1.     Mi trovi su: Homepage #5231197
    Ultimamente sento ai vari tg che ci sono diversi "personaggi" che cominciano a dire che la crisi sta entrando nella fase di declino che c'è il segno della ripresa bla bla bla
    Bhè, io non so a chi si riferiscano ma SICURAMENTE non vedo di certo segnali di ripresa per noi "poveri" lavoratori dipendenti di grandi o (ancora peggio) piccole aziende.
    Io lavoro in una importante azienda di elettrodomestici come metalmeccanico e (nel gruppo) ci sono stabilimenti davvero in crisi, per la poca richiesta del mercato, con conseguenti tagli di personale, cassaintegrazione mobilità ecc..
    Dicono che lo stabilimento dove lavoro io sia quello che "si salva" di più nel gruppo che, in pratica, rischiamo di meno ma (comunque sia) ci sarà lo stesso, a fine Settembre, un taglio di personale dato che tutti i contratti a termine non saranno rinnovati e andranno (da qui a fine anno) una trentina di persone in prepensionamento per la richiesta molto bassa del mercato con conseguente esubero di personale.
     Continuo a sentire aziende che chiudono, gente che va in cassaintegrazione ecc..
    Io non credo a queste CaXXate che sparano nei tg (ormai ne sono pieni zeppi di caXXate) tendono ormai a nascondere la verità, a far vedere che va tutto bene, che non c'è da preoccuparsi, tanto non fanno fatica loro ad arrivare a fine mese e non vivono ogni giorno con il timore di perdere il posto di lavoro.
    La crisi è tutt'altro che passata ci aspettano ancora mesi duri temo..
    Ditemi cossa ne pensate e segnalatemi le vostre esperienze e testimonianze  ;)
  2. tira una brutta aria...  
        Mi trovi su: Homepage #5231445
    Ho spostato in attualità e politica
    in ogni caso si è parlato di fine della crisi a livello finanziario,ma per vedere una tangibile ripresa dell'economia "reale" ci vorrà ancora un bel po..
    oggi più o meno tutte le aziende hanno ripreso l'attività,nel settore dove lavoro io (sono uno stampatore di etichette adesive) c'è stato un calo ma nulla di drammatico,anzi tra luglio e agosto nella mia azienda si è lavorato più dello scorso anno,non c'è praticamente stata chiusura estiva (solo una settimana) ed è la prima volta in 20 anni che capita
    vedremo come si evolveranno le cose da settembre in poi,in ogni caso per tutelarsi il titolare ha chiesto l'autorizzazione all'uso della cassa integrazione per 4 persone a rotazione,speriamo non ce ne sia bisogno
    aggiungo una personale considerazione:io sono convinto che in tanti abbiano usato la crisi come alibi per giustificare tagli di personale dovuti a situazioni di difficoltà già esistenti,so per certo di aziende che han delocalizzato aprendo stabilimenti all'estero,e che ai primi accenni di crisi si son liberati di personale che già era in eccesso qui in Italia..
    nella vita fai quel che pensi
    perchè altrimenti potresti trovarti a pensare a quel che fai
    R.I.P. man on the silver mountain
  3.     Mi trovi su: Homepage #5231540
    Io , nel mio piccolo, sto vedendo segnali di ripresa.
    Ho interrotto la cassa per alcune aziende e si torna ad assumere
    speriamo :)
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5231943
    Rogilord ha scritto:
    Ultimamente sento ai vari tg che ci sono diversi "personaggi" che cominciano a dire che la crisi sta entrando nella fase di declino che c'è il segno della ripresa bla bla bla 
    CUT
     
    Tutte banfe. C'è chi dice che la crisi è a "V" e chi dice che è a "U"
    La crisi è a "L" perchè siamo arrivati al punto che nel mondo viaggiavano titoli pari a 40 volte il PIL mondiale reale. Per tornare come prima dobbiamo tornare nel mondo dei sogni.
    "No gods or kings. Only Man"

    www.retro-gaming.it
  5.     Mi trovi su: Homepage #5232384
    matly ha scritto:
    aggiungo una personale considerazione:io sono convinto che in tanti abbiano usato la crisi come alibi per giustificare tagli di personale dovuti a situazioni di difficoltà già esistenti,so per certo di aziende che han delocalizzato aprendo stabilimenti all'estero,e che ai primi accenni di crisi si son liberati di personale che già era in eccesso qui in Italia..
     Sono d'accordissimo con questa affermazione.
    .
    La crisi è reale e non si scappa, ma nessuno mi toglie il sospetto che alcune ditte ci abbiano un po' marciato per fare pulizia e snellire l'organico anche dove non strettamente necessario.
    .
    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  6.     Mi trovi su: Homepage #5232400
    Andhaka ha scritto:
    Sono d'accordissimo con questa affermazione.
    .
    La crisi è reale e non si scappa, ma nessuno mi toglie il sospetto che alcune ditte ci abbiano un po' marciato per fare pulizia e snellire l'organico anche dove non strettamente necessario.
    .
    Cheers
     Vero ed aggiungo anche per utilizzare aiuti di stato a sbafo, laddove non vi era necessità di ricorrere ad ammortizzatori sociali
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  7.     Mi trovi su: Homepage #5232573
    Non so per chi la crisi sia finita, so soltanto che tra questa domenica e la domenica prima, tutti quelli che hanno pianto miseria fino a ieri per la crisi sono tornati belli abbronzati a rimpolpare la città dalle loro belle vacanze, pagate anche a rate piuttosto che stare a casa.
    .
    Considerazioni (cmq vere e sotto gli occhi di tutti) a parte, penso che un po' di ottimismo ci voglia. La gente che ha i soldi deve tornare ad investire. E' poi ovvio che i lavoratori dipendenti, soprattutto quelli delle piccole aziende, come ultima ruota del carro siano stati i primi a vedere la crisi e saranno gli ultimi ad uscirne.
  8. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5232922
    Molti amici sono in cassa integrazione da diversi mesi, chi a singhiozzo, chi no.
    Le banche di alcuni Stati importanti cominciano ad adottare il tasso di interesse negativo: tu devi pagare la banca se vuoi lasciargli dei soldi.
    Le banche hanno pianto un po' per ricevere finanziamenti dagli Stati, i quali si sono dissanguati e hanno ridotto o eliminato servizi fondamentali per la popolazione: appena ricevuti questi finanziamenti hanno continuato a produrre pacchetti tossici per i poveracci.
    Obama non ha ancora prodotto niente, e forse non può nemmeno.
    La Cina trucca i conti pubblici e alcune fondamenta si stanno sgretolando.
    Le tonnellate di millemilamiliardi di $ e € immesse sul mercato produrranno un'iperinflazione assurda nei prossimi anni.
    La crisi, secondo gli esperti che non vanno ai tg, per essere riassorbita completamente, avrà bisogno di una decina di anni (questo non vuol dire che saremo nella lerda come a ottobre 2008 nel 2018, ma è per far capire le proporzioni).
    Il sistema capitalista era ad un cm dal fallimento, erano già partiti ordini per bloccare i Bancomat sempre a Settembre/Ottobre 2008: questo per far capire da che punto dobbiamo risollevarci...
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5233605
    Andhaka ha scritto:
    Sono d'accordissimo con questa affermazione.
    .
    La crisi è reale e non si scappa, ma nessuno mi toglie il sospetto che alcune ditte ci abbiano un po' marciato per fare pulizia e snellire l'organico anche dove non strettamente necessario.
    .
    Cheers
     
    Vero. Usando un vecchio slogan "la crisi è per molti ma non per tutti".
    Fa un pò Titanic, la terza classe affoga dietro le inferriate, la seconda ci prova, la prima c'ha le scialuppe in ordine.
    Molte aziende ci marciano alla grande sostituendo la carota col bastone.
    "No gods or kings. Only Man"

    www.retro-gaming.it
  10. FROZEN  
        Mi trovi su: Homepage #5233629
    acitre ha scritto:
    Anche questo è molto a tema:
    http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/08/skyeurope-addio-le-aziende-che-oggi-non.html
     
    Il problema non è tanto che queste aziende chiudano (la lista tra l'altro è incompleta). Il problema è che non verranno rimpiazzate... Si tratta di posti di lavoro persi "per sempre".
    L'omeopata è l'umorista della professione medica. (Ambrose Bierce)
    "The more people there are, the less one person matters"
  11.     Mi trovi su: Homepage #5234336
    arcturus85 ha scritto:
    Molti amici sono in cassa integrazione da diversi mesi, chi a singhiozzo, chi no.
    Le banche di alcuni Stati importanti cominciano ad adottare il tasso di interesse negativo: tu devi pagare la banca se vuoi lasciargli dei soldi.
    Le banche hanno pianto un po' per ricevere finanziamenti dagli Stati, i quali si sono dissanguati e hanno ridotto o eliminato servizi fondamentali per la popolazione: appena ricevuti questi finanziamenti hanno continuato a produrre pacchetti tossici per i poveracci.
    Obama non ha ancora prodotto niente, e forse non può nemmeno.
    La Cina trucca i conti pubblici e alcune fondamenta si stanno sgretolando.
    Le tonnellate di millemilamiliardi di $ e € immesse sul mercato produrranno un'iperinflazione assurda nei prossimi anni.
    La crisi, secondo gli esperti che non vanno ai tg, per essere riassorbita completamente, avrà bisogno di una decina di anni (questo non vuol dire che saremo nella lerda come a ottobre 2008 nel 2018, ma è per far capire le proporzioni).
    Il sistema capitalista era ad un cm dal fallimento, erano già partiti ordini per bloccare i Bancomat sempre a Settembre/Ottobre 2008: questo per far capire da che punto dobbiamo risollevarci...
     Ma certo, è esattamente così, la "merda" non è (purtroppo) ancora tutta venuta a galla, purtroppo i proclami ottimistici di uscita dal tunnel, lasciano il tempo che trovano detti poi da tutti quei tg che sono credibili come Moratti se dicesse di amare la Juventus. Qualcuno ha detto che questi "segni di ripresa" sono come delle piccole scosse elettriche presenti ancora su un cadavere. La mia impressione (per quello che sto vedendo io in giro) che si tende (da parte dei media) a fare proclami per tenere buona o abbindolare la gente che, però, si accorge (in larga parte) che la ripresa è ancora abbastanza lontana, il furturo è incerto un pò preoccupante anche se bisogna, comunque, cercare di essere un pò ottimisti e sperare che tutto migliori al più presto...

  EVVIVA!!! Dicono che la crisi è finita!!! Si, ma per chi??

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina