1.     Mi trovi su: Homepage #6005256
    guardatelo..
    qui le mie impressioni



    the tree of life mi parla di famiglia e di crescita, e da lì dischiude
    una suggestione che si allarga all'Umanità, all'essere nella natura e
    nella grazia, come ci è detto nell'incipit. La vicenda di un lutto
    familiare e il suo ricordo mettono l'uomo in contatto con
    l'intellegibile, con l'incomprensibile dolore della vita, come Giobbe si
    vive il lutto, la sconfitta e la rovina, senza capirne il senso finché
    si è immersi nella sola Natura delle cose. ma il regista ci racconta
    anche della Grazia, che sembra dispiegarsi attraverso una vita di
    ricordi che tormentano, forse in un anniversario del lutto, il ragazzo
    fattosi uomo, che vive con occhi diversi la sua Storia, e si scopre
    sfiorato da una sorta di rivelazione incompiuta "come sei giunto a me?
    sotto che forma? con quale volto?" in cui il lutto e il dolore dei
    ricordi fa vivere più a pieno il senso di fratellanza con un defunto
    fratello. I dubbi dell'Uomo e il suo dolore, il suo sbigottimento per la
    Vita che gli accade, diventano parole, preghiere, domande per un Dio che
    si manifesta "quando dà e quando toglie". Ed è il rapporto tra un Dio
    infinitamente incomprensibile e le sue creature che si manifesta "non
    chiamarmi papà, chiamami Padre" nel rapporto tra un genitore severo e
    allo stesso tempo infinitamente amorevole, e una madre dolce e
    impotente. "voi due siete sempre in lotta dentro di me". La lotta tra la
    natura e la grazia nell'animo umano, nel suo guardare al mondo, nel suo
    guardare alla vita, la sua lotta interiore nello sforzo infinito di
    comprendere il padre e il Padre. Con la speranza di un futuro in cui
    tutti i personaggi della vita si incontrano senza spazio e senza tempo,
    in un luogo di riconciliazione degli affetti e della memoria. Il film
    dipinge un dramma familiare, che è una cosmogonia e apocalisse
    universale, che è dramma dell'uomo con Dio, che è dramma dei fantasmi
    interiori.
    E per questo non poteva che essere un racconto polifonico dove non si
    trova a tutto un posto e si rimane sgomenti, affascinati, perplessi:
    perché le immagini non solo ci fanno vedere un tramonto, ci fanno udire
    una risata materna, ci fa toccare l'erba dei giochi, ma ci fa sentire il
    pathos dell'incommensurabile e il mistero della grazia, che in segreto,
    si dispiega nella natura.

    foto dal carnevale di Foiano 2007
  2. Loacker - Raiden NEXTGAME  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6009397
    Non vedo l'ora di vederlo, questa settimana mi ci fiondo. Curiosissimo per restare in tema Cannes di vedere il nuovo di Almodovar, Drive, The Artist e Once upon a time in Anatolia. Anche This must be the place di Sorrentino con Penn mi incuriosisce.
    I Am Lightning... The rain transformed...
    "...So this is what the dream feels like? This is the victory we longed for."
    LO TOPIC è anche su Facebook! Clicca su "Mi piace" e condividi il miglior topic del web!
  3.     Mi trovi su: Homepage #6014954
    Sono tornato poco fa dal cinema.
    Non ho dubbi che qualcuno ci possa vedere del "misticismo" o del "pathos" o della filosofia di qualche tipo.
    Per me è fuffa allo stato puro. Bella fotografia e Brad Pitt mi è piaciuto molto, ma non c'è altro.
    Per quanto mi riguarda tranquillamente trascurabile se non come screensaver per le scene dei pianeti o dei paesaggi.


    G.
    "Wrong" is one of those concepts that depends on witnesses.
  4. Loacker - Raiden NEXTGAME  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6016551
    KiavikoneRicetta per il successo:
    Giri un documentario, lo inframezzi con i filmini di una famiglia a caso, vinci Cannes.
    Talmente interessato alla gloria e a Cannes che Mallick ha girato 5 film in 40 anni di carriera, e non è neppure andato a ritirare il premio.

    Legittimo considerare fuffa il film, esagerato, prolisso, troppo nel vero senso della parola, ma ridurne il senso "artistico" del film di Malick a "originalità per il successo" è becero.

    E' come dire che Picasso disegnava strambo per ottenere i favori della critica.

    (E' un esempio, con questo non metto Malick e Picasso allo stesso livello)

    Ma in fondo sei Kiavikone, di cosa stupirsi? :rolleyes:
    I Am Lightning... The rain transformed...
    "...So this is what the dream feels like? This is the victory we longed for."
    LO TOPIC è anche su Facebook! Clicca su "Mi piace" e condividi il miglior topic del web!
  5. In quanti hanno confuso questo spazio per la funzione di ricerca? :)  
        Mi trovi su: Homepage #6016910
    RaidenTalmente interessato alla gloria e a Cannes che Mallick ha girato 5 film in 40 anni di carriera, e non è neppure andato a ritirare il premio.

    Legittimo considerare fuffa il film, esagerato, prolisso, troppo nel vero senso della parola, ma ridurne il senso "artistico" del film di Malick a "originalità per il successo" è becero.

    E chi l'ha fatto? La mia era una critica ai critici di Cannes, che non sanno distinguere la merda dalla cioccolata, mica a Malick.
    Sicuramente lui sto film non l'ha fatto per vincere, l'ha fatto perché probabilmente è rincoglionito da tutta la roba che s'è tirato ed è andato in crisi mistica (ipotizzo).
    Pensavo che fosse impossibile travisare il senso del mio post...
    Ma d'altronde sei Raiden, di cosa stupirsi?
    The last Metroid is in captivity... the galaxy is at peace...
  6. Loacker - Raiden NEXTGAME  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6017451
    KiavikoneE chi l'ha fatto? La mia era una critica ai critici di Cannes, che non sanno distinguere la merda dalla cioccolata, mica a Malick.
    Sicuramente lui sto film non l'ha fatto per vincere, l'ha fatto perché probabilmente è rincoglionito da tutta la roba che s'è tirato ed è andato in crisi mistica (ipotizzo).
    Pensavo che fosse impossibile travisare il senso del mio post...
    Ma d'altronde sei Raiden, di cosa stupirsi?
    Certo, la mia fama di travisatore di post mi precede, mica la tua di bastian contrario e di esser convinto di avere il dono dell'oggettività.

    :rolleyes:

    Poi, "i critici di Cannes". LOL, la giuria di Cannes cambia ad ogni edizione, quindi prenditela pure con Robert De Niro, Uma Thurman, Martina Gusman, Jude Law, Olivier Assayas, Linn Ullmann, Nansun Shi, Mahamat Saleh-Haroun e Johnny To per il premio alla merda di Malick.

    E poi immagino che tu abbia visto TUTTI gli altri film in concorso per fare una tale affermazione. Esattamente, quale era la cioccolata?

    Avanti sommo Kiavikone, illuminaci!
    I Am Lightning... The rain transformed...
    "...So this is what the dream feels like? This is the victory we longed for."
    LO TOPIC è anche su Facebook! Clicca su "Mi piace" e condividi il miglior topic del web!
  7. In quanti hanno confuso questo spazio per la funzione di ricerca? :)  
        Mi trovi su: Homepage #6017660
    [quote="Raiden

    "]
    Poi, "i critici di Cannes". LOL, la giuria di Cannes cambia ad ogni edizione, quindi prenditela pure con Robert De Niro, Uma Thurman, Martina Gusman, Jude Law, Olivier Assayas, Linn Ullmann, Nansun Shi, Mahamat Saleh-Haroun e Johnny To per il premio alla merda di Malick.

    E poi immagino che tu abbia visto TUTTI gli altri film in concorso per fare una tale affermazione. Esattamente, quale era la cioccolata?

    Non c'è bisogno di vedere nessun altro film in concorso per capire che il film di Malick non avrebbe dovuto vincere proprio nulla di nulla di nulla. (Sono sicuro che cmq quello di Von Trier sarà fiko)
    Comunque in effetti hai ragione, sono stato poco onesto con i giudici di Cannes, visto che l'hanno scorso vinse quella gran figata de Il Nastro Bianco. Evidentemente quest'anno hanno sbagliato giuria, chettedevodì.
    The last Metroid is in captivity... the galaxy is at peace...
  8. Loacker - Raiden NEXTGAME  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6017714
    KiavikoneNon c'è bisogno di vedere nessun altro film in concorso per capire che il film di Malick non avrebbe dovuto vincere proprio nulla di nulla di nulla. (Sono sicuro che cmq quello di Von Trier sarà fiko)
    Comunque in effetti hai ragione, sono stato poco onesto con i giudici di Cannes, visto che l'hanno scorso vinse quella gran figata de Il Nastro Bianco. Evidentemente quest'anno hanno sbagliato giuria, chettedevodì.
    Un Kiavikone in toni tutto sommato normali, deo gratias!

    :sbam:

    Sono convinto anche io che il film di Von Trier sia molto bello (occhio che però il regista viene dal discutibile Antichrist) ed è in cima alla lista di quelli che attendo di più insieme a Super 8, e in lizza c'era anche quello di Almodovar che probabilmente meritava, però hai come sempre i paraocchi sul tuo giudizio, non riesci mai a metterlo in discussione.

    Col film di Malick manchi di onestà: può legittimamente non esserti piaciuto e averlo trovato freddo e inutile, ma è un film che se apprezzato per quello che propone (come successo con me e Kaboom) difficilmente può avere qualcosa di equiparabile, ed è per questo che ha vinto. La giuria ha apprezzato e lo ha premiato. Non per questo sono degli idioti. Semplimentente hanno visto nel film di Malick qualcosa che a te non ha detto niente (e non dico che "non hai capito" perchè sono discorsi che non mi piacciono, sei riuscito a vedere una morale in Scott Pilgrim, come fa a sfuggirti in un film come questo?)

    E' un film di grandissima ambizione, sull'uomo, sulle più disparate forme di natura, su Dio e il suo operato, sul rapporto per l'appunto tra uomo e Dio e tra gli uomini, sul nucleo familiare e sulla morale umana, e lo fa in modo molto coraggioso, trascendendo dalla classica forma filmica, essendo costruito in modo molto coraggioso.

    Tra l'altro è un'opera tecnicamente perfetta, cosa che non guasta mai.

    Io non discuto che a te non sia piaciuto, non è piaciuto nemmeno alla mia ragazza e lo trovo comprensibilissimo, ma negare che il film non sia a fuoco ma che sia solo ispirato da sostante sintetiche e che sia un'accozzaglia di immagini, è per l'appunto poco onesto.

    Ma davvero, consiglio personale, cerca di capire che il tuo giudizio e il tuo gusto non sono sempre quello "giusto", e che in caso contrario gli altri non sono necessariamente cretini.

    Ti renderebbe anche meno antipatico.
    I Am Lightning... The rain transformed...
    "...So this is what the dream feels like? This is the victory we longed for."
    LO TOPIC è anche su Facebook! Clicca su "Mi piace" e condividi il miglior topic del web!
  9. bulletstorm  
        Mi trovi su: Homepage #6018492
    A Kiavikò, se a te il film non piace fermati lì.

    Non scrivere altre Stupidaggini.

    Il lavoro di Malick è fenomenale (e te lo dice uno che non ama di certo questo regista). C'è amore per ogni singola scena, un montaggio quasi assimilabile ad uno spartito musicale, una sinfonia, ricorda un pò i meccanismi mentali del ricordo selettivo...altro che videoclip.
    Ogni singola immagine è indimenticabile e costruita con una certa "indifferenza benevola". Il messaggio è genuino, semplice e sincero, importantissimo per i tempi che corrono, in cui le persone danno il peggio di sè ed hanno perso il contatto con lo splendore dell'esistenza.

    Il tuo cinismo è davvero qualcosa di detestabile.
  10. In quanti hanno confuso questo spazio per la funzione di ricerca? :)  
        Mi trovi su: Homepage #6018790
    dusteppeA Kiavikò, se a te il film non piace fermati lì.

    Non scrivere altre Stupidaggini.


    A dusteppe, se le mie opinioni non ti piacciono fermati lì. Non fare il passo più lungo della gamba e soprattutto non OSARE definire le opinioni di qualcun altro "Stupidaggini", visto che nessuno ti dà il diritto per farlo. Siamo su un forum di discussione e io, nei limiti del regolamento, scrivo ciò che mi pare e piace, e se ciò ti da fastidio, me ne sciacquo amabilmente gli zebedei.


    Il lavoro di Malick è fenomenale (e te lo dice uno che non ama di certo
    questo regista). C'è amore per ogni singola scena, un montaggio quasi
    assimilabile ad uno spartito musicale, una sinfonia, ricorda un pò i
    meccanismi mentali del ricordo selettivo...altro che videoclip.
    Ogni singola immagine è indimenticabile e costruita con una certa
    "indifferenza benevola". Il messaggio è genuino, semplice e sincero,
    importantissimo per i tempi che corrono, in cui le persone danno il
    peggio di sè ed anno perso il contatto con lo splendore dell'esistenza.


    Diciamo che è retorica new age con frasi fatte da baci perugina, che può impressionare solo quelli che vedono alto ascetismo nel corso di yoga che fanno nella palestra sotto casa, che mangiano esclusivamente cibi biologici e ascoltano solo Enya o compilation alla Pure Moods.
    Un esempio per tutti di frase che mi ha fatto accaponare la pelle:
    "Ama tutto ciò che ti circonda, perché se non ami il tempo scorrerà in fretta"


    Il paragone che Malick fa tra l'Universo e il Microcosmo della famiglia di Brad Pitt è AZZARDATISSIMO, anzi diciamo proprio che non sta nè in cielo nè in terra. La trama è inesistente, completamente, e mi verrebbe di prendere a testate chi ha osato paragonare questa ciofeca a 2001, con cui ha in comune solo alcune idee visive nella parte della creazione dell'universo (mi aspettavo di vedere il monolito galleggiante nella ripresa di Giove)
    L'unica cosa che ho apprezzato è stata la scena in cui
    Il figlio vuole uccidere Brad Pitt schiacciandolo con l'auto

    purtroppo rovinata dal paragone forzato con la scena del
    raptor che risparmia il dinosauro erbivoro (quale realismo! È proprio così che sarebbe andata in realtà!)


    Insomma che dire, un fallimento su tutti i fronti. La fotografia però è bella. Sarebbe un perfetto screensaver, ma come film...

    • Il tuo cinismo è davvero qualcosa di detestabile.

    Lo prendo come un compimento, grazie :|3
    The last Metroid is in captivity... the galaxy is at peace...
  11.     Mi trovi su: Homepage #6019617
    KiavikoneLo prendo come un compimento, grazie :|3

    hai ragione: paragonare l'universo alla famiglia è azzardatissimo. infatti NON è quello che il regista intendeva fare, a mio modestissimo parere.
    lui voleva fare un parallelo tra il Dio-padre, creatore dell'universo e dell'uomo, al rapporto tra genitore e figlio. da lì il film si dipana. ma non voleva certo fare superquark.. lui ha parlato di dio, di uomo e dei relativi rapporti complicati e spesso incomprensibili. forse ho avuto la fortuna di leggere il film così fin dall'inizio e guardarlo in questa chiave mi ha permesso di apprezzarlo senza soccombere ad una apparente insensatezza degli accostamenti. invece quasi tutto aveva un senso nelle immagini. senza però diventare didascalico e conclusivo.
    francamente, credo che dare un giudizio "da bacio perugina" sia una semplice spacconata. malik ha fatto un film complicato e per nulla ruffiano, non capisco proprio come si possa inquadrarlo quasi come un film di natale (da bacio perugina e volemose bene, appunto).
    foto dal carnevale di Foiano 2007
  12.     Mi trovi su: Homepage #6019738
    !KaBoOM!malik ha fatto un film complicato e per nulla ruffiano, non capisco proprio come si possa inquadrarlo quasi come un film di natale (da bacio perugina e volemose bene, appunto).

    In tutta onestà, a me è sembrato proprio l'opposto di un film "complicato".
    Ho capito perfettamente qual'era il suo intento, e continua a sembrarmi un film vuoto.
    Le varie scene-accostamenti mi sono sembrate quanto di più scontato possibile.

    I genitori ripensano alla sua nascita->un presunto Dio crea la vita.
    Il bambino cresce e il padre lo fa camminare->la vita inizia ad evolversi
    Il figlio si vuole ribellare contro il padre e medita di ucciderlo->la scena con il dinosauro che schiaccia la testa all'altro dinosauro

    E così via.
    Certo, può darsi che io stia mancando il punto, ma onestamente non mi sento proprio di pensare di non aver capito il film. Il messaggio avrebbe potuto anche essere decente, se davvero ce ne avesse messo uno, ma la realizzazione è quantomeno discutibile.
    Il ritmo è continuamente, *continuamente* spezzato da intermezzi che invece di tenere vivo l'interesse lo fanno scendere pesantemente perché le similitudini, come tutte le forme retoriche, per funzionare devono essere immediate, non introdurre troppi dettagli e fare "colpo". Qui invece l'azione è lentissima e tutto è descritto / inquadrato nel minimo dettaglio.
    Come ho detto sopra, ho trovato la fotografia ottima e Brad Pitt in gran forma, ma alla fine nel film non c'è nulla, se non una cosa tipo "Dio è nostro padre e a modo suo ci vuole bene, vogliamoci bene anche noi perchè la vita è breve".

    Riassumendo: non lo considero "un film di Natale", perché è evidente che lo scopo non è quello commerciale, ma secondo me il film non solo non è "complicato", è proprio banale, lento e non sa esattamente dove vuole andare a parare.

    G.

    P.S.: Una nota. Mai una volta viene messa in discussione l'esistenza di Dio. Il suo comportamento, il suo voler bene alle sue creature o la sua saggezza sì, ma mai la sua esistenza. Anche nelle varie scene con i pianeti e la creazione della vita, non si vede mai qualcosa che faccia pensare "Ah sì, quella dev'essere la rappresentazione di Dio". Perché evidentemente la sua esistenza è talmente scontata da non aver bisogno di alcun tipo di manifestazione. Secondo me già questo dice qualcosa sia sul film che sul regista.
    "Wrong" is one of those concepts that depends on witnesses.
  13. bulletstorm  
        Mi trovi su: Homepage #6031561
    KiavikoneLo prendo come un compimento, grazie :|3
    @Kiavikone, non rispondo a tutto il tuo post, non avrebbe senso, non sei in grado di esprimere un giudizio sul film di Terrence Malick. Posso dirti però che ho tutto il diritto di dire che hai scritto stupidaggini, non intendendo dare a te dello stupido...intendevo soltanto giudicare le tue esternazioni sul film in oggetto. Se non posso dire che un commento è stupido, di cosa possa dirlo? Di nulla praticamente. Ma sostanzialmente sappiamo che non è così. Potrei dire che hai completamente sovra-interpretato il film, per un tuo desiderio di appagamento intellettuale che non ha ritrovato riscontro, che non hai la sensibilità adatta per recepire un messaggio che è semplice come una preghiera di un bambino, che probabilmente pensavi di trovare il Mistero ed invece hai trovato un messaggio splendido nella sua semplciità, e che tale semplicità è per te stereotipo che fa accapponare la pelle (quella frase poi? Ma sei serio? E' una frase che potrebbe dirti chiunque e sarebbe sempre vera...qui poi è sussurrata, non ci sono climax, non ci sono escalation).
    E per concludere, non ascolto Enya, non faccio Yoga, gioco a Splatterhouse, e non compro i cibi biologici (quelli del contadino però sì, che sono ben altra cosa)...altra parte del tuo post piena di stupidate.
    Divertiti!

  THE TREE OF LIFE

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina