1.     Mi trovi su: Homepage #5877184
    Forse già oggi l'annuncio

    Il talento brasiliano ha detto basta, appenderà gli scarpini al chiodo: «Non sopporto più" giocare a calcio. Vorrei continuare ma non ce la faccio, penso a una giocata ma non mi riesce di farla come vorrei. È giunta l'ora, è stato molto bello»

    RIO DE JANEIRO (BRASILE), 14 febbraio - «Non ce la faccio più. Vorrei continuare ma non ce la faccio, penso a una giocata ma non mi riesce di farla come vorrei. È giunta l'ora, è stato molto bello», ha sottolineato Ronaldo Luiz Nazario da Lima, 34 anni, a un cronista del quotidiano Estado de Sao Paulo. Sia un altro giornale, O Globo, sia il sito web Uol hanno riferito in queste ore che il famoso ex giocatore del Real Madrid, ora nel Corinthians, potrebbe annunciare il suo addio ufficiale al calcio nella conferenza di stampa domani. Prima di prendere questa decisione, ha sottolineato l'allenatore "corinthiano" Tite, sarebbe però opportuno che Ronaldo «ascolti le persone che gli sono vicine. Ho molto rispetto per lui come professionista... una volta gli ho ricordato che porta sempre un grande peso, tutti vogliono che sia perfetto, che non faccia sbagli».

    ALTRO ADDIO - I media locali hanno in questi giorni sottolineato che a spingere Ronaldo sono sia la "frustazione" derivante dalla sconfitta del Corinthinas nella coppa Libertadores contro la squadra colombiana Tolima, sia la reazione molto violenta di alcuni tifosi "corinthiani". Proprio questi due elementi, in particolare le minacce dei tifosi, hanno provocato l'addio al Corinthias annunciato questo fine settimana di un altro "big" del calcio brasiliano, Roberto Carlos, che ha però ricevuto un'offerta molto interessante per trasferirsi in Russia. Non bisogna d'altra parte dimenticare, aggiungono inoltre i media brasiliani, i problemi di peso di Ronaldo. A ricordare quest'ultimo aspetto è stato in questi giorni il più prestigioso dei tifosi del Corinthians, e cioè l'ex presidente brasiliano Luiz Lula da Silva: Ronaldo è «ingrassato», ha commentato Lula, rilevando che è stato «un giocatore eccezionale», il quale avrebbe però dovuto smettere di entrare in campo «ormai molto tempo fa».
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #5877240
    Uno dei miei 5 attaccanti preferiti in assoluto fra quelli che ho visto giocare . Grazie :nworthy:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3.     Mi trovi su: Homepage #5878443
    Ronaldo, un addio tra le lacrime "Lasciare il calcio è come morire"  
      
    Il Fenomeno annuncia il suo ritiro svelando di soffrire di un disturbo che lo fa ingrassare:
    «La mia è stata una carriera meravigliosa, non mi sono fatto nemici: non mi pento di nulla»

    «Come potete immaginare, io oggi sono qui ed ho una emozione grandissima che non riesco neanche a parlare, per annunciare che sto chiudendo la mia carriera come calciatore professionista. Una carriera che è stata bellissima, meravigliosa, emozionante. Ho avuto molti problemi ma grandi e infinite vittorie». Sono queste le parole con cui l'attaccante brasiliano Ronaldo ha chiuso la sua carriera professionistica in una conferenza stampa.

    «Mai avuto nemici»
    A 34 anni uno dei più grandi giocatori delle ultimi decenni ha deciso di fermarsi. «Ho avuto molti amici e non ricordo di aver costruito in carriera dei nemici. Ebbene sto chiudendo anticipatamente la mia carriera per alcuni motivi che credo siano importanti. Tutti qui sanno quello che ho passato -aggiunge Ronaldo- e tutti conoscono il mio passato. Negli ultimi due anni ho avuto una lunga sequenza di infortuni che mi hanno colpito da una gamba all'altra, da un muscolo all'altro e questi dolori mi hanno costretto ad anticipare il mio ritiro».

    «Soffro di ipotiroidismo»

    Il fenomeno spiega poi il motivo del suo ingrassare. «Quattro anni fa quando ero al Milan ho scoperto che avevo anche un disturbo che si chiama ipotiroidismo. È una cosa che rallenta il metabolismo e per controllarlo bisogna assumere degli ormoni che nel calcio non sono ammessi o non si sposano con il calcio perchè sono doping. Molti si sentono pentiti di aver scritto tante cose sul mio peso, commentato il mio ingrassare -continua il brasiliano- ma io non ho nessun rancore, credo che tutti capiscano cosa sto spiegando nel mio ultimo giorno di carriera».

    In lacrime: «Non mi pento di nulla»

    Il "Fenomeno" in lacrime ha poi ringraziato la sua ultima squadra il Corinthians e il suo presidente. «Chiedo scusa per non essere riuscito ad incidere nel progetto Coppa Libertadores, qui tutto è stato bellissimo, meraviglioso. Resterò sempre legato a questa squadra in qualunque maniera». «Non mi pento di nulla, ho dato tutto. Volevo fare un ultimo ringraziamento a tutte le squadre in cui ho giocato dal Cruzeiro, al Psv, dal Barcellona all'Inter, al Real Madrid, al Milan e al Corinthians. Voglio ringraziare tutti i giocatori che hanno giocato con me e quelli che hanno giocato contro di me, quelli leali -continua- e quelli poco corretti, gli allenatori con cui ho condiviso le idee o con quelli con cui abbiamo avuto divergenze di opinioni. Ringrazio quelli che mi hanno sostenuto e sospinto, oltre agli sponsor».

    «E' come morire»

    «Mi sembra che questa sia la prima morte». Ronaldo ha descritto così le proprie sensazioni da neo-ex calciatore. «Questa settimana, dopo una nuova lesione agli adduttori, ho riflettuto a fondo e ho deciso che era arrivato il momento. Mi sono reso conto di aver dato il massimo e di essere arrivato al top delle mie potenzialità. Quando ho preso la decisione, mi sentivo come un malato terminale. Adesso, mi sembra che questa sia la prima morte», ha aggiunto senza riuscire a trattenere le lacrime.
  4. In questo momento stai...  
        Mi trovi su: Homepage #5879271

    abbandona il calcio uno dei piu forti giocatori degli ultimi 20 anni: indimeticabile il gol che fece driblando mezza squadra avversaria e la drammatica partita con la Lazio quando si ruppe di nuovo
    quando ho pensato di iniziare a capire le donne ho capito che non avevo capito un caxxo
    :azz:
  5. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #5879276
    dyd-1974 ha scritto:
    abbandona il calcio uno dei piu forti giocatori degli ultimi 20 anni: indimeticabile il gol che fece driblando mezza squadra avversaria


    E chi se lo dimentica :-O
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  6.     Mi trovi su: Homepage #5880224
    Grandissimo finchè è stato veloce...Ma dobbiamo tornare indietro nel tempo.
    E' stato bellissimo vederlo giocare dagli spalti di San Siro. E' durata poco, peccato. Ma fino a novembre del 1999 è stato il migliore di tutti. Poi ginocchio rotto a Lecce e da allora non è più stato a lui, salvo qualche sprazzo a Madrid.
    L'ultimo trofeo importante vinto fu il Campionato spagnolo nel 2002-2003 col Real. Ed è l'unico Campionato vinto in Europa.  Una Coppa Coppe col Barca e la Uefa con l'Inter. Intercontinentale col Real (lui non giocò la champions). E' poco poco. Grande ai mondiali nel 2002....quelli del post 5 Maggio Lazio-Inter.
    Un po' per sfortuna, un po' per poca testa....Poteva essere il numero 1 ma ha vinto troppo poco ed è finito tropo presto.
    Comunque è stato bello vederlo a San Siro :clap:

  Ronaldo addio al calcio

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina