1.     Mi trovi su: Homepage #5725249
    Ormai sappiamo tutti che la crisi è partita proprio dal sistema bancario. Tra le molte "malefatte" concedevano mutui e prestiti a cani e porci e poi non hanno riavuto indietro il denaro finendo indebitate fino al collo (e portare via la prima casa per metterla in asta non è cosa facile, soprattutto in Italia).
    Molti di voi già lo sanno, ma da con l'accordo che le banche chiamano "Basilea 2" l'accesso al credito bancario adesso avviene previo controllo sull'Eurisc, ovvero sulla "carta di identità" di solvibilità di colui che chiede il prestito/mutuo.
    Quello che molti non sanno (e che io ho scoperto sbattendoci il cranio), è che sull'Eurisc finiscono tutti i movimenti debitori che avete, incluse bollette telefoniche, del gas, RID vari, prestiti da finanziarie, etc... e che anche il ritardo di un solo giorno viene segnalato (così come anche le cose positive, come nel caso estinguiate i debiti prima della loro reale scadenza).
    L'Eurisc (centro controllo rischi sui debitori) gestito dalla CRIF SPA, è quindi in tutto e per tutto una carta di identità di controllo che è stata "inventata" proprio per far chiudere un po' i rubinetti alle banche. O per lo meno dar loro un'attestato di rischio sull'eventuale prestito ad un richiedente. Di per se non sarebbe quindi neanche una cosa malvagia, visto che assegna un punteggio di solvibilità bilanciando i ritardi nei pagamenti con i debiti estinti ed andati a buon fine. Il problema è che il cittadino non viene quasi mai avvisato di come e quanto ammonta tale punteggio, deve sbattersi lui a cercarselo (deve recarsi alla CRIF, o fare richiesta on-line). Spesso quindi succede che uno che non ha mai chiesto prestiti e ha una buona busta paga, firmi un compromesso per una casa e dia una caparra convinto che gli daranno il mutuo e se lo vede poi invece respingere perchè, per pigrizia o altro, pagava sempre le bollette della luce con qualche giorno di ritardo.
    E' quello che è successo a me. Sto cercando di accedere al prestito bancario per vedere se riesco ad aprire una piccola azienda mettendoci anche casa e ipoteca, ma mi è stato detto che se ho bollette pagate in ritardo pesa, e sono pieno, dato che ho sempre pensato che qualche giorno di ritardo non facesse la differenza.
    Ergo, a chi deve chiedere mutui, prima di firmare compromessi o quant'altro, vada alla CRIF e si sinceri di essere considerato solvibile in quel periodo (i ritardi vengono segnalati, ma restano iscritti solo per tot tempo, poi vengono cancellati).
  2.     Mi trovi su: Homepage #5729184
    Lightside ha scritto:
    Ormai sappiamo tutti che la crisi è partita proprio dal sistema bancario. Tra le molte "malefatte" concedevano mutui e prestiti a cani e porci e poi non hanno riavuto indietro il denaro finendo indebitate fino al collo (e portare via la prima casa per metterla in asta non è cosa facile, soprattutto in Italia).
    Molti di voi già lo sanno, ma da con l'accordo che le banche chiamano "Basilea 2" l'accesso al credito bancario adesso avviene previo controllo sull'Eurisc, ovvero sulla "carta di identità" di solvibilità di colui che chiede il prestito/mutuo.
    Quello che molti non sanno (e che io ho scoperto sbattendoci il cranio), è che sull'Eurisc finiscono tutti i movimenti debitori che avete, incluse bollette telefoniche, del gas, RID vari, prestiti da finanziarie, etc... e che anche il ritardo di un solo giorno viene segnalato (così come anche le cose positive, come nel caso estinguiate i debiti prima della loro reale scadenza).
    L'Eurisc (centro controllo rischi sui debitori) gestito dalla CRIF SPA, è quindi in tutto e per tutto una carta di identità di controllo che è stata "inventata" proprio per far chiudere un po' i rubinetti alle banche. O per lo meno dar loro un'attestato di rischio sull'eventuale prestito ad un richiedente. Di per se non sarebbe quindi neanche una cosa malvagia, visto che assegna un punteggio di solvibilità bilanciando i ritardi nei pagamenti con i debiti estinti ed andati a buon fine. Il problema è che il cittadino non viene quasi mai avvisato di come e quanto ammonta tale punteggio, deve sbattersi lui a cercarselo (deve recarsi alla CRIF, o fare richiesta on-line). Spesso quindi succede che uno che non ha mai chiesto prestiti e ha una buona busta paga, firmi un compromesso per una casa e dia una caparra convinto che gli daranno il mutuo e se lo vede poi invece respingere perchè, per pigrizia o altro, pagava sempre le bollette della luce con qualche giorno di ritardo.
    E' quello che è successo a me. Sto cercando di accedere al prestito bancario per vedere se riesco ad aprire una piccola azienda mettendoci anche casa e ipoteca, ma mi è stato detto che se ho bollette pagate in ritardo pesa, e sono pieno, dato che ho sempre pensato che qualche giorno di ritardo non facesse la differenza.
    Ergo, a chi deve chiedere mutui, prima di firmare compromessi o quant'altro, vada alla CRIF e si sinceri di essere considerato solvibile in quel periodo (i ritardi vengono segnalati, ma restano iscritti solo per tot tempo, poi vengono cancellati).
     Infatti non fa differenza qualche giorno di ritardo. La segnalazione in Crif avviene quando c'è l'insoluto, cioè salti completamente una rata/bolletta. Il fatto è che la tolleranza tra ritardo/insoluto è a discrezione del creditore. Comunque se hai solo qualche piccolo ritardo (e non insoluto) puoi "convincere" la banca scegliendo il pagamento tramite RID.
  3.     Mi trovi su: Homepage #5729232
    xsecuzione ha scritto:
    Infatti non fa differenza qualche giorno di ritardo. La segnalazione in Crif avviene quando c'è l'insoluto, cioè salti completamente una rata/bolletta. Il fatto è che la tolleranza tra ritardo/insoluto è a discrezione del creditore. Comunque se hai solo qualche piccolo ritardo (e non insoluto) puoi "convincere" la banca scegliendo il pagamento tramite RID.
       Mi è stato detto che la Banca di per se ci può fare poco. Cioè, anche se i ritardi sono motivabilissimi e motivatissimi (io, ad esempio, che non riesco a mettere v ia soldi perchè guadagno poco e ho il mutuo, pago le bollette quando pagano me, non è che i soldi posso andarmeli ad inventare) se il tuo punteggio è basso il computer dice NO e NO è. Mi è stato detto che questo è dovuto al fatto che proprio grazie alla discrezionalità di prima le banche concedevano troppo facilmente prestiti (a meno che uno non sia stupido o disonesto, se paga la bolletta in ritardo ha in genere una buona motivazione).
  4.     Mi trovi su: Homepage #5729254
    Lightside ha scritto:
    Mi è stato detto che la Banca di per se ci può fare poco. Cioè, anche se i ritardi sono motivabilissimi e motivatissimi (io, ad esempio, che non riesco a mettere v ia soldi perchè guadagno poco e ho il mutuo, pago le bollette quando pagano me, non è che i soldi posso andarmeli ad inventare) se il tuo punteggio è basso il computer dice NO e NO è. Mi è stato detto che questo è dovuto al fatto che proprio grazie alla discrezionalità di prima le banche concedevano troppo facilmente prestiti (a meno che uno non sia stupido o disonesto, se paga la bolletta in ritardo ha in genere una buona motivazione).
       Guarda, per esperienza ti dico che le Banche trovano qualsiasi scusa per cercare di non darti o darti meno soldi di quanto chiedi (proprio perchè ora hanno paura).
    Valgono SOLO gli insoluti ai fini delle segnalazioni in Crif (che è quella che controllano loro). Se vai alla tua banca, puoi dimostrare perchè alcune volte paghi le bollette con qualche giorno di ritardo (anche io sono nella tua situazione...ho bollettini che mi scadono il primo del mese e io vengo pagato il 5 con un bonifico), e per far stare tranquilli loro gli assicuri un RID. Se poi chiedi il prestito alla tua banca è ancora più facile che accettino.
    Se sei monoreddito, e speri di poter puntare tutto sulla tua bustapaga + ipoteca, allora sicuramente ti faranno molti più problemi, e quella della bolletta pagata in ritardo di 3 o 4 giorni è solo una scusa perchè hanno paura, anche se rientri nei limiti stabiliti per l'accesso al credito.
    Le soluzioni migliori sarebbero la cessione del quinto, e/o un prestito d'onore dallo Stato, che però ora mi sa che è difficile che te lo diano...dovresti provare a vedere sul sito della tua regione.
    P.S. Tra l'altro il fatto che la banca ci può fare poco è una gran cazz*ta :P Sono loro che decidono o no di darti i soldi, non Eurisc.
  5.     Mi trovi su: Homepage #5729353
    Lightside ha scritto:
    Ormai sappiamo tutti che la crisi è partita proprio dal sistema bancario. Tra le molte "malefatte" concedevano mutui e prestiti a cani e porci e poi non hanno riavuto indietro il denaro finendo indebitate fino al collo (e portare via la prima casa per metterla in asta non è cosa facile, soprattutto in Italia).
    Sfatiamo un piccolo mito.
    I mutui insoluti, durante la crisi, sono stati una quota di pochi punti percentuali superiore a quella media.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5729443
    Shurigan ha scritto:
    Sfatiamo un piccolo mito.
    I mutui insoluti, durante la crisi, sono stati una quota di pochi punti percentuali superiore a quella media.
      Si ma si sono premoniti. Hanno chiuso i rubinetti tutti insieme perchè si sono ritrovati con mutui non pagati e ipoteche per valori che già sapevano non sarebbero rientrati. Quindi hanno deciso* di far partire la crisi prima invece che aspettare ancora e far cadere tutto e tutti in un baratro profondo.
    *non l'ho messo tra virgolette perchè sono state proprio le banche a decidere di stoppare tutto e ricominciare da 0.Purtroppo nella società moderna per ricominciare da capo o si manda in crisi tutto o c'è bisogno di una guerra in casa....e tra le due è ovvio quale sia meglio :P
  7.     Mi trovi su: Homepage #5729523
    xsecuzione ha scritto:
    Guarda, per esperienza ti dico che le Banche trovano qualsiasi scusa per cercare di non darti o darti meno soldi di quanto chiedi (proprio perchè ora hanno paura).
    Valgono SOLO gli insoluti ai fini delle segnalazioni in Crif (che è quella che controllano loro). Se vai alla tua banca, puoi dimostrare perchè alcune volte paghi le bollette con qualche giorno di ritardo (anche io sono nella tua situazione...ho bollettini che mi scadono il primo del mese e io vengo pagato il 5 con un bonifico), e per far stare tranquilli loro gli assicuri un RID. Se poi chiedi il prestito alla tua banca è ancora più facile che accettino.
    Se sei monoreddito, e speri di poter puntare tutto sulla tua bustapaga + ipoteca, allora sicuramente ti faranno molti più problemi, e quella della bolletta pagata in ritardo di 3 o 4 giorni è solo una scusa perchè hanno paura, anche se rientri nei limiti stabiliti per l'accesso al credito.
    Le soluzioni migliori sarebbero la cessione del quinto, e/o un prestito d'onore dallo Stato, che però ora mi sa che è difficile che te lo diano...dovresti provare a vedere sul sito della tua regione.
    P.S. Tra l'altro il fatto che la banca ci può fare poco è una gran cazz*ta :P Sono loro che decidono o no di darti i soldi, non Eurisc.
      La mia situazione è un po' più complessa. Attualmente sono proprio disoccupato.
    Ora, dato che la mia banca (Unicredit) concede prestiti start-up per apertura di nuove aziende sulla base di un buon business-plan, sono andato a chiedere lumi. Anche perchè, come freccia al mio arco, non solo avevo il fatto di aver pagato sempre la rata del mutuo in perfetta scadenza, ma anche il fatto che sarebbe stato un interesse reciproco che io mi creassi lavoro. Perchè no lavoro = no rata, e loro sanno bene quanto non gli convenga portarmi via la casa (è prima casa, e oltre che alla fatica che farebbero a portarmela via -per loro stessa ammissione- verrebbero a perdere un valore in interessi non da poco).
    Mi hanno quindi detto che la cosa è fattibile, ma che non avendo garanzìe contava molto la segnalazione al CRIF, nel mio caso. Anzi, fondamentale. Inoltre, sarebbe un tipo di prestito a tasso agevolato sulla persona giuridica, non sulla persona fisica (infatti mi chiedono di aprire prima la PIVA) e non essendo quindi un prestito personale non vado li a chiedere tot soldi, ma vado a chiedere che loro mi saldino le fatture di avviamento azienda. Quindi niente soldi in più, mi danno solo quelli che mi servono. Anzi, come detto saldano loro le fatture, non mi danno nulla in mano.
  8.     Mi trovi su: Homepage #5729528
    Lightside ha scritto:
    La mia situazione è un po' più complessa. Attualmente sono proprio disoccupato.
    Ora, dato che la mia banca (Unicredit) concede prestiti start-up per apertura di nuove aziende sulla base di un buon business-plan, sono andato a chiedere lumi. Anche perchè, come freccia al mio arco, non solo avevo il fatto di aver pagato sempre la rata del mutuo in perfetta scadenza, ma anche il fatto che sarebbe stato un interesse reciproco che io mi creassi lavoro. Perchè no lavoro = no rata, e loro sanno bene quanto non gli convenga portarmi via la casa (è prima casa, e oltre che alla fatica che farebbero a portarmela via -per loro stessa ammissione- verrebbero a perdere un valore in interessi non da poco).
    Mi hanno quindi detto che la cosa è fattibile, ma che non avendo garanzìe contava molto la segnalazione al CRIF, nel mio caso. Anzi, fondamentale.
     Esatto. Ma per tutti è fondamentale la CRIF. Se c'è qualche neo non ti danno nulla. Ma se non hai insoluti stai apposto, a prescindere da 2 o 3 giorni di ritardo per pagare un bollettino. Tranquillo ;)
    Il fatto di casa tua è l'esempio di quello che ho scritto prima: Hanno valutato una casa nel mercato immobiliare alto, e ora se dovesse andare all'asta non la venderebbero per quella cifra.
    Banche ed istituti di credito si appoggiano ai registri dell'Eurisc solo per avere informazioni sulla tua storia finanziaria. Ma la decisione è sempre e comunque della banca...A prescindere dal fatto di aver sempre pagato i bollettini con 1 giorno di anticipo sulla scadenza o con 2 giorni di ritardo.
    L'importante è non avere insoluti (meno grave), protesti (grave), pignoramenti (gravissimo). 
    Per avere i soldi da loro, convincili in ogni maniera ;)
  9.     Mi trovi su: Homepage #5729541
    xsecuzione ha scritto:
    Esatto. Ma per tutti è fondamentale la CRIF. Se c'è qualche neo non ti danno nulla. Ma se non hai insoluti stai apposto, a prescindere da 2 o 3 giorni di ritardo per pagare un bollettino. Tranquillo ;)
    Il fatto di casa tua è l'esempio di quello che ho scritto prima: Hanno valutato una casa nel mercato immobiliare alto, e ora se dovesse andare all'asta non la venderebbero per quella cifra.
    Banche ed istituti di credito si appoggiano ai registri dell'Eurisc solo per avere informazioni sulla tua storia finanziaria. Ma la decisione è sempre e comunque della banca...A prescindere dal fatto di aver sempre pagato i bollettini con 1 giorno di anticipo sulla scadenza o con 2 giorni di ritardo.
    L'importante è non avere insoluti (meno grave), protesti (grave), pignoramenti (gravissimo). 
    Per avere i soldi da loro, convincili in ogni maniera ;)
     Avendo fatto due anni e mezzo tra cassa integrazione e disoccupazione qualche insoluto purtroppo ce l'ho, ma ho sempre poi saldato. In ritardo, ma saldato. Mi è capitato di saltare una rata e di pagarne poi due assieme, ma è sempre stata una cosa che la finanziaria mi ha cmq concesso (lo pubblicizzano anche). Ho quindi interrogato il CRIF e sto attendendo risposta per vedere prima io come sto messo. E' inutile che vado a buttare via 400€ di partita IVA se vedo che il mio CRIF è esageratamente negativo.
    Però non ho protesti e non ho pignoramenti, ma le rate saltate però sono state una cosa piuttosto continua da quando sono finito in cassa. Preferivo saldare prima la cosa più importante, ossia la rata del mutuo a cui sono sempre stato in perfetto orario.
    Il problema della mia agenzia è che è molto grande e arrivare a parlare coi responsabili diretti è un gran casino. L'ideale sarebbe poterne parlare almeno con un vice-direttore, ma non ci arrivo: hanno figure apposite per questo genere di cose, che seguono le pratiche, i prestiti, ecc... e mi è stato detto che se il computer, nell'interrogare il CRIF mi da un certo codice (credo sia il più basso) è assolutamente no la risposta. Evidentemente Unicredit attua questa politica. Andare in un altro istituto a chiedere non mi è vietato, ovviamente, ma ho meno garanzìe da fornire che alla mia stessa banca su cui ho mutuo, conto e ipoteca.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5729658
    Lightside ha scritto:
    Avendo fatto due anni e mezzo tra cassa integrazione e disoccupazione qualche insoluto purtroppo ce l'ho, ma ho sempre poi saldato. In ritardo, ma saldato. Mi è capitato di saltare una rata e di pagarne poi due assieme, ma è sempre stata una cosa che la finanziaria mi ha cmq concesso (lo pubblicizzano anche). Ho quindi interrogato il CRIF e sto attendendo risposta per vedere prima io come sto messo. E' inutile che vado a buttare via 400€ di partita IVA se vedo che il mio CRIF è esageratamente negativo.
    Però non ho protesti e non ho pignoramenti, ma le rate saltate però sono state una cosa piuttosto continua da quando sono finito in cassa. Preferivo saldare prima la cosa più importante, ossia la rata del mutuo a cui sono sempre stato in perfetto orario.
    Il problema della mia agenzia è che è molto grande e arrivare a parlare coi responsabili diretti è un gran casino. L'ideale sarebbe poterne parlare almeno con un vice-direttore, ma non ci arrivo: hanno figure apposite per questo genere di cose, che seguono le pratiche, i prestiti, ecc... e mi è stato detto che se il computer, nell'interrogare il CRIF mi da un certo codice (credo sia il più basso) è assolutamente no la risposta. Evidentemente Unicredit attua questa politica. Andare in un altro istituto a chiedere non mi è vietato, ovviamente, ma ho meno garanzìe da fornire che alla mia stessa banca su cui ho mutuo, conto e ipoteca.
     
    Ovviamente se su CRIF stai messo male ti diranno quasi sicuramente di no. Guarda, se hai avuto avvisi di rate non pagate allora può darsi che qualche problema lo avrai...ma se hai saltato una rata per pagarla dopo e il contratto con l'istituto di credito lo prevedeva allora non dovresti avere problemi. Abbi fede.
  11.     Mi trovi su: Homepage #5732174
    xsecuzione ha scritto:
    Ovviamente se su CRIF stai messo male ti diranno quasi sicuramente di no. Guarda, se hai avuto avvisi di rate non pagate allora può darsi che qualche problema lo avrai...ma se hai saltato una rata per pagarla dopo e il contratto con l'istituto di credito lo prevedeva allora non dovresti avere problemi. Abbi fede.
     Mi è arrivato il responso del CRIF e fortunatamente non ho segnalazioni di nessun tipo, risulto al 100% solvibile.
    Beh, meno male vah...
  12.     Mi trovi su: Homepage #5732248
    Lightside ha scritto:
    Che lavoro fai?
     Agente Immobiliare...traffico sempre con banche ed istituti di credito. Poi siccome ho in esclusiva una zona abbastanza "in" del litorale nord di Roma, mi capita di allacciare rapporti con personaggi abbastanza importanti che ogni tanto sciorinano dritte e spiegazioni di come funzionano nel dettaglio molte cose...e come aggirarle :P
  13.     Mi trovi su: Homepage #5732251
    xsecuzione ha scritto:
    Agente Immobiliare...traffico sempre con banche ed istituti di credito. Poi siccome ho in esclusiva una zona abbastanza "in" del litorale nord di Roma, mi capita di allacciare rapporti con personaggi abbastanza importanti che ogni tanto sciorinano dritte e spiegazioni di come funzionano nel dettaglio molte cose...e come aggirarle :P
     capito. :)

  Eurisc e CRIF

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina