1.     Mi trovi su: Homepage #5528495
    «La montagna ha partorito un pidocchio».
    «Vince Berlusconi»
    «Stroncato».
    «Ossessionato».
    «Ha tradito».
    «Piccolo uomo».
    «E’ attaccato alla cadrega».
    «Ha il terrore di essere cacciato».
    «Vuole la burodemocrazia».
    «Si deve dimettere».
    «Povero di contenuti politici e zeppo di risentimenti».
    «Una storia penosa più psicoanalitica che politica».
    «Un eloquio nevrotico e saltabeccante»
    «Minoranza irrisoria».
    «Indossava una cravatta rosa schocking che indica una smania di
    giovinezza».
    «Insanabile infantilismo».
    «Il nord è suo nemico».
    «Profitta della poltrona di presidente della Camera offertagli dal
    centrodestra che adesso contesta».
    «Vende merce avariata nel proprio basso interesse».
    «Gli piace la finanza islamica».
    «Laicista contro i cattolici, liberista al sud, multiculturale al nord».
    «Gli ex An lo scaricano: Vattene».
    «La verità è scritta sui muri del web: Fini, vojo vedè chi non te sputa
    in faccia».
    «Se Fini preferisce la democrazia dei komunisti, si accomodi».

    (Oggi Piovonorane vi offre praticamente tutto il Giornale di Feltri in edicola, dedicato al presidente della Camera, consentendovi il risparmio di un euro e venti centesimi)
    http://www.piovonorane.it



    «Certo, la mia è una posizione privilegiata: ho un mestiere». La frasetta buttata lì da Giulia Bongiorno, a spiegare come mai soltanto una dozzina di
    aspiranti suicidi abbiano votato contro Berlusconi alla direzione del
    Pdl, getta un fascio di luce sulle dinamiche marce della politica
    italiana.
    http://www.piovonorane.it

    Feudalesimo:
    Tra i più interessanti effetti dello showdown di giovedì, c’è la
    scoperta che il Pdl non è un partito. Berlusconi l’ha fatto mettere nero su bianco, in quella specie di “Confessio fidei” votata in direzione, e oggi Denis Verdini l’ha ripetuto come
    un mantra: il nostro non è un partito, è un patto. Ora, cosa sia un partito più o meno è chiaro: bello o brutto che sia,
    di solito ci sono degli iscritti, degli eletti, dei congressi, cose
    così. Invece, un “patto” qualcuno mi sa dire che cos’è? Chi ne stabilisce
    le regole? Chi ne sono i contraenti? Non somiglia terrificantemente al
    foedus medievale, da cui appunto il feudalesimo? E quanti passi indietro abbiamo fatto per aver trasformato quello che
    dovrebbe essere uno strumento di partecipazione democratica in un
    rapporto feudale tra un capo carismatico e il suo popolo, in cui le
    categorie fondanti sono la fedeltà e l’amore contro il tradimento e
    l’odio?
    http://www.piovonorane.it

  IL PARDITO DELL'AMORE

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina