1.     Mi trovi su: Homepage #5473093
    Mi permetto di raccontare un rito che da circa venticinque anni avviene sull’asse Torino-Firenze, in occasione del confronto diretto tra Juventus e Fiorentina. Mi permetto e premetto che il rituale riguarda una minoranza viola, a suo modo rumorosa e appariscente. 
    Per non andare troppo indietro nel tempo mi attengo alla stagione attuale, con primo riferimento datato 17 ottobre 2009, giorno di Juventus-Fiorentina 1-1. C'è una “chiazza rossa” nel settore ospiti dell’Olimpico di Torino: un microgruppo indossa tante t-shirt di colore uguale (“red”), con la stessa stampa (“meno 39”). Per chi ignora, trentanove (bianconeri) sono i morti nella finale di Coppa Campioni 1985 vinta a Bruxelles contro il Liverpool.
    Secondo riferimento. Sabato scorso, prima del fischio d’inizio di Fiorentina-Juventus, alcuni ultras della Fiorentina cantano “You’ll never walk alone”, pezzo molto caro ai Reds. Poco male, se non che intonino un agghiacciante count-up da uno a trentanove. 
    Sottoscrivo quanto scrive repubblica.it: “Una minoranza di imbecilli che non deve più mettere piede in uno stadio”. Ma depenno Agi, che batte solo l’agenzia “Calcio: Fiorentina-Juve, condannati 3 tifosi bianconeri” circa lanci di petardi, omettendo il suddetto fatto. Signor giudice, mi permetto: “Se saltelli muore Balotelli”, a confronto, è una carezza.
  2.     Mi trovi su: Homepage #5473148
    The bosss ha scritto:
    Mi permetto di raccontare un rito che da circa venticinque anni avviene sull’asse Torino-Firenze, in occasione del confronto diretto tra Juventus e Fiorentina. Mi permetto e premetto che il rituale riguarda una minoranza viola, a suo modo rumorosa e appariscente. 
    Per non andare troppo indietro nel tempo mi attengo alla stagione attuale, con primo riferimento datato 17 ottobre 2009, giorno di Juventus-Fiorentina 1-1. C'è una “chiazza rossa” nel settore ospiti dell’Olimpico di Torino: un microgruppo indossa tante t-shirt di colore uguale (“red”), con la stessa stampa (“meno 39”). Per chi ignora, trentanove (bianconeri) sono i morti nella finale di Coppa Campioni 1985 vinta a Bruxelles contro il Liverpool.
    Secondo riferimento. Sabato scorso, prima del fischio d’inizio di Fiorentina-Juventus, alcuni ultras della Fiorentina cantano “You’ll never walk alone”, pezzo molto caro ai Reds. Poco male, se non che intonino un agghiacciante count-up da uno a trentanove. 
    Sottoscrivo quanto scrive repubblica.it: “Una minoranza di imbecilli che non deve più mettere piede in uno stadio”. Ma depenno Agi, che batte solo l’agenzia “Calcio: Fiorentina-Juve, condannati 3 tifosi bianconeri” circa lanci di petardi, omettendo il suddetto fatto. Signor giudice, mi permetto: “Se saltelli muore Balotelli”, a confronto, è una carezza.
      Il problema è esattamente quello. da anni si canta se saltelli muore Lucarelli...e nessuno dice nulla....poi qualcuno canta se saltelli muore balotelli e per un anno si parla di campo della juve squalificato, 2 anni senza cibo per i giocatori e 2 mesi di gogna per i tifosi, . Poi si parla di "scioccheze" come quella di questi sparuti tifosi viola e ovviamente , a parte pochi giornali, nessuno sui grandi media dice parola...
    Forza Mourinho, as always.

    [Modificato da Odisseo&MarcoPisellonio il 09/03/2010 20:07]

    Una volta mi sembrava, magari ero un illuso, che nel calcio ci fosse anche un desiderio di aggregazione reale, di divertimento...; adesso mi sembra qualcosa molto vicino alla vendetta, vendetta numero 15. Dico questo per agganciarmi alla prossima canzone che si chiama "Delenda Carthago" e anche per dirvi che Properzio, la nuova ala della Lazio, diceva a proposito del denaro...risparmio la battuta in latino...del loro..."per causa tua", diciamo, "ci avviamo a morte prematura"...Com'è vero!!!
    Delenda Carthago.
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #5473288
    Odisseo&MarcoPisellonio ha scritto:
    Il problema è esattamente quello. da anni si canta se saltelli muore Lucarelli...e nessuno dice nulla....poi qualcuno canta se saltelli muore balotelli e per un anno si parla di campo della juve squalificato, 2 anni senza cibo per i giocatori e 2 mesi di gogna per i tifosi, .


    Come al solito però la si prende al contrario. Il problema non è che per "colpa" di Balotelli arrivano le squalifiche, il problema è che non si è mai fatto nulla per Lucarelli. Ma questa è la base, ma proprio base-base, dell'immagine di un qualsiasi evento: se abbassi la qualità del pubblico, distruggi il prodotto. In uno stadio con sta gente io, che due soldi potrei spenderli, non metto piede. In compenso lo stadio si riempie di chi si accontenta di morire di freddo su una gradinata pur di pagare poco o nulla e di avere licenza di danneggiare. Come fanno le società a non capire che abbassare la qualità del pubblico è la cosa peggiore che possano fare mi sfugge davvero. Beninteso, non sto parlando di Juventus, sto parlando di TUTTI.
  4.     Mi trovi su: Homepage #5473315
    scudettoweb ha scritto:
    Come al solito però la si prende al contrario. Il problema non è che per "colpa" di Balotelli arrivano le squalifiche, il problema è che non si è mai fatto nulla per Lucarelli. Ma questa è la base, ma proprio base-base, dell'immagine di un qualsiasi evento: se abbassi la qualità del pubblico, distruggi il prodotto. In uno stadio con sta gente io, che due soldi potrei spenderli, non metto piede. In compenso lo stadio si riempie di chi si accontenta di morire di freddo su una gradinata pur di pagare poco o nulla e di avere licenza di danneggiare. Come fanno le società a non capire che abbassare la qualità del pubblico è la cosa peggiore che possano fare mi sfugge davvero. Beninteso, non sto parlando di Juventus, sto parlando di TUTTI.
      Io ho visto un San Siro pienissimo per anni, senza seggiolini comodi e non è che la qualità del pubblico fosse superiore vent'anni fa' rispetto ad oggi. Anzi.......
    IL calcio è (era) sport popolare. Per Te saranno pochi 20 euro per una gradinata....Per tanti no e pochi si possono permettere di spendere da 50 euro in su per una partita.....
    Trascurando il fatto che i peggiori insulti e le risse più squallide io le ho viste ai distinti; la tribuna è zeppa di delinquentoni in doppiopetto.
    Oggi si fa' bella mostra di sè col 39 che riferisce il Boss....ieri si gridava Superga Superga al Toro e Milano spera Superga bianconera alla Giuve. Dalle tribune e dai popolari. Stessi  cori beceri, da sempre....
    Comunque è strano il discorso che fai....Secondo Te le società abbassano la qualità del pubblico se fanno prezzi bassi....O il pubblico più danaroso è migliore del povero.....Suona male.
    Mah :rolleyes:
  5. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5473425
    scudettoweb ha scritto:
    Come al solito però la si prende al contrario. Il problema non è che per "colpa" di Balotelli arrivano le squalifiche, il problema è che non si è mai fatto nulla per Lucarelli. Ma questa è la base, ma proprio base-base, dell'immagine di un qualsiasi evento: se abbassi la qualità del pubblico, distruggi il prodotto. In uno stadio con sta gente io, che due soldi potrei spenderli, non metto piede. In compenso lo stadio si riempie di chi si accontenta di morire di freddo su una gradinata pur di pagare poco o nulla e di avere licenza di danneggiare. Come fanno le società a non capire che abbassare la qualità del pubblico è la cosa peggiore che possano fare mi sfugge davvero. Beninteso, non sto parlando di Juventus, sto parlando di TUTTI.


    Scusa voglio solo capire se stai facendo passare il concetto che chi paga poco in curva è pubblico di scarsa qualità e atto a danneggiare.
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  6. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5473428
    superpadrepio ha scritto:
    Io ho visto un San Siro pienissimo per anni, senza seggiolini comodi e non è che la qualità del pubblico fosse superiore vent'anni fa' rispetto ad oggi. Anzi.......
    IL calcio è (era) sport popolare. Per Te saranno pochi 20 euro per una gradinata....Per tanti no e pochi si possono permettere di spendere da 50 euro in su per una partita.....
    Trascurando il fatto che i peggiori insulti e le risse più squallide io le ho viste ai distinti; la tribuna è zeppa di delinquentoni in doppiopetto.
    Oggi si fa' bella mostra di sè col 39 che riferisce il Boss....ieri si gridava Superga Superga al Toro e Milano spera Superga bianconera alla Giuve. Dalle tribune e dai popolari. Stessi  cori beceri, da sempre....
    Comunque è strano il discorso che fai....Secondo Te le società abbassano la qualità del pubblico se fanno prezzi bassi....O il pubblico più danaroso è migliore del povero.....Suona male.
    Mah :rolleyes:


    Ecco, non sono l'unico a aver interpretato così l'intervento di scud allora... :-|
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  7. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #5473748
    Non è che chi va in curva e paga poco è un danneggiatore o un morto di fame, ci mancherebbe altro. Sto dicendo che più si lascia spazio ai comportamenti che vanno dall'incivile al criminale, e più si abbassa la qualità del pubblico. Chi per vent'anni è sempre andato in curva e sempre ci andrà non cambierà i suoi comportamenti. Però chi invece va in tribuna e può portare soldi non solo per il biglietto ma pure per il merchandising (in Italia chi compra originale è considerato un pollo...) preferià sempre di più stare a casa. Tutto ciò per non prendere di mira quel gruppo di tifosi incivile o criminale che, e qui arriva il discorso dei soldi, è in curva e quando paga il biglietto (perché non sempre paga) paga li minimo indispensabile. E fa la guerra al calcio-prodotto e ai suoi derivati (quindi il merchandising, i diritti TV, ecc. ecc.).

    I palazzetti NBA, tanto per capirsi, sono tipicamente pieni anche per partite irrilevanti. Sono pieni di gente che non si siederebbe di fianco a un violento. E infatti i violenti non entrano. Fino a quando facciamo entrare i violenti e ce la prendiamo con chi stigmatizza, e non con chi NON stigmatizza, non arriveremo a capo di nulla.

    Detto questo, su Balotelli è evidente che c'è un circo mediatico particolare.
  8.     Mi trovi su: Homepage #5473780
    scudettoweb ha scritto:
    I palazzetti NBA, tanto per capirsi, sono tipicamente pieni anche per partite irrilevanti. Sono pieni di gente che non si siederebbe di fianco a un violento. E infatti i violenti non entrano. Fino a quando facciamo entrare i violenti e ce la prendiamo con chi stigmatizza, e non con chi NON stigmatizza, non arriveremo a capo di nulla.
     Sarebbe bello capire chi sono violenti e chi no. Come si fa ?

    Io credo che sia un discorso molto complesso e diverso dalla realtà americana.
    Li chi va a vedere una partita ci va per divertirsi, senza pensare ad altro.
    Qui in Italia, credo un buon 80% di chi va in curva è spesso legato a gruppi che hanno a che fare con la politica, di destra o di sinistra che sia. Non va a vedere una partita ma ad ubriacarsi in mezzo al branco, a fare guerriglia contro la polizia o contro la tifoseria avversaria che ha delle idee politiche opposte. Politica, il vero male dell'Italia.
    Per me la differenza è tutta li.

    [Modificato da ^Mr-Drakula^ il 10/03/2010 13:53]

    ^Mr-Drakula^

    Inquietante Allenatore del temibile Vampiria F.C., il cui Capitano non può che essere il numero 90 (la paura) Canini.
  9. In questo momento stai...  
        Mi trovi su: Homepage #5473956
    ^Mr-Drakula^ ha scritto:
    Sarebbe bello capire chi sono violenti e chi no. Come si fa ?
    Io credo che sia un discorso molto complesso e diverso dalla realtà americana.
    Li chi va a vedere una partita ci va per divertirsi, senza pensare ad altro.
    Qui in Italia, credo un buon 80% di chi va in curva è spesso legato a gruppi che hanno a che fare con la politica, di destra o di sinistra che sia. Non va a vedere una partita ma ad ubriacarsi in mezzo al branco, a fare guerriglia contro la polizia o contro la tifoseria avversaria che ha delle idee politiche opposte. Politica, il vero male dell'Italia.
    Per me la differenza è tutta li.
     infatti le curve stanno diventando un palcoscenico politoco, ma POLITICO DELLA PEGGIOR SPECIE (specchio della politica italiana? vabbe soprassediamo...) becera e violenta, spesso questi gruppi sono gruppi non hanno come scopo il sostenere la propria squadra e sono molto spesso strumentalizzati ( a me viene in mente l'era Ciarrapico ma ce ne sarebbero mille di esempi). In aggiunta a quello che dice scud non sono solo quelli che vanno in tribuna che non vanno piu allo stadio, ma conosco tante gente di curva che non ci va piu per non mischiarsi con certe frange.
    Ma forse visto che, come detto, possono essere facilmente strumentalizzati non c è interesse da parte di chi giestice il giocattolo a intervenire
    quando ho pensato di iniziare a capire le donne ho capito che non avevo capito un caxxo
    :azz:
  10. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #5473969
    scudettoweb ha scritto:
    I palazzetti NBA, tanto per capirsi, sono tipicamente pieni anche per partite irrilevanti. Sono pieni di gente che non si siederebbe di fianco a un violento. E infatti i violenti non entrano. Fino a quando facciamo entrare i violenti e ce la prendiamo con chi stigmatizza, e non con chi NON stigmatizza, non arriveremo a capo di nulla. 
      l'esempio non funziona molto (e tra l'altro ti assicuro che per le partite irrilevanti i palazzetti sono tutt'altro che pieni a parte qualce caso di squadre vincenti o famose)...e' una mentalita' completamente diversa, pero' secondo me basta guardare a cosa e' stato fatto per il calcio inglese :)
    sono d'accordo con scud che le societa' debbano smettere di finanziare ed appoggiare piu' o meno apertamente i gruppi ultras che stanno in curva...fa comodo indirizzare "politicamente" il tifo, ma l'effetto finale e' quello che tutti vediamo.
    bisognerebbe trovare una via di mezzo tra l'organetto NBA e il "se saltelli muore Balotelli" e mi sembra che in Inghilterra ci siano riusciti. hanno conservato la passione ma sono riusciti a tenere fuori i violenti.
  11.     Mi trovi su: Homepage #5474030
    Sprawl ha scritto:
    l'esempio non funziona molto (e tra l'altro ti assicuro che per le partite irrilevanti i palazzetti sono tutt'altro che pieni a parte qualce caso di squadre vincenti o famose)...e' una mentalita' completamente diversa, pero' secondo me basta guardare a cosa e' stato fatto per il calcio inglese :)
    sono d'accordo con scud che le societa' debbano smettere di finanziare ed appoggiare piu' o meno apertamente i gruppi ultras che stanno in curva...fa comodo indirizzare "politicamente" il tifo, ma l'effetto finale e' quello che tutti vediamo.
    bisognerebbe trovare una via di mezzo tra l'organetto NBA e il "se saltelli muore Balotelli" e mi sembra che in Inghilterra ci siano riusciti. hanno conservato la passione ma sono riusciti a tenere fuori i violenti.
     In Inghilterra i violenti non sempre sono fuori dallo stadio però hanno capito che dentro non è più "zona franca".
    Il problema è semplicemente legato a delle scelte. in Italia si è scelto la via del tollerare quello che avviene in uno stadio e dintorni....i motivi possono essere molteplici ma l'evidenza è che la scelta è sbagliata.
    Fosse l'unica contraddizione in essere risulterebbe stridente ma inserita in un contesto socio-politico-culturale come quello nostrano mi sembra abbastanza coerente.

  Non commento... Lascio a voi dare un parere....

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina