presidente metalmeccanico!!! :DD
  3.     Mi trovi su: Homepage #5103861
    la faccenda del palleggio e dei gol presi alla fine la condivido in pieno. nel periodo centrale del campionato il milan era troppo timoroso, contro qualuncue squadra giocasse non era capace di tenere il vantaggio, andava in affanno contro squadre di bassa classifica. mentre il werder ci ha proprio travolto in casa nostra.
    su ronaldinho è inutile che continua ad insistere, dai c'è stato solo un periodo, a inizio anno in cui aveva un forma accettabile per il campionato italiano. e cmq non sarebbe stato lui a "cambiare" la squadra, perchè cmq al suo posto ci sono stati pato, kakà (tranne quando era infortunato), seedorf e inzaghi punta, che non hanno fatto male.
    poi boh se secondo lui dinho ci risolveva i problemi in difesa, magari sulle palle alte, beh allora è diverso.
    cmq non ci credo che abbia fatto questa sparata ora, proprio in questo momento che mancano 3 partite dalla fine e le cose vanno tutto sommato bene (non intendo dire che è stata una stagione ottima)
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5103880
    equus ha scritto:
    la faccenda del palleggio e dei gol presi alla fine la condivido in pieno. nel periodo centrale del campionato il milan era troppo timoroso, contro qualuncue squadra giocasse non era capace di tenere il vantaggio, andava in affanno contro squadre di bassa classifica. mentre il werder ci ha proprio travolto in casa nostra.
    su ronaldinho è inutile che continua ad insistere, dai c'è stato solo un periodo, a inizio anno in cui aveva un forma accettabile per il campionato italiano. e cmq non sarebbe stato lui a "cambiare" la squadra, perchè cmq al suo posto ci sono stati pato, kakà (tranne quando era infortunato), seedorf e inzaghi punta, che non hanno fatto male.
    poi boh se secondo lui dinho ci risolveva i problemi in difesa, magari sulle palle alte, beh allora è diverso.
    cmq non ci credo che abbia fatto questa sparata ora, proprio in questo momento che mancano 3 partite dalla fine e le cose vanno tutto sommato bene (non intendo dire che è stata una stagione ottima)


    finchè era titolare era capocannoniere del milan e segnava un gol ogni due partite. Poi è tornato Pirlo e così Seedorf che doveva assolutamente giocare ha preso il posto di Ronaldinho. Tralasciando il fatto di aver spremuto i centrocampisti piuttosto di fare giocare flamini che ora è insostituibile (anche se in fascia). O di aver bruciato antonini perchè era l'unico che correva.
    Hai un pallone d'oro di 29 anni e lo molli in panca quando ti ha salvato il c... ad inizio stagione. Grazie Carletto
  5. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #5103887
    massituo ha scritto:
    finchè era titolare era capocannoniere del milan e segnava un gol ogni due partite. Poi è tornato Pirlo e così Seedorf che doveva assolutamente giocare ha preso il posto di Ronaldinho. Tralasciando il fatto di aver spremuto i centrocampisti piuttosto di fare giocare flamini che ora è insostituibile (anche se in fascia). O di aver bruciato antonini perchè era l'unico che correva.
    Hai un pallone d'oro di 29 anni e lo molli in panca quando ti ha salvato il c... ad inizio stagione. Grazie Carletto
     .

  Berlusconi: "Colpa di Ancelotti se abbiamo perso lo scudetto"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina