1.     Mi trovi su: Homepage #5720093
    Prendendo spunto da un topic in console, mi stavo pondendo delle domande che non sarebbero centrate una fava lì... quindi le pongo qui.
    Domande che da (credo) nostalgico non so rispondere.
    Il punto e' meglio adesso o prima?
    Partendo dall'ambito VG io rimpiango i tempi andati.. nonostante sia coscente che il livello qualitativo oggi giorno sia molto alto... credo che manchi qualcosa. Lucidamente credo che sia io ad essere cambiato.. ho meno tempo, da bambino le emozioni sono piu' forti etc etc.... pero' se estendo il discorso qualcosa non mi torna.
    Da chitarrista, come la maggior parte dei chitarristi vedo che siamo tutti alla ricerca di amplificatori degli anni 70/80. Hanno un suono stupendo e inimitabile. Troppo AVANTI rispetto a quelli moderni..... ma... ma... ??????????
    Molti amici appassionati di musica sono immancabilmente alla ricerca di VINILI.... che a detta loro hanno un suono 3 spanne sopra al digitale. ma... ma.... ???????
    Oggi ci sono gli avatar i minority report etc etc... ma io continuo a tenermi stretti i blade runner, i guerre stellari...
    una ragazza giovane che ho conosciuto e che e' appassionata di fotografia.. ed e' sempre alla ricerca di reflex, polaroid del passato.. "hanno un'altro sapore.. quelle di oggi sono finte e fredde"....
    Potrei continuare...
    insomma e' nostalgia o c'e' altro?
    PSN: twist1375
    EYES HAVE YOU.
    Batman AA my GOTY.
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5720127
    defender ha scritto:
    Prendendo spunto da un topic in console, mi stavo pondendo delle domande che non sarebbero centrate una fava lì... quindi le pongo qui.
    Domande che da (credo) nostalgico non so rispondere.
    Il punto e' meglio adesso o prima?
    Partendo dall'ambito VG io rimpiango i tempi andati.. nonostante sia coscente che il livello qualitativo oggi giorno sia molto alto... credo che manchi qualcosa. Lucidamente credo che sia io ad essere cambiato.. ho meno tempo, da bambino le emozioni sono piu' forti etc etc.... pero' se estendo il discorso qualcosa non mi torna.
    Da chitarrista, come la maggior parte dei chitarristi vedo che siamo tutti alla ricerca di amplificatori degli anni 70/80. Hanno un suono stupendo e inimitabile. Troppo AVANTI rispetto a quelli moderni..... ma... ma... ??????????
    Molti amici appassionati di musica sono immancabilmente alla ricerca di VINILI.... che a detta loro hanno un suono 3 spanne sopra al digitale. ma... ma.... ???????
    Oggi ci sono gli avatar i minority report etc etc... ma io continuo a tenermi stretti i blade runner, i guerre stellari...
    una ragazza giovane che ho conosciuto e che e' appassionata di fotografia.. ed e' sempre alla ricerca di reflex, polaroid del passato.. "hanno un'altro sapore.. quelle di oggi sono finte e fredde"....
    Potrei continuare...
    insomma e' nostalgia o c'e' altro?

    non lo so...
    io la penso come te... e ho provato a darmi una spiegazione...
    ho 32 anni... sono vecchio... ricordo ancora quando alle medie mi regalarono il megadrive... e i giochi costavano più di 100000 l'uno... O____O
    quando arrivava un gioco (massimo 2 all'anno) consumavo letteralmente la cartuccia... poteva essere anche LAMMERDA ma l'entusiasmo era tale che davvero il titolo passava quasi in secondo piano...
    questo ti fa capire che per un ragazzo di 13 anni i videogiochi erano/possono essere in cima alla scala dei "valori della vita" mettiamola così... XD
    ora a 32 anni certo quando esce il titolo tanto atteso c'è sicuramente curiosità e interesse... ma pur bello che sia rimane sempre e "solo" un gioco...

    non so se mi sono spiegato... siamo cambiati noi (per fortuna aggiungerei), i videogiochi alla fine sono sempre gli stessi...
  3. tira una brutta aria...  
        Mi trovi su: Homepage #5720139
    defender ha scritto:
    Prendendo spunto da un topic in console, mi stavo pondendo delle domande che non sarebbero centrate una fava lì... quindi le pongo qui.
       beh se ne fai una questione puramente tecnologica credo che quello che dici sia perfettamente sensato...
    da appassionato ascoltatore di musica mi scopro sempre più spesso ad apprezzare maggiormente i dischi degli anni 70/80,più puliti,meno effettati,meno carichi di roba rispetto a queste bombe sonore che escono ora
    e rimanendo in tema,anche parlando di amplificatori stereo e casse,non è raro (anzi,direi che è normalissimo) leggere tra gli appassionati che la roba di 25/30 anni fa era costruita meglio,con materiali migliori e rendeva molto di più...certo,all'epoca costava un occhio della testa,ma erano prodotti fatti in maniera molto più curata rispetto alla roba di serie che esce adesso...
    i vinili è vero che suonano meglio (ma ci vuole un giradischi coi contro cojones ed una sezione di amplificazione adatta per apprezzarli davvero,e non è alla portata di tutti..) e le macchine fotografiche digitali sono ancora ben distanti dal raggiungere la perfezione delle vecchie reflex
    di buono c'è che tanta tecnologia è arrivata ad essere disponibile per tutti o quasi a prezzi davvero irrisori,se penso che 10 anni fa avevo speso 4 milioni delle vecchie lire per un computer di livello medio/alto e che ora con 500 euro ne prendi uno che ti fa di tutto e di più insomma non posso far altro che accogliere la cosa con favore
    anche perchè questo non mi impedisce comunque di cercare la roba vintage,i vinili e tutto il resto,semmai è un problema di portafogli...27 euro al mediaworld per il vinile dell'ultimo dei Rhapsody (manco picture..) mi è venuto un travaso di bile :D

    [Modificato da matly il 11/10/2010 18:48]

    nella vita fai quel che pensi
    perchè altrimenti potresti trovarti a pensare a quel che fai
    R.I.P. man on the silver mountain
  4. gnaaaaaaaaaaa!  
        Mi trovi su: Homepage #5720143
    Credo sia semplicemente normale.
    Noi abbiamo una certa età, ora prova a chiedere a qualcuno più grande di te (di parecchio) se preferisce Blade Runner a Il sorpasso.
    Tra molto tempo vedrai che sentiremo gente che dice, che preferisce i Dari ai Led Zeppelin (per dirne una eh, sto estremizzando, metteteci pure una Shakira qualunque). Credo sia nella natura dell' uomo, dico la nostalgia.
    Bel topic.
    /!\Il lato oscuro di Nextgame/!\
  5. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5720475
    defender Cut.
    Mi sono trovato parecchie volte a fare questi tipi di riflessioni.
    Oltre al fatto che mi trovo d'accordissimo con te, c'è anche un altro fattore.
    Io sono del 1978, mio fratello del 1990, io a 6 anni giocavo con il Vic20 e il Nes, mio fratello a 6 anni con Saturn e Playstation.....eppure......il modo di accostarsi al mondo dei VG e più genericamente alle novità in tutti i campi non era lo stesso, seppure gli occhi erano sempre quelli di un bambino di 6 anni, e seppure quelle viste da lui erano molto più affascinanti di quelle viste da me, io ero sempre molto più stupito.
    La cosa mi lascia un po' interdetto, un bambino che oggi nel 2010 si trova davanti alla maestosità dei giochi di nuova generazione non li guarderà mai con gli occhi che avevano quelli come me mentre giocavano a Duck Hunt, a Zelda, il primo metroid, Kid Icarus.
    Per cui mi chiedo, siamo noi che siamo maturati e non vediamo più le cose come un tempo o è proprio cambiato il modo di vedere le cose e quindi di conseguenza noi ci adattiamo, non rimanendo più sorpresi da nulla ?

  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5720485
    Se già a 30 anni si inizia a diventare nostalgici allora ci aspetta una vita di rimpianti...

    Per fortuna le cose cambiano.
    Che poi, almeno rimanendo all'argomento del topic, si parla di nostalgia di prodotti di consumo.....e qui non posso non pensare alla (ridicola) "canzone" noi, che negli anni 80 guardavamo italia 1 ecc.eccc.

    Io magari sono nostalgico di ciò che non ho vissuto, chessò, l'età pre rivoluzione industriale, le notti davanti al focolare e la vita semplice.
    "A un’altra vita".

    Bangkok
  7. sommersa  
        Mi trovi su: Homepage #5720487
    _MoRbO_ ha scritto:
    Mi sono trovato parecchie volte a fare questi tipi di riflessioni.
    Oltre al fatto che mi trovo d'accordissimo con te, c'è anche un altro fattore.
    Io sono del 1978, mio fratello del 1990, io a 6 anni giocavo con il Vic20 e il Nes, mio fratello a 6 anni con Saturn e Playstation.....eppure......il modo di accostarsi al mondo dei VG e più genericamente alle novità in tutti i campi non era lo stesso, seppure gli occhi erano sempre quelli di un bambino di 6 anni, e seppure quelle viste da lui erano molto più affascinanti di quelle viste da me, io ero sempre molto più stupito.
    La cosa mi lascia un po' interdetto, un bambino che oggi nel 2010 si trova davanti alla maestosità dei giochi di nuova generazione non li guarderà mai con gli occhi che avevano quelli come me mentre giocavano a Duck Hunt, a Zelda, il primo metroid, Kid Icarus.
    Per cui mi chiedo, siamo noi che siamo maturati e non vediamo più le cose come un tempo o è proprio cambiato il modo di vedere le cose e quindi di conseguenza noi ci adattiamo, non rimanendo più sorpresi da nulla ?
     I bambini di oggi li chiamano "nativi digitali", cioè la tecnologia fa parte della loro vita da SEMPRE. Noi la tecnologia l'abbiamo vista avanzare. Per noi è stata una novità una scoperta continua, un "non è possibile!" che s'è ripetuto negli anni.
    Oggi prendi un ragazzino e davanti a un Ipad non è stupito, non è affascinato. C'è. E' un altro giocattolo (magari molto costoso e che papà ti fa avvicinare raramente e sotto attenta vigilanza) ma un giocattolo. Per noi no. Per noi è UOA!!!

    Noi siamo ancora molto più ingenui davanti alla tecnologia rispetto ai bambini di oggi, così come noi bimbi di ieri eravamo molto più svegli e reattivi di fronte a quella tecnologia di allora rispetto ai nostri genitori.

    Non è che i bambini di oggi non si stupiscono perchè hanno tutto, ma perchè per loro possedere e giocare a un videogioco è normale, fa parte della quotidianità.

    Poi possiamo aggiungere tutti i discorsi sui ragazzini viziati che hanno tutto, sui genitori che non sanno dire di no, sul consumismo imperante eccetera. Ma tali ragazzini c'erano ai tempi miei e ci sono oggi. E per fortuna, ancora oggi, ci sono bambini che invece sanno stupirsi e divertirsi davanti a un mazzo di carte e due pezzetti di legno (GiocaRoma in questo mi ha rincuorato assai).

    Per quanto riguarda il resto non credo che sia SOLO questione di qualità. Certo, le reflex digitali di oggi, rispetto alla pellicola, sono indietro quanto a qualità, ma eoni avanti per quanto riguarda tutta la parte di post produzione dell'immagine che consente al fotografo di proseguire nel suo cammino creativo ed artistico e di NON fermarsi allo scatto/sviluppo di 15 anni fa. (poi vabbè, anche qui c'è scuola e scuola di pensiero, però tendenzialmente è così). Oggi non rischi di buttare un rullino perchè hai sbagalito a metterlo / svilupparlo (senza contare che POCHI potevano permettersi di tenere in casa una camera oscura con tutti i liquidi e acidi necessari allo sviluppo, e spesso si ricorreva allo sviluppo e stampa in serie che, qualitativamente, era molto al di sotto di quello che poteva fare un fotografo professionista con una sua camera oscura).

    Anche per quanto riguarda la musica... ci sono gli amanti del vinile perchè il vinile è meno "freddo" di un cd moderno, restituisce tutti quei fruscii che magari a me fan cagare ma a loro no. Però il vinile rischia di rovinarsi/graffiarsi e deteriorarsi quanto difficilmente potrà mai accadere ad un CD (a meno che non ci balliate il tip tap sopra).

    Credo che il nocciolo del discorso non è nel fatto che "prima era meglio", ma nel fatto che prima ci predisponevamo NOI in maniera diversa rispetto a tante cose che oggi la tecnologia ha reso più abbordabili, semplici, avvicinabili e quindi meno ... mitiche o mistiche; cosicchè cerchiamo di riprodurre quelle sensazioni là, che ci venivano date una volta, quando il mondo era più semplice e, magari, per stupirti ti bastava molto molto meno. =)
    Non ti ho tradito. Dico sul serio. Ero... rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio! [cit.]
  8. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5720506
    Ziska ha scritto:
    Credo che il nocciolo del discorso non è nel fatto che "prima era meglio", ma nel fatto che prima ci predisponevamo NOI in maniera diversa rispetto a tante cose che oggi la tecnologia ha reso più abbordabili, semplici, avvicinabili e quindi meno ... mitiche o mistiche; cosicchè cerchiamo di riprodurre quelle sensazioni là, che ci venivano date una volta, quando il mondo era più semplice e, magari, per stupirti ti bastava molto molto meno. =)
    Ecco che hai raggiunto il succo del discorso,non abbiamo nostalgia di oggetti del passato, ma a questi ci leghiamo perchè inconsciamente ci ritrasmettono quelle sensazioni che oggi non riusciamo più a provare, nostalgia di un modo d'essere, di sensazioni, non di oggetti materiali ;)

  9. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5720510
    Jeff ha scritto:
    Io magari sono nostalgico di ciò che non ho vissuto, chessò, l'età pre rivoluzione industriale, le notti davanti al focolare e la vita semplice.
    non puoi avere nostalgia di ciò che non hai vissuto,ma proprio nel senso intrinseco della parola stessa, quello che dici tu si chiama rimpianto, la nostalgia è ben altro, come ho scritto sopra, non ci leghiamo alle cose materiali (anche se l'impressione è quella) ma sono solo un mezzo per rivivere certe emozioni.
  10. sommersa  
        Mi trovi su: Homepage #5720516
    _MoRbO_ ha scritto:
    Ecco che hai raggiunto il succo del discorso,non abbiamo nostalgia di oggetti del passato, ma a questi ci leghiamo perchè inconsciamente ci ritrasmettono quelle sensazioni che oggi non riusciamo più a provare, nostalgia di un modo d'essere, di sensazioni, non di oggetti materiali ;)
    L'importante è non perdere la capacità di stupirsi, emozionarsi ed entusiasmarsi.
    Ecco perchè a volte mi fanno tristezza i (finti?) smaliziati che sembra non riescano mai a godersi un momento di puro divertimento senza farne un'autopsia.

    (A tal proposito ricordo la prima, e purtroppo ancora unica, volta che andai a vedere il Cirque du Soleil. Veramente cinque anni cinque mi sentivo addosso ^__^)
    Non ti ho tradito. Dico sul serio. Ero... rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio! [cit.]
  11. peramorsicata  
        Mi trovi su: Homepage #5720521
    Ziska ha scritto:
    (A tal proposito ricordo la prima, e purtroppo ancora unica, volta che andai a vedere il Cirque du Soleil. Veramente cinque anni cinque mi sentivo addosso ^__^)
     invidia a mille....quandò riuscirò ad andare a vederlo (il mio sogno è la Nouba) potrebbero entrarmi mosche in bocca durante tutto lo spettacolo...
    Playing: FIFA 11
    Playing online: FIFA 11
    Apple user
  12.     Mi trovi su: Homepage #5720556
    _MoRbO_ ha scritto:
    Ecco che hai raggiunto il succo del discorso,non abbiamo nostalgia di oggetti del passato, ma a questi ci leghiamo perchè inconsciamente ci ritrasmettono quelle sensazioni che oggi non riusciamo più a provare, nostalgia di un modo d'essere, di sensazioni, non di oggetti materiali ;)

    Abbiamo nostalgia di noi stessi e di quello che eravamo. ;)
    .
    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  13.     Mi trovi su: Homepage #5720560
    Ziska ha scritto:
    L'importante è non perdere la capacità di stupirsi, emozionarsi ed entusiasmarsi.
    Ecco perchè a volte mi fanno tristezza i (finti?) smaliziati che sembra non riescano mai a godersi un momento di puro divertimento senza farne un'autopsia.


    in quel senso sono a posto. Mi stupisco e mi esalto per un sacco di cose anche senza la minima importanza. :DD
    .
    Il mio sense of wonder a volte è decisamente sfasato. :DD
    .
    cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  14.     Mi trovi su: Homepage #5720573
    Le esperienze tra un bambino di oggi ed un bambino di ieri sono simili, ma contestualizzate nel tempo in cui si vive.
    Da piccoli la vita ha un sapore diverso.
    L'unica differenza che pero' mi sento di evidenziare è che noi (quasi trentatreenni o giu' di li' :D), forse avevamo "meno"  ma ce lo godevamo di più
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  15. sommersa  
        Mi trovi su: Homepage #5720581
    draco ha scritto:
    Le esperienze tra un bambino di oggi ed un bambino di ieri sono simili, ma contestualizzate nel tempo in cui si vive.
    Da piccoli la vita ha un sapore diverso.
    L'unica differenza che pero' mi sento di evidenziare è che noi (quasi trentatreenni o giu' di li' :D), forse avevamo "meno"  ma ce lo godevamo di più
     Vabbè, dai. Vai a chiedere le stesse cose ai tuoi genitori o ai tuoi nonni e ti risponderanno la stessa cosa. Credo sia tipico della generazione più ... "anziana" rispetto a quella più giovane =)
    Non ti ho tradito. Dico sul serio. Ero... rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio! [cit.]

  Nostalgia o prima era davvero meglio?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina