1.     Mi trovi su: Homepage #5116516
    L'agente Fifa: «Abbiamo le carte in regola per andare avanti. Il mercato? Non deluderemo nessuno». Poi il comunicato: «Abbiamo i fondi necessari per l'acquisto della Roma»

    ROMA, 22 maggio - «Sono molto sereno, abbiamo le carte in regola per andare avanti, vedremo». Ore 13.30, Vinicio Fioranelli è appena uscito dalla Consob e ai microfoni di SkySport 24 ha chiarito la sua posizione in merito al possibile acquisto della Roma da parte di una cordata da lui rappresentata. «Al momento non ci sono scadenze. È un impegno che mi mette di fronte a grandi responsabilità nei confronti della città, dei tifosi, dei giornalisti. Siamo consapevoli si tratti di un impegno importante, queste cose non si fanno alzandosi una mattina. Siamo valutando, vedremo, una decisione verrà presa».

    «FAMIGLIA SENSI DA LODARE» - L'agente Fifa ha escluso una telenovela: «No, le telenovele finiscono tutte, ci sono quelle che durano troppo ma finiscono tutte». Fioranelli ha difeso Rosella Sensi: «Mi sembra ci sia un comportamento sbagliato verso questa famiglia. La famiglia Sensi merita un grande elogio dai romani. Hanno dato tantissimo a questa squadra, non solo capitali importanti, ma ha dato passione, l’anima. Il fatto che non abbia parlato con loro non è perché non mi hanno cercato, ma solo perché ci sono degli obblighi, è una società quotata in Borsa e bisogna comportarsi con rispetto delle regole, delle norme. Ma siccome mi sento un po’ in colpa nei confronti dei Sensi, perché mi rendo conto sia una situazione non bella anche per loro, probabilmente un po’ di chiarezza avrebbe aiutato».

    FASE DI VALUTAZIONE - Al momento però «siamo in una fase in cui dobbiamo fare le nostre valutazioni», ha detto Fioranelli. «E una volta avute le idee chiare si può fare chiarezza. Una cosa deve essere chiara, nessuno cerca una piattaforma per farsi pubblicità. In questo progetto sono coinvolte persone di grandissimo spessore professionale. Gente molto molto seria».

    MERCATO - Sul capitolo mercato Fioranelli non si sbilancia: «Il mondo è stato costruito in sette giorni, lasciatemi qualche giorno in più, visto che Dio è qualcun altro e non certo io. Tanti pretendono di prendere il posto del Padreterno, non certo io. Se dovessimo prendere la Roma sappiamo quali sono le nostre responsabilità, pertanto non deluderemo nessuno».

    IL COMUNICATO DI FIORANELLI
    - Vinicio Fioranelli e il partner Volker Fick ribadiscono il proprio interesse a rilevare il controllo della As Roma, specificando di disporre «dei fondi eventualmente necessari per l'eventuale acquisto». È quanto si legge in una nota, sollecitata dalla Consob, al termine dell' audizione dell'agente Fifa oggi davanti all'Autorità di vigilanza della Borsa. «Il dottor Vinicio Fioranelli - si legge nella nota - è stato audito dalla Consob e ha fornito chiarimenti sull' interesse da parte della Fio Sports Group, società di diritto svizzero riconducibile a Vinicio Fioranelli, e del proprio partner Volker Fick, notissimo e qualificato imprenditore e professionista che con la sua alta esperienza e professionalità rappresenta un vero e proprio valore aggiunto, oltre che partecipe finanziario all'iniziativa». Fioranelli, prosegue la nota, «innanzitutto ha ribadito la volontà del suo gruppo già espressa nella lettera del 15 maggio inviata alla famiglia Sensi. Per rispetto delle norme, degli azionisti e dei tifosi, nessuna azione della As Roma è stata mai acquistata ad oggi da lui, dalla sua famiglia , o dal suo gruppo. Verrà reso pubblico ufficialmente qualsiasi ulteriore svolgimento delle trattative». La nota conferma inoltre che «il gruppo Fioranelli dispone dei fondi eventualmente necessari per l'eventuale acquisto della partecipazione riconducibile alla Famiglia Sensi»
  2.     Mi trovi su: Homepage #5116895
    chiedo ai romanisti: voi cosa ne pensate di rosella? volete che venda?
    mi è parsa un pò esagerato contestarla, ma magari da qui abbiamo una percezione diversa.
    d'accordo, l'obiettivo champions è fallito, ma credo che i mezzi (valore squadra e capitale da investire) siano quel che sono. l'annata è stata particolarmente sfigata...
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  3.     Mi trovi su: Homepage #5116921
    equus ha scritto:
    chiedo ai romanisti: voi cosa ne pensate di rosella? volete che venda?
    mi è parsa un pò esagerato contestarla, ma magari da qui abbiamo una percezione diversa.
    d'accordo, l'obiettivo champions è fallito, ma credo che i mezzi (valore squadra e capitale da investire) siano quel che sono. l'annata è stata particolarmente sfigata...
    Per quanto mi riguarda, quelli che contestano Rosella e la Famiglia Sensi non li considero nemmeno romanisti (contestavano anche il padre Franco d'altronde). Vendere per vendere, purchè si venda è il motto di tanti pseudo-tifosi. Forse è la nuova generazione che è venuta su (male), e che sarebbe disposta a tutto pur di vincere, anche ad avere Moggi come direttore sportivo. Io sono lontano anni luce da questa linea, sarà che sono cresciuto con quella che chiamavano "Rometta", che se centrava un piazzamento Uefa era una stagione da incorniciare. Questa gente si meriterebbe un altro Ciarrapico. Personalmente a me questo Fioranelli non mi ispira niente di buono (ho sentito addirittura dire che è laziale e che presterebbe il nome a gente di cui ancora non si sa l'identità). Insomma, sotto sotto mi sa che si nasconde una GRAN SOLA. E io nel dubbio, mi tengo i Sensi tutta la vita. La Roma in mano ai Sensi so in che mani sta. Una Famiglia che ha fatto parte della sua storia, dalla fondazione ad oggi, e che realmente ama la Roma. Avrei visto più di buon occhio Angelini, che so essere un appassionato romanista, ma troppe chiacchiere e pochi fatti. Se i Sensi non vendono, nemmeno di fronte ad un'offerta generosa come quella che pare sia stata fatta, vuol dire che dietro non c'è nessuno che possa fare il bene della Roma. Piena fiducia a Rosella quindi, per quanto mi riguarda, e avanti così. Se si costruirà una Roma da vertice, la sosterrò. Se ci sarà un ridimensionamento e si tornerà a lottare per metà classifica, la sosterrò ancora di più.
    ^Mr-Drakula^

    Inquietante Allenatore del temibile Vampiria F.C., il cui Capitano non può che essere il numero 90 (la paura) Canini.
  4.     Mi trovi su: Homepage #5117000
    esistono ancora tifosi riconoscenti allora.. e parlo in generale, mica solo per la roma.
    infatti io da esterno vedo una squadra che con i Sensi è cresciuta molto. fino ad arrivare a lottare per lo scudetto, ma che per motivi vari , soprattutto economici non c'è riuscita. come faceva a vincere se ogni anno l'inter le prendeva i giocatori migliori??
    cmq ridimensionamento non vuol dire "salvezza", con una buona gestione si può comodamente tornare a lottare per traguardi migliori, anche perchè la rosa non è male, e se si decidesse di vendere giocatori che non servono piu alla causa si avrebbe cmq un bel gruzzoletto.
    detto questo.. domani fate i bravi a san siro..:asd:
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  5. In questo momento stai...  
        Mi trovi su: Homepage #5117110
    ^Mr-Drakula^ ha scritto:
    Per quanto mi riguarda, quelli che contestano Rosella e la Famiglia Sensi non li considero nemmeno romanisti (contestavano anche il padre Franco d'altronde). Vendere per vendere, purchè si venda è il motto di tanti pseudo-tifosi. Forse è la nuova generazione che è venuta su (male), e che sarebbe disposta a tutto pur di vincere, anche ad avere Moggi come direttore sportivo. Io sono lontano anni luce da questa linea, sarà che sono cresciuto con quella che chiamavano "Rometta", che se centrava un piazzamento Uefa era una stagione da incorniciare. Questa gente si meriterebbe un altro Ciarrapico. Personalmente a me questo Fioranelli non mi ispira niente di buono (ho sentito addirittura dire che è laziale e che presterebbe il nome a gente di cui ancora non si sa l'identità). Insomma, sotto sotto mi sa che si nasconde una GRAN SOLA. E io nel dubbio, mi tengo i Sensi tutta la vita. La Roma in mano ai Sensi so in che mani sta. Una Famiglia che ha fatto parte della sua storia, dalla fondazione ad oggi, e che realmente ama la Roma. Avrei visto più di buon occhio Angelini, che so essere un appassionato romanista, ma troppe chiacchiere e pochi fatti. Se i Sensi non vendono, nemmeno di fronte ad un'offerta generosa come quella che pare sia stata fatta, vuol dire che dietro non c'è nessuno che possa fare il bene della Roma. Piena fiducia a Rosella quindi, per quanto mi riguarda, e avanti così. Se si costruirà una Roma da vertice, la sosterrò. Se ci sarà un ridimensionamento e si tornerà a lottare per metà classifica, la sosterrò ancora di più.
     
    Mi associo assolutamente, una cosa che manca a molti pesudotifosi è il rispetto e la riconoscenza...poi magari sono i primi a vendersi come successe con Ciarrapico. Purtroppo quello che manca alla Sensi è l'esperienza e paga il fatto di essere un personaggio pulito che cozza molto con il mondo del calcio (e non solo). Credo che la Roma sarà venduta a fine campionato non so a chi, l importante è che chi viene sia una persona non dico onesta (mi pare pretendere troppo...) ma almeno corretta e che tenga a cuore la squadra e non la prenda solo x farsi uno spot.
    inoltre non vorrei che questa squadra che fino all'anno scorso lottava per il titolo venga ridimensionata, nel senso: questi stessi giocatori non possono essere diventati delle pippe assurde nel gioro di un anno...si pensi a quali sono stati i problemi (vedi infortuni a catena) e non si svendano buoni giocatori (vedi Doni) perchè sono stati costretti a giocare in condizioni precarie causa ricambi non all'altezza (Artur).
    Personalmente l'anno prossimo vorrei che l'allenatore fosse ancora Spalletti e punterei intanto a rincalzi all'altezza (Andreolli Sorrentino e Guberti vanno gia bene) e comprerei un centrale difensivo forte (vendiamo Juan se proprio dobbiamo vendere qualcuno) e un attaccante vero (cerchiamo anche di capire che farci con Menez e Baptista...due buoni rincalzi secondo me niente piu).
    quando ho pensato di iniziare a capire le donne ho capito che non avevo capito un caxxo
    :azz:
  6.     Mi trovi su: Homepage #5117997
    Tutto il mio riconoscimento ai Sensi, ho amato Franco Sensi come presidente, è stato davvero unico, c'ha dato tanto e non finirò mai di ringraziarlo ma se vogliamo tornare davvero competitivi bisogna vendere.. certo vendere a qualcuno che cmq ci tenga e a qualcuno che abbia i soldi... ma ho come l'impressione che i Sensi non venderanno mai o almeno per ora è difficile... perchè sono coperti di debiti e la Roma è l'unica che gli fa entrare qualcosa, vendere il pacchetto di maggioranza non gli basterebbe per coprire il debito e quindi rimarrebbero cmq incuXXti
    "Tutto ciò che ha un inizio, ha una fine" (Matrix revolutions)
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5118013
    ^Mr-Drakula^ ha scritto:
    Per quanto mi riguarda, quelli che contestano Rosella e la Famiglia Sensi non li considero nemmeno romanisti (contestavano anche il padre Franco d'altronde). Vendere per vendere, purchè si venda è il motto di tanti pseudo-tifosi. Forse è la nuova generazione che è venuta su (male), e che sarebbe disposta a tutto pur di vincere, anche ad avere Moggi come direttore sportivo. Io sono lontano anni luce da questa linea, sarà che sono cresciuto con quella che chiamavano "Rometta", che se centrava un piazzamento Uefa era una stagione da incorniciare. Questa gente si meriterebbe un altro Ciarrapico. Personalmente a me questo Fioranelli non mi ispira niente di buono (ho sentito addirittura dire che è laziale e che presterebbe il nome a gente di cui ancora non si sa l'identità). Insomma, sotto sotto mi sa che si nasconde una GRAN SOLA. E io nel dubbio, mi tengo i Sensi tutta la vita. La Roma in mano ai Sensi so in che mani sta. Una Famiglia che ha fatto parte della sua storia, dalla fondazione ad oggi, e che realmente ama la Roma. Avrei visto più di buon occhio Angelini, che so essere un appassionato romanista, ma troppe chiacchiere e pochi fatti. Se i Sensi non vendono, nemmeno di fronte ad un'offerta generosa come quella che pare sia stata fatta, vuol dire che dietro non c'è nessuno che possa fare il bene della Roma. Piena fiducia a Rosella quindi, per quanto mi riguarda, e avanti così. Se si costruirà una Roma da vertice, la sosterrò. Se ci sarà un ridimensionamento e si tornerà a lottare per metà classifica, la sosterrò ancora di più.
     Berlusconi è interista. I risultati parlano da soli. La romanità societaria secondo me non serve a niente, bisogna uscire da questa visione provinciale del calcio e della roma, serve gente che spende e basta secondo me, romanista, laziale o che tifi pure cisco roma
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5118018
    dyd-1974 ha scritto:
    Mi associo assolutamente, una cosa che manca a molti pesudotifosi è il rispetto e la riconoscenza...poi magari sono i primi a vendersi come successe con Ciarrapico. Purtroppo quello che manca alla Sensi è l'esperienza e paga il fatto di essere un personaggio pulito che cozza molto con il mondo del calcio (e non solo). Credo che la Roma sarà venduta a fine campionato non so a chi, l importante è che chi viene sia una persona non dico onesta (mi pare pretendere troppo...) ma almeno corretta e che tenga a cuore la squadra e non la prenda solo x farsi uno spot.
    inoltre non vorrei che questa squadra che fino all'anno scorso lottava per il titolo venga ridimensionata, nel senso: questi stessi giocatori non possono essere diventati delle pippe assurde nel gioro di un anno...si pensi a quali sono stati i problemi (vedi infortuni a catena) e non si svendano buoni giocatori (vedi Doni) perchè sono stati costretti a giocare in condizioni precarie causa ricambi non all'altezza (Artur).
    Personalmente l'anno prossimo vorrei che l'allenatore fosse ancora Spalletti e punterei intanto a rincalzi all'altezza (Andreolli Sorrentino e Guberti vanno gia bene) e comprerei un centrale difensivo forte (vendiamo Juan se proprio dobbiamo vendere qualcuno) e un attaccante vero (cerchiamo anche di capire che farci con Menez e Baptista...due buoni rincalzi secondo me niente piu).
      Quando mangi per tanto tempo il dolce, tornare all'amaro secondo me è dura. è normale che i romanisti vogliano qualcosa di più...non dico vincere, ma almeno lottare.
    Per quanto riguarda i giocatori ti assicuro che un anno vuol dire tantissimo, soprattutto quando hai un allenatore che l'unica cosa che è capace di fare è dire "correte tutti fino a morire". Sui giocatori citati andreolli e sorrentino mi sembrano di squadra mediobassa, a Guberti lascio il beneficio del dubbio, m'è piaciuto sin da subito (ascoli), ma rimane comunque un rincalzo. Centrali difensivi forti non ne esistono più (fattelo dire da uno che oggi piangerà per l'addio di maldini:'( ), l'attaccante mah...secondo me bisogna cambiare impianto di gioco, è ovvio che quando le cose non vanno bene quella tipologia di gioco è un suicidio, ma credo che voi lo sappiate meglio di me.
    ps: baptista secondo me è un buon giocatore, a menez dare un altro anno.
  9.     Mi trovi su: Homepage #5118037
    massituo ha scritto:
    Berlusconi è interista. I risultati parlano da soli. La romanità societaria secondo me non serve a niente, bisogna uscire da questa visione provinciale del calcio e della roma, serve gente che spende e basta secondo me, romanista, laziale o che tifi pure cisco roma
    Il problema è che, chiacchiere a parte, NON C'E' NESSUNO (e non c'è mai stato nessuno) in grado di acquistare la Roma e portarla ai livelli che TUTTI vorremmo. Vendere la Roma al primo che capita non è la strada da percorrere, secondo me. C'è gente che è convinta che la vendita della Roma significhi Messi, Drogba e Cristiano Ronaldo. Mentre le possibilità di finire nelle mani di un Tacopina di turno sono molto ma molto più alte, visto il periodo in cui ci troviamo. Soros, o quaslsiasi altro "magnate", se veramente volevano la Roma, la prendevano nel giro di un paio d'ore. Non c'è nessuno, solo i Sensi. Chi contesta i Sensi e vuole la cessione della Roma perchè lottare per il 5° posto non gli sta bene, andasse a tifare Juve o Inter.
    Quanto alla squadra, necessita prima di tutto di chiarezza nei rapporti con l'allenatore.
    Perchè è chiaro che non c'è più sintonia da tempo (un pò com'è successo alla Juve con Ranieri).
    Se Spalletti resta alla Roma devono essere appianati tutti i suoi problemi (e del suo staff) nei confronti dei giocatori, e prenderne altri che siano funzionali alle sue idee di come mettere in campo la squadra. Non bisogna commettere errori grossolani come quello fatto l'anno scorso, vendendo tutti gli esterni. Baptista può essere benissimo la punta che ci serve. Ma è chiaro che se è costretto a giocare esterno sinistro, le qualità da punta difficilmente le farà vedere. Quanto a Menez, lo rispedisco volentieri in Francia. E' mezzo fracico e a parte un paio di spunti non ha mai fatto vedere granchè. Se dobbiamo puntare sui giovani in quel ruolo, piuttosto lancio il nostro D'Alessandro, che in pochi minuti ha fatto vedere più voglia e numeri di quelli che ha fatto vedere Menez in tutta la stagione.
    ^Mr-Drakula^

    Inquietante Allenatore del temibile Vampiria F.C., il cui Capitano non può che essere il numero 90 (la paura) Canini.

  Fioranelli: «Abbiamo i fondi necessari per l'acquisto della Roma»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina