1.     Mi trovi su: Homepage #5901219
    Mi scuso se apro un topic "personale", ma vorrei sapere se sul foro c'è qualcuno in grado di darmi una mano.
    La mia ragazza è stata assunta con contratto di appresndistato presso un mercato dell'usato di una nota catena lo scorso Settembre come responsabile di un reparto nuovo (in realtà poi sul contratto c'era scritto solo "commessa", ma vabè).
    Ora, oltre al fatto che il capo in questi 4 mesi le ha sempre pagato lo stipendio in ritardo, tanto che questo mese, al 25 di Febbraio, ancora non ha visto lo stipendio di Gennaio, sempre il titolare sembra essersi stancato del reparto, perchè dice che non decolla (il franchisor gli dice che è passato ancora troppo poco tempo) e sta facendo di tutto per riuscire a chiuderlo.
    Ok, fin qui tutto "normale", ma la chiusura comporta inevitabilmente il licenziamento della commessa che se ne occupa (ovvero la mia ragazza) e da quando il capo si è accorto che sia chiudere il reparto che licenziare la mia ragazza non è così semplice, ha iniziato a diventare una iena.
    Stasera è arrivato a chiudere la mia ragazza in uno stanzino e ad intimarle le dimissioni volontarie, altrimenti da lunedì viene sospesa perchè la settimana scorsa ha regalato uno straccio vecchio e usato (non era in carico come merce ovviamente) ad un cliente e lui vuole accollarle il reato di furto. Le ha detto che se non si dimette lei farà in modo di renderle la vita li dentro un inferno (mobbing verticale).
    Ora, considerando che le leggi anti-mobbing in italia sono praticamente aleatorie e che il capo, furbamente, chiudendola in uno stanzino ha fatto in modo che alla conversazione non ci fossero testimoni, la mia ragazza è disperata.
    E' già sensibile e timorosa di suo, totalmente incapace di far valere i suoi diritti, è assolutamente succube e depressa per questa cosa e non sa cosa fare. Andare dai carabinieri non so quanto frutterebbe, si tratta pur sempre della sua parola contro quella del suo capo, anzi, dei suoi due capi che sono ovviamente d'accordo. 
    Se la licenziasse lui, lei almeno avrebbe diritto a 90gg di disoccupazione (meglio di niente), mentre se le da volontarie perde anche il diritto al ricollocamento (questo è almeno quello che ha detto l'ufficio di collocamento di Ivrea), ma evidentemente a licenziarla lui ha trovato qualche paletto, forse imposto dal franchisor, non lo so.
    La cosa buffa (e ridicola) è che giusto 4 giorni fa il capo le ha detto che le avrebbe dato il tempo di cercarsi un altro lavoro, scrivendole anche una lettera di referenze dove si attestava che lei si era anche piegata a fare altre mansioni (in pratica le fa fare le pulizie in orario di lavoro). Ma stasera l'inversione totale di rotta.
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5901315
    prima di tutto complimenti per il lollosissmo avatar..
    un'idea sarebbe quella se la tua ragazza ce la fa di registrare col cellulare una conversazione e poi minacciare il titolare di denuncia per mobbing..
    ti do un'altra idea, io avevo una collega che ogni conversazione che teneva coi capi la registrava, naturalmente dichiarando la cosa, i capi nn potevano dire nulla di minaccioso o illegale così lei si limitava a fare ciò che era stato detto nella registrazione.. 
    smentisco categoricamente ciò che ho appena scritto
    stringimi madre ho molto peccato, ma la vita è un suicidio l'amore un rogo...
    la tua firma fa schifo™
  3.     Mi trovi su: Homepage #5901338
    James Mc Cloud ha scritto:
    Avvocato, oppure direttamente dai carabinieri. Sono minacce, mobbing e violenza non so se privata o psicologica, magari qualcuno che studia legge saprà essere più utile.
    Dove lavora la tua ragazza che vedo di non metterci più piede?
     Quoto!
    Mi spiace di non essere d'aiuto, anch'io effettivamente non saprei come comportarmi....
  4.     Mi trovi su: Homepage #5901383
    James Mc Cloud ha scritto:
    Avvocato, oppure direttamente dai carabinieri. Sono minacce, mobbing e violenza non so se privata o psicologica, magari qualcuno che studia legge saprà essere più utile.
    Dove lavora la tua ragazza che vedo di non metterci più piede?
     Non posso fare il nome, altrimenti c'è il rischio di avere rogne per la diffamazione visto che, ripeto, purtroppo non ci sono nè prove nè testimoni. Vale anche per la denuncia: su quale base la fai? Bisognerebbe registrare, come dice Kibith, ma ovviamente lei mica si aspettava una cosa così stasera, visto quello che solo 4 giorni fa le aveva detto (diametralmente opposto quasi).
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #5901465
    una precisazione spicciola, registrare all'insaputa dell'interessato credo sia illegale quindi lo può fare e può usare la registrazione come minaccia "fittizia" in sede legale credo nn conti, oppure dichiarare espressamente che sta registrando ogni volta che il capo le rivolge la perola (la mia collega diceva: un attimo che accendo il registratore "click" dica pure signor xxxxx rimarcando il nome) e poi si atteneva a ciò che il capo diceva nella registrazione..
    per quello che riguarda "roba sparita" lei nn è tenuta a fare vigilanza quindi se sparisce qualcosa che assuma qualcuno atto all'antitacheggio, piuttosto dille di nn andare con borse o zaini ne quali potrebbe essere nascosto dentro qualcosa al fine di "incastrare" la tua fidanzata..
    smentisco categoricamente ciò che ho appena scritto
    stringimi madre ho molto peccato, ma la vita è un suicidio l'amore un rogo...
    la tua firma fa schifo™
  6.     Mi trovi su: Homepage #5901481
    Tempo fa però chiesi al mio avvocato (è un amico di scuola che adesso ha uno studio legale) se potevo fare qualcosa contro le minacce delle finanziarie, dato che se sei disoccupato e chiedi lumi sull'assicurazione che ti fanno pagare ti tirano su storie e poi iniziano con minacce del tipo: "se non paga la mettiamo in mezzo a una strada". Lui mi disse di registrare le telefonate, che era un mio diritto.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5901490
    Sulle registrazioni ho trovato questo:
    .
    "Con la Sentenza n. 4847/2006, il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di una docente universitaria che, per dimostrare di essere oggetto di comportamenti persecutori e vessatori da parte del Direttore dell’Istituto in cui svolgeva il proprio servizio. Alla docente era stata comminata una sanzione disciplinare con sospensione dal servizio e dallo stipendio per due mesi, in quanto la medesima aveva registrato alcuni colloqui al fine di dimostrare che stava subendo pressioni e vessazioni. L’Amministrazione di appartenenza ha ritenuto il comportamento della docente, ossia l’effettuazione delle registrazioni, fosse scorretto e tale da ledere il decorso e l’immagine dell’istituzione accademica. Ma il Tar non è stato dello avviso, per cui ha annullato la sanzione disciplinare comminata alla docente, ribadendo che l’articolo 24 comma 1 lettera f) del D.Lgs 196/03 consente il trattamento dei dati personali senza il consenso dell’interessato qualora lo stesso sia necessario per la tutela del diritto di difesa giudiziale."
    .
    Edit: anche questo
    .
    dl 196 del 2003
    Art. 24. Casi nei quali può essere effettuato il trattamento senza consenso
    1. Il consenso non è richiesto, oltre che nei casi previsti nella Parte II, quando il trattamento:

    f) con esclusione della diffusione, è necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397, o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento, nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale e industriale;

    [Modificato da Lightside il 25/02/2011 22:20]

  8.     Mi trovi su: Homepage #5902651
    arcturus85 ha scritto:
    In un'azienda che conosco, i dipendenti usano dei registratori tascabili quando il capo li chiama separatamente uno ad uno per cercare di dividerli a livello sindacale.
    Non so se sia legale.
       In rete ho trovato sempre la stessa cosa: se registri una conversazione che ti riguarda in prima persona, puoi usarla unicamente poi ai fini processuali per difendersi da atti di minaccia, ma non la puoi divulgare. La sua utilità, però, non va oltre quella di una qualsiasi foto, ovvero viene unicamente messa agli atti e nullapiù.
    Viceversa la registrazione in segreto di una conversazione a cui non si prende parte rientra nel caso dell'intercettazione e non è legale tra privati, poichè comporta il reato di violazione della privacy.
    La registrazione di una conversazione che sia stata preventivamente dichiarata, e di cui tutte le parti in causa sono a conoscenza e concordi, non è vietata in nessun caso.
  9. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5902721
    Lightside ha scritto:
    La registrazione di una conversazione che sia stata preventivamente dichiarata, e di cui tutte le parti in causa sono a conoscenza e concordi, non è vietata in nessun caso.
      
    Allora bisogna giocare su questo punto: dichiarare che è una registrazione senza fare capire al boia che è una registrazione. :asd:
    Bah, la solita legge italiana.

    PS: LOL per l'avatar :rotfl:

  E' successo un fatto molto grave alla mia ragazza sul lavoro

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina