1.     Mi trovi su: Homepage #5172892
    Chiedo ai più informati del forum: esiste un paese che attua questo tipo di politica? So, per esempio, che negli USA lo straniero può votare - ma non candidarsi alla Casa Bianca - ma non ho capito se può farlo anche senza cittadinanza.
    In Italia se n'è parlato spesso, ma stasera, su RaiStoria, c'è stato uno speciale sul caso della moschea di V.le Jenner a Milano: ovvero sul fatto che i fedeli che ci pregavano sono ancora "costretti" al "nomadismo" perchè non hanno una moschea e nessuno li vuole nel proprio quartiere (e chi è passato più volte in V.Le Jenner il venerdì pomeriggio sa perchè).
    Ebbene, il rappresentante della Moschea - che non è nè Italiano nè cittadino - ha detto che "è solo questione di tempo perchè loro votino e decidano", e che "Milano è la loro città e l'Italia il loro paese, e che quindi loro di qui non se ne vanno". Di per se non sono frasi scandalose, anche perchè dipende dal tono che uno usa per dirle. Però, ascoltandole dalla sua viva voce, non sembravano frasi molto concilianti, ma piuttosto polemiche e quindi un po' minatorie.
    Posso comprendere la stizza di un popolo religioso che si vede "sfrattare" dal suo luogo di culto, ma parlando in quei toni non credo che quel "breve tempo" che sostiene manchi al loro voto si accorci o sia davvero così corto.
    Inoltre, nessuno manda via nessuno, se è in regola e non commette reati.
  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #5172896
    Lightside ha scritto:
    Chiedo ai più informati del forum: esiste un paese che attua questo tipo di politica? So, per esempio, che negli USA lo straniero può votare - ma non candidarsi alla Casa Bianca - ma non ho capito se può farlo anche senza cittadinanza.
    In Italia se n'è parlato spesso, ma stasera, su RaiStoria, c'è stato uno speciale sul caso della moschea di V.le Jenner a Milano: ovvero sul fatto che i fedeli che ci pregavano sono ancora "costretti" al "nomadismo" perchè non hanno una moschea e nessuno li vuole nel proprio quartiere (e chi è passato più volte in V.Le Jenner il venerdì pomeriggio sa perchè).
    Ebbene, il rappresentante della Moschea - che non è nè Italiano nè cittadino - ha detto che "è solo questione di tempo perchè loro votino e decidano", e che "Milano è la loro città e l'Italia il loro paese, e che quindi loro di qui non se ne vanno". Di per se non sono frasi scandalose, anche perchè dipende dal tono che uno usa per dirle. Però, ascoltandole dalla sua viva voce, non sembravano frasi molto concilianti, ma piuttosto polemiche e quindi un po' minatorie.
    Posso comprendere la stizza di un popolo religioso che si vede "sfrattare" dal suo luogo di culto, ma parlando in quei toni non credo che quel "breve tempo" che sostiene manchi al loro voto si accorci o sia davvero così corto.
    Inoltre, nessuno manda via nessuno, se è in regola e non commette reati.
     io sono dell'idea che bisogna sveltire, accorciare i tempi e allentare le condizioni per cui si ottiene la cittadinanza: magari quelli sono in italia da anni, hanno un lavoro precario o in nero com'è normale di questi tempi, non possono nè votare nè partecipare alla vita civile e sentono di non avere uno spazio per fare le loro rivendicazioni "minatorie" senza essere etichettati aprioristicamente come ospiti sgraditi. L'interesse è quello di tenerli come cittadini di serie B, con meno diritti dei Cittadini di serie A, in modo tale che le frustrazioni della serie A si riversino sulla serie B e il politico scaltro convinca la serie A che gran parte dei suoi problemi derivino dalla serie B. Il politico scaltro dopo aver creato il problema promette all'infinito la soluzione, così la serie A vota il politico scaltro. Ci sono un sacco di buone ragioni dal punto di vista di chi detiene il potere perchè le minoranze, come regola di massima, non votino.
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  3.     Mi trovi su: Homepage #5172904
    Cloud Strife ha scritto:
    io sono dell'idea che bisogna sveltire, accorciare i tempi e allentare le condizioni per cui si ottiene la cittadinanza: magari quelli sono in italia da anni, hanno un lavoro precario o in nero com'è normale di questi tempi, non possono nè votare nè partecipare alla vita civile e sentono di non avere uno spazio per fare le loro rivendicazioni "minatorie" senza essere etichettati aprioristicamente come ospiti sgraditi. L'interesse è quello di tenerli come cittadini di serie B, con meno diritti dei Cittadini di serie A, in modo tale che le frustrazioni della serie A si riversino sulla serie B e il politico scaltro convinca la serie A che gran parte dei suoi problemi derivino dalla serie B. Il politico scaltro dopo aver creato il problema promette all'infinito la soluzione, così la serie A vota il politico scaltro. Ci sono un sacco di buone ragioni dal punto di vista di chi detiene il potere perchè le minoranze, come regola di massima, non votino.

    Si, purtroppo esiste la politica. E' però anche vero che se le minoranze non sono ritenute affidabili (o fanno poco per esserlo) è difficile dargli fiducia. La moschea di V.Le Jenner, è stato per anni un luogo di culto tranquillo. Dall'11 settembre in poi molte cose sono cambiate. Il fatto di aver scoperto cellule terroistiche pronte a colpire anche in Italia provenienti proprio da quella moschea (vedi intercettazione i cui si è discusso dall'altra parte) e l'enorme esagerazione di flusso migratorio degli ultimi anni, hanno fatto degenerare molto la cosa. Molti negozianti sono scappati via.
    Questi problemi non sono percepibili finchè sono a noi lontani (anche solo 100km), ma quando te li trovi "nel giardino di casa" un po' di apprensione inizia a venirti, e alla fine, sono proprio i "padroni di casa" che determinano il tuo futuro (in questo caso i cittadini di Milano) e la fiducia di chiunque, sia su piccola che su larga scala, va sempre conquistata, non è mai un diritto acquisito.

    [Modificato da Lightside il 04/07/2009 23:51]

  4. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #5172926
    Personalmente distinguerei le due questioni.

    - Da una parte il diritto sacrosanto al libero culto e il dovere dello Stato di fornire dei luoghi di culto per qualsiasi religione riconosciuta.
    Anzi, il mio sogno è vedere l' Italia come epicentro conciliatore delle religioni mondiali. Apprezzai molto la proposta di Veltroni, quando era sindaco, di fare di Roma non solo la capitale del cristianesimo ma un nodo centrale delle principali religioni mondiali.
    Non si può parlare di Stato civile se non c' è libertà di culto e le condizioni per praticarlo.

    - Dall' altra, e rispondo al topic, il diritto di voto per chi non è cittadino. No! Per me chi non è cittadino non può votare. Non ha senso dare diritto di voto a chi è di "passaggio". Altra cosa è, come suggerisce Cloud, di rendere possibile e alleggerire la burocrazia per ottenere la cittadinanza per chi si è stabilito definitivamente in Italia ed è in grado di auto-sostenersi, rispettare le leggi e conoscere i principi fondanti costituzionali.
  5. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #5173025
    "Diritto di voto senza cittadinanza" no e assolutamente NO.

    E pure sveltire le pratiche per la cittadinanza, soprattutto di questi tempi e visti quelli in cui c'è rischio si stia andando, è proprio l'ultima cosa da fare.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5173309
    Piccolo ha scritto:
    Personalmente distinguerei le due questioni.
    - Da una parte il diritto sacrosanto al libero culto e il dovere dello Stato di fornire dei luoghi di culto per qualsiasi religione riconosciuta.
    Anzi, il mio sogno è vedere l' Italia come epicentro conciliatore delle religioni mondiali. Apprezzai molto la proposta di Veltroni, quando era sindaco, di fare di Roma non solo la capitale del cristianesimo ma un nodo centrale delle principali religioni mondiali.
    Non si può parlare di Stato civile se non c' è libertà di culto e le condizioni per praticarlo. 
     La libertà di culto è sacrosanta, ma bisogna anche rispettare leggi e regolamenti. Se una struttura non è più adatta ad essere luogo di culto perchè viene resa inadatta (leggi può tenere al massimo 500 persone e cercano di infilarsi tutti i venerdì in 4.000 intasando la strada) viene chiusa e sgomberata, come viene fatto con qualsiasi immobile, sacro o profano che sia.
    Lo Stato deve provvedere a trovagli un'altra sistemazione? Dato che garantisce la libertà di culto si. Lo Stato però ha i suoi tempi. Me li subisco io quando mi metto in coda per un buco di casa popolare, se li sorbisce lo straniero quando aspetta un nuovo luogo di culto. Se non vuole aspettare sotto un ponte alza il sedere e si cerca un posto in affitto, come faccio io con la casa e come fanno altri culti cristiani non cattolici (Mormoni, testimoni di Geova, Evangelisti, etc...) con i loro luoghi di culto.
    Quanto a fare dell'Italia l'epicentro di conciliazione religiosa, NO. E' il miglior modo per portare la guerra qui.
  7. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5173338
    Piccolo ha scritto:
    Personalmente distinguerei le due questioni.

    - Da una parte il diritto sacrosanto al libero culto e il dovere dello Stato di fornire dei luoghi di culto per qualsiasi religione riconosciuta.
    Anzi, il mio sogno è vedere l' Italia come epicentro conciliatore delle religioni mondiali. Apprezzai molto la proposta di Veltroni, quando era sindaco, di fare di Roma non solo la capitale del cristianesimo ma un nodo centrale delle principali religioni mondiali.
    Non si può parlare di Stato civile se non c' è libertà di culto e le condizioni per praticarlo.

    - Dall' altra, e rispondo al topic, il diritto di voto per chi non è cittadino. No! Per me chi non è cittadino non può votare. Non ha senso dare diritto di voto a chi è di "passaggio". Altra cosa è, come suggerisce Cloud, di rendere possibile e alleggerire la burocrazia per ottenere la cittadinanza per chi si è stabilito definitivamente in Italia ed è in grado di auto-sostenersi, rispettare le leggi e conoscere i principi fondanti costituzionali.




    - Non si può parlare di Stato Civile se ci sono esponenti religiosi che predicano l'odio contro altre religioni. In Italia è pieno di gente così... a cui spesso non succede nulla. (basta ricordare il servizio delle "Iene", all' Imam di Latina... cito le sue testuali parole: "E' giusto uccidere i bambini nel nome dell' Islam).
    Ecco, questo signore è ancora Imam... in Italia.

    In fondo... non sarebbe giusto arrestare i neo-fascisti o neo-nazisti ?
    E certi individui che amano la religione a tal punto da invocare la morte di altre persone per le proprie idee.... non sono la stessa cosa ?

    Non è lo stesso problema ?
    Non sono in fondo le religioni, oggi, più politica che altro ?

    Invece di usare i paraocchi, potremmo tutti osservare come il Papa e certi Imam (ovviamente i più potenti) si "divertano" ad influenzare i governi di mezzo mondo e le nostre libertà, secondo i propri ideali religiosi... o sbaglio ?

    Purtroppo qui e in altre nazioni del mondo... le religioni avranno sempre un peso troppo pesante... (In Inghilterra si possono raccontare barzellette sui cristiani, ma non sui musulmani...)

    In Africa e in altre parti del mondo ci sono da anni guerre create per motivi politici, che hanno come arma di diffusione l'odio religioso.

    In Italia chissà se mai torneranno le case chiuse... nel frattempo si batte sui marciapiedi. (grazie Papa...)

    Che bello... certe idee Veltroni se le tenga per sè.


    - Per l'altro discorso, mi pare ovvio che se uno non ha la cittadinanza non può votare. Inoltre, la burocrazia in Italia è lenta per tutto... ed è un problema che va oltre la semplice questione del voto.

    [Modificato da killer7 il 05/07/2009 17:59]

  8.     Mi trovi su: Homepage #5173362
    Sui tempi necessari per chiedere la cittadinanza sono d'accordo: 10 anni per residenza e 2 anni dopo aver sposato un italiano (prima erano solo 6 mesi, adesso ci saranno meno matrimoni di comodo).
    Il problema sono i tempi per le pratiche, in media si aspettano dai 4 ai 5 anni affinché la pratica di richiesta di cittadinanza giunga al termine, quando per legge dovrebbero essere due anni.
    Chi si lamenta della lentezza della burocrazia, non sa quanto sia peggio quella parte di burocrazia riservata ai cittadini stranieri. Non avete idea che odissea possa diventare il rinnovo del permesso di soggiorno, che per legge dovrebbe avvenire in 20 giorni ma poi quasi sempre dura un anno con la beffa che a volte si va a ritirare un permesso già scaduto. Da quando si rinnova attraverso le poste, invece che velocizzare il tutto, è diventato tutto più lento, con l'aggravante che si paga anche di più, circa 70 euro. Adesso vogliono pure introdurre una ulteriore tassa per il rinnovo del permesso, dai 80 ai 200 euro. Sono sicuro che molti stranieri sarebbero disposti a pagare di più se i tempi per il rinnovo fossero più brevi, ma naturalmente questo non succederà, e questo gorverno non ha nessuna intenzione e interesse a cambiare le cose.
    Ecco, diventa difficile integrarsi quando si vive con la paura di perdere il permesso oppure che non ti venga rinnovato.
    Vabbè ho scritto delle cose che a molti non fregherà niente, e so che molti pensano che sia giusto che funzioni male la burocrazia per gli stranieri :asd:
  9. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5173370
    Piccolo ha scritto:
    Non capirò mai cosa abbiate contro le altre religioni???


    Contro i Buddisti nulla... magari certi cattolici o islamici potrebbero essere decisamente un peso per la società civile... :rolleyes:

    Se questi signori volessero pregare e basta, io non avrei nulla da dire. Il problema è che quando cominciano a parlare di qualcos'altro... quando decidono alcune cose o influenzano la politica di alcuni Paesi... o magari applicano qualcosa come La Sharia... ecco... consiglieri a molti italiani di farsi qualche lettura interessante a riguardo. (anche qualche documentario)

    Eh no, non sono razzista o complottista... guardo il mondo per quello che è.

    Ma stiamo andando un pò Off-Topic.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5173374
    Piccolo ha scritto:
    Non capirò mai cosa abbiate contro le altre religioni???
     Non le altre, LE religioni. C'è da distinguere tra culto e religione. Non ho nulla contro chi predica il suo culto per se (io credo in un certo modo e mi aiuta, almeno psicologicamente, a superare problemi tragici come il lutto), ma quando il culto diventa religione e viene quindi esportato e predicato "a forza" già imho si trascende.
  11.     Mi trovi su: Homepage #5173377
    HikaruGo ha scritto: 
    Non avete idea che odissea possa diventare il rinnovo del permesso di soggiorno,  
    Invece chi fa domanda all'INPS di disoccupazione o di cassa integrazione e gli arriva la risposta dopo 7 mesi e i sodi dopo un anno (e nel frattermpo ha mangiato pane tostato e formaggio e ha usato candele in casa) non affronta un'odissea perchè è Italiano...
    Non creiamo false mitologìe, la velocità della burocrazìa è direttamente proporzionale al numero di domande da evadere in un breve lasso di tempo. Succede adesso ai cassa-integrati e disccupati con l'INPS, a causa della forte domanda dovuta alla crisi, e succede agli stranieri poichè arrivano a flussi, così come le loro domande di permesso e di conseguenza di rinnovo.
  12. Non è una capra, cretino, è il mio segno zodiacale  
        Mi trovi su: Homepage #5173390
    nn mi ricordo in che paese europeo (forse la solita olanda?) ma da qualche parte credo concedano almeno la rappresentatività locale ai residenti anche se non cittadini. Come dire, nn possono influenzare la vita dello stato ma possono parlare per infrastrutture locali ecc votando per i sindaci. E non mi sembrava una proposta troppo brutta.... da un certo riconoscimento agli immigrati ancora nn cittadini senza cedere via in effetti potere politico di alto livello.
    Il lavoro di cui sono più orgoglioso, anche se ormai datato:
    http://www.gameplayer.it/speciale/speciale_pc_gaming_al_risparmio

  Diritto di voto senza cittadinanza

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina