1.     Mi trovi su: Homepage #5458809
    Bell'editoriale.
    In fondo i videogiochi stanno diventando una forma d'espressione come un'altra e non vedo cosa ci sia di male a sfruttarli in questo modo come si fa già con la letteratura, la musica, l'arte, ecc.
    Il fanatico dei giochi Paradox Interactive
    Ex-cacciatore di Trofei
  2.     Mi trovi su: Homepage #5458959
    Wow grande articolo Andrea...Reign Over Me l'ho visto su (si può dire?) Sky non molto tempo fa e devo dire che, oltre ad aver apprezzato ancora una volta come Sandler riesca a gestire anche ruoli pesanti/importanti (grazie anche al supporto del grande Don Cheadle ovviamente), ho trovato l'uso di Shadow of the Colossus (che per mia sfortuna ho solo potuto vedere in azione una volta, per mano di mio cugino tra l'altro) sorprendentemente azzeccato, perché da gioco intelligente e profondo qual è si sposa alla perfezione con la tristezza/malinconia del film. E come non quotare l'apprezzamento anche su The Wrestler...calcola che al cinema, mentre vedevo e sentivo lui e il ragazzino che parlavano di COD4 con quella spontaneità, veramente avevo i brividi (mi succede ogni volta che vedo citato un videogioco che conosco in un film LOL).
  3.     Mi trovi su: Homepage #5458994
    Ci sono anche altri esempi, come un altro film con Adam Sandler "L'altra sporca ultima meta", dove i secondini dopo l'allenamento giocano ad Halo. Il capostipite di questo genere è "Wargames - Giochi di guerra" film dell'83 con Matthew Broderick in cui il Supercomputer J.O.S.H.U.A manda ai pazzi i tecnici del NORAD, perchè "crede" di giocare con il suo creatore. Sta di fatto che (se prendiamo i film citati nell'editoriale), il mondo videoludico è ancora visto come un luogo per fuggire da una vita senza prospettive o per isolarsi da tutti (come fanno Rourke, wrestler fallito e Sandler, traumatizzato con problemi psichici). E' un vecchio clichè. Il tentativo di valorizzare il videogame, resta comunque valido per il semplice motivo che l'isolamento viene interrotto quando vengono avvicinati da qualcuno proprio attraverso una partita ai loro videogame preferiti, contraddicendo il preconcetto secondo cui chi gioca sempre ai videogiochi è asociale... Se poi iniziamo a parlare di Matrix, sono in grado di tenervi qui 2 settimane...
  4.     Mi trovi su: Homepage #5459223
    Diamoci dentro di cultura cinematografica allora :D Balena hai parlato di "Quella spoca ultima meta", ti dico film bellissimo che vedo e rivedo tutte le volte che lo danno, ogni volta col medesimo (se non maggiore) piacere, però secondo me i secondini che giocano a Halo 2 (mi pare) è soltanto un piccolissimo omaggio al gioco (non fanno neanche vedere le immagini a schermo mentre ci giocano, quindi), tuttavia hai fatto bene a citarlo. Mi hai invece fatto rivenire in mente un'altra citazione ben più importante (sempre secondo me), quella che nel film "Svalvolati on the Road" i polizziotti di quel piccolo paesino dove i quattro protagonisti capitano per caso fanno nei riguardi di Doom 3 (se non ricordo male); la battuta la fa lo sceriffo stesso ma al momento proprio non me la ricordo. Ad ogni modo era molto simpatica, un chiaro tributo al mitico sparatutto horror.
    P.S. Di Matrix puoi parlare quanto vuoi, anche un mese, io personalmente ti ascolterò per tutto il tempo :D
  5.     Mi trovi su: Homepage #5459322
    Non è tanto la qualità dei film di Matrix (cinematograficamente discutibili) ma il tentativo di commistionare piu generi mediatici (con gli Animatrix e il gioco che seguono lo stesso filone narrativo e riempie gli spazi vuoti) che trovo considerevole. Penso che siano idee da prendere seriamente come linfa vitale di questo mondo. In questo caso nn contano i risultati. Mi sono venuti altri esempi come il mitico Chev Chelios di "Crank", interpretato dal ganzissimo Jason Statham, che riprende temi e linguaggio da Grand Theft Auto.
    In "Die Hard 4", il personaggio di Wizard, interpretato da Kevin "Silent Bob" Smith, è un Guru dell'informatica circondato di videogiochi nel suo scantinato/fortezza, ma si rivela fondamentale per John "analogic" McClane. Parlando di Bruce Willis mi è venuto in mente che farà Kane nel film su "Kane & Linch"...
  6. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5459588
    The "Q" ha scritto:
    Diamoci dentro di cultura cinematografica allora :D


    Vediamo cosa mi viene in mente, di getto.

    FILM
    L'inizio di Hudson Hawk.
    Gioca a qualcosa il protagonista de Il Tagliaerbe, chi si ricorda a cosa?

    SERIE TV
    In una vecchissima puntata di ER, la Hataway gioca a Doom in rete contro altri reparti dell'ospedale.
    Se non ricordo male, in una puntata di CSI (stagioni vecchie) i tizi vanno a cercare un sospetto e lo beccano di fronte a un plasma gigantesco che gioca a... non mi ricordo :)
    In KyleXY giocano spesso col 360, ma a giochi fittizi.
    Gioca con i videogiochi Tom Scavo in una puntata di Desperate Housewives, quando affitta un garage per farne la sala prove di una band.

    http://www.facebook.com/VITSole
  7. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5459592
    Balenanera ha scritto:
    Il capostipite di questo genere è "Wargames - Giochi di guerra"


    Oddio, quello era un film basato tutto sul paradosso videogioco-realtà, non direi che possa essere definito il capostipite del genere delle "citazioni ben fatte di videogiochi nel cinema". Cioè, in Wargames il videogioco è la base proprio.
    http://www.facebook.com/VITSole
  8.     Mi trovi su: Homepage #5459760
    |Sole| ha scritto:
    Oddio, quello era un film basato tutto sul paradosso videogioco-realtà, non direi che possa essere definito il capostipite del genere delle "citazioni ben fatte di videogiochi nel cinema". Cioè, in Wargames il videogioco è la base proprio.
    Beh se hai in mente il film, in principio J.O.S.H.U.A. propone al personaggio di Broderick una lista di videogiochi realmente esistenti nell'83, tra i quali sceglie "Guerra Termonucleare Globale". Il film si conclude in una partita a "tris"... Questi giochi sono agli antipodi degli attuali videogame. Ma credo che calzi lo stesso il discorso anche se sono citazioni in 2D. Fossi stato un ragazzo che avesse visto il film a quell'epoca, a sentire quei giochi mi sarei emozionato come "The Q" si emoziona a sentire parlare Mickey Rourke di COD4... Ho detto che è il capostipite perchè a memoria, non mi sembra si parli di videogame in film precedenti.
  9.     Mi trovi su: Homepage #5459761
    LOL Sole così è troppa cultura, non seguo nessuna di quelle serie pur conoscendole tutte quante. Mi è appena venuto in mente anche il film di Hitman; sì lo so, di primo acchitto non c'azzecca niente perché è tratto interamente dall'omonimo videogioco e vabbè, però quello che volevo sottolineare è la scena in cui lui (Agente 47) sfonda la finestra di una stanza d'albergo mentre in quella stessa stanza due ragazzi (beate comparse :D) stanno giocando con una versione console di uno degli ultimi Hitman, molto probabilmente Blood Money ma non ne sono certo, può darsi anche Silent Assassin o Contracts. In questo caso però la citazione è pari ad una sboronata bella e buona e tuttavia messa lì, in mezzo ad una scena frenetica, fa la sua (porca?) figura imho. Cmq sto argomento è troppo togo :)
    P.S. Matrix trae moltissimo (praticamente tutto) dalla filosofia in generale, ma dai videogiochi proprio nada.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5459765
    |Sole| ha scritto:
    SERIE TV
    In una vecchissima puntata di ER, la Hataway gioca a Doom in rete contro altri reparti dell'ospedale.
    Se non ricordo male, in una puntata di CSI (stagioni vecchie) i tizi vanno a cercare un sospetto e lo beccano di fronte a un plasma gigantesco che gioca a... non mi ricordo :)
    In KyleXY giocano spesso col 360, ma a giochi fittizi.
    Gioca con i videogiochi Tom Scavo in una puntata di Desperate Housewives, quando affitta un garage per farne la sala prove di una band.
     Vogliamo parlare di Big Bang Theory? :P
  11. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5459871
    Balenanera ha scritto:
    Beh se hai in mente il film, in principio J.O.S.H.U.A. propone al personaggio di Broderick una lista di videogiochi realmente esistenti nell'83, tra i quali sceglie "Guerra Termonucleare Globale". Il film si conclude in una partita a "tris"... Questi giochi sono agli antipodi degli attuali videogame. Ma credo che calzi lo stesso il discorso anche se sono citazioni in 2D. Fossi stato un ragazzo che avesse visto il film a quell'epoca, a sentire quei giochi mi sarei emozionato come "The Q" si emoziona a sentire parlare Mickey Rourke di COD4... Ho detto che è il capostipite perchè a memoria, non mi sembra si parli di videogame in film precedenti.


    Ho il film scolpito in mente, proprio perché ero ragazzino quando uscì e lo vidi al cinema. Già appassionato di videogiochi, ti lascio immaginare l'impatto che ebbe su di me!

    Quello che intendo dire è che un conto è la citazione di COD4, che ti colpisce perché, se vogliamo, "fuori contesto" rispetto alla storia che viene narrata. Lì è bello vedere come il videogioco viene utilizzato per rimarcare una situazione evidente, ossia la "lontananza" tra due protagonisti di una storia che con il videogioco non ha nulla a che spartire. In questo senso, il videogioco citato diventa strumento narrativo, e ci colpisce la maturità che ha raggiunto se può essere utilizzato in questo modo.

    Wargames, di contro, era già allora, ed è sicuramente oggi, un film "di nicchia", per appassionati - ed eravamo pochi - perché basato interamente sul rapporto di un ragazzo con i videogiochi e la tecnologia. Facile per noi che già pestavamo sulle tastiere degli Spectrum ritrovarci nel fantascientifico modo di interagire con i computer del giovane David, perché come noi aveva un home computer, come noi spendeva un pacco di monetine dentro Galaga, come noi già immaginava - e lui poteva "fantascientificamente" utilizzare - il mondo "collegato" che viviamo oggi.

    Wargames fu un esperimento, una testa di ponte, un capostipite. Anche lui utilizza il videogioco per comunicare un messaggio ("non ci sono vincitori, in guerra"), ma è appunto il videogioco il centro di tutto. Molto più maturo, interessante e indicativo di quanto il videogioco sia ormai parte della cultura di una moltitudine di persone l'utilizzo che è stato fatto in The Wrestler. Sono proprio due cose diverse, secondo me.
    http://www.facebook.com/VITSole
  12.     Mi trovi su: Homepage #5459876
    |Sole| ha scritto:
    Vediamo cosa mi viene in mente, di getto.

    FILM
    L'inizio di Hudson Hawk.
    Gioca a qualcosa il protagonista de Il Tagliaerbe, chi si ricorda a cosa?

    SERIE TV
    In una vecchissima puntata di ER, la Hataway gioca a Doom in rete contro altri reparti dell'ospedale.
    Se non ricordo male, in una puntata di CSI (stagioni vecchie) i tizi vanno a cercare un sospetto e lo beccano di fronte a un plasma gigantesco che gioca a... non mi ricordo :)
    In KyleXY giocano spesso col 360, ma a giochi fittizi.
    Gioca con i videogiochi Tom Scavo in una puntata di Desperate Housewives, quando affitta un garage per farne la sala prove di una band.


    In CSI mi pare ci fosse un Tony Hawk... ma vado a memoria.
    .
    In Transformers (il primo) l'hacker di colore sta giocando a Dance Dance Revolution. In The Big Bang Theory si vede chiaramente Wii Sports e si vede che giocano ad altri giochi su 360 e citano Halo3 (con parecchie lusinghe).
    .
    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!

  [Editoriale Videodrome] I veri videogiochi al cinema

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina