1.     Mi trovi su: Homepage #5803635
    Il Milan ha raggiunto l'accordo per l'acquisto a titolo definitivo di
    Antonio Cassano. L'accordo è stato raggiunto questa sera in una cena tra
    l'amministratore delegato rossonero, Adriano Galliani, e l'agente del
    calciatore Beppe Bozzo. Il talento di Bari vecchia, a disposizione di
    Massimiliano Allegri da gennaio, ha raggiunto l'accordo col Milan:
    siglerà un contratto fino a giugno 2014.
    Della vicenda se ne parlerà questa sera a Speciale Calciomercato in onda dalle 23 su Sportitalia. Interverrà in diretta anche l'avvocato Bozzo, agente dell'ormai ex fantasista della Sampdoria.
     
    Fonte Tuttomercatoweb
     
     
     
    domanda: ma tra pato, robinho, boateng, seedorf, ronaldinho(?) che se ne fanno?
    cioè:
    -dal punto di vista tattico o gioca seconda punta (toglie pato? o l'attuale buon robinho?) oppure trequrtista (messo boateng perchè fa più inserimenti e da più sostanza al reparto e lui non ha mai fatto il 3/4ista a memoria, forse solo in nazionale)..
     
    -senza tralasciare il punto di vista caratteriale (rischio di sfasciare lo spogliatoio, seppur saldo come quello milanista)
     
    insomma, secondo me un acquisto tutt'altro che utile.. anzi.. :-\
  2.     Mi trovi su: Homepage #5803640
    Ultim'ora
    giovedì 16 dicembre 2010 20:47
    Cassano reintegrato dall'1 febbraio 2011

    (ANSA) - GENOVA - La sospensione inflitta ad Antonio Cassano dagli arbitri del Collegio sara' effettiva fino al 31 gennaio e non fino al 31 dicembre, come precedentemente appreso in ambienti della Lega. Secondo quanto si e' saputo in serata, dunque, la sospensione di Cassano restera' in essere sino alla fine di gennaio, escludendo cosi' di fatto il giocatore dagli allenamenti e da eventuali convocazioni per tutto il mese di gennaio.
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  3.     Mi trovi su: Homepage #5803736
    pare che sia fatta. mah.. forse stavamo andando troppo bene e han deciso di destabilizzare un pò l'ambiente.
    ma io credo che la società abbia fatto un ragionamento puramente economico. via dinho con i suoi 7 o forse 8 d'ingaggio.
    dentro cassano con 3. stesso ruolo, cioè seconda punta, al caso potrebbe provarlo a metterlo come prima, giusto per far rifiatare ibra, perchè tanto si son convinti che uno come lo svedese non lo trovi.

    cmq la vicenda cassano è triste. la morale è:
    insulta il tuo presidente, i tuoi tifosi, fregatene dei compagni, sputa sul piatto in cui mangi.
    perchè tanto poi otterrai un contratto di pari guadagno con una squadra piu forte!
    cmq in un modo o nell'altro devo fargli abbassare la cresta, non può venire e pensare di avere il posto fisso, anzi ora è l'ultima scelta.
    e dinho, beh fino all'anno scorso era quello che dava un pò di brio in attacco, e ci metteva anche impegno. ma con la sua attuale forza non si vincono trofei. con ibra e binho, tutto un altro carattere.
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  4.     Mi trovi su: Homepage #5803741
    dice bene serafini: i soldi son di Berlusca, e a lui quando vengono gli sfizi se li toglie (questo vale anche in altri campi, non solo il calcio :asd: ).   tra l'altro fa notare che non può neanche giocare in champions.

    Serafini: Cassano, Dinho, Pato. Il Milan è sereno, Allegri un po' meno
    17.12.2010 07.30 di Pietro Mazzara  articolo letto 2232 volte
    Fonte: di Luca Serafini per Milannews.it








    Dunque, Antonio Cassano. Chi l'avrebbe detto. Non c'è da
    stupirsi, a Berlusconi questi giocatori piacciono, questi colpi
    piacciono: le opportunità, i fantasisti, le ciliegine sulla torta.
    Baggio, Redondo, Rivaldo, Ronaldo, Beckham, lo stesso Ronaldinho, hanno
    insegnato. Fosse per lui, prenderebbe a gennaio Totti e Del Piero. Sono
    regali, sono extrabudget (in questo caso le cifre sono al limite di
    un'operazione "minore"), sono sfizi. Se giocano bene, se non giocano fa
    niente: lo abbiamo noi, non ce l'hanno gli altri. I soldi sono i suoi,
    li spende come gli pare e piace.
    Sulla questione caratteriale, inutile discettare. Sappiamo tutti chi è
    Fantantonio e da quale ultima, gravissima marachella arrivi: i calci a
    una bandierina, le corna a un arbitro, l'imitazione di un allenatore
    sono niente rispento agli insulti di una persona, che è anziana, è il
    tuo datore di lavoro, ti ama e ti tratta come un figlio. C'è solo da
    sperare, evidentemente Berlusconi e Galliani sperano, che a Milanello e
    con la paternità Cassano si dia finalmente una calmata.
    Sul piano tecnico, l'operazione suscita(non poche) perplessità. Premesso
    che l'ex sampdoriano non potrà giocare in Champions, n una squadra che
    ha trovat  un passo da carica senza Pato,
    senza Ronaldinho, senza Seedorf e con Pirlo a rischio, che arrivi uno
    che corre pochissimo e in certe partite si veda ancora meno, è
    difficilmente comprensibile. Ronaldinhio è accusato di stare sulla
    mattonella, Cassano nemmeno la danza da immobile, la mattonella. E se
    sia uno che accetterà la panchina o - peggio - accetterà di entrare per 2
    volte di fila a pochi secondi dal 90', col sorriso e pronto ad
    abbracciare i compagni, è da vedere.
    L'aspetto più serio è quello filosofico, quello "editoriale": Allegri è
    il secondo allenatore dell'epopea berlusconiana ad avere imposto una
    vera e propria rivoluzione ideologica: Zaccheroni rivoltò il modulo con
    il 3-4-3, Allegri ha piano piano congelato i fantasisti per dare spazio
    ai mastini. Ora Berlusconi gli rovescia in casa un altro della categoria
    dei silurati, un fantasista appunto. E per nulla dinamico. E per nulla
    educato come quelli che il Milan ha in casa.
    L'operazione Allegri l'ha capita poco, ma ha già la scorza per gestirla
    al meglio. Cioé mettendo Cassano quando e se sarà il caso, se non
    saranno panchine e tribune. Il problema, in panchina e in tribuna,
    diventa la convivenza con Ronaldinho. Se resta, per Allegri i problemi
    umorali non saranno indifferenti. Se se ne va, continuerà a mancare un
    attaccante viste la precarietà di Pato, l'infortunio di Inzaghi e
    l'inossidabilità incerta di Ibra.
    Terzo e ultimo nodo, Pato. Dice che rientrerà il 6 gennaio e giocherà
    ininterrottamente fino a maggio. Se sarà così, l'abbondanza non sarà un
    problema per Allegri: saremmo pronti a scommettere che metterà i 3
    doberman a centrocampo, Ibra trequartista e Robinho con Pato in prima
    linea. Così alle panchine e alle tribune si sommeranno a Dinho e Cassano
    anche Pirlo, Seedorf e uno tra Flamini e Boateng o Gattuso. Se non sarà
    così, sarà peggio, perchè per vincere lo scudetto e fare strada in
    Champions ci vuole Pato sanissimo.
    Allegri, fino ad oggi, oltre che ad essere preparato, pronto, bravo, ha
    dimostrato di avere intuizuioni geniali (Pirlo e Ambrosini invertiti,
    Boateng trequartista). Gli servirà sempre più genio, per andare avanti
    dritto per la sua strada con tanti geni arrabbiati intorno.
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  5.     Mi trovi su: Homepage #5803827
    Zhaman ha scritto:
    oltre ad essere molto conveniente sull'aspetto economico, è chiaro che alla dirigenza piacciono le sfide impossibili.
    Si sta cambiando il carattere di Ibra, lo si vuol fare anche con il barese:D
         cambiando il carattere di Ibra ? ma quando mai .. è sempre quella solita dolcissima personcina conosciuta negli anni
    .
    in genere Ibra è "dolcissimo" contro le sue EX squadre, i suoi ex compagni e contro i tifosi cattivi che non lo venerano, ma non mi risulta abbia mai dato problemi di altro tipo, a maggior ragione se la squadra VINCE (è quello il metodo universale per non avere problemi di nessun tipo)
    .
    diverso il discorso per il demente di BariVecchia, che però è andato nel posto giusto per lui: Media amici che non ti spulciano ogni comportamento, società più che autorevole ed omertosa, quasi autoritaria, veline sempre a disposizione (vorrei che fosse solo un discorso da maschilista) e tantissimi tifosi pronti a farti un monumento alla prima cosa appena decente, ovviamente ingigantita dai media del padrone.
    .
    i problemi potrebbero arrivare nei momenti difficili con le eventuali sconfitte, ma non ce lo vedo a dire a Galliani di andare a fare i Bu...ini o, peggio ancora, a dirlo al Berlusca:asd: .. rischierebbe di finire da protagonista quotidiano sui giornaletti di Feltri e Sallusti o di trovarsi qualche picciotto sotto il letto

    [Modificato da common il 17/12/2010 10:55]

  6.     Mi trovi su: Homepage #5803854
    common ha scritto:
    cambiando il carattere di Ibra ? ma quando mai .. è sempre quella solita dolcissima personcina conosciuta negli anni
    .
    in genere Ibra è "dolcissimo" contro le sue EX squadre, i suoi ex compagni e contro i tifosi cattivi che non lo venerano, ma non mi risulta abbia mai dato problemi di altro tipo, a maggior ragione se la squadra VINCE (è quello il metodo universale per non avere problemi di nessun tipo)
    .
     
    si certo su questo non ci piove. Mi riferivo al suo modo di giocare in campo, meno egoista e maggiormente dedito al sacrificio per la squadra
  7.     Mi trovi su: Homepage #5803861
    Zhaman ha scritto:
    si certo su questo non ci piove. Mi riferivo al suo modo di giocare in campo, meno egoista e maggiormente dedito al sacrificio per la squadra


    il sacrificio l'ha sempre fatto e sul carattere la prima palla che gli passano sbagliata si incazza come una vipera. E' sempre stato così e lo farà ancora. Sul modo di giocare è stato lui a spiegarlo: il pallone d'oro non mi interessa più, ora trovo più gusto personalmente a giocare per far vincere la squadra, non solo per me. E' stata una questione di tempo. E' arrivato da voi nel momento giusto.
    Per il resto Ibra è Ibra, non è lui che si adegua a te, ma viceversa
  8.     Mi trovi su: Homepage #5803871
    ma ibra ha un brutto carattere dal punto di vista dei rapporti interpersonali con ex-compagni, ex-allenatori, ex-società, giornalisti, commentatori.
    e poi si incazza quando gioca
    ma lui in campo è esemplare. lavora, segna, si sbatte, combatte. il suo umore è semre lo stesso indipendentemente dal suo momento o della squadra. gioca per vincere e basta. in un certo senso lui ha sempre giocato per le sue squadre. il fatto che ora non gli frega piu del pallone d'oro è strano, ma sicuramente sta giocando in un modo che lo avvicinerebbe di piu al premio. io credo che ibra sia sempre stato maturo.
    quindi è un carattere completamente diverso da cassano. gioca come gli gira, sempre pronto a scattare e a "tradire" gerarchie e compagni/società/allenatori. e lui maturo lo è stato qualche mese e basta, e ciò significa non esserlo affatto.
    "al mio segnale...scatenate l'inferno!" dissi io, davanti alla colazione dell'hotel a 4 stelle di Padova...
  9.     Mi trovi su: Homepage #5803876
    Zanetti Capitano ha scritto:
    il sacrificio l'ha sempre fatto e sul carattere la prima palla che gli passano sbagliata si incazza come una vipera. E' sempre stato così e lo farà ancora. Sul modo di giocare è stato lui a spiegarlo: il pallone d'oro non mi interessa più, ora trovo più gusto personalmente a giocare per far vincere la squadra, non solo per me. E' stata una questione di tempo. E' arrivato da voi nel momento giusto.
    Per il resto Ibra è Ibra, non è lui che si adegua a te, ma viceversa

    Dell'Ibra interista mi ricordo che stava piuttosto fermo in avanti ad aspettare che gli arrivasse il pallone per fare poi gol. Inoltre tutti questi assist non li faceva. Mi sbaglio? Se no, a cosa ti riferisci dicendo che il sacrificio l'ha sempre fatto?
  10.     Mi trovi su: Homepage #5803916
    Zhaman ha scritto:
    Dell'Ibra interista mi ricordo che stava piuttosto fermo in avanti ad aspettare che gli arrivasse il pallone per fare poi gol. Inoltre tutti questi assist non li faceva. Mi sbaglio? Se no, a cosa ti riferisci dicendo che il sacrificio l'ha sempre fatto?
      E' un gioco diverso....Comunque forse hai visto solo l'Ibra di Coppa....In Campionato era il punto di riferimento di tutti.
    Ibra è il più grande attaccante al mondo degli ultimi 10 anni. Esemplare anche negli allenamenti. Un professionista come ce ne sono pochissimi....Decisivo come nessuno.

    Sperem sia vera 'sta cosa di Cassano....Vi state liberando di lentopede e del povero frillino, arriva pedematto :asd:

    Tanto Allegri lo lascia fuori, fin che il Bilan vince...Il Bilan non si cambia e sarebbe da idioti cambiare.
  11.     Mi trovi su: Homepage #5804120
    superpadrepio ha scritto:
    Ibra è il più grande attaccante al mondo degli ultimi 10 anni. Esemplare anche negli allenamenti. Un professionista come ce ne sono pochissimi....Decisivo come nessuno.
      con enormi VUOTI di rendimento nelle partite importanti e con ZERO incisività in Nazionale, non scherziamo
    .
    piuttosto, sembra veramente sia cambiato proprio ora, perché è andato in una squadra che non gioca solo su di lui, cosa che forse gli da più calma anche nelle partite di champions
    se continuerà a segnare anche in Champions si che si potrà elevarlo ad un livello veramente alto, ma questo lo sapremo fra poco
  12.     Mi trovi su: Homepage #5804134
    Galliani: "Cassano sostituisce Inzaghi. I 5 mln? Di certo non li pagherà il Milan"

    Adriano Galliani, in un'intervista esclusiva a Sky Sport, ha parlato dell'affare Cassano, ancora non del tutto chiuso secondo quanto riferito dall'Amministratore Delegato: "Cassano sostituisce Inzaghi, seppur con caratteristiche completamente diverse. Ronaldinho? L'arrivo di Cassano non dipende da lui. In ogni caso non è ancora fatta come molti hanno detto. Bisognerà vedere le pretese della Samp, gli accordi col giocatore. Inoltre bisognerà capire chi pagherà i miloni chiesti dal Real Madrid, perchè di certo non sarà il Milan".

  Cassano al Milan, accordo fino al 2014

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina