1. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5170089
    Washington (e se non ho scritto "Obama" ci sarà un motivo) si gingilla con la margheritina: "m'armo, non m'armo, m'armo, non m'armo..." poi non arrivando a nulla passa a Shakespeare: "Armarsi o non armarsi, questo è il problema".


    Sul Wall Street Journal è stato pubblicato un articolo che guarda con timore all'obsolescenza di almeno una parte dell'arsenale nuclare statunitense. Commissioni ed esponenti di un po' ogni parte politica hanno e avevano già segnalato il problema. Tocca far manutenzione dove regna l'abbandono e migliorare le tecnologie utilizzate.

    Del resto Lex Luthor in Superman Returns diceva più o meno che "Roma ha dominato il mondo facendo strade, l'Inghilterra facendo navi, gli USA facendo l'atomica". Quindi il tema non dovrebbe essere secondario, anzi.

    Qui, l'articolo completo tradotto.


    Inutile dire da parte mia che un disarmo nucleare americano o anche solo proseguire nella trascuratezza dell'arsenale in dotazione, sarebbe un atto di pura follia. Disarmarsi non è mai una soluzione per ottenere maggiore sicurezza, tanto più visto che, come esplica l'articolo, sarebbe un disarmo unilaterale, che quindi non servirebbe a un emerito tubo. Verificare che altri paesi "canaglia" si disarmino è di fatto impossibile e quindi la soluzione è cercare di mantenere e investire il più possibile sul vantaggio tecnologico attuale.


    Ora capisco come mai Duke Nuke'em ritarda così tanto...
  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #5170105
    La spesa militare globale è cresciuta del 4% nel 2008 ed ha raggiunto la cifra record di $1464 miliardi, il 50% in più rispetto al 1999, in base ad uno studio dell’Istituto di Investigazione per la Pace Internazionale di Stoccolma (SIPRI) divulgato nella capitale svedese.
    “La crisi finanziaria globale ancora non ha avuto ripercussioni negli introiti e benefici delle grandi imprese delle armi”, segnala il SIPRI.
    Questa cifra equivale al 2,4 % del Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale e a 217 dollari per ogni abitante del pianeta, secondo l’organismo svedese.
    Il più grande incremento spetta agli Stati Uniti (58%), le rispettive assegnazioni di Washington sono aumentate di 219000 milioni di dollari dal 1999. Si sono quasi triplicate le spese militari in Cina e in Russia, fino a $ 42000 milioni e $ 24.000 milioni rispettivamente.
    Un notevole incremento delle spese militari è stato registrato in India, Arabia Saudita, Iran, Israele, Brasile, Corea del Sud, Algeria e Gran Bretagna, secondo il SIPRI.
    Le guerre di Obama
    Di questa cifra, l’attuale preventivo della Difesa degli Usa supera il 50% del totale della spesa in armi nel mondo.
    Finalmente il “sogno americano” di Obama si materializza in numeri: il preventivo destinato all’area della Difesa (il Pentagono) che include le guerre militari e le politiche occupazionali si aggira sui 730000 milioni di dollari per l’esercizio fiscale 2009.
    Allo stesso tempo, le occupazioni militari degli Usa in Iraq e in Afghanistan “hanno generato una spesa supplementare di 903000 milioni di dollari solo per gli Stati Uniti” nel periodo 1999-2008, ha aggiunto Sam Perlo- Freeman, direttore del progetto del SIPRI sulla spesa militare.
    La prima potenza imperiale è, senza sorpresa, il paese con le più grandi spesa in armi nel mondo, per il SIPRI.
    Per il SIPRI le spese degli Stati Uniti già rappresentano quasi un 42% di tutto il totale, più che gli altri 14 paesi riuniti, nel lascito della politica dell’ex presidente George W.Bush,.
    Dal 1999, le spese della difesa statunitense è aumentata di un 67% (a valuta costante), per situarsi in 607000 milioni di dollari l’anno scorso e arrivare a 730000 milioni nella finanziaria fiscale del 2009.
    Le spese militari globali hanno raggiunto, nel 2007, 1200 miliardi di dollari essendo aumentati i costi della “guerra al terrorismo” e delle operazioni dell’occupazione statunitense in Iraq e in Afghanistan.
    “L’idea della 'guerra contro il terrorismo' ha stimolato molti paesi a vedere i propri problemi attraverso una lente altamente militarizzata, usando questo argomento per giustificare le loro alte spese militari”, spiega Sam Perlo-Freeman, investigatore dell’istituto svedese.
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6021

    http://www.unimondo.org/content/view/full/30335

    di mio aggiungo che dal 2001, la spesa militare mondiale aumenta ogni anno. avevo un grafico da qualche parte, se lo trovo ve lo do.
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  3. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #5170110
    Atlas ha scritto:

    Inutile dire da parte mia che un disarmo nucleare americano o anche solo proseguire nella trascuratezza dell'arsenale in dotazione, sarebbe un atto di pura follia. Disarmarsi non è mai una soluzione per ottenere maggiore sicurezza, tanto più visto che, come esplica l'articolo, sarebbe un disarmo unilaterale, che quindi non servirebbe a un emerito tubo. Verificare che altri paesi "canaglia" si disarmino è di fatto impossibile e quindi la soluzione è cercare di mantenere e investire il più possibile sul vantaggio tecnologico attuale.

    Ora capisco come mai Duke Nuke'em ritarda così tanto...
     la domanda e': quanto a lungo gli stati uniti potranno permettersi il mantenimento delle basi sparse per il globo e in generale la loro macchina da guerra? ovviamente un disarmo e' impensabile, oltre che improponibile, ma una drastica riduzione del budget non sarebbe sgradita. fra qualche tempo sara' obbligata. purtroppo nella societa' in cui viviamo i soldi veri finiscono nell'industria degli armamenti, nel "salvataggio" di banche e istituti finanziari, e nelle grandi industrie dell'auto. il resto, le briciole, al popolo.
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  4. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5170135
    Cloud Strife ha scritto:
    La spesa militare globale è cresciuta del 4% nel 2008 ed ha raggiunto la cifra record di $1464 miliardi, il 50% in più rispetto al 1999, in base ad uno studio dell’Istituto di Investigazione per la Pace Internazionale di Stoccolma (SIPRI) divulgato nella capitale svedese.
    “La crisi finanziaria globale ancora non ha avuto ripercussioni negli introiti e benefici delle grandi imprese delle armi”, segnala il SIPRI.
    Questa cifra equivale al 2,4 % del Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale e a 217 dollari per ogni abitante del pianeta, secondo l’organismo svedese.
    Il più grande incremento spetta agli Stati Uniti (58%), le rispettive assegnazioni di Washington sono aumentate di 219000 milioni di dollari dal 1999. Si sono quasi triplicate le spese militari in Cina e in Russia, fino a $ 42000 milioni e $ 24.000 milioni rispettivamente.
    Un notevole incremento delle spese militari è stato registrato in India, Arabia Saudita, Iran, Israele, Brasile, Corea del Sud, Algeria e Gran Bretagna, secondo il SIPRI.
    Le guerre di Obama
    Di questa cifra, l’attuale preventivo della Difesa degli Usa supera il 50% del totale della spesa in armi nel mondo.
    Finalmente il “sogno americano” di Obama si materializza in numeri: il preventivo destinato all’area della Difesa (il Pentagono) che include le guerre militari e le politiche occupazionali si aggira sui 730000 milioni di dollari per l’esercizio fiscale 2009.
    Allo stesso tempo, le occupazioni militari degli Usa in Iraq e in Afghanistan “hanno generato una spesa supplementare di 903000 milioni di dollari solo per gli Stati Uniti” nel periodo 1999-2008, ha aggiunto Sam Perlo- Freeman, direttore del progetto del SIPRI sulla spesa militare.
    La prima potenza imperiale è, senza sorpresa, il paese con le più grandi spesa in armi nel mondo, per il SIPRI.
    Per il SIPRI le spese degli Stati Uniti già rappresentano quasi un 42% di tutto il totale, più che gli altri 14 paesi riuniti, nel lascito della politica dell’ex presidente George W.Bush,.
    Dal 1999, le spese della difesa statunitense è aumentata di un 67% (a valuta costante), per situarsi in 607000 milioni di dollari l’anno scorso e arrivare a 730000 milioni nella finanziaria fiscale del 2009.
    Le spese militari globali hanno raggiunto, nel 2007, 1200 miliardi di dollari essendo aumentati i costi della “guerra al terrorismo” e delle operazioni dell’occupazione statunitense in Iraq e in Afghanistan.
    “L’idea della 'guerra contro il terrorismo' ha stimolato molti paesi a vedere i propri problemi attraverso una lente altamente militarizzata, usando questo argomento per giustificare le loro alte spese militari”, spiega Sam Perlo-Freeman, investigatore dell’istituto svedese.
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6021
    http://www.unimondo.org/content/view/full/30335
    di mio aggiungo che dal 2001, la spesa militare mondiale aumenta ogni anno. avevo un grafico da qualche parte, se lo trovo ve lo do.
     
    123 miliardi di dollari solo nel 2009? Se è vero, spero siano investiti bene.


    L'Istituto internazionale di Studi strategici di Londra dice che le spese militari cinesi sono 1,7 volte maggiori dei dati ufficiali. Cosa plausibile vista l'attendibilità del termine "ufficiale" in Cina.
  5. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5170138
    Io preferisco un mondo con l'atomica: molti amici dell'Occidente lo sono solamente perchè "abbiamo" l'atomica, appena ce ne liberassimo comincerebbero a fare gli spacconi ed a minacciarci.
    Appena gli USA smantellassero il loro arsenale, qualche stlonzo si metterebbe a cercare ancora più insistentemente bombe atomiche nel vecchio arsenale delle ex repubbliche sovietiche come è stato già tentato a più riprese.
    Basta pensare alla Somalia o allo Yemen, dove ci sono infiltrazioni terroristiche da tutto il mondo: non vedono l'ora di guardare l'Occidente abbassare la cresta per alzare la loro.
    L'Iran è un discorso diverso: io sono a favore di un Iran con l'atomica che bilanci lo strapotere di Israele e che contrasti il potere dei fondamentalisti Sauditi.
    Sono altresì a favore di un ritiro delle potenze occidentali da tutte le basi sparse per il globo, causa principale di astio nei nostri confronti.
  6. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5170153
    Cloud Strife ha scritto:
    la domanda e': quanto a lungo gli stati uniti potranno permettersi il mantenimento delle basi sparse per il globo e in generale la loro macchina da guerra?

    Infatti sarebbe ora che l'Europa di desse una svegliata in tal senso. Solo uno sprovveduto non si rende conto di quanto sia importante un arsenale militare che si rispetti. Non è un caso se il paese che ha dominato il mondo nelle ultime decadi era ANCHE il paese più ricco e ANCHE il paese col più imponente esercito al mondo.


    Poi se uno in nome di finti valori si accontenta di essere una mezza calzetta, fatti suoi, ma tutta questa fatica per andare verso una Grande Europa mi sembra un po' buttata via se poi sono più gli eurofighter che vendiamo all'estero che quelli che compriamo noi....


    La Cina ha dimostrato di avere la tecnologia per distruggere i satelliti in orbita, abbattendone uno suo vecchio. (provocando anche detriti pericolosi e potenzialmente fastidiosi per le trasmissioni satellitari)


    La cosa positiva è che tutto questo potrebbe portare a un nuovo boom spaziale. Sono troppi decenni che su quel versante si fa poco o nulla. Il VERO futuro è nello spazio, e una Cina cattiva e comunista potrebbe rilanciare gli investimenti globali.
    Anche qui, sperando che l'Europa riesca a ritagliarsi un SUO ruolo serio, concreto e indipendente.
  7. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5170157
    arcturus85 ha scritto:
    Io preferisco un mondo con l'atomica: molti amici dell'Occidente lo sono solamente perchè "abbiamo" l'atomica, appena ce ne liberassimo comincerebbero a fare gli spacconi ed a minacciarci.  
     
    Appunto. E' una cosa che imho i fanboy del disarmo dovrebbero prendere in considerazione proprio per i LORO stessi interessi.
  8. Non è una capra, cretino, è il mio segno zodiacale  
        Mi trovi su: Homepage #5170280
    una cosa è il disarmo, una cosa le spese inutili. L'urss è finita nel cesso (anche) per le eccessive spese militari, gli usa nn sono troppo diversi, vogliamo finire cosi anche noi? Se ce ne fosse davvero bisogno è una cosa, ma al momento non vedo motivo di aumentare le spese militari, anzi. Che nemici, militarmente parlando, ha l'europa? Gli usa no, la russia non è all'altezza, in africa stanno morendo di fame e gia dal medioriente sono troppo lontani, figuriamoci la cina. Ciò che ci serve è allontanarci dalla nato, prima di finire in qualche grosso pasticcio indesiderato come poteva essere in georgia
    Il lavoro di cui sono più orgoglioso, anche se ormai datato:
    http://www.gameplayer.it/speciale/speciale_pc_gaming_al_risparmio
  9.     Mi trovi su: Homepage #5170323
    Origami ha scritto:
    una cosa è il disarmo, una cosa le spese inutili. L'urss è finita nel cesso (anche) per le eccessive spese militari, gli usa nn sono troppo diversi, vogliamo finire cosi anche noi? Se ce ne fosse davvero bisogno è una cosa, ma al momento non vedo motivo di aumentare le spese militari, anzi. Che nemici, militarmente parlando, ha l'europa? Gli usa no, la russia non è all'altezza, in africa stanno morendo di fame e gia dal medioriente sono troppo lontani, figuriamoci la cina. Ciò che ci serve è allontanarci dalla nato, prima di finire in qualche grosso pasticcio indesiderato come poteva essere in georgia
     
    Basta non accettare nella Nato stati inutili come Ucraina e Georgia che è palese che entrino esclusivamente per difendersi da nemici più grossi e che sono disposti ad attaccarli.
  10. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5170748
    La NATO va abolita, concordo: la SCO e quell'altra organizzazione sono nate proprio per contrastare la NATO e fare salire inutilmente la tensione.
    Io vieterei anche l'addestramento in comune tra Stati: il Mossad ha rotto (era in Georgia), la Cina e gli USA pure.
    Senza dimenticare Hezbollah in Venezuela, gli squadroni della morte in America (continente), Hamas in Siria e Iran.
  11. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #5170755
    arcturus85 ha scritto:
    La NATO va abolita, concordo: la SCO e quell'altra organizzazione sono nate proprio per contrastare la NATO e fare salire inutilmente la tensione.
    Io vieterei anche l'addestramento in comune tra Stati: il Mossad ha rotto (era in Georgia), la Cina e gli USA pure.
    Senza dimenticare Hezbollah in Venezuela, gli squadroni della morte in America (continente), Hamas in Siria e Iran.
     ma, nella teoria, non dovrebbe essere gia' illegale?
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  12.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5170812
    Atlas ha scritto:
    Sul Wall Street Journal è stato pubblicato un articolo che guarda con timore all'obsolescenza di almeno una parte dell'arsenale nuclare statunitense. Commissioni ed esponenti di un po' ogni parte politica hanno e avevano già segnalato il problema. Tocca far manutenzione dove regna l'abbandono e migliorare le tecnologie utilizzate.
      
    E tu ti preoccupi per quello USA? Pensa quello dell' ex URSS.
    Una volta ho visto un documentario in tarda notte, robe da brivido. Sottomarini nucleari attraccati ai porti da decenni, mezzi affondati, ridotti ad un mozzicone di ruggine. Sotterranei senza luce, allagati, dove uomini ridotti a zombie fanno ancora la manutenzione minima.
    'ste cose dovrebbero mandarle la sera al posto del mercante in fiera, magari a qualche vecchietta gli prende il coccolone. :asd:
    "No gods or kings. Only Man"

    www.retro-gaming.it
  13. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #5170908
    Atlas ha scritto:
    Infatti sarebbe ora che l'Europa di desse una svegliata in tal senso. Solo uno sprovveduto non si rende conto di quanto sia importante un arsenale militare che si rispetti. Non è un caso se il paese che ha dominato il mondo nelle ultime decadi era ANCHE il paese più ricco e ANCHE il paese col più imponente esercito al mondo.

     che  intendi per "darsi una svegliata"?  "dominio" ? l'arsenale "che si rispetti" ce l'abbiamo, certo non esiste un esercito europeo, ma se un giorno dovesse essere istituito non farei tanta festa...
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  14. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5171139
    Origami ha scritto:
    una cosa è il disarmo, una cosa le spese inutili. L'urss è finita nel cesso (anche) per le eccessive spese militari, gli usa nn sono troppo diversi, vogliamo finire cosi anche noi? 
      
    non c'è rischio. :(

    Se ce ne fosse davvero bisogno è una cosa,
     
    Quando ci sarà bisogno dovrai GIA' averlo un adeguato apparato militare, non è che sforni sottomarini nucleari, portaerei, satelliti, scudi missilistici, aerei e via dicendo in dieci secondi con un copia/incolla. Se c'è anche un vago rischio di conflitti fra 10, 20 o 30 anni, tocca iniziare IERI a tirar su un esercito con i controattributi. Non c'è superpotenza senza un grosso esercito. Un Europa-superpotenza non mi farebbe schifo, soprattutto visto che a livello economico ci stiamo già. ;)

  Armarsi o disarmarsi? [Duke! Nuke'em all!]

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina