1.     Mi trovi su: Homepage #5557282
    «Difficile che resti all'Inter»

    Il presidente nerazzurro: «Non è facile fare percentuali con un personaggio così vulcanico. Non si sa cosa possa decidere. O una cosa sorprendente che non ci aspettiamo o una purtroppo che ci aspettiamo e che non sarebbe legata a noi quanto a quello che c'è all'esterno»

    MILANO, 17 maggio - Il giorno dopo la conquista dello scudetto numero 18, per il presidente dell'Inter, Massimo Moratti, è stato un risveglio piacevole: «Ho letto i giornali appena mi sono svegliato - ha detto - a volte è bello leggere qualcosa di positivo. Le lacrime di Mourinho a fine partita? Nella vita bisogna interpretare tutto, ma quello è stato anche un segno di grande umanità e affetto verso i giocatori e verso il pubblico».

    FUTURO MOU - Sul futuro del tecnico portoghese, Moratti continua a non volersi sbilanciare: «Per soddisfare questa curiosità - ha detto il numero uno nerazzurro - bisognerà aspettare la fine della partita contro il Bayern». È proprio la finale di Champions in cima ai pensieri dell'ambiente interista: «Ora bisogna voltare pagina - ha detto Moratti - abbiamo pochi giorni per preparare l'incontro». Il fatto che Mourinho possa andarsene per problemi relativi a fattori esterni alla società, a Moratti non dà fastidio: «Non c'è nessun fastidio, c'è l'adattabilità di ognuno a certe situazioni. Lui è libero di farlo, essendo straniero, ma non è detto che lo faccia. È divertente, come situazione, il fatto che in Italia e specialmente nell'Inter bisogna lottare sempre, non avere mai il massimo della soddisfazione, perchè qualcuno cerca sempre di non dartela. Questo nella vita ti insegna molto e ti fa anche piacere». Subito dopo la conquista del titolo, Moratti ha detto di aver ricevuto «tanti messaggi di affetto, anche da persone lontane» ma i complimenti più graditi «sono stati quelli che non ci sono stati. Comunque, trovo bello vedere che gli altri siano contenti». Il futuro di Josè Mourinho e l'Inter non è prevedibile: parola del presidente nerazzurro Massimo Moratti che intervenendo alla trasmissione radiofonica, "Gr Parlamento -La Politica nel pallone" definisce il tecnico portoghese "vulcanico" e sostanzialmente fa capire di non avere tante speranze di trattenerlo. «È difficile fare percentuali con un personaggio così vulcanico - dice Moratti - Non si sa cosa possa decidere. O una cosa sorprendente che non ci aspettiamo o una purtroppo che ci aspettiamo e che non sarebbe legata all'Inter quanto a quello che c'è all'esterno». Parlando della vittoria dello scudetto, Moratti sottolinea che il successo di ieri «ha un significato di conferma e di eccezionalità. Cinque scudetti di seguito in un periodo di concorrenza accesa è importante».

    Poi il presidente nerazzurro commenta le lacrime di Mourinho ieri visibilmente emozionato: «È un uomo completo, che ha anche una parte sentimentale che tiene a freno perchè deve fare il capo. Le lacrime hanno il significato affetto e riconoscenza per i giocatori. Ieri sono andato a trovarlo sul pullman, era stravolto perchè non è leggero il lavoro che fa mostrandosi sempre il più forte, duro e resistente. Era stravolto e felice per aver raggiunto il risultato». Moratti dedica lo scudetto «ai giocatori, a Mourinho e a tutti quelli che lavorano nell'Inter» e si dice favorevolmente sorpreso «da Zanetti, che migliora ogni anno che passa a dispetto degli anni. E poi Milito è quello che ha dato il meglio per noi».

    SULLO STRISCIONE A TOTTI - «Mi dispiace moltissimo, in un clima di festa puo' scappare una cosa del genere». Massimo Moratti, presidente dell'Inter, commenta cosi' la presenza di uno striscione offensivo nei confronti del capitano romanista Francesco Totti durante i festeggiamenti per lo scudetto nerazzurro sul pullman dell'Inter. «Noi per primi faremo in modo che non si ripeta, ma non mi sembra che questo debba alimentare il rancore di chi e' inutile che l'abbia ancora», dice Moratti a 'La politica nel pallone' su Gr Parlamento. Il tecnico della Roma, Claudio Ranieri, in mattinata ha affermato sull'argomento: «Come e' stato sanzionato Totti (per i pollici mostrati alla Curva Sud dopo il derby capitolino, ndr), mi auguro vengano sanzionati anche quelli che stavano la'. Allora ci sarebbe giustizia». Moratti poi parla della finale di Champions di sabato con il Bayern Monaco: « Siamo già in quel clima - sottolinea - Ieri è stata una bellissima festa ma adesso nel giro di 24 ore bisogna sapersi ricostituire per affrontare la gara di sabato. Una gara seria, bella, per la quale vogliamo tutti un risultato positivo». Poi sul Milan e Juventus dice: «Capita di essere in difficoltà, ma sia Milan sia Juve hanno le capacità e il talento per rifarsi e io già le temo per l'anno prossimo».
  2.     Mi trovi su: Homepage #5557303
    Moratti ha detto "Difficile fare percentuali". Fargli dire "Difficile che resti all'Inter" è libera interpretazione del titulista.
    Prima sentivo Biscardi che dà per sicuro Muorinho via e dice che al 100% sarà Capello il nuovo Mister.
    Parola di Biscardi:D

    Anch'io penso che se ne andrà ma spero ancora di no. In ogni caso intervengo solo per dire che "Difficile che resti all'Inter" Moratti non l'ha detto. ;)
  3.     Mi trovi su: Homepage #5558708
    Mourinho: «Il mio futuro?
    L'Italia non mi rispetta»


    «Non è un problema di contratto o di soldi e mi fa anche un po' di vergogna quello che guadagno con la crisi che c'è. È un problema di soddisfazione personale, di sentirmi rispettato. Ma non sono l'allenatore del Real Madrid». Poi sulla finale di Champions con il Bayern: «È più importante della finale Mondiale»

    MILANO, 18 maggio - Nessuno in Champions League ha fatto vedere il gioco dell'Inter. Ne è convinto Josè Mourinho che ha ricordato le due partite giocate al Meazza contro il Barcellona e a Stamford Bridge contro il Chelsea, rispondendo a Luis Van Gaal che ha definito difensivista il gioco nerazzurro. «In questa Champions - ha detto Mourinho - non mi ricordo una partita come Inter-Barcellona a San Siro. Nessuno ha giocato il calcio che abbiamo giocato, attaccato così tanto i campioni d'Europa e vinto la semifinale lì. Nessuno ha attaccato come noi a Stamford Bridge. Abbiamo fatto due partite come nessun altro». Contro il Lione, ha ricordato Mourinho, Van Gaal dopo l'espulsione di Ribery ha cambiato in modo difensivo l'assetto della sua squadra: «Dire le cose che dice lui è come gettare la sabbia negli occhi».

    «MI PREOCCUPA SOLO IL VULCANO ISLANDESE» - Louis Van Gaal è preoccupato dall'arbitro, mentre Josè Mourinho è molto più preoccupato dal vulcano islandese: «Lui è preoccupato per l'arbitro - ha spiegato Mourinho -, io sono preoccupato per il vulcano islandese. Mi piacerebbe andare solo venerdì a Madrid e invece dobbiamo andare domani. Questa è la mia unica preoccupazione, dell'arbitro non mi preoccupo. La partita con la Fiorentina gli italiani non la dimenticano, allo stesso modo che gli inglesi non dimenticano il cartellino rosso a Rafael, ma questo non è un mio problema».

    «FUTURO? HO PROBLEMI CON L'ITALIA» - «Non è un problema di contratto o di soldi e mi fa anche un pò di vergogna quello che guadagno con la crisi che c'è. È un problema di soddisfazione personale, di sentirmi rispettato o no in un Paese calcistico in cui ho avuto tanti problemi», è quanto ha detto Josè Mourinho sul suo futuro. «Non cambio quanto ho detto qualche giorno fa - ha aggiunto - non è vero che sono l'allenatore del Real. Dopo la finale voglio due tre giorni per pensare con tranquillità del mio futuro. Ovviamente l'Inter non può fare niente di più per farmi essere felice e sentirmi importante: i giocatori sono fantastici, c'è empatia con i tifosi, tutti in società sono fantastici».

    «SE DOVESSI ANDAR VIA LA SOCIETA' SCEGLIERA' IL MEGLIO» - «Ora però non voglio dare l'identikit del mio successore all'Inter, anche perchè potrei essere io», ha chiarito Mourinho. «Nel caso in cui debba accadere, comunque, sono certo che la società saprà scegliere al meglio».

    «FINALE DI CHAMPIONS MEGLIO DI QUELLA MONDIALE» - «Non è vero che ho già deciso di andare al Real Madrid», ha specificato Mourinho. «Dopo la finale di Champions mi prenderò due o tre giorni per pensare in massima tranquillità prima di decidere». Il tecnico dell'Inte ha poi parlato delle polemiche che sono scaturite dopo la sua sfrenata esultanza al Nou Camp dopo la qualificazione contro il Barcellona: «Ho esultato troppo? Beh, posso dire che anche Guardiola lo fece allo Stamford Bridge. che c'è di male?. La finale di Champions è più importante di quella Mondiale perchè i club sono più importanti delle nazionali».

    «RIBERY HA FATTO UN BRUTTO FALLO» - Sull'espulsione di Motta Mourinho è categorico: «Il nostro centrocampista è stato squalificato per colpa di un collega. Ribery invece ha fatto un brutto fallo e ha meritato il rosso»
  4.     Mi trovi su: Homepage #5558710
    «Inter-Benitez, contatto»
    Ma Branca smentisce


    I tabloid inglesi rivelano: «Il dt nerazzurro ha contattato l'allenatore del Liverpool, che dovrà ora prendere una decisione in tempi brevi. Con lui aveva fatto un sondaggio anche il Milan». Pronta replica di Branca: «Non è vero, l'allenatore dell'Inter è Josè Mourinho»

    LONDRA, 18 maggio - Rafa Benitez contattato dall'Inter? Dopo le indiscrezioni circolate in Italia, il The Mirror ha confermato il contatto con quello che potrebbe diventare il sostituto dello Special One. Il dt nerazzurro Marco Branca, però, ha seccamente smentito qualsiasi trattativa con il tecnico spagnolo dei Reds: «Non è vero, l'allenatore dell'Inter è Josè Mourinho».

    IL RACCONTO DEL MIRROR - L'Inter ha contattato Rafa Benitez per verificare la sua disponibilità a prendere il posto di José Mourinho sulla panchina nerazzurra. A sostenerlo è stato oggi il tabloid inglese 'The Mirror', secondo cui il dirigente interista Marco Branca avrebbe parlato con Benitez, individuato come possibile successore dello 'Special One'. A questo punto la palla passa a Benitez che, però, dovrà decidere in tempi brevi.

    IL DUBBIO - Secondo il 'Mirror', il tecnico spagnolo è in attesa di segnali per capire se restare al Liverpool oppure cambiare aria. L'offerta dell'Inter, in questo senso, potrebbe rappresentare la giusta opportunità anche se la prima scelta di Benitez resta Liverpool. Il problema principale sembra legato al mercato. Benitez, infatti, vorrebbe rifondare i 'reds', ma al club di Anfield Road non possono garantirgli che i soldi ricavati da eventuali cessioni saranno poi reinvestiti su nuovi giocatori. Il problema, sempre secondo il tabloid britannico, potrebbe presentarsi anche in caso di passaggio all'Inter. Troppo alta, infatti, l'età media della squadra nerazzurra secondo Benitez. Lo spagnolo, dunque, anche in questo caso avrebbe bisogno di soldi a disposizione per ringiovanire la rosa.

    DERBY SFUMATO - Intanto sembra sfumata la possibilità di un derby per l'allenatore spagnolo. Anche il Milan, infatti, avrebbe contattato Benitez in ben due occasioni, ma l'offerta dell'Inter sarebbe considerata più allettante dall'allenatore di Madrid.
  5.     Mi trovi su: Homepage #5558735
    Pezzotto ha scritto:
    «Inter-Benitez, contatto»
    Ma Branca smentisce

    I tabloid inglesi rivelano: «Il dt nerazzurro ha contattato l'allenatore del Liverpool, che dovrà ora prendere una decisione in tempi brevi. Con lui aveva fatto un sondaggio anche il Milan». Pronta replica di Branca: «Non è vero, l'allenatore dell'Inter è Josè Mourinho»
    LONDRA, 18 maggio - Rafa Benitez contattato dall'Inter? Dopo le indiscrezioni circolate in Italia, il The Mirror ha confermato il contatto con quello che potrebbe diventare il sostituto dello Special One. Il dt nerazzurro Marco Branca, però, ha seccamente smentito qualsiasi trattativa con il tecnico spagnolo dei Reds: «Non è vero, l'allenatore dell'Inter è Josè Mourinho».
    IL RACCONTO DEL MIRROR - L'Inter ha contattato Rafa Benitez per verificare la sua disponibilità a prendere il posto di José Mourinho sulla panchina nerazzurra. A sostenerlo è stato oggi il tabloid inglese 'The Mirror', secondo cui il dirigente interista Marco Branca avrebbe parlato con Benitez, individuato come possibile successore dello 'Special One'. A questo punto la palla passa a Benitez che, però, dovrà decidere in tempi brevi.
    IL DUBBIO - Secondo il 'Mirror', il tecnico spagnolo è in attesa di segnali per capire se restare al Liverpool oppure cambiare aria. L'offerta dell'Inter, in questo senso, potrebbe rappresentare la giusta opportunità anche se la prima scelta di Benitez resta Liverpool. Il problema principale sembra legato al mercato. Benitez, infatti, vorrebbe rifondare i 'reds', ma al club di Anfield Road non possono garantirgli che i soldi ricavati da eventuali cessioni saranno poi reinvestiti su nuovi giocatori. Il problema, sempre secondo il tabloid britannico, potrebbe presentarsi anche in caso di passaggio all'Inter. Troppo alta, infatti, l'età media della squadra nerazzurra secondo Benitez. Lo spagnolo, dunque, anche in questo caso avrebbe bisogno di soldi a disposizione per ringiovanire la rosa.
    DERBY SFUMATO - Intanto sembra sfumata la possibilità di un derby per l'allenatore spagnolo. Anche il Milan, infatti, avrebbe contattato Benitez in ben due occasioni, ma l'offerta dell'Inter sarebbe considerata più allettante dall'allenatore di Madrid.
     Se Benitez va all'Inter e Del Neri alla juve, questo significa che Morattopoli sta continuando
    Una volta mi sembrava, magari ero un illuso, che nel calcio ci fosse anche un desiderio di aggregazione reale, di divertimento...; adesso mi sembra qualcosa molto vicino alla vendetta, vendetta numero 15. Dico questo per agganciarmi alla prossima canzone che si chiama "Delenda Carthago" e anche per dirvi che Properzio, la nuova ala della Lazio, diceva a proposito del denaro...risparmio la battuta in latino...del loro..."per causa tua", diciamo, "ci avviamo a morte prematura"...Com'è vero!!!
    Delenda Carthago.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5569613
    Inter, ecco perchè è sorto il problema con il Real per il via libera di Mourinho

    Fonte: itasportpress.it

    Il Real Madrid non vuole pagare la clausola rescissoria di 16 milioni di euro all'Inter. Massimo Moratti non l'ha presa bene e sarebbe arrabbiato col club spagnolo per il poco fair play dimostrato nei confronti dell'Inter e con Mourinho. Il tecnico portoghese sostiene di aver ricevuto dal patron nerazzurro la promessa che in caso di vittoria in Champions League sarebbe stato libero di accasarsi altrove, senza dover pagare la clausola da 16 milioni. Moratti, invece, pretende il pagamento. Si ha comunque la sensazione che presto l'accordo si troverà.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5569614
    Ranieri sicuro: "Per il dopo Mou, Capello o Hiddink"

    "Mourinho mancherà soprattutto ai media..."

    Claudio Ranieri, in un'intervista esclusiva a Skysport 24, ha parlato dell'addio di Mou al calcio Italiano: "Mancherà un pò a tutti, in particolare a tutto il mondo dei media, perchè è un personaggio che fa scrivere molto. Era importante per tutto il movimento calcistico. Ma sinceramente - ammette Ranieri - a me mancherà un pò di più Leonardo. Lui era davvero un'immagine positiva per il calcio italiano e amava l'Italia". Gli viene chiesto chi secondo lui sostituirà Mourinho all'Inter il prossimo anno: "Capello o Hiddink: entrambi hanno fatto sempre bene, ma dovranno riuscire a sbloccarsi dalle rispettive nazionali. Comunque l'Inter farà benissimo anche l'anno prossimo. Moratti ha costruito uno squadrone e chiunque arriverà troverà una squadra di campioni. Sì, non è facile ripetersi, ma proveranno lo stesso a vincere il campionato e riproporsi in Champions".

    L'allenatore della Roma conclude poi con un commento sul tecnico portoghese: "Mourinho ha una mentalità italiana. In Spagna vogliono il bel gioco, il calcio champagne. Però lui è un allenatore internazionale, ha vinto in Portogallo, in Inghilterra, in Italia. Vincerà anche in Spagna".
  8.     Mi trovi su: Homepage #5569615
    Perez: "Mourinho sarà il nuovo allenatore del Real. Sulla clausola..."

    Fonte: FcInterNews.it

    In conferenza stampa, il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha dato l'annuncio dell'ingaggio di Josè Mourinho: "Abbiamo deciso di esonerare dall'incarico di allenatore Manuel Pellegrini. Ha fatto un gran lavoro, ma abbiamo deciso di prendere da un club italiano un nuovo allenatore, Josè Mourinho, dall'Inter, il club campione d'Europa, e l'allenatore più vincente di tutti. Vogliamo essere leader in Europa, abbiamo un progetto ambizioso come quello di Mourinho che aveva all'Inter". Arrivano le domande anche sulla clausola, e Perez prosegue: "Mourinho è uno che porterà tanto valore al club, dobbiamo soltanto aspettare che si concluda la sua vicenda con l'Inter sulla clausola. Ho parlato con Moratti al telefono, Moratti è un mio amico, ne stiamo ancora parlando. Spero che in fretta Mou e Moratti raggiungano un accordo. Comunque, chi versa la clausola è il tecnico, quindi non è un problema nostro".

    Sul paragone con Pellegrini: "Non è stata una decisione facile, ma adesso siamo convinti, anzi siamo incantati, entusiasti di Mourinho. Necessitavamo questo cambiamento. Abbiamo scelto Josè perchè questo club vuole sempre il meglio, quando c'è stata l'opportunità di prenderlo non ce la siamo lasciata sfuggire. Adesso archiviamo la stagione scorsa che è stata abbastanza negativa perchè non abbiam vinto nulla nonostante abbiamo vinto tante partite". Poi, sui tanti allenatori presi prima di Mou: "Ogni tanto si commettono errori, resto convinto delle capacità di Pellegrini tutt'ora. Mourinho è il migliore, un vincente. Il nostro club è molto esigente, si deve vincere".

    Arriva la notizia che Massimo Moratti arriva a Madrid, e Florentino replica: "Non so, ma comunque se anche sarà a Madrid non si è messo d'accordo con il sottoscritto e non lo incontrerò". La notizia verrà poi smentita in seguito.
  9.     Mi trovi su: Homepage #5570153
    Pezzotto ha scritto:
    Inter, ecco perchè è sorto il problema con il Real per il via libera di Mourinho

    Fonte: itasportpress.it

    Il Real Madrid non vuole pagare la clausola rescissoria di 16 milioni di euro all'Inter. Massimo Moratti non l'ha presa bene e sarebbe arrabbiato col club spagnolo per il poco fair play dimostrato nei confronti dell'Inter e con Mourinho. Il tecnico portoghese sostiene di aver ricevuto dal patron nerazzurro la promessa che in caso di vittoria in Champions League sarebbe stato libero di accasarsi altrove, senza dover pagare la clausola da 16 milioni. Moratti, invece, pretende il pagamento. Si ha comunque la sensazione che presto l'accordo si troverà.


    spero che moratti non ceda un euro :sbam:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  10.     Mi trovi su: Homepage #5570229
    digital_boy84 ♫ ha scritto:
    spero che moratti non ceda un euro :sbam:


    Dicevan ieri a Sky che l'inter deve ancora 14,5 mln al real per Sneijder.

    Probabilmente arriveranno a fare lo "scambio" Mourinho-Sneijder... anche se sembra quasi certo che al real vada anche Maicon :'(
    Vincitore della coppa Uefa Superleague Apertura 2010/11 e Supercoppa Superleague Apertura 2010/11
    Vincitore della coppa Superlega Clausura 2013/14

    Raccolta delle Zandetta di SuperLega
  11.     Mi trovi su: Homepage #5570237
    zande85 ha scritto:
    Dicevan ieri a Sky che l'inter deve ancora 14,5 mln al real per Sneijder.
    Probabilmente arriveranno a fare lo "scambio" Mourinho-Sneijder... anche se sembra quasi certo che al real vada anche Maicon :'(
       Sai, Maicon ha appena dichiarato che lui sta al 100%
    Però ogni 6 mesi batte cassa e Moratti secondo me ne ha anche le paxxe piene :asd::asd:
  12.     Mi trovi su: Homepage #5570338
    Zanetti Capitano ha scritto:
    Sai, Maicon ha appena dichiarato che lui sta al 100%
    Però ogni 6 mesi batte cassa e Moratti secondo me ne ha anche le paxxe piene :asd::asd:


    Maicon a dire il vero ho sentito che ha detto bisogna vedere se Moratti mi lascia andare...

    Cmq pazienza, se non ha stimoli può anche andare.
    Vincitore della coppa Uefa Superleague Apertura 2010/11 e Supercoppa Superleague Apertura 2010/11
    Vincitore della coppa Superlega Clausura 2013/14

    Raccolta delle Zandetta di SuperLega

  Moratti, addio a Mourinho

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina