1.     Mi trovi su: Homepage #5192093
    Riprendiamo qui la discussione:
    gek ha scritto:
    LOL
    Perchè i pugni diventano più leggeri,veloci,ma soprattutto infinitamente più duri?
    Sì,il trauma c'è,ma non per il pugile e non psicologico :D 
                   No, semplicemente perchè ho fatto Boxe per 5 anni e la prima rissa a cui ho partecipato (dopo 3 anni che facevo boxe) mi ha lasciato il segno. Parlo per esperienza più che diretta quindi. Prendere e dare pugni con un guantone e farlo senza c'è un abisso, il guantone serve a non farsi male alle mani, e quando tiri pugni in faccia il dolore dell'osso contro osso lo senti, eccome. Sebbene poi sapessi tirare anche calci perchè avevo già iniziato a fare arti marziali non  ero abituato a prenderli e quelli che mi sono arrivati li ho accusati, e non poco.  Per strada rischi di finire a terra facilmente, e da pugile non sei abituato a combttere a terra, e una volta a terra son dolori se non sai difenderti.
    Di risse, nella mia vita, ne ho fatte veramente poche, proprio perchè le prime che ho fatto mi hanno segnato. Giovane e scemo ero convinto che il solo fatto di essere "uno da ring" e avere infarinatura di qualche arte marziale facesse di me una iena. Si, col cavolo, c'è gente che per strada fa risse tutti i giorni e ci è abituata, io non lo ero. Se decidi di fare una rissa l'ospedale è li che aspetta tutti i partecipanti, anche se si chiamano bruce lee.
  2.     Mi trovi su: Homepage #5192140
    Lightside ha scritto:
    Riprendiamo qui la discussione:
                   No, semplicemente perchè ho fatto Boxe per 5 anni e la prima rissa a cui ho partecipato (dopo 3 anni che facevo boxe) mi ha lasciato il segno. Parlo per esperienza più che diretta quindi. Prendere e dare pugni con un guantone e farlo senza c'è un abisso, il guantone serve a non farsi male alle mani, e quando tiri pugni in faccia il dolore dell'osso contro osso lo senti, eccome. Sebbene poi sapessi tirare anche calci perchè avevo già iniziato a fare arti marziali non  ero abituato a prenderli e quelli che mi sono arrivati li ho accusati, e non poco.  Per strada rischi di finire a terra facilmente, e da pugile non sei abituato a combttere a terra, e una volta a terra son dolori se non sai difenderti.
    Di risse, nella mia vita, ne ho fatte veramente poche, proprio perchè le prime che ho fatto mi hanno segnato. Giovane e scemo ero convinto che il solo fatto di essere "uno da ring" e avere infarinatura di qualche arte marziale facesse di me una iena. Si, col cavolo, c'è gente che per strada fa risse tutti i giorni e ci è abituata, io non lo ero. Se decidi di fare una rissa l'ospedale è li che aspetta tutti i partecipanti, anche se si chiamano bruce lee.
    Io non ho mai fatto arti marziali in senso stretto, ma ho fatto spada medioevale (Striscia, Striscia e daga, mano e mezza, Spada da Lato, e Sciabolaper 4 anni 6 ore a settimana)
    Penso di poter comunque esprimere un giudizio in merito al concetto di cui sopra

    In pratica tu dici, ring strada c'è una bella differenza. Sicuramente vero.

    Ma secondo me, c'è un altro elemento che fa la differenza che da molto più peso.

    Secondo me, il problema di chi combatte sul ring, o in arena, è che si tratta di persone disciplinate, abituate a trettenersi. Chi ha paura di fare del male, chi lotta con se stesso ancor prima che con l'avversario parte svantaggiato da morire. Anche in arena, ricordo che chi attaccava senza dosare il colpo, tendenzialmente ti massacra. E non è necessariamente più tecnico o più veloce, semplicemente non è un suo problema se ti prende bene.

    PS: non confondiamo la "cattiveria" agonistica, con l'aggressività. Chi è aggressivo, spesso è portato afare errori anche. Io parlo di cattiveria, quella che secondo me ci vuole davvero per trionfare sul ring e fuori dal ring
    Co-sa mi suc-ce-de.bzzbzzz....er-ro-re nei mi-ei cir-cui-ti bzzz mi sto in-na-mo-ran-do bzz BzBzzzz... Tostapane elettrico sei quel che fa per meeeeeeeee
    BAZINGAA!!
  3.     Mi trovi su: Homepage #5192152
    Cervantes De Leon ha scritto:
    Io non ho mai fatto arti marziali in senso stretto, ma ho fatto spada medioevale (Striscia, Striscia e daga, mano e mezza, Spada da Lato, e Sciabolaper 4 anni 6 ore a settimana)
    Penso di poter comunque esprimere un giudizio in merito al concetto di cui sopra
    In pratica tu dici, ring strada c'è una bella differenza. Sicuramente vero.
    Ma secondo me, c'è un altro elemento che fa la differenza che da molto più peso.
    Secondo me, il problema di chi combatte sul ring, o in arena, è che si tratta di persone disciplinate, abituate a trettenersi. Chi ha paura di fare del male, chi lotta con se stesso ancor prima che con l'avversario parte svantaggiato da morire. Anche in arena, ricordo che chi attaccava senza dosare il colpo, tendenzialmente ti massacra. E non è necessariamente più tecnico o più veloce, semplicemente non è un suo problema se ti prende bene.
    PS: non confondiamo la "cattiveria" agonistica, con l'aggressività. Chi è aggressivo, spesso è portato afare errori anche. Io parlo di cattiveria, quella che secondo me ci vuole davvero per trionfare sul ring e fuori dal ring
       Oh si certo, hai toccato un punto asoslutamente fondamentale: la cattiveria. Se sei uno abituato a reprimersi è un danno. E' anche per questo che molte AM non funzionano nella difesa personale, non ti allenano nè a darle nè a prenderle per davvero. Quella è uan cosa che devi coltivarti tu personalmente (infatti l'ideale è integrare l'arte marziale con uno sport da combattimento).
    Un'altra differenza tra il ring e la strada è che per strada, non essendoci regole, puoi anche "armarti" al volo, ed è li che uno come Jackie Chan, assoluto maestro nell'arte del Budo, potrebbe avere la meglio su un combattente: qualsiasi cosa raccoglie da terra la può trasformare in una temibile arma, soprattutto se di lungo raggio. 
    Quando infatti Gek mi specifica "a mani nude" sta già ponendo un paletto e quindi una regola, che per strada non esiste. Jackie Chan per strada non è Jackie Chan a mani nude (che per età e disciplina probabilmente soccomberebbe a qualsiasi lottatore moderno), è Jackie Chan con tutto quello che sa fare.
  4. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5192202
    Ok scrivo dalla concorrenza:D,
    Secondo me Light hai  sbagliato a fare un confronto con i lottatori delle MMA.
    Chi combatte in UFC o in K1, Affliction, Dreams etc, sono tutti lottatori di AM miste, il che li pone sopra secondo la mia opinione ad altri atleti che praticano magari una sola arte marziale, o derivazioni di esse.
    Spostando il discorso alla strada, il fare arti marziali non fa di te per forza il vincitore.
    Io ho fatto Judo per 7 anni (integrata da alcuni stage dove si integravano pugni e calci e relativa difesa di essi) prima di dover lasciare per un brutto infortunio, e nelle poche volte che mi è capitato di fare a botte in vita mia avrò applicato si e no qualche proiezione contro chi mi si è buttato contro, e qualche leva, strandolamento a terra quando sono finito giù.
    Il più delle volte sono state testate, calci nelle palle, e non mi vergogno di dirlo, dato che in strada le regole non ci sono e se non sei un minimo scafato le prendi e ti fai molto mele, alle rotule, o calci in faccia al tipo se era a terra.
    Chi fa Am, a parte qualche cazzone idiota e stragasato, è solitamente una persona controllata che evita sempre lo scontro. Quando non se ne può fare a meno allora li viene fuori la cattiveria, ed è brutto a dirsi ma si deve cercare di fare più danno nel minor tempo possibile.
    Un esperto di MMA è una persona che messa instrada è forse il più pericoloso di tutti perchè sa come e dove colpire pesantemente, se poi leviamo il fatto che non ha restringimenti di campo, allora è letale, è forte a terra in piedi, è abituato ad essere sempre pronto (a parte i genitali  schiena e nuca nelle MMA puoi colpire tutto ed a volte ci scappa qualche colpo anche li)  a qualsiasi attacco, la vedo dura per un praticante di qualsiasi arte metterlo in difficoltà.
    Se parliamo poi delle persone normali allora la musica cambia, ma ho visto tanti ragazzetti tutti fighetti ed impostati con qualche anno di Am alle spalle buscarle e male dal bulletto di strada, cresciuto nel quartieraccio, che praticamente fa colazione a pane e risse.
    Ora devo lavorare, ci si sente dopo
  5.     Mi trovi su: Homepage #5192234
    BlueHaplo ha scritto:
    Ok scrivo dalla concorrenza:D,
    Secondo me Light hai  sbagliato a fare un confronto con i lottatori delle MMA.
    Chi combatte in UFC o in K1, Affliction, Dreams etc, sono tutti lottatori di AM miste, il che li pone sopra secondo la mia opinione ad altri atleti che praticano magari una sola arte marziale, o derivazioni di esse.
    Spostando il discorso alla strada, il fare arti marziali non fa di te per forza il vincitore.
    Io ho fatto Judo per 7 anni (integrata da alcuni stage dove si integravano pugni e calci e relativa difesa di essi) prima di dover lasciare per un brutto infortunio, e nelle poche volte che mi è capitato di fare a botte in vita mia avrò applicato si e no qualche proiezione contro chi mi si è buttato contro, e qualche leva, strandolamento a terra quando sono finito giù.
    Il più delle volte sono state testate, calci nelle palle, e non mi vergogno di dirlo, dato che in strada le regole non ci sono e se non sei un minimo scafato le prendi e ti fai molto mele, alle rotule, o calci in faccia al tipo se era a terra.
    Chi fa Am, a parte qualche cazzone idiota e stragasato, è solitamente una persona controllata che evita sempre lo scontro. Quando non se ne può fare a meno allora li viene fuori la cattiveria, ed è brutto a dirsi ma si deve cercare di fare più danno nel minor tempo possibile.
    Un esperto di MMA è una persona che messa instrada è forse il più pericoloso di tutti perchè sa come e dove colpire pesantemente, se poi leviamo il fatto che non ha restringimenti di campo, allora è letale, è forte a terra in piedi, è abituato ad essere sempre pronto (a parte i genitali  schiena e nuca nelle MMA puoi colpire tutto ed a volte ci scappa qualche colpo anche li)  a qualsiasi attacco, la vedo dura per un praticante di qualsiasi arte metterlo in difficoltà.
    Se parliamo poi delle persone normali allora la musica cambia, ma ho visto tanti ragazzetti tutti fighetti ed impostati con qualche anno di Am alle spalle buscarle e male dal bulletto di strada, cresciuto nel quartieraccio, che praticamente fa colazione a pane e risse.
    Ora devo lavorare, ci si sente dopo
         Si, più o meno sono d'accordo su tutto. Infatti non ho detto che il fare arti marziali ti ponga in vantaggio, anzi, ho scritto più volte che per la difesa personale servono a poco (tolte un paio di cui infatti non ci somno gare). Ma si stavano però mettendo a confronto esperti di alcune discipline, come Jackie Chan e i lottatori delle MMA.
    Che un lottatore di MMA sia un mastino nessuno lo mette in dubbio e non mi sono sognato di dire che per strada le prende perchè fa MMA, infatti mi riquoto:
    "ma più tale praticante sarà abituato a praticare limitato da protezioni e regole e più per strada rischerà di andar giù imho.
    Quelli del UFC, MMA e ValeTudo hanno protezioni e regole ristrette ai minimi termini e quindi per strada sono temibilissimi
    ."
    Il discorso "strada" è relativo al fatto che non essendoci nessuna regola, uno che sa costruire armi al volo ed usarle con maestria come può fare un Jackie Chan (che ricordo essere l'attore sul Guinness per il maggior numero di botte ed infortuni ricevuti, ergo non proprio uno che non è abituato a sentire dolore) può ristabilire imho lo squilibrio. Se uno che è abituato solo a tirar calci e pugni si trova davanti uno che sa usare a menadito un bastone lungo tre metri (come il famoso bastone a 3 punti e mezzo del Wing Chun), dovrà cmq e sempre colmare quella distanza prima di poterlo colpire.
    Ad ogni modo il mio discorso era iniziato proprio partendo dal fatto che portare una sola arte marziale come base, appresa magari anche male, sul ring ha poco senso. Per il resto ho solo detto la mia su un tema che stavate già affrontando rispondendo a Cervantes.
  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5192424
    Lightside ha scritto:
    Riprendiamo qui la discussione:
                   No, semplicemente perchè ho fatto Boxe per 5 anni e la prima rissa a cui ho partecipato (dopo 3 anni che facevo boxe) mi ha lasciato il segno. Parlo per esperienza più che diretta quindi. Prendere e dare pugni con un guantone e farlo senza c'è un abisso, il guantone serve a non farsi male alle mani, e quando tiri pugni in faccia il dolore dell'osso contro osso lo senti, eccome.
     Va beh ma sbagli a focalizzare su di te la figura del "pugile",si parlava di atleti pro.
    Che ti devo dire,nelle risse tra pirla e poi ai tempi della security è capitato di dover usare le mani e io personalmente nell'assenza del guantone ci ho riscontrato solo vantaggi: la mano è leggera,viaggia velocissima,si infila in varchi improponibili col guantone così come si svincola infinitamente più in fretta quando c'è macello e ci si incastra. E fa danni anche quando tocchi meno pesante.
    Per il contraccolpo sì,ma penso vada da persona a persona. A me non è mai capitato di dover andare più in là di metterci un po' di ghiaccio e qualche piccola sbucciatura,così come ho visto gente rompersi dita o polsi,così come ho visto gente con mani da muratore che potrebbero martellare ad oltranza prima di accennare a danneggiarsi. Come vedi l'universo dei dilettanti è variegato.
    Però sì parlava di pugili pro,e il pugili pro di solito hanno mattoni al posto delle mani
  7. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5192440
    Lightside ha scritto:
     
    Quando infatti Gek mi specifica "a mani nude" sta già ponendo un paletto e quindi una regola, che per strada non esiste. Jackie Chan per strada non è Jackie Chan a mani nude (che per età e disciplina probabilmente soccomberebbe a qualsiasi lottatore moderno), è Jackie Chan con tutto quello che sa fare.
     Va beh ma il paletto del "mani nude" serve a creare dei termini di confronto.
    Ci devi mettere le armi?
    Uno spetnaz col coltello mangia tutti.
    Ma lo owna il cecchino che gli spara da 5 km e mezzo.
    Però Obama fa sganciare una nucleare sulla città e li sconfigge.
    Poi arrriva Goku e va di kamehame distruggendo il pianeta
    E se mi dici "va beh,ma solo con quello che trovano lì" allora non è l'individuo ma l'ambiente,e in quel caso decade l'attendibilità del confronto,perchè il lanciatore di sassi migliore al mondo mangia tutti se si litiga in un campo pieno di sassi,ma questo fa di lui solo il più avvantaggiato in quella situazione,non il più temibile in generale
  8.     Mi trovi su: Homepage #5192490
    gek ha scritto:
    Va beh ma sbagli a focalizzare su di te la figura del "pugile",si parlava di atleti pro.
    Che ti devo dire,nelle risse tra pirla e poi ai tempi della security è capitato di dover usare le mani e io personalmente nell'assenza del guantone ci ho riscontrato solo vantaggi: la mano è leggera,viaggia velocissima,si infila in varchi improponibili col guantone così come si svincola infinitamente più in fretta quando c'è macello e ci si incastra. E fa danni anche quando tocchi meno pesante.
    Per il contraccolpo sì,ma penso vada da persona a persona. A me non è mai capitato di dover andare più in là di metterci un po' di ghiaccio e qualche piccola sbucciatura,così come ho visto gente rompersi dita o polsi,così come ho visto gente con mani da muratore che potrebbero martellare ad oltranza prima di accennare a danneggiarsi. Come vedi l'universo dei dilettanti è variegato.
    Però sì parlava di pugili pro,e il pugili pro di solito hanno mattoni al posto delle mani
               Si ma un pugno è un pugno, non è che il pugno che si becca l'atleta pro è diverso da quello che prendo io, a parità di categorìa di peso. Poi esiste anche il fattore adrenalina. Sul ring l'adrenalina mi carica, è adrenalina da agonismo, perchè so che quello che ho davanti è un mio pari. Per strada l'adrenalina è di un altro tipo, di quella che ti blocca le gambe, perchè quello che ti trovi davanti non sai chi è e non sai quali intenzioni ha (e soprattutto se ha un'arma, mentre è scontato che l'avversario sul ring è li solo per far sana competizione).
    Secondo me sono proprio situazioni psicologiche assolutamente diverse che imho possono fare la differenza. Tra skateboard, bicicletta, moto, etc... a spaccarmi ossa e faccia ci sono bene o male sempre stato abituato, tuttavia il primo pugno in faccia che ho beccato, pur mille volte meno doloroso di molte cadute in skateboard, mi ha comp0letamente tolto ATP dalle gambe, all'istante.
    Va beh ma il paletto del "mani nude" serve a creare dei termini di confronto.
    Ci devi mettere le armi?
    Uno spetnaz col coltello mangia tutti.
    Ma lo owna il cecchino che gli spara da 5 km e mezzo.
    Però Obama fa sganciare una nucleare sulla città e li sconfigge.
    Poi arrriva Goku e va di kamehame distruggendo il pianeta
    E se mi dici "va beh,ma solo con quello che trovano lì" allora non è l'individuo ma l'ambiente,e in quel caso decade l'attendibilità del confronto,perchè il lanciatore di sassi migliore al mondo mangia tutti se si litiga in un campo pieno di sassi,ma questo fa di lui solo il più avvantaggiato in quella situazione,non il più temibile in generale
     Beh ma allora è inutile tirare Jackie Chan giù dal ring, lascialo su a prender botte con i suoi gap (età, allenamento, etc...) e basta. Se si fa un confronto lo si deve fare a 360°, tenendo conto quindi delle differenze di abilità e di possibilità anche confacenti al terreno di scontro. Ognuno è forte e letale in base al dove e al come si allena a combattere. Se si parla di Fedor vs. Jackie Chan e ti metti a considerare Jackie Chan vs. pugni in faccia di Fedor obbligatori ovunque li fai combattere allora lasciali sul ring e basta, non rispondere nemmeno alla domanda di Cervantes scusa.
    Mi pare di aver specificato che un Jackie Chan sul ring le prenderebbe tutta la vita, facendo il discorso implicito che a mani nude non ci sarebeb storia, anche perchè non potrebbe mettere in atto la base fondamentale della difesa personale: ossia evitare il combattimento, se possibile.
    Ho solo detto che per strada uno come Jackie Chan potrebbe crearsi dei presupposti di vantaggio che sul ring non potrebbe avere, tra cui anche una perfetta fuga in Park Our (sul ring la vittoria necessita del KO dell'avversario, per strada no). Oh, era un discorso che stavate già facendo, mica l'ho tirato in ballo io sto nome, eh. 
    Se hai visto il film "pallottole cinesi" (mioiddio che brutti titoli che diamo quando facciamo le traduzioni) avrai anche visto come Jackie Chan con un ferro di cavallo e una fune è riuscito a creare una famossisima nonchè letale (usata da lui) arma cinese, quella che nel film Kill BIll usa Gogo Yubari, fatta però di catena e palla d'acciaio. E sai bene che Chan non usa controfigure. Poi è ovvio che con una pistola gli spari, sto solo dicendo che con le capacità di maneggio di qualsiasi arma, anche di fortuna, vedo in un praticante come lui un vero pericolo in strada, sicuramentre al pari di chi sa tirar bene solo pugni o calci. Nopn è che si parla di un pirla qualsiasi con in mano uan catena, si parla di uno che la catena te la usa come fosse un serpente a sonagli.
    Edit: ho trovato il filmato di Jackie Chan che fabbrica la sua arma con ferro e corda. Va bene, è tutto coreografato ma fa impressione ugualmente. :O
    http://www.youtube.com/watch?v=6eZ70H40-BQ

    [Modificato da Lightside il 25/07/2009 00:54]

  9. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5192535
    gek ha scritto:
    Va beh ma il paletto del "mani nude" serve a creare dei termini di confronto.
    Ci devi mettere le armi?
    Uno spetnaz col coltello mangia tutti.
    Ma lo owna il cecchino che gli spara da 5 km e mezzo.
    Però Obama fa sganciare una nucleare sulla città e li sconfigge.
    Poi arrriva Goku e va di kamehame distruggendo il pianeta
    E se mi dici "va beh,ma solo con quello che trovano lì" allora non è l'individuo ma l'ambiente,e in quel caso decade l'attendibilità del confronto,perchè il lanciatore di sassi migliore al mondo mangia tutti se si litiga in un campo pieno di sassi,ma questo fa di lui solo il più avvantaggiato in quella situazione,non il più temibile in generale
        Sei un grande :doc: sto ancora ridendo a lacrime:lol:ed il bello è che il discorso non fa una grinza
  10.     Mi trovi su: Homepage #5192540
    BlueHaplo ha scritto:
    Sei un grande :doc: sto ancora ridendo a lacrime:lol:ed il bello è che il discorso non fa una grinza
                    Non fa un grinza in generale ma è stato tirato fuori un nome preciso, nel rispondere ad una domanda di Cervantes: quello di Jackie Chan. Ho solo detto che uno con la sua abilità nel volatilizzarsi in park-our, o nel costruire armi di fortuna e usarle in maniera micidiale, potrebbe (sottolineo il condizionale) eliminare eventuali gap che invece sul ring avrebbe in maniera palese (età in primis). Niente altro.
    Se portando per strada Jackie Chan e Fedor continui a metterli a confronto come se fossero sul ring, ossia mani e piedi e obbligo a combattere faccia a faccia, è anche inutile farlo il confronto, tantovale lasciarli sul ring scusa. Io stavo facendo un confronto a 360 gradi e prendendo in considerazione tutte le possibili variabili. Tutto li.
    Poi è ovvio che facendo un discorso generale invece non c'è niente di scontato, che è poi l'unica cosa che non fa veramente una grinza. L'esito di un confronto dipende da molti, troppi fattori, e non solo nel campo del combattimento.

    [Modificato da Lightside il 25/07/2009 00:43]

  11. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5192679
    Lightside ha scritto:
    Non fa un grinza in generale ma è stato tirato fuori un nome preciso, nel rispondere ad una domanda di Cervantes: quello di Jackie Chan. Ho solo detto che uno con la sua abilità nel volatilizzarsi in park-our, o nel costruire armi di fortuna e usarle in maniera micidiale, potrebbe (sottolineo il condizionale) eliminare eventuali gap che invece sul ring avrebbe in maniera palese (età in primis). Niente altro.
    Se portando per strada Jackie Chan e Fedor continui a metterli a confronto come se fossero sul ring, ossia mani e piedi e obbligo a combattere faccia a faccia, è anche inutile farlo il confronto, tantovale lasciarli sul ring scusa. Io stavo facendo un confronto a 360 gradi e prendendo in considerazione tutte le possibili variabili. Tutto li.
    Poi è ovvio che facendo un discorso generale invece non c'è niente di scontato, che è poi l'unica cosa che non fa veramente una grinza. L'esito di un confronto dipende da molti, troppi fattori, e non solo nel campo del combattimento.
    Dai ma Obama, ed il lanciatore di sassi sono geniali.
    Quello che continuo a dire e che sbagli a fare confronti con il buon Fedor, che si è fatto 2 anni d'esercito russo, e sul quale non scommetteri l'incapacità di utilizzare anch'egli armi di fortuna.
    Vero comunque che in quel caso un JC possa essere avvantaggiato, qualora trovi armi improprie sul suo cammino, non è che in strada ad ogni angolo spuntino bastoni come funghi.
    Poi può anche capitare che al pivellino, che sta di fronte al supermaestro28dan, gli entri un calcio nelle palle e lo manda a nanna.
    Certo che il tutto dipende da molti fattori.
    Secondo me però o prima di iniziare a darsele il JC di turno, trova l'arma impropria subito, oppure l'animale MMA gli finisce sopra Ground & Pound e la storia è finita.
  12. tranquillo  
        Mi trovi su: Homepage #5192683
    Lightside ha scritto:
    Parlando di scontri "illustri", sapevate che Van Damme e Seagal stavano venendo alle mani a casa di Stallone nel '97? Peccato che non se ne sia fatto poi nulla, sarebbe stato da pop-corn e birra. :DD
    http://www.youtube.com/watch?v=A-U5L0QPkrE
    Secondo voi chi avrebbe vinto?
     Ecco questa è una cosa sulla quale possiamo discutere, solo che anche qui in base altuo ragionamento fatto prima ti chiedo, mani nude o tutte le possibilità che il campo di battaglia offre?
    No perchè in caso di poter usare bastoni o altro Steven Segael
    A mani nude.....................Steven Segael, anche se JVD è più giovane di una decina d'anni.
  13.     Mi trovi su: Homepage #5193077
    BlueHaplo ha scritto:
    Dai ma Obama, ed il lanciatore di sassi sono geniali.
    Quello che continuo a dire e che sbagli a fare confronti con il buon Fedor, che si è fatto 2 anni d'esercito russo, e sul quale non scommetteri l'incapacità di utilizzare anch'egli armi di fortuna.
    Vero comunque che in quel caso un JC possa essere avvantaggiato, qualora trovi armi improprie sul suo cammino, non è che in strada ad ogni angolo spuntino bastoni come funghi.
    Poi può anche capitare che al pivellino, che sta di fronte al supermaestro28dan, gli entri un calcio nelle palle e lo manda a nanna.
    Certo che il tutto dipende da molti fattori.
    Secondo me però o prima di iniziare a darsele il JC di turno, trova l'arma impropria subito, oppure l'animale MMA gli finisce sopra Ground & Pound e la storia è finita.
     Fedor è X, è solo un nome a caso solo perchè è stato citato, puoi sostituirlo con chi ti pare.
  14.     Mi trovi su: Homepage #5193084
    BlueHaplo ha scritto:
    Ecco questa è una cosa sulla quale possiamo discutere, solo che anche qui in base altuo ragionamento fatto prima ti chiedo, mani nude o tutte le possibilità che il campo di battaglia offre?
    No perchè in caso di poter usare bastoni o altro Steven Segael
    A mani nude.....................Steven Segael, anche se JVD è più giovane di una decina d'anni.
       Il campo di battaglia era villa Stallone, che dal video pare che avesse intonachi (si dice così al plurale? :\) piuttosto costosi. Ergo credo che se la sarebbero dovuta vedere in giardino, quindi a mani nude piene.
    Secondo me Seagal le avrebbe prese. A parte l'età, non ha nemmeno sto fisico invidiabile. Poi VD ha una brutta fiaccia, proprio da attaccabrighe, mentre Seagal va in Tibet, segue Sai Baba... è un nonno di due nipoti, insomma... lo vedo troppo poco "cattivo" per fronteggiare uno come Van Damme in maniera vincente, ed infatti a quanto dice Van Damme nel video lui lo avrebbe invitato ad uscire fuori per "chiarire" e Seagal non si sarebbe presentato. Per molti può essere un atteggiamento da codardo, ma per un aikidoka è il fonamento della difesa personale: evita lo scontro, se riesci.
    Poi magari mi sbaglio.

  Arti Marziali e Sport da Combattimento a confronto

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina