1.     Mi trovi su: Homepage #5120425
    Curiosa la scelta di usare Mila e Shiro come esempio degli Spokon, considerando che, secondo me, ci sono ben più degni rappresentanti del genere anche conosciuti in italia come lo stesso Holly e Benji o il citato  Tommy la stella dei Giants.
    Inoltre avrei separato i due grandi filoni temporali.. i cartoni anni 60-70... Tommy appunto, i Superboys, l'uomo tigre, Rocky Joe... dove lo sport era impegno, sofferenza e spesso poca gioia e molto dolore (Tommy pur campione pare sempre sull'orlo del licenziamento se non ha un supertiro, la fine di Rocky Joe, i Superboys con gli incidenti e gli allenamenti al limite della tortura).
    E dall'altra parte la nuova generazione anni 80 molto più solare e dove cìè sempre la sofferenza degli allenamenti e l'impegno sportivo, ma almeno i personaggi paiono decisamente più felici delle loro vite e ottengono anche dei riscontri positivi dalle loro carriere.
    Cheers
    Edit: Sarebbe interessante analizzare a parte il fenomeno di Adachi che rappresenta una variante tutta particolare dei manga a sfondo sportivo vista la centralità dell'esperienza scolastica e dei rapporti personali nella narrazione.
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  2.     Mi trovi su: Homepage #5120764
    Andhaka ha scritto:
    Curiosa la scelta di usare Mila e Shiro come esempio degli Spokon, considerando che, secondo me, ci sono ben più degni rappresentanti del genere anche conosciuti in italia come lo stesso Holly e Benji o il citato  Tommy la stella dei Giants.
    Inoltre avrei separato i due grandi filoni temporali.. i cartoni anni 60-70... Tommy appunto, i Superboys, l'uomo tigre, Rocky Joe... dove lo sport era impegno, sofferenza e spesso poca gioia e molto dolore (Tommy pur campione pare sempre sull'orlo del licenziamento se non ha un supertiro, la fine di Rocky Joe, i Superboys con gli incidenti e gli allenamenti al limite della tortura).
    E dall'altra parte la nuova generazione anni 80 molto più solare e dove cìè sempre la sofferenza degli allenamenti e l'impegno sportivo, ma almeno i personaggi paiono decisamente più felici delle loro vite e ottengono anche dei riscontri positivi dalle loro carriere.
    Cheers
    Edit: Sarebbe interessante analizzare a parte il fenomeno di Adachi che rappresenta una variante tutta particolare dei manga a sfondo sportivo vista la centralità dell'esperienza scolastica e dei rapporti personali nella narrazione.
      perché mila e shiro si arruffiana anche le ragazzine forse...
    beh se avessimo anche lettrici lo capirei di più ;P

    comunque concordo per la perplessità su portare questa serie come esempio non proprio brillante di un genere comunque folto...
    WHO WATCH THE WATCHDOG?
    LE METALLERIE... ma non solo!
  3.     Mi trovi su: Homepage #5120791
    zidane-tribal ha scritto:
    perché mila e shiro si arruffiana anche le ragazzine forse...
    beh se avessimo anche lettrici lo capirei di più ;P
    comunque concordo per la perplessità su portare questa serie come esempio non proprio brillante di un genere comunque folto...
       Beh.. visto il numero di belle ragazze e il fatto che nel primo passaggio in tv rimasero persino parecchie scene di doccia.. direi che Mila e Shiro quasi quasi interessava più ai maschietti. ;):sbav:
    Ma decisamente si poteva puntare su Capitan Tsubasa senza problemi per gli sportivi moderni... e su Tommy la stella dei Giants per quelli "classici".
    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  4.     Mi trovi su: Homepage #5121095
    Andhaka ha scritto:
    Beh.. visto il numero di belle ragazze e il fatto che nel primo passaggio in tv rimasero persino parecchie scene di doccia.. direi che Mila e Shiro quasi quasi interessava più ai maschietti. ;):sbav:
    Ma decisamente si poteva puntare su Capitan Tsubasa senza problemi per gli sportivi moderni... e su Tommy la stella dei Giants per quelli "classici".
    Cheers
     ma ce ne sarebbero a decine, e sul baseball ha anche un certo peso "pat ragazza del baseball", che nonostante l'illusorio titolo italiano non parlava solo di Pat ma era un'antologia di racconti, di personaggi che raccontavano in modo diverso la loro vita e il baseball (il titolo originale era "la canzone di un patito del baseball"), e la qualità narrativa è indiscutibilmente superiore a Attacker You ... ne è la riprova la longevità, le animazioni e le musiche... il fatto che abbia avuto al timone poche persone, una sola direzione, quasi anonima, rispetto al "numeroso" gruppo di Attacker You. Però se guardiamo i curriculum...si, hanno fatto tante cose dopo... pokemon... captain tsubasa... anche un episodio di daitarn 3... ma anche Borgman! Chi era su Pat ha fatto meno roba ma è andato su prodotti come notte sulla ferrovia galattica, Huck & Jim, Iczer One, Dangaioh...
    WHO WATCH THE WATCHDOG?
    LE METALLERIE... ma non solo!

  [Speciale Mukashi mukashi] Mila & Shiro, due cuori nella pallavolo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina