1. next  
        Mi trovi su: Homepage #5283770
    evil_ ha scritto:
    ma infinity ward è uno studio interno ad activision? perchè se la risposta è si, quoto i dubbi di phobos.
     sì è uno studio interno, ma questo non vuol dire non abbia alcun potere decisionale, scusa. se il capo degli studi dice al publisher "o facciamo così o me ne vado in electronic arts" quelli magari sono costretti ad accettare il rischio. anche perché notoriamente quando va via un capo si porta dietro tutti gli sviluppatori più bravi...
  2.     Mi trovi su: Homepage #5283782
    evil_ ha scritto:
    ma infinity ward è uno studio interno ad activision? perchè se la risposta è si, quoto i dubbi di phobos.
     domandina: ma Activision è la stessa che prima ha defenestrato Ghostbuster e Brutal Legend perchè non poteva serializzarli annualmente, salvo poi mangiarsi le mani per GH e cercare di bloccare l'uscita di Bl quando ha visto che entrambi erano cmq bei giochi?
    Meglio mezz'ora di TG4 o un clistere ai 4 formaggi? Troviamo insieme una risposta a questo annoso problema.
    «Poison in his veins. Vengeance in his heart.»
  3. abra-che cazzo-cadabra  
        Mi trovi su: Homepage #5283784
    babalot ha scritto:
    sì è uno studio interno, ma questo non vuol dire non abbia alcun potere decisionale, scusa. se il capo degli studi dice al publisher "o facciamo così o me ne vado in electronic arts" quelli magari sono costretti ad accettare il rischio. anche perché notoriamente quando va via un capo si porta dietro tutti gli sviluppatori più bravi...
     beh si, io pensavo al publisher che potrebbe dire "i soldi li caccio io e fai quello che dico io", però la tua spiegazione mi sembra molto più plausibile: pur di tenersi lo sviluppatore si scende a compromessi.
    | || ||| ||||
    All men dream, but not equally.
  4. next  
        Mi trovi su: Homepage #5283832
    evil_ ha scritto:
    beh si, io pensavo al publisher che potrebbe dire "i soldi li caccio io e fai quello che dico io", però la tua spiegazione mi sembra molto più plausibile: pur di tenersi lo sviluppatore si scende a compromessi.
     guarda per esempio al caso di bungie, talmente "potenti" da costringere microsoft ad accettare che tornassero indipendenti per amore di Halo, così da salvare il quarto capitolo e farlo sviluppare ancora una volta a loro - che notoriamente si erano rotti le palle della saga. che poi microsoft sia cmq corsa ai ripari creando un ulteriore "halo team" interno è un altro discorso... in un modo o nell'altro i publisher devono cmq pararsi il didietro. nel caso di activision, non ha fatto altro che prendere treyarch - che non aveva alcun potere decisionale - e dirgli "adesso me ne fate un altro ambientato nella seconda guerra mondiale perché i nostri sondaggi dicono che andrà bene". e guardacaso avevano ragione anche loro, visto il successo di World at War - che qualcuno potrà anche dire "grazie al piffero, con il motore e il multiplayer presi pari pari dal 4 ;)"
  5. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5283909
    babalot ha scritto:
    Activision non voleva Modern Warfare: Infinity Ward svela i retroscena della lavorazione del gioco.
     Però tutto sommato comprendo le loro perplessità: al tempo c'era 1 sola saga concorrente in ambito di seconda guerra mondiale, mentre per i conflitti moderni ci si andava a scontrare con tutta una serie di giochi noti.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5284014
    babalot ha scritto:
    beh, un filino abusata anche quella, se permetti. evidentemente volevano maggiore libertà.
     ma anche no, pure quando fecero il primo stavano uscendo diversi giochi con quell'ambientazione però loro proprio ti davano l'idea di esserci dentro, e quella per me era la carta vincente, farti vivere in prima persona la seconda guerra mondiale, un avvenimento storico, quindi perchè non continuare con l'immersione in altri conflitti storici? Ovviamente con armi da fuoco intendo io.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5284076
    babalot ha scritto:
    sì è uno studio interno, ma questo non vuol dire non abbia alcun potere decisionale, scusa. se il capo degli studi dice al publisher "o facciamo così o me ne vado in electronic arts" quelli magari sono costretti ad accettare il rischio. anche perché notoriamente quando va via un capo si porta dietro tutti gli sviluppatori più bravi...
     E ok, ma tutti i doveri contrattuali dove li mettiamo? A me sta storia continua a sembrare strana XD
  8.     Mi trovi su: Homepage #5284318
    Sì vero, la cosa sembra strana, ma non sta a noi spiegarla :D
    Semplicemente il "paradosso", l'ironia, sta nel fatto che il gioco che Activision "non voleva fare" gli è fruttato più di qualunque altra cosa...gioco dell'anno 2007 (a quanto è arrivato, 14 milioni e passa di copie?), uno dei giochi più venduti di sempre, credo anche miglior gioco della storia della stessa Activision...insomma la "morale" se vogliamo è che il rischio paga (bene in questo caso) ;)
    Senza considerare che l'erede (MW2) nelle previsioni è già favorito per spodestarlo dal trono...il che vuol dire cosa, quanto?? 20 milioni di copie :asd:
  9.     Mi trovi su: Homepage #5284617
    mi considero un semplice usufruitore  e appassionato di videogame. Mi interessano poco le strategie di mercato e le motivazioni che girano ditero publisher , sviluppatori e via discorrendo. Tanto la verità è sotto gli occhi di tutti, i giochi tendono ad assomigliarsi..........in pratica i programmatori seguono il principio edonistico del tornaconto, ovvero ottenere un buon risultato con il minimo sforzo.
    I giochi anche quelli "superfighi" come forza 3 e call of duty si basano sulla sacra tecnica del  copia e incolla :toghy:

  [Notizia Call of Duty 4: Modern Warfare] Activision non voleva Modern Warfare

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina