1. LoTopichino DOC  
        Mi trovi su: Homepage #5442863
    robbe_881 ha scritto:
    Ho notato oggi che è ricominciata, ma è una fase strana, non ho capito molto bene.
    C' è qualcuno che la segue? magari può darmi qualche informazione.
     Io non ci ho mai capito nulla, so solo che Horacle ha vinto contro Alinghi
    /!\L'eLbano di Nextgame :cool:/!\
    Salite anche voi sulla giostra, è gratis, è Lo Topic!
  2. Stronghold  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5443079
    robbe_881 ha scritto:
    Ho notato oggi che è ricominciata, ma è una fase strana, non ho capito molto bene.
    C' è qualcuno che la segue? magari può darmi qualche informazione.
     E direi che è anche finita :-)
    Quest'anno si è tenuta una sfida ostile, che si è rifatta (obbligata dai tribunali) al Deed Of Gift originario (l'atto di donazione che è la base per le regole della Coppa), perchè non si è riusciti a raggiungere un accordo. Difatti, la Coppa America di per sè è una sfida a due, tra Challenger (che lancia la sfida) e Defender (che, appunto, è dal Deed obbligata a difenderla) su "grosse barche" (90 piedi) e al meglio delle tre sfide (su campo di regata a bastone, a triangolo e poi ancora a bastone nel caso serva una terza sfida). Poi, se il challenger e il defender si accordano, le regole possono venire modificate (e difatti negli anni abbiamo assistito a match race di qualificazione, la Luis Vitton Cup, per i challenger, e in certi casi in passato venivano anche tenuti match di qualificazione per il team defender, visto che tecnicamente la sfida non è tra team ma tra club velici...). In questo caso non è stato possibile :-), e quindi la sfida ha dovuto seguire il Deed of Gift, dopo una serie di cause intentate reciprocamente dai due team con decisioni prese dalla corte di New York che è l'unica ritenuta competente per le questioni riguardanti il Deed of Gift appunto.
    La storia di come si è arrivati a questa situazione non è proprio linearissima... Dopo la coppa del 2007, Alinghi aveva scelto come Challenger of Record (in caso di sfide multiple, il primo sfidante che tratta con il defender le regole della coppa in rappresentanza di tutti gli altri challenger) il Club Nautico Espanol De Vela, definendo anche una serie di nuove regole (tra le quali nuove barche) per la successiva edizione della coppa. Oracle, però, in rappresentanza del Golden Gate Yacht Club, aveva sporto denuncia dicendo che gli spagnoli non rispondevano ai requisiti del Deed Of Gift per essere scelti come Challenger of Record, non avendo tenuto nessuna regata durante l'anno prima di presentare la sfida (poi si sono scannati sui termini del fatto che la regata dovesse semplicemente essere tenuta durante l'anno oppure effettivamente prima di lanciare la sfida, ma vabbeh... il discorso è questo), e che quindi dovevano essere loro a essere considerati challenger of Record. Cavilli a parte, la motivazione della denuncia è stata determinata principalmente al fatto che Oracle, ed altri team, avevano ritenuto le mosse di Alinghi troppo "in una direzione", nel senso che subito dopo aver reso noto il challenger of record se ne erano usciti subito con il nuovo regolamento, le nuove barche e certe condizioni sulla giuria che venivano ritenute sfavorevoli per tutti ... Alinghi ha via via ammorbidito un po' la posizione, ad un certo punto sembrava infatti che i team fossero tornati a ragionare e si stessero assestando a un regolamento simile a quello del 2007, e ci sono stati persino appelli in tribunale favorevoli ad Alinghi, ma la cosa poi è saltata di nuovo e Oracle ha continuato imperterrita nella causa (che infine ha vinto), e quindi ha obbligato Alinghi a una sfida ostile a due secondi i dettami del Dead of Gift. Un po' anche perchè ovviamente Oracle si stava già da diverso tempo preparando alla sfida con il trimarano...
    Siccome il principio fondamentale del deed of gift è "velocità", infatti, per una sfida ostile non potevano fare altro che costruire la barca più veloce possibile nelle misure consentite, cosa che ovviamente non poteva che essere un multiscafo (visto anche che era già stato chiarito in precedenza che i multiscafi erano ammessi... si veda la precedente sfida ostile nel 1988 dei Neozelandesi...)... Alinghi quindi si è dovuta trovare a rispondere e l'ha fatto con un catamarano... Poi tra una protesta e l'altra, si è arrivati finalmente alle regate di questi giorni a Valencia... E adesso la coppa è tornata in mano agli statunitensi con Oracle... E a questo punto vedremo se la prossima coppa (c'è già un Challenger of Record, e pare che sia il sindacato di Mascalzone Latino), potrà essere di nuovo organizzata in maniera amichevole :-).

    [Modificato da Antony il 16/02/2010 23:00]

    Best Regards,
    Antonino Tumeo

  America's cup

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina