1.     Mi trovi su: Homepage #5170495
    Uefa: prime mosse anti-Real
    Esecutivo: sì a salary cap e budget

    Stop alle spese folli per un calcio "più giusto e trasparente". Dopo le bordate verbali di Michel Platini contro le maxi-operazioni di mercato del Real Madrid, ecco i fatti sottoforma di presa di posizione ufficiale dell'Uefa, che annuncia "nuove regole" per limitare le spese incontrollate. Primo punto del progetto: il fatturato come indicatore per definire, per ogni club, un salary-cap e un limite di spesa sul mercato.

    http://www.sportmediaset.it/calcio/articoli/articolo24786.shtml
    Vincitore della coppa Uefa Superleague Apertura 2010/11 e Supercoppa Superleague Apertura 2010/11
    Vincitore della coppa Superlega Clausura 2013/14

    Raccolta delle Zandetta di SuperLega
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5170763
    Galliani e... L'evoluzione: dopo Benzema, è guerra totale al Real Madrid


    Nell'affaire Benzema-Real Madrid c'è l'ombra anche di Adriano Galliani: non per uno scenario di fantamercato che avrebbe potuto portare Karim alla corte di Leonardo, ma nelle righe del comunicato del sito ufficiale del Lione che annunciava la cessione. I 35 milioni di Florentino Perez, che diventeranno in breve tempo 41 grazie a diversi premi nell'accordo, non hanno lenito la rabbia e l'orgoglio del club di Jean-Michel Aulas, il presidente dei grandi successi per tutti i tifosi della Gerland: "Il club desidera augurare i migliori successi a Karim con il Real Madrid" si legge. Nulla di strano, anzi, ma passiamo avanti: "(club) che per portare a termine il suo ambizioso progetto sportivo beneficia di disposizioni legislative (in materia di sponsor, giochi d'azzardo e scommesse sportive con Bwin), ma anche fiscali e immobiliari, incomparabili con la situazione attualmente in vigore in Francia per lo sport professionistico". Colpito ed affondato. Parole al vetriolo, che servono non solo a motivare la cessione a tifosi e stampa locale di uno dei beniamini nazionali, ma anche a lanciare l'allarme ai vertici del Calcio: ci aveva già pensato Adriano Galliani, non innocente, intendiamoci, nel buco di bilancio che ha colpito il Milan nell'ultima stagione, ma preso sostanzialmente "alla canna del gas" da Florentino per coprirlo con la cessione di Kakà. Il fatto che il Lione, club che storicamente ha ceduto i suoi campioni (da Essien a Diarra) senza fare una piega, decida di scendere in campo così coraggiosamente non è una coincidenza: JM Aulas, uno degli uomini più ricchi di Francia, è stato per anni il presidente ed uomo di spicco, esattamente di come Galliani, di quel G14 che ha sempre cercato di dare un codice etico e morale ai rapporti, e di conseguenza al mercato, dei più grandi club europei. Amici di Perez dunque, ma non del Real, per un clamoroso paradosso che sta sconvolgendo gli equilibri del calcio mondiale e che potrebbe a breve ucciderlo: scenario catastrofico? Non proprio se il Manchester United, la seconda squadra in classifica per fatturato nel 2009 e dunque forse l'unica che sulla carta potrebbe competere con la capolista Real, si fa sfilare per 94 milioni il suo gioiello, esattamente come il "povero" Milan: nel frattempo sul mercato, anche per Sir Alex Ferguson, non si è visto più che l'equadoregno del Wigan, Antonio Valencia, con l'aggravante che la stagione dei Red Devils inizierà sostanzialmente un mese prima di quella italiana. Il Barcellona campione d'Europa, ride? Sì, grazie al lavoro certosino effettuato sulla Cantera negli scorsi anni, ma non sottovalutiamo, anche in questo caso, i suddetti benefici del Real Madrid (per la verità al netto delle agevolazioni "reali" di cui godono i Blancos dalla monarchia). Chelsea (seru acquisti per "Sir Lotty" Ancelotti) non ride, il Liverpool spende una follia per Johnson ma rischia di perdere in giornata Xabi Alonso (indovinate dove andrà?): il Bayern fa festa con Tymoschuk e Gomez grazie al sistema sostenibile che la Bundesliga sta impiantando a poco a poco (con le nazionali tedesche under 17, 19 e 21, tutte campioni d'Europa di categoria), ma la competitività internazionale è lontana anni luce ugualmente. Di squadre come il Marsiglia, il Benfica ed il Porto, l'Ajax ed il PSV, vecchie conoscenze di una Coppa Campioni che oggi non c'è più, neanche parliamo: forse qualcosa si smuove ad est con i petrorubli di Shaktar e CSKA, ma anche da quelle parti sembrano essere tornate cose ben più importanti a cui pensare. Il punto su cui la Uefa, ed in particolare Platini, è invitata a riflettere è: a quanti interessa davvero uno sport in cui una sola società fa incetta di stelle e gli altri si devono accontentare delle briciole? E soprattutto, se scemerà l'interesse della gente, automaticamente caleranno anche gli introiti di sponsor e tv, e di riflesso i fatturati delle squadre, per finire in un buco nero che potrebbe inghiottire tutti. Tutti, tranne il Real Madrid, e forse il Barcellona, come detto. Tutti, tifosi rossoneri, ma anche nerazzurri ("lo Sceicco bianco" Moratti, come è stato definito da Fedele Confalonieri a Milan Channel, si è accorto già con Maicon di far parte della combriccola dei poveri) e tanto più bianconeri: pensare che al di là dell'Oceano, si lavora con accorgimenti geniali come il Salary Cap, il draft e le luxury tax. Ma forse in Europa, ed in particolare in Italia, da cambiare sarebbero prima i tifosi del calcio: un Kakà o un Cristiano Ronaldo in meno lasciano fiumi di lacrime che a Cleveland, Ohio, nemmeno immaginano per la partenza già strombazzata da mesi in direzione New York (un posto a caso...) del prodotto di casa loro, diventato un Dio, Lebron James, il secondo cestista (dopo Kobe Bryant, Los Angeles Lakers) più famoso del mondo. Un James in meno in roster val bene la competitività, l'equlibrio sul parquet ma soprattutto degli introiti degli sponsor, di tutta la Lega: il ragionamento fila dritto nelle menti dei supporters dei Cavaliers. Adriano Galliani, ancora lui, ha parlato dal Workshop di Villasimius di tifosi "evoluti": qualcuno si è offeso. Ma in fondo cos'è l'evoluzione di una specie, se non la presa di coscienza di dover necessariamente cambiare per sopravvivere?
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5170768
    scudettoweb ha scritto:
    Mah, sarà ma non vedo la necessità di fare una regola contro movimenti che si vedono una volta ogni 5 anni da parte di una sola squadra. A livello di mercato ci sono problemi decisamente più grossi.


    leggi l'articolo che ho appena postato. C'è una parte interessante sul G14 e sulle sue finalità.
    Livelli di mercato calcistico o parli della crisi internazionale? Comunque il concetto è che mi pare oggettivamente impossibile spendere quelle cifre in questa situazione, non mi dicano che sono le banche a dare tutti questi soldi perchè non ci credo (il sistema bancario mi pare già abbastanza a terra, senza buttare soldi nel calcio). Oltre a questo ci sta che ciclicamente qualcuno spenda più di altri, ma quando c'è una disparità così elevata c'è qualcosa che non va. Qua non si parla di Babbo Moratti o Berlusconi o simili che prendono una squadra e ci spendono soldi, qua parliamo di uno che è presidente per 4 anni di una squadra e tira fuori 216 milioni di euro con una tranquillità pari a quando io pago 2 euro un gelato. Tu spenderesti tutti questi soldi per una cosa che non è tua?
    E ripeto, non siamo in un periodo di vacche grasse...

  Uefa: prime mosse anti-Real

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina