1.     Mi trovi su: Homepage #5322314

    L'imprenditore che in estate ha trattato l’acquisto del Bologna avrebbe aggredito un editore

    TIRANA, 5 novembre - Una corte di Tirana ha deciso oggi l'arresto, in attesa della conclusione delle indagini, per Rezart Taçi, il petroliere albanese che tre giorni fa avrebbe aggredito, insieme a due suoi dipendenti, Mero Baze, editore del quotidiano “Tema” in uno dei pub al centro della capitale. La sentenza è stata emessa in contumacia ma il petroliere, che l'agosto scorso, rinunciò all'acquisto del Bologna FC solo poche ore prima della firma dell'accordo, dopo essere stato ricercato dalla polizia per tre giorni oggi, poche ore dopo la sentenza, si è costituito.

    LA VICENDA - L'arresto in carcere è stato confermato anche per i due dipendenti del gruppo Taçi Oil' che insieme all'imprenditore avevano picchiato il giornalista. Baze è autore di decine di articoli che hanno denunciato i presunti «legami di interesse fra Taçi e il premier Berisha» e gravi irregolarità nella privatizzazione di Armo, la più grande azienda di raffinazione e distribuzione del petrolio in Albania, venduta a Taçi l'anno scorso. Sulla vicenda hanno protestato le organizzazioni per i diritti dell'uomo e le associazioni dei giornalisti. Da parte sua, Taçi si è ovviamente dichiarato innocente, affermando di essere vittima di un complotto teso a levargli il controllo della sua compagnia petrolifera. Il giornalista pestato, invece, è ricoverato in ospedale con ferite e contusioni su tutto il corpo.

  2.     Mi trovi su: Homepage #5322327
    Pezzotto ha scritto:
    L'imprenditore che in estate ha trattato l’acquisto del Bologna avrebbe aggredito un editore

    TIRANA, 5 novembre - Una corte di Tirana ha deciso oggi l'arresto, in attesa della conclusione delle indagini, per Rezart Taçi, il petroliere albanese che tre giorni fa avrebbe aggredito, insieme a due suoi dipendenti, Mero Baze, editore del quotidiano “Tema” in uno dei pub al centro della capitale. La sentenza è stata emessa in contumacia ma il petroliere, che l'agosto scorso, rinunciò all'acquisto del Bologna FC solo poche ore prima della firma dell'accordo, dopo essere stato ricercato dalla polizia per tre giorni oggi, poche ore dopo la sentenza, si è costituito.
    LA VICENDA - L'arresto in carcere è stato confermato anche per i due dipendenti del gruppo Taçi Oil' che insieme all'imprenditore avevano picchiato il giornalista. Baze è autore di decine di articoli che hanno denunciato i presunti «legami di interesse fra Taçi e il premier Berisha» e gravi irregolarità nella privatizzazione di Armo, la più grande azienda di raffinazione e distribuzione del petrolio in Albania, venduta a Taçi l'anno scorso. Sulla vicenda hanno protestato le organizzazioni per i diritti dell'uomo e le associazioni dei giornalisti. Da parte sua, Taçi si è ovviamente dichiarato innocente, affermando di essere vittima di un complotto teso a levargli il controllo della sua compagnia petrolifera. Il giornalista pestato, invece, è ricoverato in ospedale con ferite e contusioni su tutto il corpo.
     Mo' prende la cittadinanza bilanotta, si fa' eleggere in Barlamento e diventa Bremier.

  Albania, arrestato il petroliere Taçi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina