1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #5964763
    La Coppa delle Coppe 1999/2011
    The story so far: diciamo addio a una competizione storica ricordandone i momenti salienti


    Come noto, dalla stagione 1999/2000 l’UEFA, riformando le sue coppe, ha posto fine alla Coppa delle Coppe, inglobata nella Coppa UEFA, ora Europa League. Il torneo, aperto ai vincitori della coppa nazionale o, tutt’al più, in caso di loro assenza, ai finalisti della seconda competizione domestica, scomparve per lo scarso interesse di sponsor ma, anche, per un fatto sportivo. Allargando la Champions League anche a chi campione non era, la Coppa delle Coppe rischiava di avere ai nastri di partenze club con un titolo sportivo assai annacquato: potendo iscriversi anche la 4ª classificata del campionato in Champions, in Coppa delle Coppe era concreta l’ipotesi che ad accedervi non fosse più solo vincitore o finalista della coppa nazionale, ma anche il miglior semifinalista (come nel triennio 1996/99) o, peggio ancora, il miglior eliminato nei quarti di finale.

    STORIA - Da bravi amanti delle tradizioni, ci accingiamo a stilare l’albo d’oro di una virtuale Coppa delle Coppe, dal 1999/2000 ai giorni nostri, assegnando questo platonico titolo alla partecipante alla Coppa UEFA/Europa League, iscritta via coppa nazionale, giunta più lontano nel torneo europeo. Si può dire che si… comincia bene, giacché il Galatasaray, vincitore della Coppa UEFA 1999/2000, era anche il detentore della coppa turca, ma non sarebbe corretto assegnare il titolo ai giallorossi che partecipavano quali ripescati dalla Champions League. Insomma, dal lotto delle partecipanti si dovrebbe togliere chi aveva iniziato la stagione nel massimo torneo per club, giacché alla Coppa UEFA partecipavano non per i risultati conseguiti nella coppa nazionale ma, appunto, per quelli nella Champions. Restringendo il campo alle sole iscritte “in partenza” in Coppa UEFA via coppa nazionale, bisogna scendere fino ai quarti di finale, dove furono eliminati Werder e Slavia Praga, coi cechi autori di una migliore prestazione sia generale che nei soli quarti. Sono pertanto i praghesi i primi vincitori della virtuale Coppa Coppe. Nel 2000/01 bisogna scendere fino agli ottavi, colle eliminazioni di Nantes ed AEK, per trovare il “campione”, coi francesi che si fanno preferire sui greci. In realtà uguale traguardo era stato raggiunto dall’Inter, mentre il Porto aveva raggiunto il turno successivo, ma entrambi era dei ripescati di Champions. Nel 2001/02 è il Servette a prevalere; si ferma agli ottavi ma quale unica superstite degli iscritti via coppe nazionali.

    AVANTI - Sempre fra formazioni eliminate agli ottavi è la lotta nel 2002/03: il Wisla ha il miglior risultato complessivo mentre lo Slavia Praga (al possibile bis) si fa preferire per una miglior eliminazione. Fuori concorso il ripescato AEK. Lotta a tre nel 2003/04 e sempre fra eliminate agli ottavi: l’Auxerre ha il miglior risultato complessivo, la Roma la miglior eliminazione mentre il Maiorca è sempre dietro alle prime due. È questa però l’ultima stagione in cui si deve procedere ad uno “spareggio” per decidere a chi assegnare il titolo. Nel 2004/05 ci si alza di un gradino, arrivando ai quarti, dov’è eliminata l’Austria Vienna. Nel 2005/06 a “vincere” la Coppa delle Coppe troviamo il Levski Sofia, eliminato ancora nei quarti di finale. Nel 2006/07 l’Espanyol raggiunge il gradino più alto “reale”: battuto in finale di Coppa UEFA dai compatrioti del Siviglia, può “consolarsi” colla virtuale Coppa delle Coppe. Nel 2007/08 si rimane in Spagna, col titolo che va al Getafe, ma si scende ai quarti di finale. Nel 2008/09 sempre quarti di finale col Paris Saint-Germain, essendo delle ripescate le due ucraine della Dynamo Kiev (semifinali) e dello Šachtar Donet’sk (vincitore). Nel 2009/10 esordisce la Europa League, ma la Coppa delle Coppe ritorna ad essere assegnata negli ottavi: prevale il Werder, in quanto l’avversario Rubin è una ripescata. In questa stagione, l’Europa League è solo alle semifinali, ma la Coppa delle Coppe è già andata nelle mani del Porto, che ha la concreta possibilità di… ribadire nella realtà il titolo virtuale. Tirando le somme, le 12 edizioni della Coppa delle Coppe virtuale hanno confermato l’estrema varietà della competizione, che nella sua vita reale era stata vinta da ben 32 club diversi, rappresentanti di 11 differenti federazioni (12 se vogliamo sostituire l’URSS con Georgia e Ucraina). Infatti, quella virtuale è andata a 12 squadre diverse (11 se consideriamo i risultati nelle eliminazioni: a bissare il titolo i cechi dello Slavia) di 9 differenti federazioni. Ma anche un altro dato conferma la “tradizione” che voleva la Coppa Coppe torneo “minore” rispetto anche alla Coppa UEFA: in ben 10 casi il vincitore non è andato oltre i quarti di finale reali, ed in 5 si è fermato agli ottavi. Come visto, solo l’Espanyol ha superato questo ostacolo, sfiorando anche il titolo vero: vero è che il Porto quest’anno potrebbe andare meglio o condividere questo primato, ma anche la peggiore delle ipotesi – eliminazione in semifinale – rappresenterebbe comunque il secondo miglior risultato.


    Fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/121941/la-coppa-delle-coppe-19992011/

    ---------
    la coppa delle coppe...

  La Coppa delle Coppe 1999/2011

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina