1.     Mi trovi su: Homepage #5793483
    Sky Italia si è aggiudicata l’esclusiva sulla trasmissione della Champions League per tre edizioni, 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015. La pay tv di Murdoch ha pagato una cifra vicina ai 100 milioni di euro annui riuscendo così ad avere la totale esclusiva sia per il satellite che per il digitale terrestre tagliando fuori Mediaset che rischia così di perdere la possibilità di trasmettere la più prestigiosa competizione calcistica europea.

    Un brutto colpo con Sky che ha acquistato di fatto dei diritti tv che non può utilizzare non avendo la facoltà di trasmettere in pay tv sul digitale terrestre almeno fino al 2015 (e non avendo interesse a farlo in chiaro). La Uefa, che nella precedente asta aveva incassato annualmente 40 milioni di Sky per il satellite, 30 da Mediaset per il DTT e 27,5 dalla Rai per i diritti in chiaro, è riuscita così a “contenere” le perdite dovute all’uscita di scena della tv di stato.

    In questo contesto l’Uefa potrebbe anche decidere di accettare eventuale offerte al ribasso della stessa Rai (o di altri soggetti) riuscendo a garantirsi quello che comunque è un obiettivo della federazione europea: la visibilità, anche in chiaro, per gli sponsor che finanziano copiosamente la Champions League.

    tvblog.it







    Non appena è giunta la notizia dell’aggiudicazione da parte di Sky Italia di tutti i diritti tv pay per la Champions League dal 2012 al 2015 Mediaset ha affidato ad un comunicato stampa le sue rimostranze e l’annuncio di un immediato ricorso all’Antitrust per quello che a Cologno Monzese ritengono l’ennesimo “abuso di posizione dominante“.

    Mediaset, che ha già portato di fronte all’Autorità il caso dei Mondiali sudafricani del 2010 ottenendo l’apertura di un’istruttoria, ritiene che:

    Il valore offerto (ndr per i diritti della Champions League) è al di fuori di ogni logica economica e motivato esclusivamente dalla volontà di eliminare qualunque tipo di concorrenza. E privare i telespettatori della scelta di quale offerta in pay tv guardare.

    Confidiamo nel fatto che, questa volta, l’operatore satellitare si astenga dal cancellare i diritti del digitale terrestre pay danneggiando così milioni di tifosi che sarebbero obbligati o a sottoscrivere un onerosissimo abbonamento (anche per contenuti che con il calcio non c’entrano niente) o a dover rinunciare alla visione integrale della Champions League.

    E non è nemmeno accettabile che la decisione se rivendere o meno i diritti del digitale terrestre pay a chi li può effettivamente esercitare sia affidata esclusivamente all’arbitrio monopolistico di un operatore dominante che metta al centro della valutazione i propri interessi e non l’interesse generale dei telespettatori. Per questo motivo Mediaset invoca la massima vigilanza da parte delle Autorità affinché i diritti per il digitale terrestre, la piattaforma più diffusa nel paese, siano rimessi sul mercato a condizioni eque e non discriminatorie.

    tvblog.it

  Diritti Tv Champions League 2012-2015 solo a Sky

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina