1. Deadly Premonition  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5482515
    Ciao ragazzi,
    apro questo topic per proporre una discussione. Ho sempre e solo posseduto console Nintendo (a parte il Dreamcast) e quindi sono sempre stato un po' a "digiuno", diciamo così, di titoloni occidentali quali GTA, Uncharted, Assassin's Creed, FPS sboroni vari e via dicendo.
    Diciamo che sono cresciuto per lo più giocando con videogames ideati da soft co giapponesi (Nintendo, appunto, ma anche Sega, Capcom, Namco, Square, ecc).
    ho recentemente iniziato Assassin's Creed II, dopo aver finito i primi 2 Yakuza su PS2, e ho iniziato questo titolo con il migliore degli entusiasmi, perchè adoro il rinascimento e la sola idea di potermi aggirare per Firenze e Venezia medievali, era per me motivo di estasi totale.
    Conclusione? Ho mollato il gioco dopo qualche ora di missioni a venezia. La trama non decolla mai, noto veramente pochissima enfasi nella narrazione, non ti mette mai quella curiosità di andare avanti a tutti i costi, saltando tutte le quest secondarie (da fare al secondo playtrough) per capire cosa succede e come si sviluppano gli eventi (come mi sucede con titoli come Persona 4, Yakuza, appunto, ma anche il vecchio Shenmue) o vedere cosa viene dopo )(come in Zelda, super Mario, Metroid e via dicendo). Una freddezza tale, che li per li mi ha scoraggiato molto, ma mi ero convinto che fosse solo una mia fissazione, sono voluto andare avanti e...ho notato anche che in questo gioco (AC2) i personaggi, nelle scene di intermezzo, sono non solo realizzati MOLTO MALE dal PDV tecnico, ma sono TOTALMENTE inespressivi, freddi come delle lamiere da carrozzaio e non sto parlando di tecnica perchè i personaggi di Yakuza su PS2, fanno schifo, ma cavolo se sono espressivi, basta guardarli negli occhi per capire le loro emozioni.
    Mi è capitata questa stessa cosa con Mass Effect, titolo bellissimo ma che mi ha congelato nelle prime 10 ore di gioco. (per carità, ci sono anche titoli che ho apprezzato molto come Fallout 3 o Dead Space).
    Non so, ma io noto che a livello artistico (e si badi, ARTISTICO, non tecnico) via sia davvero moltissima differenza tra i giochi prodotti in occidente e quelli in oriente, trovo gli autori nipponici più espressivi, più precisi e meticolosi e.... vedo che le storie, come le sanno raccontare loro, le sanno raccontare in pochi (ed è forse per questo che leggo i manga mentre non riesco + a toccare nessun fumetto americano, ancora legati al concetto di super-eroi).
    Ora, mi accingo ad iniziare Fable II, sperando davvero di non lasciare un altro titolo a metà.
    Raggiante gestore del Jolly Roger Bay Videogames (finalmente inaugurato, anche online!) ^_^
  2.     Mi trovi su: Homepage #5482532
    Della64 ha scritto: 
    CUT
     Benvenuto nel club, anche per me il jappo regna. Ci sono eccezioni ovviamente, come Uncharted, Dead Speace, Tomb Raider ecc. Ma se devo fare un conto per ps1 ho solo giochi jappo tranne fifa 2000 che non sono riuscito a vendere a nessuno e i Tomb Raider, per ps2 tutti jappo tranne i 3 Tomb Raider. Per questa gen è la stessa cosa, ci sono quelle 3-4 eccezioni ma il resto è tutto terra del sol levante. Ovviamente di titoli USA/EUR ne ho giocati ma continuo a preferire il Sol Levante.



    PS. Per i manga e comics siamo sulla stessa lunghezza d'onda.



    E tu in che personaggio ti identifichi?
  3. Deadly Premonition  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5482549
    Nick_Storm ha scritto:
    Benvenuto nel club, anche per me il jappo regna. Ci sono eccezioni ovviamente, come Uncharted, Dead Speace, Tomb Raider ecc. Ma se devo fare un conto per ps1 ho solo giochi jappo tranne fifa 2000 che non sono riuscito a vendere a nessuno e i Tomb Raider, per ps2 tutti jappo tranne i 3 Tomb Raider. Per questa gen è la stessa cosa, ci sono quelle 3-4 eccezioni ma il resto è tutto terra del sol levante. Ovviamente di titoli USA/EUR ne ho giocati ma continuo a preferire il Sol Levante.

    PS. Per i manga e comics siamo sulla stessa lunghezza d'onda.
     Allora non sono il solo... cioè, io mi ritrovo che alla stragrande maggiorparte dei giochi occidentali che gioco, non riesco ad affezionarmici, a volergli bene. cosa che invece mi accade puntualmente con le avventure jappo (ripeto, Eternal Sonata, Persona 4, Yakuza, ecc ecc ecc).
    E' brutto giocare un videogioco, senza volergli bene :(
    Raggiante gestore del Jolly Roger Bay Videogames (finalmente inaugurato, anche online!) ^_^
  4.     Mi trovi su: Homepage #5482555
    Della64 ha scritto:
    Allora non sono il solo... cioè, io mi ritrovo che alla stragrande maggiorparte dei giochi occidentali che gioco, non riesco ad affezionarmici, a volergli bene. cosa che invece mi accade puntualmente con le avventure jappo (ripeto, Eternal Sonata, Persona 4, Yakuza, ecc ecc ecc).
    E' brutto giocare un videogioco, senza volergli bene :(
      quoto, i jappi mettono nel loro giochi quel non so chè di amabile....te ne fa innamorare spesso :DD.
    Bisogna volergli bene.
  5.     Mi trovi su: Homepage #5482565
    frandello ha scritto:
    quoto, i jappi mettono nel loro giochi quel non so chè di amabile....te ne fa innamorare spesso :DD.
    Bisogna volergli bene.
      Forse è banale, ma i videogiochi occidentali, che tecnicamente sono ormai nettamente superiori a quelli orientali, sembrano quasi sempre costruiti a tavolino, frutto di indagine di mercato, marketing, miscela di elementi tratti da altri giochi di successo; in una parola, hollywoodiani. Tra i titoli orientali, sopravvive un'idea più 'pura', a volte ingenua, che, tra molti limiti, rende molto più marcata la loro identità.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5482622
    Della64 ha scritto:
    (ed è forse per questo che leggo i manga mentre non riesco + a toccare nessun fumetto americano, ancora legati al concetto di super-eroi). 
     capitava pure a me questo fino a 5 anni fa ora stò rivalutando notevolmente i comics, ovvio che non devi fermarti a leggere solo quelli dei supereroi.
     A me i jappa tranne appunto i recenti Yakuza stanno scadendo tra personaggi emo e bambinetti vari, sarebbe ora che svoltassero e si rinnovassero.
  7. Digital Japan  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5482649
    Per quanto riguarda i Comics di Super eroi sono un po' come gli Shonen nel mondo manga. Sono quelli che fanno girare l'economia, ma per favore. Dire che i comics sono ancora fermi al concetto di super eroe e basta è fare un GRAVISSIMO torto ad autori come Eisner o all'intera linea Vertigo ed a una miriade di piccole case fumettistiche che NON fanno fumetti di Super Eroi. Volete leggere un buon comics NON di super eroi? Leggetevi DMZ sceneggiato da Brian Wood e disegnato dal fiorentino Riccardo Burchielli.
    Dire che poi "sembrano quasi sempre costruiti a tavolino, frutto di indagine di
    mercato, marketing, miscela di elementi tratti da altri giochi di
    successo; in una parola, hollywoodiani. Tra i titoli orientali,
    sopravvive un'idea più 'pura', a volte ingenua, che, tra molti limiti,
    rende molto più marcata la loro identità.".
    Mi sembra una GROSSA cazzata, non tanto sulla loro identità culturale (cavolo, anche io adoro moltissime cose del giappone proprio perchè COS^ peculiali!), ma va considerato che prendendo esempio proprio da loro mercato di manga risulta essere uno dei mercati che USA in maniera costruita e estremamente divisa per target una valanga di clichè narrativi che stanno seppelendo letteralmente il fumetto giapponese. Volete dirmi che in Giappone non sono mai esistiti cloni di altri videogiochi? Anche occidentali?
    Che giochi occidentali avete giocato? Solo quelli per Console? Non vale, ci sono anche tutti quelli per PC e sfido chiunque a dire che la gente non si è affezionata a Guybrush Treepwood.
    I giapponesi sono maestri dell'"over-drama", ma adesso tale metodo narrativo ha incominciato a rompere le scatole e sapete perché ? Perchè va bene quando si è adolescenti arrabbiati, quando si cresce si vuole qualcosa di diverso e questo signori lo stanno occupando altri giochi.
    Insomma, adesso si può smettere anche con Dragon Ball, magari si può provare a guardare qualcosa di animato e con la regia di Mamoru Oshii (ammesso e concesso che sappiate chi è).
    Non voglio dire che uno sia meglio dell'altro, perchè tutti e due i mondi dell'intrattenimento si sono influenzati tra di loro (molto più di quanto gli stessi fan, da entrambi le parti, sono disposti ad ammettere!), ma bisogna un po' consideare le cose anche a palle ferme.
    Cioè cavolo... Osamu Tezuka partì da BAMBI, ripeto BAMBI, per elaborare il suo stile e Stanley Kubrick ripeto STANLEY KUBRICK chiese a Tezuka se lo aiutava con gli effetti speciali di "2001 Odissea nello spazio" perchè era un grande fan di Astroboy.
  8.     Mi trovi su: Homepage #5482678
    Lain ha scritto:
    Per quanto riguarda i Comics di Super eroi sono un po' come gli Shonen nel mondo manga. Sono quelli che fanno girare l'economia, ma per favore. Dire che i comics sono ancora fermi al concetto di super eroe e basta è fare un GRAVISSIMO torto ad autori come Eisner o all'intera linea Vertigo ed a una miriade di piccole case fumettistiche che NON fanno fumetti di Super Eroi. Volete leggere un buon comics NON di super eroi? Leggetevi DMZ sceneggiato da Brian Wood e disegnato dal fiorentino Riccardo Burchielli.
    Dire che poi "sembrano quasi sempre costruiti a tavolino, frutto di indagine di
    mercato, marketing, miscela di elementi tratti da altri giochi di
    successo; in una parola, hollywoodiani. Tra i titoli orientali,
    sopravvive un'idea più 'pura', a volte ingenua, che, tra molti limiti,
    rende molto più marcata la loro identità.".
    Mi sembra una GROSSA cazzata, non tanto sulla loro identità culturale (cavolo, anche io adoro moltissime cose del giappone proprio perchè COS^ peculiali!), ma va considerato che prendendo esempio proprio da loro mercato di manga risulta essere uno dei mercati che USA in maniera costruita e estremamente divisa per target una valanga di clichè narrativi che stanno seppelendo letteralmente il fumetto giapponese. Volete dirmi che in Giappone non sono mai esistiti cloni di altri videogiochi? Anche occidentali?
    Che giochi occidentali avete giocato? Solo quelli per Console? Non vale, ci sono anche tutti quelli per PC e sfido chiunque a dire che la gente non si è affezionata a Guybrush Treepwood.
    I giapponesi sono maestri dell'"over-drama", ma adesso tale metodo narrativo ha incominciato a rompere le scatole e sapete perché ? Perchè va bene quando si è adolescenti arrabbiati, quando si cresce si vuole qualcosa di diverso e questo signori lo stanno occupando altri giochi.
    Insomma, adesso si può smettere anche con Dragon Ball, magari si può provare a guardare qualcosa di animato e con la regia di Mamoru Oshii (ammesso e concesso che sappiate chi è).
    Non voglio dire che uno sia meglio dell'altro, perchè tutti e due i mondi dell'intrattenimento si sono influenzati tra di loro (molto più di quanto gli stessi fan, da entrambi le parti, sono disposti ad ammettere!), ma bisogna un po' consideare le cose anche a palle ferme.
    Cioè cavolo... Osamu Tezuka partì da BAMBI, ripeto BAMBI, per elaborare il suo stile e Stanley Kubrick ripeto STANLEY KUBRICK chiese a Tezuka se lo aiutava con gli effetti speciali di "2001 Odissea nello spazio" perchè era un grande fan di Astroboy.
     Per quanto mi riguarda, il giudizio era limitato ai videogiochi; nel fumetto, la produzione occidentale, non seriale, è superiore a quella orientale, salvo eccezioni relative ad autori atipici come Jiro Taniguchi; comunque, non puoi utilizzare autori che hanno prodotto i loro capolavori decenni addietro (come Eisner e Osamu Tezuka), per un'analisi dello stato attuale delle cose. Per quanto riguarda i videogiochi, invece, ribadisco il mio giudizio: i titoli occidentali, che sono ormai all'avanguardia tecnicamente, normalmente, non hanno la benchè minima ispirazione, con le inevitabili eccezioni quasi tutte riconducibili ai francesi.
  9.     Mi trovi su: Homepage #5482710
    Della64 ha scritto:
    Ciao ragazzi,
    apro questo topic per proporre una discussione. Ho sempre e solo posseduto console Nintendo (a parte il Dreamcast) e quindi sono sempre stato un po' a "digiuno", diciamo così, di titoloni occidentali quali GTA, Uncharted, Assassin's Creed, FPS sboroni vari e via dicendo.
    [cut]
     Della, prova gli Uncharted (partendo dal primo). Senza stare a mettere teorie o filosofie, leggendo le tue parole penso che sia il gioco occidentale che stai cercando....provali ;)
  10.     Mi trovi su: Homepage #5482716
    Se potevo avere ancora qualche dubbio, con un Giappone praticamente morto e silente per anni, ora non l'ho più. FFXIII mi ha dimostrato che i giochi completi e perfetti esistono, e il Giappone è sempre o quasi l'unico a farli. Veramente, spero che mossi da questo gran successo commerciale tornino a farsi sentire, perché tra bugames e DLCgames mi sono rotto un po' il cazzo di giocare. Sembrano tutti giochi ispirati a Windows questi occidentali, non si può, è indecente e io pago e io pretendo un gioco completo.
  11. Deadly Premonition  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5482732
    Lain ha scritto:
    Per quanto riguarda i Comics di Super eroi sono un po' come gli Shonen nel mondo manga. Sono quelli che fanno girare l'economia, ma per favore. Dire che i comics sono ancora fermi al concetto di super eroe e basta è fare un GRAVISSIMO torto ad autori come Eisner o all'intera linea Vertigo ed a una miriade di piccole case fumettistiche che NON fanno fumetti di Super Eroi. Volete leggere un buon comics NON di super eroi? Leggetevi DMZ sceneggiato da Brian Wood e disegnato dal fiorentino Riccardo Burchielli.
    Dire che poi "sembrano quasi sempre costruiti a tavolino, frutto di indagine di
    mercato, marketing, miscela di elementi tratti da altri giochi di
    successo; in una parola, hollywoodiani. Tra i titoli orientali,
    sopravvive un'idea più 'pura', a volte ingenua, che, tra molti limiti,
    rende molto più marcata la loro identità.".
    Mi sembra una GROSSA cazzata, non tanto sulla loro identità culturale (cavolo, anche io adoro moltissime cose del giappone proprio perchè COS^ peculiali!), ma va considerato che prendendo esempio proprio da loro mercato di manga risulta essere uno dei mercati che USA in maniera costruita e estremamente divisa per target una valanga di clichè narrativi che stanno seppelendo letteralmente il fumetto giapponese. Volete dirmi che in Giappone non sono mai esistiti cloni di altri videogiochi? Anche occidentali?
    Che giochi occidentali avete giocato? Solo quelli per Console? Non vale, ci sono anche tutti quelli per PC e sfido chiunque a dire che la gente non si è affezionata a Guybrush Treepwood.
    I giapponesi sono maestri dell'"over-drama", ma adesso tale metodo narrativo ha incominciato a rompere le scatole e sapete perché ? Perchè va bene quando si è adolescenti arrabbiati, quando si cresce si vuole qualcosa di diverso e questo signori lo stanno occupando altri giochi.
    Insomma, adesso si può smettere anche con Dragon Ball, magari si può provare a guardare qualcosa di animato e con la regia di Mamoru Oshii (ammesso e concesso che sappiate chi è).
    Non voglio dire che uno sia meglio dell'altro, perchè tutti e due i mondi dell'intrattenimento si sono influenzati tra di loro (molto più di quanto gli stessi fan, da entrambi le parti, sono disposti ad ammettere!), ma bisogna un po' consideare le cose anche a palle ferme.
    Cioè cavolo... Osamu Tezuka partì da BAMBI, ripeto BAMBI, per elaborare il suo stile e Stanley Kubrick ripeto STANLEY KUBRICK chiese a Tezuka se lo aiutava con gli effetti speciali di "2001 Odissea nello spazio" perchè era un grande fan di Astroboy.
     Guarda, mi sono limitato ad esaminare il discorso videogiochi occidentali per console, per il semplice fatto che non posso permettermi un PC aggiornato per poter giocare, quindi purtroppo il gaming su PC lo devo escludere a priori.
    Riguardo ai fumetti, gli autori e le opere occidentali che hai citato tu, sono produzioni, mi pare, piuttosto "underground", almeno deduco questo per il fatto che cmq quello che gira maggiormente di made in USA, è tutta roba prodotta da Marvel o DC o la vecchia PlayPress.
    Ti dico, non ho una conoscienza particolarmente approfondita e da esperto del fumetto americano, e le cose che conosco maggiormente sono appunto le opere basate sui super eroi. Ho letto anche cose più di nicchia come alcune pubblicazioni PlayPress che accompagnavano in italia il fumetto di Turok, ma, semplicemente, non è uno stile che riesca ad appassionarmi più di tanto. Partendo dalle tavole ad esempio, lo stile visivo... non mi cattura.
    Ammetto che la mia conoscienza del fumetto americano, cmq, è piuttosto superficiale però francamente tra le cose che ho letto non ho trovato nulla di paragonabile a JoJo di Araki o City Hunter di HoJo o Gantz e via dicendo.
    se magari hai qualche titolo, potresti magari passarmelo che provo a vedere cosa trovo nella fumetteria dove vado di solito ^_^
    Raggiante gestore del Jolly Roger Bay Videogames (finalmente inaugurato, anche online!) ^_^
  12. Deadly Premonition  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5482742
    [P]erfo ha scritto:
    Se potevo avere ancora qualche dubbio, con un Giappone praticamente morto e silente per anni, ora non l'ho più. FFXIII mi ha dimostrato che i giochi completi e perfetti esistono, e il Giappone è sempre o quasi l'unico a farli. Veramente, spero che mossi da questo gran successo commerciale tornino a farsi sentire, perché tra bugames e DLCgames mi sono rotto un po' il cazzo di giocare. Sembrano tutti giochi ispirati a Windows questi occidentali, non si può, è indecente e io pago e io pretendo un gioco completo.
     Ma cosa dici Perfo? guarda che negli ultimi 2 anni ne è arrivata di roba discreta dal Giappone, eh. Street Fighter 4, FF13, Eternal Sonata, Persona 4, Tales of Vesperia, Star Ocean, Yakuza e ti ho brutalmente citato al volo i primi venuti in mente.
    Il Giappone è vivo, solo che a sta gen, non è stato il protagonista assoluto (complice anche una Nintendo piuttosto silente ed una Sega che a parte Virtua Fighter 5 e Sega Rally, non ha fatto vedere molto i propri artigli). Ma definire morto il giappone, dal PDV videoludico, mi pare esagerato ^^ Certo, è da anni che il loro mercato è in recessione, purtroppo (e si vede) e sonoin costante calo, ma bisogna sperare che successi come FF13 spronino tutti ad investire e produrre idee di qualità.
    Raggiante gestore del Jolly Roger Bay Videogames (finalmente inaugurato, anche online!) ^_^
  13.     Mi trovi su: Homepage #5482749
    Della64 ha scritto:
    Ma cosa dici Perfo? guarda che negli ultimi 2 anni ne è arrivata di roba discreta dal Giappone, eh. Street Fighter 4, FF13, Eternal Sonata, Persona 4, Tales of Vesperia, Star Ocean, Yakuza e ti ho brutalmente citato al volo i primi venuti in mente.
    Il Giappone è vivo, solo che a sta gen, non è stato il protagonista assoluto (complice anche una Nintendo piuttosto silente ed una Sega che a parte Virtua Fighter 5 e Sega Rally, non ha fatto vedere molto i propri artigli). Ma definire morto il giappone, dal PDV videoludico, mi pare esagerato ^^ Certo, è da anni che il loro mercato è in recessione, purtroppo (e si vede) e sonoin costante calo, ma bisogna sperare che successi come FF13 spronino tutti ad investire e produrre idee di qualità.
       La roba valida arriva, ma passa quasi sempre in sordina schiacciati dal vocione dei soliti CoD e co. . Sono ancora (non sempre) i perfezionisti di sempre, ma ultimamente mi sembra volessero più inseguire le release annuali di EA che non concentrarsi su quello che loro sanno davvero fare bene e meglio di tutti. Penso però stiano ringranando la marcia giusta, questo potrebbe e dovrebbe essere il loro anno, quello del ritorno anche sotto i riflettori, dei grandi numeri e della strada da seguire per quanto riguarda il game design (di cui una volta dettavano leggi e regole). C'è Square-Enix, c'è Mikami, c'è il butterato (:DD), c'è il Miyamoto, c'è il Sakaguchi, c'è GT5 (si spera...), ci sono i nuovi portatili ecc. ecc. - è l'anno del gran ritorno. Alan Wake e Halo Reach non basteranno a fermarli :toghy:
  14.     Mi trovi su: Homepage #5482751
    Della64 ha scritto:
    Ciao ragazzi,
    apro questo topic per proporre una discussione. Ho sempre e solo posseduto console Nintendo (a parte il Dreamcast) e quindi sono sempre stato un po' a "digiuno", diciamo così, di titoloni occidentali quali GTA, Uncharted, Assassin's Creed, FPS sboroni vari e via dicendo.
    Diciamo che sono cresciuto per lo più giocando con videogames ideati da soft co giapponesi (Nintendo, appunto, ma anche Sega, Capcom, Namco, Square, ecc).
    ho recentemente iniziato Assassin's Creed II, dopo aver finito i primi 2 Yakuza su PS2, e ho iniziato questo titolo con il migliore degli entusiasmi, perchè adoro il rinascimento e la sola idea di potermi aggirare per Firenze e Venezia medievali, era per me motivo di estasi totale.
    Conclusione? Ho mollato il gioco dopo qualche ora di missioni a venezia. La trama non decolla mai, noto veramente pochissima enfasi nella narrazione, non ti mette mai quella curiosità di andare avanti a tutti i costi, saltando tutte le quest secondarie (da fare al secondo playtrough) per capire cosa succede e come si sviluppano gli eventi (come mi sucede con titoli come Persona 4, Yakuza, appunto, ma anche il vecchio Shenmue) o vedere cosa viene dopo )(come in Zelda, super Mario, Metroid e via dicendo). Una freddezza tale, che li per li mi ha scoraggiato molto, ma mi ero convinto che fosse solo una mia fissazione, sono voluto andare avanti e...ho notato anche che in questo gioco (AC2) i personaggi, nelle scene di intermezzo, sono non solo realizzati MOLTO MALE dal PDV tecnico, ma sono TOTALMENTE inespressivi, freddi come delle lamiere da carrozzaio e non sto parlando di tecnica perchè i personaggi di Yakuza su PS2, fanno schifo, ma cavolo se sono espressivi, basta guardarli negli occhi per capire le loro emozioni.
    Mi è capitata questa stessa cosa con Mass Effect, titolo bellissimo ma che mi ha congelato nelle prime 10 ore di gioco. (per carità, ci sono anche titoli che ho apprezzato molto come Fallout 3 o Dead Space).
    Non so, ma io noto che a livello artistico (e si badi, ARTISTICO, non tecnico) via sia davvero moltissima differenza tra i giochi prodotti in occidente e quelli in oriente, trovo gli autori nipponici più espressivi, più precisi e meticolosi e.... vedo che le storie, come le sanno raccontare loro, le sanno raccontare in pochi (ed è forse per questo che leggo i manga mentre non riesco + a toccare nessun fumetto americano, ancora legati al concetto di super-eroi).
    Ora, mi accingo ad iniziare Fable II, sperando davvero di non lasciare un altro titolo a metà.


    Sarà che dopo anni di giochi di entrambi i genere vedo quello giappo sempre uguale e quello occidentale più dinamico.. ma praticamente la mia percezione è esattamente opposta alla tua.
    .
    Il Giappone fermo nella ripetizione dello stesso canone stilistico ormai sterile da anni (con le dovute eccezioni) e tecnicamente indietro di eoni. Mentre l'occiedente in pieno fermento con storie, gameplay, e sperimentazioni molto più vive.
    .
    Magari sono io che mi sono saturato dei giochi giappo.. chi lo sa... ma davvero vedo la situazione al contrario. :D
    .
    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!

  Scuola occidentale e scuola orientale, a confronto

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina