1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5783502
    ma oggi e' stata un ecatombe.....

    leslie nielsen
    irvin krishner (regista dell'impero colpisce ancora)

    adesso monicelli.......

    uno dei piu' grandi,forse il piu' grande,regista della commedia all'italiana (quella vera).

    Amici miei (I e II)
    il marchese del grillo
    l'armata brancaleone
    i soliti ignoti
    sono solo 4 delle decine di capolavori che il maestro ci ha regalato.........

    http://www.youtube.com/watch?v=4QOWIDZH9AQ
    http://www.youtube.com/watch?v=kbaNuXcCjgg
    http://www.youtube.com/watch?v=uahU5m6Hvj4
    http://www.youtube.com/watch?v=Ry03wwuS4j8
    http://www.youtube.com/watch?v=LMG9O3w4M58
  2.     Mi trovi su: Homepage #5783511
    Monicelli era l'ultimo barlume del cinema che non c'è più. Immensa, immensa tristezza, davvero, non so che dire. Una generazione che ha cambiato il mondo quella tra il 900 e il '30, davvero. Temprati dall'asprezza della vita, capaci di lottare per le loro idee perchè abituati a doverlo fare per esprimersi nel ventennio. Grazie a tutti. Giù il sipario.
  3. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5783543
    James Mc Cloud ha scritto:
    Lo apro anche qui, poi i mod unifecheranno spero.
    Suicida in ospedale.
    Sono sconvolto.
    Che-giornata-da-incubo. :-|

    Sono senza parole. Fatela finire perché manca ancora un'ora e davvero non so che altro aspettarmi.

    Se ne va il regista italiano che probabilmente ho amato di più in assoluto. Che botta. :(

    Grazie tante Mario. Davvero.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  4. °__°  
        Mi trovi su: Homepage #5783658
    L'ho scoperto poco fa, altra notizia tremenda in questa giornata...

    E' tremenda perché, aldilà dell'ovvio, immenso dispiacere, mi ha stupito, portandomi a una riflessione: com'è possibile che un uomo di 95 anni decida di suicidarsi?
    Sono abituato a pensare che, divenuti anziani, si diventi anche -diciamo- un po' più "distaccati" dalla vita, il che mi sembra nettamente in contrasto con il maturare l'idea di porre fine alla vita stessa...
    Senza contare, poi, che 95 anni sono un "traguardo" molto importante, arrivati al quale -penso- si dovrebbe iniziare a vedere quasi come una sorta di dono/fortuna ogni giorno in più.
    Queste mie due opinioni, per quanto non sembri, sono intimamente legate: a mio modo di vedere, è proprio perché a certe età si perde "passione" verso la vita che si inizia a vedere ogni giorno come "aggiuntivo"; come se, di base, fosse "non previsto", come se si fosse "arrivati".

    Bene, ora che dovrei aver chiarito la mia concezione al riguardo, provo a spiegare anche il mio stupore e la mia domanda.
    Il suicidio è sicuramente frutto di moti dell'animo assai tumultuosi e violenti, perché, per arrivare al punto di voler rinunciare a continuare la vita, bisogna "odiarla", "odiare" gli esiti che ha avuto, sentire che si avevano speranze che destinate a non realizzarsi...
    Ora spero che sia già chiaro cosa si è scatenato nella mia mente alla scoperta di questa notizia. La quale mi ha quasi fatto vedere questo gesto estremo di Monicelli come segno di una grande vivacità intellettuale, fuori dalla norma per una persona della sua età (ultima conferma di un qualcosa di certamente già noto).
    /!\Il Milanista "Zelda è meglio di Jenna Jameson" di NextGame/!\
  5.     Mi trovi su: Homepage #5783694
    kisa ha scritto:
    L'ho scoperto poco fa, altra notizia tremenda in questa giornata...
    E' tremenda perché, aldilà dell'ovvio, immenso dispiacere, mi ha stupito, portandomi a una riflessione: com'è possibile che un uomo di 95 anni decida di suicidarsi?
    Sono abituato a pensare che, divenuti anziani, si diventi anche -diciamo- un po' più "distaccati" dalla vita, il che mi sembra nettamente in contrasto con il maturare l'idea di porre fine alla vita stessa...
    Senza contare, poi, che 95 anni sono un "traguardo" molto importante, arrivati al quale -penso- si dovrebbe iniziare a vedere quasi come una sorta di dono/fortuna ogni giorno in più.
    Queste mie due opinioni, per quanto non sembri, sono intimamente legate: a mio modo di vedere, è proprio perché a certe età si perde "passione" verso la vita che si inizia a vedere ogni giorno come "aggiuntivo"; come se, di base, fosse "non previsto", come se si fosse "arrivati".
    Bene, ora che dovrei aver chiarito la mia concezione al riguardo, provo a spiegare anche il mio stupore e la mia domanda.
    Il suicidio è sicuramente frutto di moti dell'animo assai tumultuosi e violenti, perché, per arrivare al punto di voler rinunciare a continuare la vita, bisogna "odiarla", "odiare" gli esiti che ha avuto, sentire che si avevano speranze che destinate a non realizzarsi...
    Ora spero che sia già chiaro cosa si è scatenato nella mia mente alla scoperta di questa notizia. La quale mi ha quasi fatto vedere questo gesto estremo di Monicelli come segno di una grande vivacità intellettuale, fuori dalla norma per una persona della sua età (ultima conferma di un qualcosa di certamente già noto).
    Non concordo con la tua visione del suicidio come odio della vita, anzi. Dipende cosa intendi per vita. Se tu ami la vita, quella in cui ci vedi, puoi interagire col prossimo con una mente lucida, puoi muoverti, puoi essere un uomo ed avere dignita'... Se ami la vita, nel momento in cui vedi che stai perdendo quelle cose decidi di farla finita. A me sembra il gesto di un grande guerriero. E' probabile che se avro' il coraggio faro' lo stesso se mi dovessi trovare in quella situazione.

  E' morto Mario Monicelli

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina