1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5172780
    Alzi la mano chi sa chi e' Josh Schwartz.Se avete pensato a un cugino dell'attuale governatore della California,che ha cambiato nome per motivi di spazio,avete sbagliato.Josh Schartwz e' il creatore di quella perla,perla,perla,talmente perla che si puo' anche definire....perla (spero sia chiara l'ironia) Di Oc,ovvero la risposta della televisione su come NON DEVONO ESSERE i giovani.Nelle poche puntate che ho visto non mi era mai capitato di vedere tanti stereotipi,tanto piattume e frasi fatte,tanti personaggi tagliati con l'accetta e situazioni francamente inverosimili.Serie,non capiro' mai il perche',che ha resistito per ben 3 stagioni e poi e' stata,opportunatamente cancellata.Ma il buon Josh evidentemente deve avere qualche santo in Paradiso perche',perseverante,ha deciso di cambiare sponda dell'oceano,passare da Los Angeles a New York e ritentare la carta del teen-drama con un telefilm,sicuramente meno osceno del suo precedente lavoro,abbastanza insulso e piatto.
    Signore e signori.......GOSSIP GIRL

    La trama e' semplice......non c'e'.Piu' semplice di cosi' si muore.In sostanza si seguono,raccontate dalla voce fuori campo di un/una blogger che tiene tutti aggiornati su cosa accade e di cui non conosciamo le fattezze, le vicende di un gruppo di ragazzi e ragazze che frequentano tutti una prestigiosa scuola privata in un lussuoso quartiere di Manhattan.Ed e' qui che parte la sagra dello stereotipo,del luogo comune,del personaggio gia' visto dozzine di volte.Si va dalla protagonista,bella per carita',ex bad girl redenta che si mette col giovane povero,ma arguto,al bello e tormentato con problemi di famiglia,alla ragazzina in stile "queen bee and wannabe".Unici due lampi di luce in questo "dinasty formato teenager" sono i personaggi di Chuck Bass e di Blair Waldorf,capaci di movimentare una storia che,senza di loro,potrebbe chiudersi nel giro di 20 minuti.Il primo,classico bello e dannato con carenze affettive che riempie andando a letto con tutte le donne possibili,ma che in fondo non e' cattivo,e' il classico anti eroe,sembra uscito da un romanzo di Chandler,la seconda,la principessa degli intrighi,"the queen of bitches",e' tanto machiavellica nella sua costruzione degli intrighi,tanto affascinante quando,puntualmente (perche' in fondo in GG se ci sono dei cattivi non sono nella cerchia dei protagonsiti),si pente e cerca di porre rimedio.
    Analizzati,si fa per dire,i protagonisti,sulla serie non credo ci sia molto da dire.Le storie sono perlopiu' sempre le stesse,la serie si fa apprezzare,per chi apprezza certe cose,per una buona colonna sonora,un discreto apporto recitativo (da parte di alcuni membri del cast,non tutti) e delle vicende piu' o meno autoconclusive che cmq non obbligano lo spettatore che malauguratamente fosse arrivato a fine episodio a vedere per forza l'episodio successivo.
    Per spirito d'avventura vi devo dire che mi sono spinto fin quasi alla fine della seconda stagione,tra amorazzi,tradimenti,tradimenti,amorazzi,corna,intrighi......e poi non ce l'ho fatta piu'.
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5172809
    Mi sembra una critica inconsistente. Stai cercando di paragonare OC e Gossip Girl senza riuscirci, è come paragonare la zuppa con la cicoria. Nel secondo lo stereotipo è voluto, anche se - in realtà - mi chiedo quanto i protagonisti lo siano visto che, mi sembra, rappresentino perfettemente quella parte di società aristocratica e ricca che si diletta tra scuole private e festini serali. Guarda, mi permetto di fare il paragone tra Silvio Berlusconi e le Veline di Villa Certosa e il padre di Chuck Bass e, se hai visto la seconda stagione verso la fine, sai perfettamente a cosa mi riferisco. O ancora tra, chessò, una Lory Del Santo e Lily Van Der Woodsen. Siamo certi che stiamo parlando di stereotipo?
    E' vero, nella storia tra Dan e Serena si poteva fare qualcosa di più, un po' sempliciotta e prevedibile ma, in fondo, la serie non si propone di innovare da questo punto di vista.
    Io la trovo una perfetta critica alla società "ricca", che ne fa emergere tutti i pregi (pochi) e i difetti (tanti), nonchè alla società in generale - ormai in balìa del gossip di bassa lega.
    Caso vuole, tra l'altro, che oggi sono uscito con lo scopo di acquistare il cofanetto della prima stagione. Peccato non l'abbia trovato al MediaWorld.

    [Modificato da PasdaMorom il 04/07/2009 21:01]

  3. cuccio-lo-topic :*  
        Mi trovi su: Homepage #5172919
    mah a me in fondo è piaciuto abbastanza gossip girl, inizialmente mi sembrava una trahsata però dai io l'ho trovato carino.. e chuck bass mi piace un casino :DD
    ah per la cronaca a me è piaciuto anche O.C., o almeno le prime 2 serie, la 3a era un po' piu noiosa forse mentee la 4a mi ha fatto prorpio schifo
    poi voglio dire sono gusti, mica possono piacere a tutti gli stessi tipi di telefilm..
    /!\ La perfida Regina delle Niubbe di Nextgame /!\
    RedHead!
    I listen to bands that don't even exist yet.
    Flickr!
  4.     Mi trovi su: Homepage #5172953
    alexspooky ha scritto:
    Alzi la mano chi sa chi e' Josh Schwartz
      Il creatore di Chuck, questo mi basta. :nworthy:
    Portal 2 è IL GIOCO di questa gen!
    Nick PSN: The Dreamer next, Nick Live: the dreamer x
    Se proprio l'umanità dovrà avere una fine spero non l'abbiano scritta Lindelof e Cuse... (cit.)
  5. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5172954
    PasdaMorom ha scritto:
    Mi sembra una critica inconsistente. Stai cercando di paragonare OC e Gossip Girl senza riuscirci, è come paragonare la zuppa con la cicoria. Nel secondo lo stereotipo è voluto, anche se - in realtà - mi chiedo quanto i protagonisti lo siano visto che, mi sembra, rappresentino perfettemente quella parte di società aristocratica e ricca che si diletta tra scuole private e festini serali. Guarda, mi permetto di fare il paragone tra Silvio Berlusconi e le Veline di Villa Certosa e il padre di Chuck Bass e, se hai visto la seconda stagione verso la fine, sai perfettamente a cosa mi riferisco. O ancora tra, chessò, una Lory Del Santo e Lily Van Der Woodsen. Siamo certi che stiamo parlando di stereotipo?
    E' vero, nella storia tra Dan e Serena si poteva fare qualcosa di più, un po' sempliciotta e prevedibile ma, in fondo, la serie non si propone di innovare da questo punto di vista.
    Io la trovo una perfetta critica alla società "ricca", che ne fa emergere tutti i pregi (pochi) e i difetti (tanti), nonchè alla società in generale - ormai in balìa del gossip di bassa lega.
    Caso vuole, tra l'altro, che oggi sono uscito con lo scopo di acquistare il cofanetto della prima stagione. Peccato non l'abbia trovato al MediaWorld.
      Quoto.
    Alex sei stato troooppo negativo, alla fine GG non è così male anzi, ci sono buone idee sviluppate discretamente.
    In un TF per Teen, c'è il rischio di cadere nello stereotipo, ma GG ne esce molto meglio di tante altre serie OC, e 90210 su tutte, per non tornare troppo indietro e scomodare i vecchi Beverly Hills e Melrose Place.
  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5172992
    PasdaMorom ha scritto:
    Mi sembra una critica inconsistente. Stai cercando di paragonare OC e Gossip Girl senza riuscirci, è come paragonare la zuppa con la cicoria. Nel secondo lo stereotipo è voluto, anche se - in realtà - mi chiedo quanto i protagonisti lo siano visto che, mi sembra, rappresentino perfettemente quella parte di società aristocratica e ricca che si diletta tra scuole private e festini serali. Guarda, mi permetto di fare il paragone tra Silvio Berlusconi e le Veline di Villa Certosa e il padre di Chuck Bass e, se hai visto la seconda stagione verso la fine, sai perfettamente a cosa mi riferisco. O ancora tra, chessò, una Lory Del Santo e Lily Van Der Woodsen. Siamo certi che stiamo parlando di stereotipo?
    E' vero, nella storia tra Dan e Serena si poteva fare qualcosa di più, un po' sempliciotta e prevedibile ma, in fondo, la serie non si propone di innovare da questo punto di vista.
    Io la trovo una perfetta critica alla società "ricca", che ne fa emergere tutti i pregi (pochi) e i difetti (tanti), nonchè alla società in generale - ormai in balìa del gossip di bassa lega.
    Caso vuole, tra l'altro, che oggi sono uscito con lo scopo di acquistare il cofanetto della prima stagione. Peccato non l'abbia trovato al MediaWorld.
     
    Quoto te ma rispondo contemporaneamente anche a BlueHaplo.In tutta onesta' credo che il soggetto di Gossip Girl,cosi' com'e' sviluppato,sia abbastanza buttato alle ortiche',sprecato se preferisci.La serie non decide mai in maniera netta che strada imboccare,se quella della satira sociale verso un certo tipo di persone (che e' presente),del teen drama a tutto tondo o addirittura,in alcuni frangenti,della commedia sofisticata in stile Tracy/Hearpurn.E' sempre sul filo,specie la seconda stagione,non segue mai una linea continua.E poi ci sono delle sottotrame che manco nei peggiori trash dai.Praticamente e' questa l'immagine che gli americani trasmettono ai loro giovani ?.Ragazzi ricchi che possono fare tutto e fanno tutto ?.17 enni che nella loro vita vanno solo alle feste,si ubriacano,vanno a mignotte,si fanno tutti tra loro,nel senso biblico ?.Guarda onestamente io di teen drama ne ho visti diversi,alcuni discreti,alcuni brutti,altri passabili.Gli stereotipi ci sono sempre stati,alla fine si tratta sempre di fiction che deve rappresentare un certo tipo di personaggio,ma c'e' modo e modo di rappresentarli.Si possono esasperare i caratteri,si possono accennare o si possono anche stravolgere.
    Per esempio vuoi vedere una serie drammatica che parte dai presupposti di un teen drama pur non essendolo ?.October Road,personaggi reali calati in un contesto reale.Onestamente sono stanco di vedere nelle serie i soliti ken e barbie che si lasciano e si mollano.In quest'ottica perfino il da me odiato one tree hill e' migliore,almeno i personaggi hanno le palle che gli girano a 10000 perche non ce ne e' uno a cui vanno bene le cose.
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5173067
    alexspooky ha scritto:
    Quoto te ma rispondo contemporaneamente anche a BlueHaplo.In tutta onesta' credo che il soggetto di Gossip Girl,cosi' com'e' sviluppato,sia abbastanza buttato alle ortiche',sprecato se preferisci.La serie non decide mai in maniera netta che strada imboccare,se quella della satira sociale verso un certo tipo di persone (che e' presente),del teen drama a tutto tondo o addirittura,in alcuni frangenti,della commedia sofisticata in stile Tracy/Hearpurn.E' sempre sul filo,specie la seconda stagione,non segue mai una linea continua.E poi ci sono delle sottotrame che manco nei peggiori trash dai.Praticamente e' questa l'immagine che gli americani trasmettono ai loro giovani ?.Ragazzi ricchi che possono fare tutto e fanno tutto ?.17 enni che nella loro vita vanno solo alle feste,si ubriacano,vanno a mignotte,si fanno tutti tra loro,nel senso biblico ?.Guarda onestamente io di teen drama ne ho visti diversi,alcuni discreti,alcuni brutti,altri passabili.Gli stereotipi ci sono sempre stati,alla fine si tratta sempre di fiction che deve rappresentare un certo tipo di personaggio,ma c'e' modo e modo di rappresentarli.Si possono esasperare i caratteri,si possono accennare o si possono anche stravolgere.
    Per esempio vuoi vedere una serie drammatica che parte dai presupposti di un teen drama pur non essendolo ?.October Road,personaggi reali calati in un contesto reale.Onestamente sono stanco di vedere nelle serie i soliti ken e barbie che si lasciano e si mollano.In quest'ottica perfino il da me odiato one tree hill e' migliore,almeno i personaggi hanno le palle che gli girano a 10000 perche non ce ne e' uno a cui vanno bene le cose.
     E' questo il punto, secondo me. Siamo sicuri che Gossip Girl si propone solo di rappresentare un certo tipo di società? Siamo sicuri che Gossip Girl sia quel teen drama alla Beverly Hills (o alla 90210, per andare sul recente), con lo scopo di "esaminare" le varie sfaccettature caratteriali dei ragazzi, con i classici contorni "amorosi"? La risposta è no, perchè GG si propone di criticare-rappresentando un tipo specifico di società (a differenza di 90210, dove si vuole far credere che i ragazzi siano tutti belli, bravi e normali - e da quando in qua un "ragazzo tipo" ha una super villa, dei super genitori, delle super macchine e va in una super scuola?). E puoi criticare solo (anzi, sarebbe più giusto "anche") esasperando e spettacolarizzando i protagonisti, ma questo è possibile, del tutto giustificabile e assolutamente riuscito perchè parliamo di una società specifica e, soprattutto, "particolare" e non, come tutti i teen drama, della società "di tutti i giorni".
    Non sono neanche d'accordo sulla mancanza di una posizione netta. E' qui che GG rivoluziona rispetto ad altri perchè riesce ad essere tutto e niente allo stesso tempo (satira sociale, teen drama, commedia <- e su questo punto so anche a quale puntata ti riferisci), e può permetterselo perchè la struttura su cui poggia è solida (a differenza di 90210, dove la struttura non esiste) e non scontata (non se ne può più di teen drama con lo scopo di rappresentare i ggggiovani d'oggi).
    Anche qui, sul "trash" di bassa lega, sbagli, per gli stessi motivi sopra detti. Si spettacolarizzano i protagonisti (il più delle volte superando gli stereotopi (voluti) e riuscendo ad ottenere una fotografia perfetta della società) , li si elevano al trash di serie Z e, per chi ovviamente riesce a coglierla, li si critica rappresentandoli .
    Il teen drama c'è, ci deve essere, perchè è il filo conduttore di tutte le puntate. Ecco, forse pecca qui, perchè - vicenda Blair/Chuck a parte - scade nel prevedibile (come nella storia Dan/Serena, dove già alla prima puntata della seconda stagione avevo capito che si sarebbero rimessi insieme e si sarebbero rilasciati - anche se và detto che gli sceneggiatori sono stati bravi a superare la loro storia facendola evolvere in un certo modo e spostando il focus sugli altri personaggi) come in OC (che fa a gara con 90210).

    Ti consiglio, comunque, di vedere l'ultima puntata alla "leggera". Ci sono degli spunti interessanti per la terza serie, ma il plot è veramente orrido, male strutturato e ingiustificato (tutto troppo veloce e inspiegabile in una sola puntata).
    (PS: One Tree Hill non l'ho mai visto, su October Road mi informo ^^)
  8. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5173081
    PasdaMorom ha scritto:
    E' questo il punto, secondo me. Siamo sicuri che Gossip Girl si propone solo di rappresentare un certo tipo di società? Siamo sicuri che Gossip Girl sia quel teen drama alla Beverly Hills (o alla 90210, per andare sul recente), con lo scopo di "esaminare" le varie sfaccettature caratteriali dei ragazzi, con i classici contorni "amorosi"? La risposta è no, perchè GG si propone di criticare-rappresentando un tipo specifico di società (a differenza di 90210, dove si vuole far credere che i ragazzi siano tutti belli, bravi e normali - e da quando in qua un "ragazzo tipo" ha una super villa, dei super genitori, delle super macchine e va in una super scuola?). E puoi criticare solo (anzi, sarebbe più giusto "anche") esasperando e spettacolarizzando i protagonisti, ma questo è possibile, del tutto giustificabile e assolutamente riuscito perchè parliamo di una società specifica e, soprattutto, "particolare" e non, come tutti i teen drama, della società "di tutti i giorni".
    Non sono neanche d'accordo sulla mancanza di una posizione netta. E' qui che GG rivoluziona rispetto ad altri perchè riesce ad essere tutto e niente allo stesso tempo (satira sociale, teen drama, commedia <- e su questo punto so anche a quale puntata ti riferisci), e può permetterselo perchè la struttura su cui poggia è solida (a differenza di 90210, dove la struttura non esiste) e non scontata (non se ne può più di teen drama con lo scopo di rappresentare i ggggiovani d'oggi).
    Anche qui, sul "trash" di bassa lega, sbagli, per gli stessi motivi sopra detti. Si spettacolarizzano i protagonisti (il più delle volte superando gli stereotopi (voluti) e riuscendo ad ottenere una fotografia perfetta della società) , li si elevano al trash di serie Z e, per chi ovviamente riesce a coglierla, li si critica rappresentandoli .
    Il teen drama c'è, ci deve essere, perchè è il filo conduttore di tutte le puntate. Ecco, forse pecca qui, perchè - vicenda Blair/Chuck a parte - scade nel prevedibile (come nella storia Dan/Serena, dove già alla prima puntata della seconda stagione avevo capito che si sarebbero rimessi insieme e si sarebbero rilasciati - anche se và detto che gli sceneggiatori sono stati bravi a superare la loro storia facendola evolvere in un certo modo e spostando il focus sugli altri personaggi) come in OC (che fa a gara con 90210).
    Ti consiglio, comunque, di vedere l'ultima puntata alla "leggera". Ci sono degli spunti interessanti per la terza serie, ma il plot è veramente orrido, male strutturato e ingiustificato (tutto troppo veloce e inspiegabile in una sola puntata).
    (PS: One Tree Hill non l'ho mai visto, su October Road mi informo ^^)
     
    il mondo e' bello perche' e' vario.E perche' ci sono persone che vedono la medesima cosa e traggono conclusioni agli antipodi l'uno con l'altro.Io Gossip Girl non lo considero orrendo,forse trascinato dalla foga ho scritto cose che potevano farlo sembrare,lo considero un piacevole passatempo da non prendere troppo sul serio.Rimane quello che ho scritto,ci mancherebbe che cambiassi opinione,ma di certo i personaggi non sono odiosi come quelli di altri teen drama.Ti diro' anzi che la coppia Dan-Serena la trovo molto carina e deliziosa,faccio il tifo per loro (che praticamente e' come tifare il real di Perez),anche se e' un rapporto che praticamente non evolve,non matura.Ci sono cose che mi piacciono,i sogni di Blair per esempio,ma in generale l'impressione e' che siamo davanti a una versione teen di dynasty virata pero' troppo al volemmosebene.
    October Road te lo consiglio,peccato solo che lo abbiano interrotto dopo 2 stagioni.Tra l'altro e' creato da Andre Nemec e Josh Applebaum che hanno lavorato per anni ad Alias.
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5173093
    alexspooky ha scritto:
    il mondo e' bello perche' e' vario.E perche' ci sono persone che vedono la medesima cosa e traggono conclusioni agli antipodi l'uno con l'altro.Io Gossip Girl non lo considero orrendo,forse trascinato dalla foga ho scritto cose che potevano farlo sembrare,lo considero un piacevole passatempo da non prendere troppo sul serio.Rimane quello che ho scritto,ci mancherebbe che cambiassi opinione,ma di certo i personaggi non sono odiosi come quelli di altri teen drama.Ti diro' anzi che la coppia Dan-Serena la trovo molto carina e deliziosa,faccio il tifo per loro (che praticamente e' come tifare il real di Perez),anche se e' un rapporto che praticamente non evolve,non matura.Ci sono cose che mi piacciono,i sogni di Blair per esempio,ma in generale l'impressione e' che siamo davanti a una versione teen di dynasty virata pero' troppo al volemmosebene.
    October Road te lo consiglio,peccato solo che lo abbiano interrotto dopo 2 stagioni.Tra l'altro e' creato da Andre Nemec e Josh Applebaum che hanno lavorato per anni ad Alias.
      Ma per carità, pensavo di essere l'unico ad aver visto GG (e la cosa mi preoccupava...) e ogni opinione è ben accetta. Ovviamente non è che quando dico "sbagli" allora parlo in senso assoluto, come se avessi la verità in mano. "Sbagli" secondo il mio modo di interpretare la serie, e non significa che la mia interpretazione sia più-meno giusto della tua (ci mancherebbe altro).
    Anche io tifo per Dan e Serena (:DD) ma mi sembra di aver capito che non li si riesce proprio a lasciarli vivere la loro storia.

    Ecco, con la tua ultima frase mi viene in mente un'altra questione da porre. Ci sta che una serie venga interrotta per i bassi ascolti, ma trovo veramente inaccettabile che le reti televisive non si degnino di produrre almeno una-due puntate conclusive (se non un'intera serie "ridotta") che chiudino le varie (tante) questioni aperte.
  10. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5173106
    PasdaMorom ha scritto:
    Ecco, con la tua ultima frase mi viene in mente un'altra questione da porre. Ci sta che una serie venga interrotta per i bassi ascolti, ma trovo veramente inaccettabile che le reti televisive non si degnino di produrre almeno una-due puntate conclusive (se non un'intera serie "ridotta") che chiudino le varie (tante) questioni aperte.
     
    il problema e' che nella maggior parte dei casi una serie,a meno che non sia una serie di successo arrivata a conclusione,viene chiusa in maniera repentina senza dare al team creativo il tempo di concludere le varie storie in maniera adeguata.Ultimamente per esempio Reaper ha avuto questa sorte.Non ti dico il finale anche' perche' non c'e' ma io dico cavolo e' mai possibile chiudere una serie in quella maniera......per non parlare di 4400 !!!
    Altre volte invece sono gli stessi creativi,autori,della serie che sospettando la cancellazione decidono di chiudere le storie in maniera tale che la fine possa fungere sia da series finale che da season finale.O,al massimo,girano un doppio finale in modo che hanno,in caso di cancellazione,gia' pronta una carta da giocare.Everwood per esempio ebe questa sorte.Cancellato dopo la nascita di CW (andava in onda su WB),ha pero' un finale.Tuttavia gli autori si erano preparati anche la carta del finale alternativo nel caso in cui ci fosse stato un,difficile,rinnovo per una quinta stagione.
  11. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5173169
    alexspooky ha scritto:
    Quoto te ma rispondo contemporaneamente anche a BlueHaplo.In tutta onesta' credo che il soggetto di Gossip Girl,cosi' com'e' sviluppato,sia abbastanza buttato alle ortiche',sprecato se preferisci.La serie non decide mai in maniera netta che strada imboccare,se quella della satira sociale verso un certo tipo di persone (che e' presente),del teen drama a tutto tondo o addirittura,in alcuni frangenti,della commedia sofisticata in stile Tracy/Hearpurn.E' sempre sul filo,specie la seconda stagione,non segue mai una linea continua.E poi ci sono delle sottotrame che manco nei peggiori trash dai.Praticamente e' questa l'immagine che gli americani trasmettono ai loro giovani ?.Ragazzi ricchi che possono fare tutto e fanno tutto ?.17 enni che nella loro vita vanno solo alle feste,si ubriacano,vanno a mignotte,si fanno tutti tra loro,nel senso biblico ?.Guarda onestamente io di teen drama ne ho visti diversi,alcuni discreti,alcuni brutti,altri passabili.Gli stereotipi ci sono sempre stati,alla fine si tratta sempre di fiction che deve rappresentare un certo tipo di personaggio,ma c'e' modo e modo di rappresentarli.Si possono esasperare i caratteri,si possono accennare o si possono anche stravolgere.
    Per esempio vuoi vedere una serie drammatica che parte dai presupposti di un teen drama pur non essendolo ?.October Road,personaggi reali calati in un contesto reale.Onestamente sono stanco di vedere nelle serie i soliti ken e barbie che si lasciano e si mollano.In quest'ottica perfino il da me odiato one tree hill e' migliore,almeno i personaggi hanno le palle che gli girano a 10000 perche non ce ne e' uno a cui vanno bene le cose.
       OTH, è forse una delle serie, a mio punto di vista, teen meglio riuscite degli ultimi anni, parecchio sopra a tante altre, e diversa da GG, che è più paragonabile ad OC. Comunque come abbiamo detto il mondo è bello perchè vario.
    Ora che GG sia stereotipato, e riproponga tematiche pressochè identiche che troviamo in altri 100 teen-drama, ci sta, ma trovo innovativo il modo in cui viene rappresentato, e l'esagerazione (voluta) di alcuni personaggi quali Chuck e Blair su tutti.
    Ma alla fine non penso che la società giovanile rappresentata da GG sia così lontana da una certa realtà americana nel modo ironico in cui viene rappresentata, e l'esagerazione spinta di alcune caratterizzazioni secondo il mio parere, in questo caso va bene, meglio di alcune altre serie come 90210 dove non c'è nulla di esagerato, ma......non c'è proprio nulla. Vista per inerzia, ma serie inutile e senza appeal.
    Se pensi che il budget iniziale di GG non è lontanamente paragonabile a quello di 90210, il prodotto finale è per me 100 volte meglio.
    Normale che in GG si faccia il tifo per Serena-Dan, anche se secondo me la storia che lo tiene su e aumenta l'Appeal è il tira e molla di Chuck e Blaire (personaggi le cui esagerazoni sono elevate alla millesima potenza), e anche la storia di Lili e Rufus.
    Con la vita al college nella terza serie ci dovremmo aspettare le classiche storie da College americane, ripeto in GG quello che apprezzo non è tanto la storia in se stessa (che bene o male rispecchia quella di altri Teen), ma come viene raccontata attraverso i suoi personaggi.
    Un altra serie che era strutturata bene e volutamente esagerata, all'opposto, era Skins, e parlo delle prime 2 serie la terza non l'ho vista, che tratta comunque tematiche attuali (esagerandole) ma comunque godibile e al di fuori degli schemi della narrazione classica.
  12. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5173174
    PasdaMorom ha scritto:
    (PS: One Tree Hill non l'ho mai visto, su October Road mi informo ^^)
     OTH recuperala e guarda lmeno le prime 2 stagioni (siamo alla 7) a me è piaciuta e la trovo una delle migliori in circolazione degli ultimi anni.
    October Road non la conosco e mi informerò anch'io. 

  Gossip Girl,cambia la costa ma non la sostanza

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina