1. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5603639
    Lylot72 ha scritto:
    http://www.videogamer.com/news/inafune_fears_japanese_game_industry_will_disappear.html
    Be se continuano a cedere giochi a team occidentali vedi i vari Silent Hill, Bionic Commando, Front Mission, Dark Void ecc. ecc., tagliano le gambe a tutte le nuove leve giapponesi.
    Beh, l'andazzo di questo E3 è stato decisamente evidente. A parte GT5 quali altri giochi di sviluppatori giapponesi potevano "tenere testa" ai pezzi grossi "occidentali"?
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5603643
    Purtroppo è la triste realtà. Tranne qualche rara eccezione i titoli giappi sono rimasti una generazione indietro, in aggiunta per farli ci mettono anche un'eternità. Infati quando penso ad alcuni titoli Capcom, Konami, Final Fantasy (che è noiosissimo, ma graficamente si difende bene) e GT5 penso che siano dei mezzi miracoli paragonati alle produzioni giapponesi. La stessa Capcom, con la perdita di alcuni personaggi imho è il lontano miraggio di quella passata, soprattutto come creatività. Anche questo E3 è stata la conferma, praticamente l'industira nippa era assente. C'è da aspettare il TGS per vedere se sono in coma o già in rigor mortis.
  3.     Mi trovi su: Homepage #5603665
    quando lo dissi io mi linciaste perchè "non capivo il lato artistico delle texture" :DD
    Cerco ancora Halo3, Dead Rising, Mass Effect, Fable2, Gear2, com'è Gun?, UT3, R6Vegas2, Sega Rally, Infinite U., Onechanbara(?), BF:Bad Company, Rise of the Arg.s, Left 4 Dead, Hitman (e accetto suggerimenti).
  4. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5603666
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Purtroppo è la triste realtà. Tranne qualche rara eccezione i titoli giappi sono rimasti una generazione indietro, in aggiunta per farli ci mettono anche un'eternità. Infati quando penso ad alcuni titoli Capcom, Konami, Final Fantasy (che è noiosissimo, ma graficamente si difende bene) e GT5 penso che siano dei mezzi miracoli paragonati alle produzioni giapponesi. La stessa Capcom, con la perdita di alcuni personaggi imho è il lontano miraggio di quella passata, soprattutto come creatività. Anche questo E3 è stata la conferma, praticamente l'industira nippa era assente. C'è da aspettare il TGS per vedere se sono in coma o già in rigor mortis.
    Aggiungo una cosa...

    Piglia una SH occidentale capace di creare un buon gioco in un paio di anni di lavoro (tipo, per stare in ambito automobilistico, Turn 10 o Bizarre Creations). Dalle un budget praticamente illimitato e sei anni per creare un gioco. Poi vedi cosa esce fuori...

    Vale per tutti i generi, eh.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  5. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #5603677
    Per me le ragioni sono sempre le stesse due.
    La prima endemica: mixare il mercato dei giochi console e PC sulle medesime piattaforme ha messo in evidenza un gap tecnologico che in parte è sempre sussistito.
    La seconda è di investimenti: il Giappone era all' avanguardia quando il mercato arcade era fiorente. Smesso di investire lì la competenza cala (e le principali responsabili sono proprio Capcom, SEGA e Namco).
  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5603681
    Stefano Castelli ha scritto:
    Aggiungo una cosa...
    Piglia una SH occidentale capace di creare un buon gioco in un paio di anni di lavoro (tipo, per stare in ambito automobilistico, Turn 10 o Bizarre Creations). Dalle un budget praticamente illimitato e sei anni per creare un gioco. Poi vedi cosa esce fuori...
    Vale per tutti i generi, eh.
     Secondo me no, io sono del parere che l'eccellenza sono in pochi a poterla raggiungere, perchè per l'eccellenza non basta "sgobbare", ci vuole talento, ci vuole genialità, e queste non le compri con soldi e tempo. E vale per tutti i campi della vita. Gli esempi da un lato e dall'altro si sprecano. Basta guardare la classifica dei giochi più costosi di sempre. Ma siamo OT mi sa.
  7. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5603690
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Secondo me no, io sono del parere che l'eccellenza sono in pochi a poterla raggiungere, perchè per l'eccellenza non basta "sgobbare", ci vuole talento, ci vuole genialità, e queste non le compri con soldi e tempo. E vale per tutti i campi della vita. Gli esempi da un lato e dall'altro si sprecano. Basta guardare la classifica dei giochi più costosi di sempre. Ma siamo OT mi sa.
    Se dai tempo e fondi illimitati a gente incompetente ottieni roba come Too Human. Se li dai a gente col talento ottieni roba "alla GT5". Quello che intendo è che se dico che i giappi sono indietro e mi si cita GT5 come smentita posso anche rispondere "e grazie al cavolo!". Ferma restando la bravura di Yamauchi e compagni, ma di certo non è possibile prenderlo come punto di riferimento o comunque come un caso "standard".
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  8. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #5603692
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Secondo me no, io sono del parere che l'eccellenza sono in pochi a poterla raggiungere, perchè per l'eccellenza non basta "sgobbare", ci vuole talento, ci vuole genialità, e queste non le compri con soldi e tempo. E vale per tutti i campi della vita. Gli esempi da un lato e dall'altro si sprecano. Basta guardare la classifica dei giochi più costosi di sempre. Ma siamo OT mi sa.
    Per mantenere standard elevati di eccellenza, ci vuole competenza. E la competenza la mantieni solo lavorando costantemente ad alti livelli.

    Per farlo devi avere investimenti costanti.
    E' evidente che se dai soldi illimitati ad un team giapponese medio di oggi, non saprà che farsene. Dalli invece ad un team che ha sempre lavorato a standard altissimi. Vedrai che trasformerà il denaro in qualità, con un rapporto di 1:1.
  9. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5603711
    Stefano Castelli ha scritto:
    Se dai tempo e fondi illimitati a gente incompetente ottieni roba come Too Human. Se li dai a gente col talento ottieni roba "alla GT5". Quello che intendo è che se dico che i giappi sono indietro e mi si cita GT5 come smentita posso anche rispondere "e grazie al cavolo!". Ferma restando la bravura di Yamauchi e compagni, ma di certo non è possibile prenderlo come punto di riferimento o comunque come un caso "standard".
     Io GT5 lo metto come eccezione. E sono sicuro che avranno beneficiato anche degli "studi" dei team occidentali. Polyphony è un discorso a parte. Già Final Fantasy può rendere meglio come esempio, un team di sicuro talento con budget illimitato e tempi illimitati. Hanno tirato fuori un ottimo gioco graficamente, ma se lo rapportiamo ad un Mass Effect ne esce un tantinello con le ossa rotte, e di Mass Effect ne sono usciti due nel tempo che ci hanno impiegato a fare un FF. Non è un caso che SE si stia espandendo in occidente come la stessa Capcom che preferisce affidare i suoi brand a team occidentali. Io spero che questa espansione serva anche per far arrivare alle SH giapponesi il know-how occidentale.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5603728
    Il problema, secondo me, è che non si vede un ricambio generazionale.
    Poi ripeto propio Capcom cede lo sviluppo di giochi a terze parti occidentali invece di investire in  Team giapponesi  e la  frittata è fatta.
    Dove sono  i sucessori di Miyamoto Yu Suzuki ecc.  per continuare  a  crescere bisogna investire nei giovani.
  11.     Mi trovi su: Homepage #5603736
    Piccolo ha scritto:
    Per me le ragioni sono sempre le stesse due.
    La prima endemica: mixare il mercato dei giochi console e PC sulle medesime piattaforme ha messo in evidenza un gap tecnologico che in parte è sempre sussistito.
    La seconda è di investimenti: il Giappone era all' avanguardia quando il mercato arcade era fiorente. Smesso di investire lì la competenza cala (e le principali responsabili sono proprio Capcom, SEGA e Namco).
     Resta la prova d'appello (l'ennesima) del Tgs, se anche lì si vedranno solo le solite cose già annunciate da tempo imho si avvieranno sempre di più verso l'essere a tutti gli effetti l'ultimo mercato videoludico del mondo (cosa che peraltro purtroppo già sono oramai da tempo).
    Forse "una rinascita" potrebbe essere rappresentata dal 3ds.
    Le home consoles e si è capito lì non tirano più...
    Resistance is futile...
    Tag ps3:BIANCIOZ
    Tag 360:BIANCIOZ

  Capcom: Industria dei videogiochi giapponese in estinzione?????

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina