1.     Mi trovi su: Homepage #5569001
    La prima cosa che mi è venuta da pensare uscito dalla sala è "un esempio di un bel film da non andare a vedere".
    A freddo dico invece che sì, è da andare a vedere, fosse solo per il coraggio di portare su schermo una storia non-storia di un libro in cui la sensazione di vuoto e grigio sono l'elemento fondamentale della lettura.
    Passati i primi 20/25 minuti tra i più soporiferi tra le pellicole visionate ultimamente, il film s'alza il tono e si èfinalmente ingaggiati da una discreta carica empatica per i due personaggi vagabondi.
    La forza del film è il sorgere nello spettatore della domanda "ma come può andare a finire una storia così?". E gli autori nel finale si sono presi qualche libertà in più rispetto al libro.
    Da vedere ma non per tutti.
    Aspetto commenti.
    "There's no question when you have The Answer"
    --Brooklyn's Finest--
  2.     Mi trovi su: Homepage #5569080
    Voglio assolutamente vederlo, anche se il libro (che ho letto apposta prima del film per evitare di leggerlo evocando scenari ed immagini "preconfezionate") mi ha disgustato come forse nessun altro romanzo ha saputo fare: 200 e rotte pagine di nulla, pure scritte in maniera a mio avviso pessima.
     Davvero non capisco come abbia fatto a vincere tutti i premi che ha vinto.
    Il Generale Shark così parlò: "...mi dia tempo e il mondo userà i pollici solo per suonare il campanello di casa."
    *Oo RimaNi Col Dubbio oO*
    ..:: BLoOd Is My AvAtaR ::..
  3. 痺れるだろう?  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5569106
    Flory ha scritto:
    ma sarebbe on the road di kerouac?
     ma senza "on"
    (e senza kerouac)
    /!\quello che vive in Cina di Nextgame/!\
    ogni tanto fate una capatina nel mio blog! (sempre che la Cina sblocchi Blogspot... (sic))
    你令一切平凡的事变得新奇 令琐事变成美好的回忆...
  4.     Mi trovi su: Homepage #5572451
    Mdk7 ha scritto:
    Voglio assolutamente vederlo, anche se il libro (che ho letto apposta prima del film per evitare di leggerlo evocando scenari ed immagini "preconfezionate") mi ha disgustato come forse nessun altro romanzo ha saputo fare: 200 e rotte pagine di nulla, pure scritte in maniera a mio avviso pessima.
     Davvero non capisco come abbia fatto a vincere tutti i premi che ha vinto.
      Dici che è brutto????Ma come???:'( Volevo leggerlo e aspettavo il film da una vita...anche se ora non so se riuscirò ad andarlo a vedere,magari lo fitterò quando uscirà in dvd!
  5.     Mi trovi su: Homepage #5572474
    Mdk7 ha scritto:
    Voglio assolutamente vederlo, anche se il libro (che ho letto apposta prima del film per evitare di leggerlo evocando scenari ed immagini "preconfezionate") mi ha disgustato come forse nessun altro romanzo ha saputo fare: 200 e rotte pagine di nulla, pure scritte in maniera a mio avviso pessima.
     Davvero non capisco come abbia fatto a vincere tutti i premi che ha vinto.
     Non capisci un ca**o :'D
    Meglio mezz'ora di TG4 o un clistere ai 4 formaggi? Troviamo insieme una risposta a questo annoso problema.
    «Poison in his veins. Vengeance in his heart.»
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5572493
    Leda ha scritto:
    Dici che è brutto????Ma come???:'( Volevo leggerlo e aspettavo il film da una vita...anche se ora non so se riuscirò ad andarlo a vedere,magari lo fitterò quando uscirà in dvd!

    A me il libro è piaciuto tantissimo. Devo ancora vedere il film.
    E da quel poco che ho capito dei tuoi gusti, secondo me non fa per te.
    "Don't be such a baby, ribs grow back..."
    Massì dài, spam: delu[XE].
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5572496
    Mdk7 ha scritto:
    Voglio assolutamente vederlo, anche se il libro (che ho letto apposta prima del film per evitare di leggerlo evocando scenari ed immagini "preconfezionate") mi ha disgustato come forse nessun altro romanzo ha saputo fare: 200 e rotte pagine di nulla, pure scritte in maniera a mio avviso pessima.
    Davvero non capisco come abbia fatto a vincere tutti i premi che ha vinto.

    È scritto in maniera desolata, esattamente come è desolato il mondo in cui vivono i personaggi, un mondo in cui persino la punteggiatura è un lusso. Ed è anche grazie a quello stile spartano che McCarthy trasmette in maniera così efficace la disperazione e l'annullamento dell'umanità in praticamente tutte le sue forme.
    "Don't be such a baby, ribs grow back..."
    Massì dài, spam: delu[XE].
  8.     Mi trovi su: Homepage #5572714
    Da Hammer ha scritto:
    A me il libro è piaciuto tantissimo. Devo ancora vedere il film.
    E da quel poco che ho capito dei tuoi gusti, secondo me non fa per te.
       Come fai a sapere i miei gusti?Sentiamo!!!:rolleyes: Invece secondo me dovrebbe piacermi mooooooolto!!!!:))
  9. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5572744
    Da Hammer ha scritto:
    È scritto in maniera desolata, esattamente come è desolato il mondo in cui vivono i personaggi, un mondo in cui persino la punteggiatura è un lusso. Ed è anche grazie a quello stile spartano che McCarthy trasmette in maniera così efficace la disperazione e l'annullamento dell'umanità in praticamente tutte le sue forme.
     Cosa verissima anche in relazione ad altri libri di McCarthy come Meridiano di Sangue e La trilogia della Frontiera, che, pur non abbandonando uno stile moralmente scabro, sono assai forbiti e ricercati nel lessico e nella costruzione.
    La strada è volutamente scritto così.
  10.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5572892
    Devo leggere assolutamente il libro (nonchè rivedere il film in italiano).
    Dopo tanti film del piffero finalmente sul panorama qualcosa brilla di luce propria.
    Ormai sono davvero poche le pellicole che mi fanno pensare, di solito le guardo, le valuto, le tichetto e fanno scaffale, o didascalia.
    Su questa sorge spontaneamente la domanda: davvero il nostro pianeta si merita il trattamento che ha ora solo per il vanto di ospitare una animale intelligente come l'uomo? La risposta lapalissiana è sicuramente no. Che si fotta lui e i suoi antenati scimmia.
    Questo film però è una versione più evoluta e sottile del clichè, salvo l'uomo perchè una sua minoranza è capace di amore verso i suoi simili (cosa che fa sempre presa sul pubblico ma solleverebbe un bel chissenefrega da parte di qualsiasi osservatore esterno).
    Nella guerra dei mondi gli uomini sono,giustamente, tritati ed usati come concime (come facciamo noi adesso con gli animali), in ultimatum alla terra riusciamo a far compassione ed ad evitare la distruzione, da soli però non riusciamo a farci compassione e ci mangiamo. Finale probabile.
    Film intimista.
    "No gods or kings. Only Man"

    www.retro-gaming.it
  11.     Mi trovi su: Homepage #5573157
    Dobbiamo ringraziare il distributore italiano...il film è unico nel suo genere e manda segnali angoscianti su un paradossale futuro, talmente forti d' averli censurati in alcuni paesi.

    Molto pesante, se esisterà una condizione post-apocalitica state sicuri che quella di "the road" gli si avvicina molto.

    PS Non andate a vederlo dopo mezzanotte o piu' tardi. Dormirete.
  12.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5573207
    Il futuro è quello, ma mica per essere pessimisti eh? Solo facendo un'estrapolazione di quanto abbiamo fatto fin'ora.
    L'uomo è l'unico essere vivente sulla terra a non essere in simbiosi col pianeta, è "alieno".
    Sputa nel piatto dove mangia, dal disastro delle deepwater horizon al rispetto per gli altri esseri viventi ...quando si estinguerà Gea tirerà un sospiro di sollievo.
    "No gods or kings. Only Man"

    www.retro-gaming.it
  13. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #5573221
    Drone ha scritto:
    Il futuro è quello, ma mica per essere pessimisti eh? Solo facendo un'estrapolazione di quanto abbiamo fatto fin'ora.
    L'uomo è l'unico essere vivente sulla terra a non essere in simbiosi col pianeta, è "alieno".
    Sputa nel piatto dove mangia, dal disastro delle deepwater horizon al rispetto per gli altri esseri viventi ...quando si estinguerà Gea tirerà un sospiro di sollievo.
    A Gea non gliene frega niente dell' uomo o delle catastrofi ambientali. Gea sopravvive comunque, si adatta, si depura.
    I cazzi restano solo i nostri.

    Comunque in linea di massima non credo che l' uomo si destinato all' autodistruzione. Ci estingueremo come tutti. Ma per cause naturali. Una bella glaciazione, un focolaio pandemico serio o roba del genere. E la Terra andrà avanti. Anzi, ha dovuto subire catastrofi ambientali di molto peggiori a quelle ambientali che è riuscito a produrre l' uomo.

    Ci diamo troppa importanza.

  The Road

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina