1.     Mi trovi su: Homepage #5709995
    Mi chiedo solo una cosa ... Visto quello che sta uscendo fuori dal processo di Napoli, perchè gazzetta.it preferisce far finta di nulla? Oggi per es. c'è in corso un'udienza ...Chiedo anche ai più antijuventini: a prescindere dall'opinione personale che si hanno sugli eventi, è giusto che il più importante organo di stampa sportivo decida di far finta di nulla su una cosa così importante? Si dice che in un paese chi controlla i media non è colui che decide quello che devono dire ma colui che decide ciò che NON devono dire ...
    <html>
    <body>
    <font color="blue" size=4 face="Mistral"><b>Io di te non mi stanco, sarò sempre al tuo fianco, sei la cosa più bella che c'è </b></font><br>
  2.     Mi trovi su: Homepage #5710104
    scudettoweb ha scritto:
    Sulla Gazzetta cartacea oggi c'era un ampio articolo. È un giornalaccio (ti lascio immaginare cosa penso degli altri...) però non si può dire che non abbia coperto approfonditamente Calciopoli e i suoi filoni.
     ho notato prime pagine e titoloni a effetto nel 2006, adesso l'argomento è in sordina ... non so se stai seguendo il processo, forse non ti interessa (lo capisco :) ) ma qua più passano le udienze più sembra che non ci siano stati illeciti, è tutto un rimangiarsi le parole ... poi sarò di parte io, ma non ho capito se ciò che sta venendo fuori potrà avere conseguenze ...
    <html>
    <body>
    <font color="blue" size=4 face="Mistral"><b>Io di te non mi stanco, sarò sempre al tuo fianco, sei la cosa più bella che c'è </b></font><br>
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #5710157
    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    ho notato prime pagine e titoloni a effetto nel 2006, adesso l'argomento è in sordina ... non so se stai seguendo il processo, forse non ti interessa (lo capisco :) ) ma qua più passano le udienze più sembra che non ci siano stati illeciti, è tutto un rimangiarsi le parole ... poi sarò di parte io, ma non ho capito se ciò che sta venendo fuori potrà avere conseguenze ...


    Mi interessa molto, ma il ciclo delle news è questo, è normale che nel pieno della notizia ci siano titoli a 9 colonne e ora che invece che mondo dello sport non ne è sostanzialmente toccato se ne parla solo all'interno del quotidiano. Alla fin fine, dal nuovo filone di inchiesta sportiva quello che può uscire è la revoca dello scudetto assegnato a tavolino per "non opportunità", interessante geopoliticamente ma sportivamente roba di poco conto (non si parla per capirsi di retrocessioni, penalizzazioni, radiazioni, ecc. ecc., il tutto è prescritto o lo sarà). Peraltro da quello che ho sentito finora siamo nel reame del grottesco, con interrogativi su di chi è la voce che dice una parola o l'altra al telefono...

    Sul processo di Napoli secondo me c'è poco da dire. È stata data grande attenzione dai media all'iniziativa della difesa di un imputato "indifendibile" di muovere le acque per evitare di vederci chiaro sull'assistito. Quello che ne esce potrà anche essere interessante, questo lo sapremo quando saranno viste le varie intercettazioni, però per ora siamo a un tentativo di difesa piuttosto confuso (l'accusa non era di fare due chiacchiere o di fare pressioni genericamente ma di associazione per delinquere, la stessa associazione riconosciuta dalla condanna di Giraudo). Se salta fuori, esagero, che Moratti in privato chiedeva per l'Inter favori arbitrali, nulla cambia per Moggi nell'ambito dell'associazione per delinquere. "Tutti parlavano" è un giudizio morale e sportivo, se provato naturalmente, ma irrilevante, nel mio modesto parere legale, in funzione dell'accusa di associazione per delinquere.

    Infine, se Moggi sarà scagionato da questa accusa, nulla significherà per la giustizia sportiva, che opera in modo più libero. Per capirsi, un'intercettazione di un dirigente che dice a un arbitro "Allora domani vieni qui a prendere i tuoi 50.000 euro per averci dato il rigore ieri" giudicata durante il processo della giustizia ordinaria come "inammissibile" per il modo in cui è stata raccolta rimane valida per la giustizia sportiva.

    Mi permetto solo un commento di carattere strategico. Ma perché la società Juventus non sta distanziandosi anni luce da Moggi? Anche durante il processo si è tornato a fare l'associazione mentale Moggi=Juventus che io trovo da brividi. Se la mia società avesse avuto in passato un dipendente oggi alla sbarra, pregiudicato (processo GEA) e moralmente compromesso per fatti che attengono alla mia stessa società, io metterei chilometri di distanza. Continuando con questa associazione di pensieri, se nel 2011 Moggi sarà riconosciuto colpevole di associazione per delinquere la Juventus non farà una bella figura (c'è già stato Giraudo a creare problemi in tal senso).
  4.     Mi trovi su: Homepage #5712398
    labirinto ha scritto:
    Ma che ti sei fumato ? :asd:
     io nulla, ma se tu avessi letto la motivazione di calciopoli 1 avresti visto che la juve non è stata condannata per illeciti, ma SOLTANTO per reato contro la lealtà sportiva: e la lealtà sportiva prevedeva che non si potevano intrattenere rapporti con gli arbitri a prescindere dai contenuti. Questo non l'ho detto io, l'ha detto il giudice ...
    "Non mi interessa se nn hai ottenuto favori dall'arbitro, non ci dovevi parlare e basta ... Parlavano tutti? Non è vero, parlava solo chi è stato condannato, piaccia o non piaccia non esistono telefonate di altri ..."
    Questo è il sunto ...
    Scud, giustizia sportiva e giustizia ordinaria non possono essere così distinte: se le giustizia sportiva mette agli atti che un dirigente ha chiuso un arbitro nello spogliatoio e la giustizia ordinaria stabilisce che non è vero, come può la condanna sportiva essere equa ...
    ti vorrei segnalare una cosa ... Giuraudo ha patteggiato, ma potrebbe anche darsi che per un uomo d'affari che abbia esigenza di continuare a lavorare sia più comodo patteggiare una pena piuttosto che difendersi ... a prescindere dalle ragioni ... Questo in italia, purtroppo, è all'ordine del giorno ...
    Ribadisco: la juve è stata condannata in calciopoli uno per intrattenere rapporti di convivialità con gli arbitri, non per altro ... Se uno dei punti della condanna, per es., è che moggi sapesse dei sorteggi prima che fossero pubblici (ma già avvenuti) è venuto fuori che altri dirigenti li conoscevano prima che avvenissero ...
    <html>
    <body>
    <font color="blue" size=4 face="Mistral"><b>Io di te non mi stanco, sarò sempre al tuo fianco, sei la cosa più bella che c'è </b></font><br>
  5. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #5712769
    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    Scud, giustizia sportiva e giustizia ordinaria non possono essere così distinte: se le giustizia sportiva mette agli atti che un dirigente ha chiuso un arbitro nello spogliatoio e la giustizia ordinaria stabilisce che non è vero, come può la condanna sportiva essere equa ...


    Beh, diciamo che hai leggermente semplificato le cose. :asd: Te le semplifico ancora di più: a scuola (ritornaci con l'immaginazione...) un tuo compagno ti tira uno sputacchio durante le lezioni. Te ne lamenti e la professoressa lo manda dal preside. Questa è la "giustizia scolastica", il tuo compagno è colpevole. Ora, la giustizia ordinaria non si pronuncerebbe, ma anche se dovesse pronunciarsi, dovrebbe seguire un iter che prevede che il fatto non sussiste, che l'imputato non ha commesso il fatto, che il fatto non costituisce reato, che non è previsto dalla legge come reato, che è estinto, che manca una condizione per procedere, ecc. ecc. Tu lo sputacchio l'hai preso, il fatto che la giustizia ordinaria lavori su presupposti diversi non cambia la "sentenza" della "giustizia scolastica". Questo non vuol dire che la giustizia scolastica avesse formulato una condanna correttamente (magari ti eri inventato lo sputacchio), significa però che si tratta di procedimenti distinti. E non è neanche detto che una sentenza della giustizia ordinaria non cancelli le responsabilità anche per la giustizia sportiva eh, dico solo che non è affatto automatico.

    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    ti vorrei segnalare una cosa ... Giuraudo ha patteggiato, ma potrebbe anche darsi che per un uomo d'affari che abbia esigenza di continuare a lavorare sia più comodo patteggiare una pena piuttosto che difendersi


    Hai perfettamente ragione nel tuo ragionamento: le motivazioni del patteggiamento non sono giudicabili. Mentre commetti un errore di produzione dei fatti: Giraudo non ha patteggiato. Giraudo ha chiesto il rito abbreviato. Il rito abbreviato serve a ottenere in sostanza uno sconto di pena avendo l'imputato accettato il fatto che anche ripresentando tutte le prove ed entrando nella fase del dibattimento la sua posizione non cambierà. È impreciso parlare di "colpevolezza implicita" nella scelta del rito abbreviato, ma a differenza del patteggiamento, che ha significativo valore anche per il non colpevole, il rito abbreviato è una misura più drastica che in linea di massima sceglie chi, sapendo di non poter cambiare la propria posizione, vuole evitare strascichi pubblici.

    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    Ribadisco: la juve è stata condannata in calciopoli uno per intrattenere rapporti di convivialità con gli arbitri, non per altro ...


    No, anche qui è estremamente riduttivo. È stata condannata "per altro". Mi spiace di essere prolisso e quindi temo noioso ma vorrei dare qualche elemento in più. Qualsiasi ordinamento ha delle leggi (o regole). Alcune di queste indicano in quali casi una certa condotta è passibile di quale sanzione. Mettiamo per esempio che nel codice penale ci sia in tema di reati sessuali una sola legge che recita "Chiunque forza su altri condotte sessuali non appropriate è punibile con la reclusione da 1 mese a 30 anni". Si potrebbe quindi dire che un condannato usando questa legge ha semplicemente tenuto condotte sessuali non appropriate, quando in realtà magari ha stuprato 10 bambine di 9 anni. La legge prevede un ambito e una sanzione, ma le condotte possono essere molto diverse fra loro.

    Tornando a noi, credo sia inutile ricitare tutta la sentenza, questo è uno stralcio:

    "Ad avviso della Corte, deve indiscutibilmente affermarsi così ancora una volta [...] la piena e concreta attitudine a falsare la classifica posseduta dall’opera di condizionamento del settore arbitrale, per effetto delle scelte e delle decisioni dei relativi vertici, influenzati della decisiva opera di Moggi e Giraudo."

    Insomma, non erano i rapporti conviviali il problema.

    AlexPinturicchio10 ha scritto:
    Se uno dei punti della condanna, per es., è che moggi sapesse dei sorteggi prima che fossero pubblici (ma già avvenuti) è venuto fuori che altri dirigenti li conoscevano prima che avvenissero ...


    No, il problema non era che sapesse dei sorteggi, quello sarebbe da sberla sulla mano al massimo.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5712796
    scudettoweb ha scritto:
    No, il problema non era che sapesse dei sorteggi, quello sarebbe da sberla sulla mano al massimo.
        Si dibatte di somme quisquilie mentre il mondo SW aspetta i resultati :asd:
    Robe da sberle sulla mano...al massimo :D


    Arrevati i resultati.....Il Sommo dibatte e lavora come un sol Uomo:nworthy:
  7. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #5712802
    superpadrepio ha scritto:
    Si dibatte di somme quisquilie mentre il mondo SW aspetta i resultati :asd:
    Robe da sberle sulla mano...al massimo :D


    Arrevati i resultati.....Il Sommo dibatte e lavora come un sol Uomo:nworthy:


    Io non c'entro niente coi risultati di ScudettoWeb. :asd: Mi dicono comunque che ci sono.

  calciopoli 2

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina