1.     Mi trovi su: Homepage #5943277
    Ero indeciso se postarlo in sezione musica o qui, ma dato che quello che mi interessa in questo caso è più il discorso tecnico e le ripercussioni che questo servizio porteranno, credo che sia più consona questa sede.

    .

    http://arstechnica.com/media/news/2011/03/amazon-on-cloud-player-we-dont-need-no-stinkin-licenses.ars

    .

    Amazon ha fondamentalmente creato un servizio di cloud storage per la musica. Un utente si abbona, riceve dello spazio, e si può caricare i proprio files musicali in rete. A questo punto con la app appropriata potrà fare streaming della propria musica su uno qualunque dei propri device: Mac, Pc o device Android.

    .

    Ovviamente nasce subito un primo contenzioso. Apple stessa sta trattando con le case discografiche per un servizio simile, ma stenta a raggiungere un'accordo per le licenze. amazon ha deciso che le licenze non servono e quindi ha fatto partire il servizio basandosi sul fatto che non ci sono gli estremi per le case discografiche per imporre una qualche licenza.

    .

    A questo punto ci troviamo davanti ad una svolta. La RIIA non starà certo a guardare e Apple potrebbe usare questo esempio per fare pressioni per accordarsi per le licenze per il proprio servizio. inoltre il pubblico reagirà di sicuro a questo nuovo modo di gestire la propria musica che di certo cambia un bel po' il panorama attuale del mercato digitale.

    .

    A questo punto che ne pensate? Riuscirà Amazon a prevalere? la RIIA farà il solito casino per la propria fetta di torta? Amazon ha ragione o torto nella sua posizione?

    .

    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  2. andando via  
        Mi trovi su: Homepage #5943331
    Che titolo poetico!!!

    IMHO Amazon ha ragione se il servizio è strutturato come hai detto: io carico da qualche parte la MIA musica e SOLO io, con la mia utenza e la mia password, posso riascoltarla.
    Ovvio che non posso dare l'accesso libero al mio spazio di memorizzazione.

    Resta il fatto che CORCAZZO che la RIIA starà a guardare! Pretenderà il pagamento del suo obolo. Si fosse in Italia lo otterrebbe in barba a qualunque logica (come l'ha ottenuto la SIAE per i DVD su cui archivi i tuoi documenti)... in america potrebbero anche rispondergli picche..
    Codice amico 3DS: 3566-1520-1330
  3.     Mi trovi su: Homepage #5943356
    Sarà comunque molto interessante seguire lo sviluppo di questa vicenda e soprattutto la risposta di Apple alla mossa di Amazon.
    .
    Leggendo in giro il servizio di Amazon è ancora molto acerbo e integrato in modo non proprio ottimale. l'applicativo per lo streaming è flash-based e non pare proprio sia ricco di features o opzioni. Poi sui terminali portatili c'è la "limitazione" del client Android Only, ma direi che potrebbero anche farne una versione iOS.. tutto dipende da Apple nell'accettare questo tipo di app in barba al loro futuro ingresso nello stesso campo.
    .
    Ammetto che non sono proprio tentatissimo da questo tipo di progetti... francamente in mobilità ho sempre preferito una selezione della mia library per evitare di avere troppa roba tra cui rimestare, mentre a casa ho un NAS su cui ora tengo la libreria estesa e quindi accessibile da tutti gli apparecchi che devono avere accesso. Anzi, volendo potrei anche aprire il NAS verso l'esterno e usare altre app per lo streaming diretto della mia library, meno semplice, ma altrettanto efficace.

    .
    Tra l'altro ho trovato una piccola App, tale SognBox, che permette di fare lo streaming dei file musicali presenti nel proprio account dropbox.. molto carina a leggere le specifiche, ma non ho potuto testarla avendo l'iPhone in assistenza. :(
    .
    cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!

  La musica dalle nuvole

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina