1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5758554
    L'obbligo steam per chi non lo ha installato è alquanto fastidioso, fortunatamente è anche un gran servizio e quindi ci si può sorvolare, spero solo che la presa di posizione non comincia  fargli fare vaccate alla valve :\Italiano? Era l'unico gioco che volevo prendere da steam, pensate (oltre a L4D 1 e 2 che ho, ma boh, i negozi per quanto mi riguarda avranno sempre la mia preferenza. Uno per la versione boxata, due per il prezzo (alle volte più alto su steam).Beh, io volevo comprare Bloodstone da steam ma stava solo in versione inglese, tedesca e non ricordo che altra lingua?
  2. next  
        Mi trovi su: Homepage #5758629
    phobos, il problema è che se entri in negozio, compri black ops, lo porti a casa, lo installi -> zack! ti ritrovi steam sul pc -> pensi "ma che è sta roba?", lo guardi, "ah un negozio online, non lo conoscevo, guarda quante belle offerte, figo..." -> non entri più nel negozio dove hai comprato black ops. è questo quello di cui si (ROTFL) lamentano i vari gamestop e compagnia.
  3.     Mi trovi su: Homepage #5758631
    "L'impressione è che i distributori in procinto di passare al digitale, per forza di cose, si stiano accorgendo un po' in ritardo (appena cinque anni...) dell'esistenza di Steam e pretendano adesso che siano i publisher a ristabilire una situazione di concorrenza normale"
    .
    XD , troppo tardi per fare i dispetti a Valve...
  4. Non è una capra, cretino, è il mio segno zodiacale  
        Mi trovi su: Homepage #5758715
    è anche da considerare che se uno nn ha problemi a frequentare anche 5 negozi di videogiochi diversi, difficilmente si metterà sul pc 5 sistemi di DD. ricordandosi magari 5 ID e password. io ho ceduto a steam per left4dead ma l'obbligo di averlo sul pc continua a bruciarmi parecchio, nn ne aggiungerei mai un altro. Gli altri distributori in DD ormai hanno poche chance, a meno che nn rilascino giochi senza DRM (ma nn dipende da loro). il monopolio di steam è quasi assicurato ormai
    Il lavoro di cui sono più orgoglioso, anche se ormai datato:
    http://www.gameplayer.it/speciale/speciale_pc_gaming_al_risparmio
  5. next  
        Mi trovi su: Homepage #5758742
    Origami ha scritto:
    è anche da considerare che se uno nn ha problemi a frequentare anche 5 negozi di videogiochi diversi, difficilmente si metterà sul pc 5 sistemi di DD.
     le grandi catene hanno ancora una grossa carta da giocare (anche se oggi vale cmq meno di ieri per via del discorso DLC) ed è l'usato. vediamo come e se sapranno giocarla a loro favore, nel momento in cui dovranno sbarcare per forza d cose sul mercato DD.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5758903
    babalot ha scritto:
    le grandi catene hanno ancora una grossa carta da giocare (anche se oggi vale cmq meno di ieri per via del discorso DLC) ed è l'usato. vediamo come e se sapranno giocarla a loro favore, nel momento in cui dovranno sbarcare per forza d cose sul mercato DD.

    Non capisco perchè prendersela solo con Steam, però.

    I negozi online (esteri, lasciamo perdere l'Italia che è il terzo mondo) è almeno 7-8 anni che sono nettamente più convenienti di quelli fisici, non mi pare che Gamestop abbia mai protestato perchè su play.com gli stessi giochi costano infinitamente meno (anche meno di Steam).

    Boh.

    Cla.
    In hoc signo perdes
    La mia collezione di DVD (da aggiornare -.-)
    "È così che muore la libertà: sotto scroscianti applausi."
  7. grazie a voi!  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5758905
    Chissà quando saranno Sony e MS a fare il grande salto allora, harakiri's time :asd:.

    In ogni caso: CAZZZI loro. Esattamente come Nintendo, Valve se l'è creato da zero e meritocraticamente... questo mercato. E' sacrosanto che ora si goda i frutti del proprio lavoro, quanto 6-7 anni fa tutti si grattavano.

    La concorrenza è sempre un bene, ma il suo seme deve germogliare spontaneamente e non certo perché il giardiniere decide di punto in bianco di estirpare buona parte delle sue pianticelle, e per quale ragione poi? Far posto alla gramigna?

    [Modificato da Andrea_23 il 12/11/2010 13:31]

    .....f|0w
    -----------.
    Steam ID|B.net
  8. Forest of Jigramunt  
        Mi trovi su: Homepage #5759511
    Dubito chiunque sia in grado di spaventare Valve o imporgli alcunchè, ma se riuscissero a rendere Steam "opzionale" e non obbligatorio sarebbe un grosso passo avanti per quanto mi riguarda, e avrei ben poco (niente?) di che lamentarmi.
    Così le persone a cui piace steam ed i suoi servizi SocialNetwork nonchè le sue possibilità potranno farne uso, e chi non lo vuole ma desidera cmq giocare ad alcuni titoli possono cmq installarli sul PC e lanciarli autonomamente senza fare uso di Steam.
    You say that I can't wait for nothing, alone
    Too far from here, where the time it's just a memory
    Too far form here, where the cold dust lacerate the streets
    Too far from here, in a desolate illusory mobility
  9. Forest of Jigramunt  
        Mi trovi su: Homepage #5759514
    Andrea_23 ha scritto:
    In ogni caso: CAZZZI loro. Esattamente come Nintendo, Valve se l'è creato da zero e meritocraticamente...
     Sul meritocraticamente avrei qualcosa da ridire. Steam merita oggi? Decisamente. Meritava ieri? Insomma...
    Steam si è imposto sul mercato per i suoi meriti indubbiamente, ma anche e sopratutto per i metodi monopolistici ed impositivi di Valve, con i quali ti "obbligava" a farne parte. Non mi sembra un discorso sul quale ideologicamente si possa soprassedere tanto facilmente. Situazioni analoghe in mano ad altri avrebbero generato non pochi casini sulla rete (e nel mondo reale).
    Mi spiace vedere come le questioni ideologiche vengono sempre messe in secondo piano quando si tratta di Valve e di Steam.
    You say that I can't wait for nothing, alone
    Too far from here, where the time it's just a memory
    Too far form here, where the cold dust lacerate the streets
    Too far from here, in a desolate illusory mobility
  10. next  
        Mi trovi su: Homepage #5759517
    Sechs ha scritto:
    Dubito chiunque sia in grado di spaventare Valve o imporgli alcunchè, ma se riuscissero a rendere Steam "opzionale" e non obbligatorio sarebbe un grosso passo avanti per quanto mi riguarda, e avrei ben poco (niente?) di che lamentarmi.
    Così le persone a cui piace steam ed i suoi servizi SocialNetwork nonchè le sue possibilità potranno farne uso, e chi non lo vuole ma desidera cmq giocare ad alcuni titoli possono cmq installarli sul PC e lanciarli autonomamente senza fare uso di Steam.
      e beccarsi probabilmente in tutta risposta una login obbligatoria al servizio simil-steam del publisher di turno che, come già ampiamente dimostrato da EA e Ubisoft (gli unici che ho usato fino a questo momento) ti faranno ampiamente rimpiangere di aver comprato il gioco; sempre che non ci piazzino sopra anche un bel limite di installazioni con  necessità di revocare le chiavi al telefono, così tanto per gradire.
    .
    attenzione, non sto dicendo che devono tutti adottare steam e rendere gabe newell patrone ti monto, sto solo dicendo che se vogliono sopravvivere, gli store digitali, devono competere con il leader (quello fatto meglio, è inutile menarsela) a tutti i livelli, senza cercare di screditarlo oppure, come stanno facendo le grandi catene, cercando addirittura una soluzione "politica" e lobbystica. ma stiamo scherzando? dimostrassero che sono in grado di *fornire un servizio migliore* e avranno tutta la mia attenzione.
    .
    edit in risposta alla tua seconda risposta: ma mi spieghi cosa intendi per metodi monopolistici? sono i publisher che scelgono di usare steam come negozio E come piattaforma di aggiornamento/DRM/cloud e cazzi vari, mica Valve va lì col fucile spianato dal signor activision e lo obbliga a pubblicare call of duty su steam...
  11.     Mi trovi su: Homepage #5759529
    babalot ha scritto:
    le grandi catene hanno ancora una grossa carta da giocare (anche se oggi vale cmq meno di ieri per via del discorso DLC) ed è l'usato.


    Giusto in tema di usato e... Steam.
    C'è da dire che quest'ultimo ha contribuito ad ammazzarlo su PC.
    Prima c'erano negozi che mi prendevano l'usato PC, poi no, perché c'erano i fenomeni che gli portavano Left 4 Dead/F.E.A.R. 2 e compagnia, che chiaramente rimangono all'intestatario dell'account. A un certo punto i negozianti, babbi o meno, han deciso di dare un taglio a tutto, e buonanotte. :)

  12.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5759536
    Sechs ha scritto:
    Sul meritocraticamente avrei qualcosa da ridire. Steam merita oggi? Decisamente. Meritava ieri? Insomma...
    Steam si è imposto sul mercato per i suoi meriti indubbiamente, ma anche e sopratutto per i metodi monopolistici ed impositivi di Valve, con i quali ti "obbligava" a farne parte. Non mi sembra un discorso sul quale ideologicamente si possa soprassedere tanto facilmente. Situazioni analoghe in mano ad altri avrebbero generato non pochi casini sulla rete (e nel mondo reale).
    Mi spiace vedere come le questioni ideologiche vengono sempre messe in secondo piano quando si tratta di Valve e di Steam.

    No, scusa, ma questa è una falsità.

    Non ci vedo niente di scandaloso che Valve "obblighi" la gente ad avere Steam per giocare ai loro prodotti, anzi. È un ottimo mezzo anti-pirateria, permette di distrubuire patch e aggiornamenti con semplicità e dà una quantità immensa di dati su abitudini e hardware degli utenti, fondamentali per programmare le strategie future.

    Steam è nato come una cosa di Valve, nessuno ha obbligato gli altri sviluppatori e publisher ad averci a che fare, e avrebbero potuto tranquillamente creare un loro sistema simile, magari anche copiando spudoratamente, ma se i risultati sono come GFWL, allora dio ce ne scampi e liberi. E invece hanno preferito tutti appoggiarsi a Steam semplicemente perché i giocatori lo gradiscono perché funziona bene e perché le loro alternative sviluppate internamente si sono sempre rivelate delle porcate immonde, e roba come X-Fire purtroppo non ha mai preso piede in maniera capillare.

    L'unica cosa su cui sono d'accordo è che per correttezza etica, più che per chissà quale altre menate, Valve dovrebbe separare tutta la parte sociale di Steam dal negozio online.

    EDIT: E ROTFL per il discorso delle "quetioni ideologiche". Tu ne fai una questione di principio, noi invece guardiamo alle cose pratiche.
    "Don't be such a baby, ribs grow back..."
    Massì dài, spam: delu[XE].

  [Notizia Valve Software] Le grandi catene in guerra con Steam

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina