1. resident evil  
        Mi trovi su: Homepage #5274163
    primo dei dieci saggi porta la firma di Matt Kimmich e si interroga
    sulla presunta inferiorità dei videogiochi rispetto al cinema in quanto
    forma di espressione artistica.
     Non ha senso porla in questi termini.Quella del videogioco è collateralità,non inferiorità.
    Nonostante il VG guardi il cinema con il massimo rispetto (fosse soltanto per ragioni anagrafiche)
    le relazioni tra i media tutti sono oramai a doppio senso di marcia.
    Ci sono pessimi film e ottimi videogiochi,film influenzati pesantemente dai comics(Sin  City,Batman)
    nell'espressione scenografico/artistica delle storie così come nel linguaggio.
    Oramai tutto è fusion.
    "Il videogioco non potrà mai essere considerato una forma d'arte e,
    anzi, risulta oggi finanche incapace di reggere il confronto con le
    opere dei grandi drammaturghi, poeti, registi, romanzieri e compositori"

    [/i]
    Che sono però figlie di tutt'altra epoca,dove semplicemente la tecnologia non esisteva.
    E ripeto,non è una questione di "confronto".
    "La sequenza di apertura di Half-Life (1998) rappresenta un episodio di
    storia videoludica che nessun giocatore che si rispetti ha dimenticato
    (T. Adam)
    Piacque molto anche a me,ma non mi stupì,per niente.Lo fecero prima quella di resident evil e metal gear solid,quest'ultima la prima che mi fece pensare veramente a un film.
    [i]

  [Recensione Videoletture] Cinema e videogiochi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina