1.     Mi trovi su: Homepage #5577757
    Il numero uno del club giallorosso: «Il giorno in cui si presenterà qualcuno che abbia un interesse e un progetto veri per il club, non avremo problemi a fare un passo indietro, anche se a malincuore». Comunicato della società: «Inevitabile fallimento Italpetroli? Le solite notizie false»

    ROMA, 3 giugno - Sarebbero «le solite notizie false» quelle apparse sulla stampa «su un inevitabile fallimento del Gruppo Italpetroli qualora lo stesso non accettasse una presunta ciambella di salvataggio generosamente offerta da Unicredit». Così una nota di Italpetroli, che aggiunge: «Tali pseudo notizie, la cui origine e la cui finalità sono del tutto chiare, non ci sorprendono, ma comunque ci indignano, poichè, ancora una volta, non si è esitato ad aggredire e denigrare un gruppo di imprese sane ed i suoi lavoratori, nonchè una società sportiva, come l'A.S. Roma, che gode di ottima salute, senza alcun rispetto per la passione di milioni di tifosi». Italpetroli precisa anche che «è del tutto destituita di fondamento la notizia secondo la quale il collegio sindacale e la società di revisione Bdo avrebbero comunicato a Italpetroli l'intenzione di non firmare o non certificare il bilancio per l'esercizio 2009».

    TEMPISMO - «Con il consueto tempismo - si legge nella nota diffusa dalla società -, questa volta il giorno precedente la prima udienza dell'arbitrato promosso da Italpetroli per l'accertamento dell'illegittimità del recesso di Unicredit dall'accordo stipulato nel 2008, la condanna della banca al risarcimento dei danni per almeno 50 milioni di euro e la declaratoria di riduzione delle pretese della banca stessa, anche per anatocismo, per circa 80 milioni, alcune testate hanno diffuso le solite false notizie, che ormai circolano da almeno un anno, su un inevitabile fallimento del Gruppo Italpetroli qualora lo stesso non accettasse una presunta ciambella di salvataggio generosamente offerta da Unicredit».

    FUTURO - In un’intervista a Panorama in edicola domani e di cui oggi è stata fornita un'anticipazione, Rosella Sensi parla del futuro della Roma ma anche della famiglia: «Il giorno in cui si presenterà qualcuno che abbia un interesse e un progetto veri per il club, non avremo problemi a fare un passo indietro, anche se a malincuore».

    DE ROSSI E TOTTI - C'è infatti il discorso su De Rossi, entrato nelle mire del Real. «Una grande offerta per lui è già arrivata lo scorso anno e abbiamo già detto no», sottolinea la Sensi, che poi difende Totti 'massacrato' da certa critica dopo il brutto fallo su Balotelli nella finale di Coppa Italia. «Ogni suo gesto viene passato al microscopio - dice la presidente della Roma -, ma non si può distruggere un uomo con un linciaggio del genere».

    IL MERCATO E LA SCOMMESSA ADRIANO - Poi l'ottimismo sulla possibilità di riscattare Burdisso («Moratti è un signore, non ci saranno problemi») e sul fatto che Adriano andrà bene nella Roma: «Abbiamo fatto una scommessa reciproca e la vinceremo. Saranno i tifosi a tutelarlo». Una battuta anche sulla tessera del tifoso, così contestata dai sostenitori romanisti: «È un'iniziativa del ministro Maroni, siamo obbligati a darne seguito».

  Sensi: «Falsità sulla Roma, ma sono pronta a lasciare»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina