1.     Mi trovi su: Homepage #5254059
    Autobomba al passaggio di mezzi italiani a Kabul. Ancora non si capisce bene il numero dei caduti. Prima si parlava di "sei forti tra cui soldati italiani", poi di "sei morti tra gli italiani" e ora d un numero di vittime italiane che "va da 6 a 12".
    E' comunque il peggior attentato da Nassjria (o come si scrive). Mi pareva giusto aprirci un topic.

    [Aggiornamento] Il bilancio dovrebbe essere di 6 morti e 3 feriti. Tutti italiani. Più alcuni morti afghani. E pare sia un kamikaze, non un'autobomba.

    [Aggiornamento 2] Uno dei soldati era appena arrivato in Afghanistan. :(

    [Modificato da Maximus il 17/09/2009 11:22]

    "Love looks not with the eyes, but with the mind;
    And therefore is wing'd Cupid painted blind." (W. Shakespeare)
  2. Non è una capra, cretino, è il mio segno zodiacale  
        Mi trovi su: Homepage #5254633
    a voler essere onesti l'aveva provocata il precedente governo talebano-afgano, rifiutandosi di collaborare alla cattura di bin laden. poi, giustamente, ci si può chiedere perchè siamo *ancora* la
    Il lavoro di cui sono più orgoglioso, anche se ormai datato:
    http://www.gameplayer.it/speciale/speciale_pc_gaming_al_risparmio
  3.     Mi trovi su: Homepage #5254695
    Origami ha scritto:
    a voler essere onesti l'aveva provocata il precedente governo talebano-afgano, rifiutandosi di collaborare alla cattura di bin laden. poi, giustamente, ci si può chiedere perchè siamo *ancora* la
     DIrei che la domanda è legittima. Perchè siamo la'? Perche' restiamo ancora la'? Quali sono i veri motivi e obiettivi? Quando sarà giunto il momento di poter dire "missione compiuta, ce ne andiamo"? Perchè, se dobbiamo esportare la democrazia, allora dovremmo essere almeno in altri 10-15 paesi in asia e africa, e temo che da qui non se ne salterà mai fuori. E intanto altri 6 ragazzi non ci sono piu'. E a dirla tutta, oltre al dispiacere per i nostri connazionali, provo un po' di fastidio e imbarazzo di fronte a quest'enfasi, per i "due pesi e due misure". Come se i 15 morti civili di oggi fossero di serie B. Non vengono quasi mai nominati. Eppure è uno stillicidio quasi quotidiano che viene passato praticamente sotto silenzio, ultimi i tre militari canadesi pochi giorni fa, come se la morte laggiu' fosse cosa normale e ordinaria. Salvo poi strapparci le vesti e gridare "vigliacchi" quando sono i nostri connazionali a morire. Credo che anche qui, oltre a addolorarsi oggi per quel che e' successo, ci sarebbe da dolersi per quel che accade ogni giorno.
  4.     Mi trovi su: Homepage #5254740
    tengolapalla ha scritto:
    DIrei che la domanda è legittima. Perchè siamo la'? Perche' restiamo ancora la'? Quali sono i veri motivi e obiettivi? Quando sarà giunto il momento di poter dire "missione compiuta, ce ne andiamo"? Perchè, se dobbiamo esportare la democrazia, allora dovremmo essere almeno in altri 10-15 paesi in asia e africa, e temo che da qui non se ne salterà mai fuori. E intanto altri 6 ragazzi non ci sono piu'. E a dirla tutta, oltre al dispiacere per i nostri connazionali, provo un po' di fastidio e imbarazzo di fronte a quest'enfasi, per i "due pesi e due misure". Come se i 15 morti civili di oggi fossero di serie B. Non vengono quasi mai nominati. Eppure è uno stillicidio quasi quotidiano che viene passato praticamente sotto silenzio, ultimi i tre militari canadesi pochi giorni fa, come se la morte laggiu' fosse cosa normale e ordinaria. Salvo poi strapparci le vesti e gridare "vigliacchi" quando sono i nostri connazionali a morire. Credo che anche qui, oltre a addolorarsi oggi per quel che e' successo, ci sarebbe da dolersi per quel che accade ogni giorno.
    Mah, io credo che sia del tutto normale che venga dato maggiore risalto ai caduti italiani. Il che non significa che questi morti valgano di più degli altri, ma semplicemente che sono per ovvi motivi maggiormente sentiti. Esattamente come in Afghanistan staranno dando risalto ai loro morti. Esattamente come sono enormemente più dispiaciuto se muore un mio amico rispetto a una persona che non conosco. Esattamente come sento di più se dei morti riguardano la mia città rispetto ad un altra. Esattamente come si rimane maggiormente colpiti da un attentato contro cittadini occidentali, rispetto ad un attentato che colpisce solo persone del posto e magari frutto di lotte interne a un paese, una cultura. E così via. Non ci vedo assolutamente niente di strano. E' come chiedersi perché parliamo tanto di 300 morti abruzzesi, quando altri terremoti fanno ben più vittime. Non significa mica che gli altri non contino, ma semplicemente che i primi sono per forza di cose più sentiti, più vicini.
    Ovviamente, è assurdo che certe problematiche e situazioni vengano affrontate e portate alla ribalta solo quando ci interessano direttamente. Ma è discorso diverso dal "due pesi e due misure" sui morti.
    "Love looks not with the eyes, but with the mind;
    And therefore is wing'd Cupid painted blind." (W. Shakespeare)
  5. Estinto  
        Mi trovi su: Homepage #5255142
    Ma l'avete vista l'intervista del talebano con la giornalista italiana?
    /!\ Il Terrificante Fossile di outcast.it /!\ E sono pure "Tribolo" autore di enigmi sulla Settimana Enigmistica.
    Se guardi le stelle e basta, sei solo a metà del guado. Se le ascolti anche, arrivi dall'altra parte. Ex curatore col MiniGeo di http://www.videogame.it/forum/t/337579/editoriale-father-son-punti-di-vista.html http://next.videogame.it/e3-2010/87963/ http://next.videogame.it/gamescom-2010/90316/ http://www.videogame.it/netportal-ipho/99540/netportal-filebrowser.htm Grazie AlexBi, Fogman e Fotone!!!

  Afghanistan: attacco agli italiani

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina