1.     Mi trovi su: Homepage #5397056
    Un personaggio, questo è poco ma sicuro. 
    Calcisticamente, umanamente, socialmente. Guus Hiddink ha una
    storia come pochi. Poliglotta, parla sei lingue e giramondo del
    pallone.  Nato a Varsseveld 63 anni fa, si è diviso tra la carriera
    di modesto calciatore, controbilanciata da una da allenatore piena
    di successi. In mezzo ci sono anche undici anni da insegnante di
    educazione fisica, nella sua città natale. Periodo nel quale ha a
    che fare con "ragazzi di strada, con un background duro, famiglie
    disagiate, che chiedevano aiuto: formarli mi ha aiutato a capire le
    difficoltà che si incontrano nella vita" ha raccontato lo stesso
    Hiddink.

    Una lezione importante che fa seguito a quelle impartite dal padre,
    decorato con una medaglia al valore civile per aver salvato dalla
    deportazione un discreto numero di cittadini ebrei durante
    l'occupazione nazista dell'Olanda. D'altra parte la famiglia
    Hiddink era formata da sei figli. E imparare a condividere tutto ed
    aiutarsi viene da sé. Un carattere influenzato dagli insegnamenti
    dei genitori, inclini a socializzare e ad aiutare sempre il
    prossimo. Con un motto che rimbalza nella testa di Guus: "Resistere
    e opporsi a chi fa un cattivo uso del potere" gli ha sempre
    ripetuto il padre.

    Combattere le ingiustizie, le diseguaglianze, il razzismo. Non solo
    parole con cui fare bella figura e riempirsi la bocca. Ma anche
    fatti. Come ai tempi in cui guidava il Valencia, tra il 1991 ed il
    1994, e prima di una gara al "Mestalla" fece rimuovere uno
    striscione nazista esposto dai suoi tifosi minacciando di non far
    giocare la partita alla squadra. E mentre in Italia ancora si
    discute sul da farsi, lui la cosa più sensata l'ha già fatta da
    tempo. Un gesto che ha fatto storia: "Il calcio ha una funzione
    specifica  -  ha detto Hiddink lo scorso aprile in un'intervista
    alla Gazzetta dello Sport - è lo sport universale per eccellenza ed
    è uno straordinario mezzo di comunicazione. I messaggi sbagliati
    vanno immediatamente intercettati. Il calcio è per sua natura uno
    spot contro il razzismo. Io ho lavorato con molti club e squadre
    nazionali. In questa mia esperienza, mi sono sempre trovato
    benissimo ad agire con un melting pot di razze e culture. Tutte
    quelle persone così diverse, in un contesto come quello di una
    squadra di calcio, si rafforzano a vicenda. Diventano più saggi,
    imparando l'uno dall'altro. E poi è anche molto bello guardare
    oltre i propri confini. Il calcio è un mezzo ideale per unire le
    persone di diverse culture".

    OAS_RICH('Middle');



    Razzismo con cui ha avuto a che fare anche all'interno della sua
    Olanda, divisa in clan, quando era ct (dal 1994 al 1998). Tanto da
    dover rispedire a casa, durante il ritiro pre Europeo '96, Davids
    che lo accusava di avere preferenze per i giocatori bianchi.

    È un periodo in cui la carriera di Hiddink sta andando alla grande.
    Nella sua prima esperienza al Psv Eindhoven (dal 1987 al 1990) ha
    vinto tre scudetti, tre coppe d'Olanda, ma soprattutto una coppa
    Campioni, nel 1988, nella finale vinta ai rigori con il Benfica.
    Con la nazionale olandese ottiene un quarto posto al Mondiale del
    1998. Tutto questo mettendo sempre in mostra un gioco offensivo,
    spettacolare e divertente. Se ne accorge il Real Madrid, che lo
    chiama in panchina. Non ci sta nemmeno un anno, ma gli basta per
    vincere la coppa Intercontinentale. Altra breve parentesi al Real
    Betis e poi ecco l'altra grande avventura di Hiddink, una scommessa
    vera e propria. Così accetta la guida della Corea del Sud. È in
    questo periodo che crea la Guus Hiddink Foundation, che si occupa
    di solidarietà. Con tre progetti chiave. Un miracolo, che va ad
    unirsi a quello calcistico, conducendo i coreani fino alla
    semifinale del Mondiale giocato in casa. Anche se con qualche
    polemica, soprattutto per gli arbitraggi. Ne sa qualcosa l'Italia
    con la direzione di Byron Moreno. In Corea diventa un idolo, tanto
    che lo stadio di Gwangju, che oggi si chiama Guus Hiddink Stadium,
    gli è stato dedicato.

    Chiusa la parentesi coreana, torna al Psv fino al 2006, dove vince
    altri tre campionati ed un'altra coppa d'Olanda. Insieme, nel 2005,
    assume la direzione tecnica dell'Australia, altra nazionale che
    riesce a portare al Mondiale. Sulla sua strada riecco l'Italia,
    agli ottavi, ma questa volta gli va male e viene eliminato. Nel
    luglio 2006 eccolo allenare la Russia, tra luci ed ombre: chiude
    l'Europeo del 2008 con la semifinale, facendo vedere il suo solito
    gioco ad alto contenuto spettacolare. Fallisce però la
    qualificazione al prossimo Mondiale sudafricano. Nel febbraio 2009
    accetta l'offerta del Chelsea, altro doppio impegno. Quattro mesi
    di lavoro, ricambiati con una coppa d'Inghilterra, ma non con la
    Champions League, che gli porteranno circa due milioni di euro. Che
    vanno ad aggiungersi ai 7 che gli assicura la federazione russa. E
    infatti nella classifica di France Football del 2009 sugli
    allenatori più pagati al mondo Hiddink lo troviamo al terzo posto,
    con 9 milioni, dietro a Scolari e Mourinho.



    Sono contento che al 99% arrivi in Italia, è un Maestro.
    Sperem che ormai sia troppo tardi per consentire alla Juve un recopero con altri sicuramente impossibile. L' anno prossima la Juve diventerebbe la favorita per lo scudetto con Gus Hiddink e qualche retocco alla rosa.
  2.     Mi trovi su: Homepage #5397088
    Da ciò che ho letto per ingaggiarlo bisognerebbe sborsare non pochi milioni, quindi mi chiedo se ne vale la pena visto che ormai la stagione della Juve è compromessa. Sono fuori dalla Champions e dalla corsa scudetto, si tratta solo di arrivare tra le prime 4 e magari centrare l'obiettivo della Uefa (no alla Coppa Italia :asd: )

    Quindi un'operazione del genere la vedrei più adatta all'inizio della prossima stagione....a meno che Hiddink non firmi un contratto pluriennale, ma non so se può essendo anche l'allenatore della Russia :)
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5397367
    Pezzotto ha scritto:
    Da ciò che ho letto per ingaggiarlo bisognerebbe sborsare non pochi milioni, quindi mi chiedo se ne vale la pena visto che ormai la stagione della Juve è compromessa. Sono fuori dalla Champions e dalla corsa scudetto, si tratta solo di arrivare tra le prime 4 e magari centrare l'obiettivo della Uefa (no alla Coppa Italia :asd: )

    Quindi un'operazione del genere la vedrei più adatta all'inizio della prossima stagione....a meno che Hiddink non firmi un contratto pluriennale, ma non so se può essendo anche l'allenatore della Russia :)


    se resta ferrara secondo te la juve arriva tra i primi 4, ci metteresti la mano sul fuoco?con questa roma?con questa fiorentina?considerando che c'è pure un napoli in gran spolvero?
  4.     Mi trovi su: Homepage #5397379
    Pezzotto ha scritto:
    Da ciò che ho letto per ingaggiarlo bisognerebbe sborsare non pochi milioni, quindi mi chiedo se ne vale la pena visto che ormai la stagione della Juve è compromessa. Sono fuori dalla Champions e dalla corsa scudetto, si tratta solo di arrivare tra le prime 4 e magari centrare l'obiettivo della Uefa (no alla Coppa Italia :asd: )
    Quindi un'operazione del genere la vedrei più adatta all'inizio della prossima stagione....a meno che Hiddink non firmi un contratto pluriennale, ma non so se può essendo anche l'allenatore della Russia :)
       Penso che i russi lo lascerebbero allenare la Juve anche l'anno prossimo. Con questa Juve e Ferrara, col solito Del Piero che fa' spogliatoio contro fin che non gioca...Se la Juve arriva sesta sarebbe già un buon resultato.
    Hiddink farebbe giocare Pinturicchio, la Juve in 3-4 partite troverebbe un bel gioco....Arriverebbero secondi o terzi e l'anno prossimo completano l'opera. Fossi un supporter juventino farei colletta pur di avere Gus subito :D Anche prima di Juve-Napoli :asd:
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5397546
    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    io nn trovo giusto che ferrara paghi per colpe nn sue ... preferisco arrivare anche decimo, ma con ciro ...


    Scusa alex, ma come fai a dire che non sono colpe sue?Prendo ad esempio la partita col Milan.

    Giocare con una punta col Milan è un suicidio (lo è da anni, mi ricordo ancora i bellissimi derby con adriano unica punta). Secondo me bisognava partire con due punte (Con diego non a centrocampo ma la davanti.
    Vuoi giocare con una punta e giocare con 4 centrocampisti?I due centrocampisti di fascia devono essere centrocampisti di fascia. Mettere marchisio a fare la fascia non ha senso perchè gli togli la caratteristica in cui eccelle, gli inserimenti centrali. Avevi de ceglie e salihamidic disponibili, perchè lasciare in panca de ceglie?Che senso ha?
    Se giochi con quel modulo secondo me de ceglie è l'unico giocatore che può giocare a sinistra visto che ha anche un buon piede.
    Da ciò deriva la scelta di melo (palesemente fuori dagli schemi) o comunque poulsen (che comunque fa legna) al posto di marchisio (che per ora non ha ancora sfondato, ma è l'unico che pare dare speranza per il futuro).
    Poi Decidi di fare entrare del piero per chi? per uno dei pochi che si stava salvando nonchè unico giocatore di fascia?ed il tutto per spostare comunque un discreto Diego in fascia?Ti rendi conto che dopo quella mossa la juve non ha fatto più niente?E non tirarmi fuori le punizioni rugbystiche da 40 metri di Del piero.
    Aggiungiamoci che far entrare del piero ha significato che Diego non ne ha più calciata una. Diego (e si vede ogni giornata) tira punizioni ed angoli da dio, non a caso l'unico schema juve è angolo o punizione. Diego tira e sperare che qualcuno la sbatta dentro.
    Ferrara ha poi fatto fuori molinaro, una pippa vero, ma altro giocatore che fa legna ed in una squadra come quella attuale serve gente che corre.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5397576
    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    io nn trovo giusto che ferrara paghi per colpe nn sue ... preferisco arrivare anche decimo, ma con ciro ...
     A me è simpatico ma mi sa che non vale molto....

    A sua difesa direi che contro il Bilan hanno giocato male sia Juve che Bilan e che i gol son venuti da zaccate difensive su 3 calcio d'angolo....
    Soprattutto direi che Buffon, Caceres, Camoranesi, Sissoko, Iaquinta e Trezeguet fuori...Sono assenze importanti.
    Non è facile...
    Mo' rientra Caceres ma s'è rotto Poulsen...

    Sono gli stessi problemi che, con rosa meno folta, ha avuto ache Ranieri per tutto l'anno scorso.
    Ranieri era ed è fior di Mister e la Juve aveva 6-7 punti in più...alla fine dell'andata....
    Ferrara non è un Mister ed è normale che sbagli. Molti altri comunque non saprebbero far meglio.
    Hiddink sicuramente sì, anche con mezza Squadra fuori.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5397670
    massituo ha scritto:
    se resta ferrara secondo te la juve arriva tra i primi 4, ci metteresti la mano sul fuoco?con questa roma?con questa fiorentina?considerando che c'è pure un napoli in gran spolvero?


    No, il cambio mi sembra inevitabile. Io intendevo dire che se devono prendere un allenatore semplicemente per terminare il campionato allora punterei su qualcuno meno caro di Hiddink.

    L'olandese non si discute.....l'ho sempre ritenuto tra i migliori allenatori al mondo, ma lo prenderei solo per far partire un progetto pluriennale. Allora si che i fior di milioni che occorrerebbero per ingaggiarlo sarebbero stati spesi bene.

    Insomma, non credo che serva Hiddink per arrivare 4°......si punta su Hiddink per vincere il campionato o la Champions, ma ormai la Juve è fuori da tutto.
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5397689
    Pezzotto ha scritto:
    No, il cambio mi sembra inevitabile. Io intendevo dire che se devono prendere un allenatore semplicemente per terminare il campionato allora punterei su qualcuno meno caro di Hiddink.

    L'olandese non si discute.....l'ho sempre ritenuto tra i migliori allenatori al mondo, ma lo prenderei solo per far partire un progetto pluriennale. Allora si che i fior di milioni che occorrerebbero per ingaggiarlo sarebbero stati spesi bene.

    Insomma, non credo che serva Hiddink per arrivare 4°......si punta su Hiddink per vincere il campionato o la Champions, ma ormai la Juve è fuori da tutto.


    è tutto il contrario invece.
    Supponiamo che davvero hiddink voglia 7 mln di euro a stagione. Se gli fai un quadriennale significa dargli 28 mln di euro :asd: In pratica si sceglie, si fa mercato o si prende un allenatore fenomenale?Personalmente preferisco fare mercato.
    Supponiamo invece che hiddink arrivi e resta solo fino a fine stagione. Significherebbe pagarlo 3,5 mln ed avere la quasi certezza della champions. Insomma, vista la situazione della juve, l'ambiente sfiduciato, pippe e giocatori che rendono la metà di quel che valgono io lo prenderei.
  9.     Mi trovi su: Homepage #5397719
    massituo ha scritto:
    aggiungo anche un'altra cosa. Quest'anno si giocheranno i mondiali. La juve ha parecchi giocatori che andranno ai mondiali (Sicuri Melo, Marchisio Grosso Cannavaro Chiellini Buffon). A fine stagione non è da escludere che tirino i remi in barca.


    sugli italiani sicuro, ma se melo tira i remi piú in barca di cosí ... :asd:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  10.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5397722
    digital_boy84 ♫ ha scritto:
    sugli italiani sicuro, ma se melo tira i remi piú in barca di cosí ... :asd:


    :asd:
    Guarda secondo me il problema non è melo in se stesso, ma proprio chi gli sta accanto. Secondo me soffre moltissimo il pressing, non avendo tecnica sopraffina ed essendo molto lento quando ha il pallone va in panico totale. Diciamo che è un giocatore che in un ambiente tranquillo e con una squadra tecnica davanti ed in parte può dare qualcosa di più..essendo una testa calda quando la barca affonda lui fa da carico di piombo :asd:
  11.     Mi trovi su: Homepage #5398101
    digital_boy84 ♫ ha scritto:
    sugli italiani sicuro, ma se melo tira i remi piú in barca di cosí ... :asd:
      Lascia che Melo trovi un Mister che lo impieghi bene....Lui resta un buon Giocatore impiegato malissimo e sfiduciato.

    Se parlassi con Ulisse aggiungerei che C.Zanetti in viola non gioca mai....come da sempre....:cool:

    Non solo gli italiani tireranno indietro le Gambe....Tutti i nazionali di qualsiasi squadra. E' normale che sia così nell'anno dei mondiali.

  Il mio Mister preferito va alla Juve

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina