1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #6079150
    Cosi diceva un vecchio detto. Lo si può riproporre ai giorni nostri per quanto riguarda la situazione economica mondiale.
    Abbiamo uno stato fallito (la Grecia), uno quasi (il Portogallo) e due che ci sono molto vicino (Spagna e Italia).
    Questi problemi hanno portato qualche difficoltà nella zona Euro e, nonostante il valore della moneta unica non sia calato di molto rispetto alle altre monete forti mondiali, il timore della rottura di tutto il sistema di Comunità Europea è abbastanza forte.
    Dall'altra parte dell'oceano, nella terra dei sogni, delle opportunità, dei sub-primes che hanno condannato milioni di persone a lasciare la propria casa perchè non avevano più la possibilità di pagarla, è successa la stessa cosa.
    Il Minnesota (32 stato degli USA) è ufficialmente fallito. I dipendenti pubblici, i lavori pubblici, le biblioteche, i parchi etc. sono chiusi....chiusi perche l'amministrazione non ha più i fondi. Di chi è la colpa? MAH! In un certo senso facile a dirlo, ma difficile al tempo stesso.
    Il gruppo al governo fino a poco tempo fa (inizio 2011) erano i repubblicani e sono rimasti in carica per circa 20 anni (salirono al potere negli anni '90) e da allora la loro politca economica interna fu molto particolare: tagli sempre più importanti alle politiche del Welfare, a quasi nessun taglio per quanto riguarda i patrimoni. Questo modo di fare ha svuotato le casse dello stato che il 13 Luglio ha dovuto dichiarare il fallimento. Il nuovo governatore dello stato (un democratico) ha cercato di far passare al Parlamento delle riforme che impedissero il fallimento....ma purtroppo non aveva la maggioranza assoluta e quindi doveva scendere a patti coi repubblicani. Sfortunatamente questi hanno bloccato qualsiasi legge atta a sanare le casse dello stato imponendo tagli ai beni.
    Ora il gruppo che ha portato alla rovina migliaia di persone in Minnesota sta lavorando a come andare alla casa bianca nel 2012.

    Una cosa simpatica da far notare è che quando sali al potere il sig. "La mia capretta" il debito complessivo degli USA era di circa 5700 miliardi di dollari...dopo 8 anni il deficit era salito a circa 10000 miliardi.
    Con un debito di queste proporzioni non mi sorprende che l'amministrazione Obama fatica a risanare le casse, ma mi fa strano anche che non abbia cercato di far qualcosa per impedire questo avvenimento nel suo territorio.
  2. tira una brutta aria...  
        Mi trovi su: Homepage #6079251
    Scusa,ma Clinton è stato presidente per 8 anni,dal 93 al 2001,e tutto mi pareva tranne che un repubblicano...
    nella vita fai quel che pensi
    perchè altrimenti potresti trovarti a pensare a quel che fai
    R.I.P. man on the silver mountain
  3.     Mi trovi su: Homepage #6079273
    Infatti ce l'aveva con Bush... in ogni caso l'amministrazione Clinton fu un'ottima amministrazione, Bush ha buttato migliaia di miliardi di dollari in guerre e in tagli alle tasse esclusivamente alle fasce alte perchè pressato dalle lobby.
    Sapete qual è la differenza: in USA c'è una buona fetta delle popolazione alla quale dello stato non gliene frega un cazzo, anzi sarebbe ben contenta se non ci fosse.
  4. tira una brutta aria...  
        Mi trovi su: Homepage #6079277
    James Mc CloudInfatti ce l'aveva con Bush... in ogni caso l'amministrazione Clinton fu un'ottima amministrazione, Bush ha buttato migliaia di miliardi di dollari in guerre e in tagli alle tasse esclusivamente alle fasce alte perchè pressato dalle lobby.
    Sapete qual è la differenza: in USA c'è una buona fetta delle popolazione alla quale dello stato non gliene frega un cazzo, anzi sarebbe ben contenta se non ci fosse.

    ce l'aveva con Bush,ma ha scritto che Obama viene dopo 20 anni di amministrazione repubblicana che era iniziata negli anni 90....
    nella vita fai quel che pensi
    perchè altrimenti potresti trovarti a pensare a quel che fai
    R.I.P. man on the silver mountain
  5. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #6079422
    Gli USA imploderanno per la massiccia immigrazione (non qualificata e figlia dell'assistenzialismo) dal Sud del mondo (Messico e Paesi limitrofi), per lo squilibrio demografico tra discendenti europei e altre etnie e per la totale distruzione del comparto industriale.
    In molte aree si parla praticamente solo lo spagnolo ed il fenomeno è in aumento.
    La criminalità è in crescita: sempre più bande di 25/30 persone organizzate svuotano negozi e fuggono indisturbati, senza che la polizia possa fare nulla.
    Un amico è stato 5 mesi a Miami quest'anno, il tasso di criminalità è assurdo, interi quartieri sono in mano a haitiani, portoricani, esattamente come in GTA.
    Come se non bastasse, l'influenza che gli USA hanno sul Mondo è sensibilmente calata rispetto agli anni 80 e 90.
    E' un impero ferito e secondo me nel giro di 15-20 anni si potrebbe trasformare in un'immensa bidonville sudamericana o indiana.
  6. LoTopic Caesar - Bye Bye Next  
        Mi trovi su: Homepage #6079428
    arcturus85Gli USA imploderanno per la massiccia immigrazione (non qualificata e figlia dell'assistenzialismo) dal Sud del mondo (Messico e Paesi limitrofi), per lo squilibrio demografico tra discendenti europei e altre etnie e per la totale distruzione del comparto industriale.
    In molte aree si parla praticamente solo lo spagnolo ed il fenomeno è in aumento.
    La criminalità è in crescita: sempre più bande di 25/30 persone organizzate svuotano negozi e fuggono indisturbati, senza che la polizia possa fare nulla.
    Un amico è stato 5 mesi a Miami quest'anno, il tasso di criminalità è assurdo, interi quartieri sono in mano a haitiani, portoricani, esattamente come in GTA.
    Come se non bastasse, l'influenza che gli USA hanno sul Mondo è sensibilmente calata rispetto agli anni 80 e 90.
    E' un impero ferito e secondo me nel giro di 15-20 anni si potrebbe trasformare in un'immensa bidonville sudamericana o indiana.
    :sbam:

    Sei sempre il migliore. :asd:
    Lo Topic ovvero "qui mi da proprio l'idea di essere seduto davanti a uno spritz a fare quattro chiacchere" [cit. DocGeo]
    Storia delLo Topic Parte I - Storia delLo Topic Parte II - Statuto LoTopichino - La Grande Disfatta, per non dimenticare
    - Pilota SDR
  7. LoTopic Caesar - Bye Bye Next  
        Mi trovi su: Homepage #6079444
    arcturus85Sono sempre ottimista! :rotfl:
    Io non so quanto ci sia di fondato nelle tue elucubrazioni geo-politiche, ma mi sembrano spesso plausibili o quantomeno interessanti (o divertenti :'D) :asd:
    Lo Topic ovvero "qui mi da proprio l'idea di essere seduto davanti a uno spritz a fare quattro chiacchere" [cit. DocGeo]
    Storia delLo Topic Parte I - Storia delLo Topic Parte II - Statuto LoTopichino - La Grande Disfatta, per non dimenticare
    - Pilota SDR
  8.     Mi trovi su: Homepage #6079482
    Secondo me c'è una ragione se tra una guerra e un'altra non sono mai passati più di 20-30 anni. Guardacaso i paesi democratici occidentali che rischiano il fault sono anche quelli che sono da più anni senza una guerra interna che gli toglie in un colpo bocche da sfamare e genera posti di lavoro e nuovi appalti (tra il tenere in moto la macchina bellica e successivamente per la ricostruzione). I cinesi hanno "risolto" vietando di fare più di un figlio.
    Lo so che è brutto quello che ho detto, ma provate ad elencare fatti tangibili che mi danno torto. La coperta è corta: i paesi industrializzati occidentali vogliono ricchezza e libertà, due concetti poco conciliabili tra di loro (si è cmq schiavi del denaro e del sistema), soprattutto se non ti poni delle limitazioni; noi spendiamo e basta, investiamo in... niente. Non è che uno non debba fare figli o debba fare per forza una guerra, il discorso è che non sappiamo regolarci semplicemente perchè abbiamo il concetto che un certo tipo di regola limiti la libertà e quindi la democrazìa.
  9. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #6079492
    Piuttosto che attestare il fallimento di questo modello economico si arriva a considerare la ciclicità della guerra come panacea dei nostri mali.
    A me sembra un' aberrazione non perchè sia un concetto eticamente brutto da esprimere... ma perchè completamente decontestualizzato storiograficamente.
  10. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #6079586
    |King Crimson|Io non so quanto ci sia di fondato nelle tue elucubrazioni geo-politiche, ma mi sembrano spesso plausibili o quantomeno interessanti (o divertenti :'D) :asd:

    Secondo me, se dovessero davvero collassare gli USA, tutto il sistema economico collasserà.
    Per il semplice fatto che USA e Cina si sostengono a vicenda per la questione del debito, e se cade uno è difficile che l'altro rimanga in piedi o non subisca gravi conseguenze.
    In questo caso, prima che si stabilisca un nuovo equilibrio sistemico, passeranno anni "bui", come quando crollò l'Impero Romano.
    Alcuni dicono che potrebbe essere l'occasione per l'Africa e il suo popolo di mostrarci un nuovo modello di vita: questa però imho è una visione bucolica, perché non tiene conto dei tagliagole "Allau akbar" che aumentano giorno dopo giorno la loro influenza in varie parti del Mondo tramite modelli sociali autoritari.
    Quindi niente fratelli del Mondo, ma solo atrocità per un nuovo equilibrio futuro.
    Mi spiace King, non ci rimane che sperare negli alieni buoni ed ecologisti.
  11.     Mi trovi su: Homepage #6079603
    PiccoloPiuttosto che attestare il fallimento di questo modello economico si arriva a considerare la ciclicità della guerra come panacea dei nostri mali.
    A me sembra un' aberrazione non perchè sia un concetto eticamente brutto da esprimere... ma perchè completamente decontestualizzato storiograficamente.
    La medicina, la prendi perchè ti ammali e ti ammali perchè non ti sei preoccupato PRIMA di evitare di ammalarti, ovvero non ti sei coperto bene, non ti sei vaccinato, etc... La guerra arrivi a farla quando non ci sono più risorse (nel nostro caso economiche) non come panacea ma per necessità, nel senso che non hai più da mangiare e se tu piuttosto che rubare muori di fame non tutti la penseranno come te e c'è chi inizierà a lottare per tenere le proprie risorse. Le guerre civili nascono così, sui pianerottoli. la guerra è il metodo naturale che ogni essere vivente attua per assicurarsi delle risorse, nessuno escluso. L'ideologìa di pensare di essere superiori in tal senso è tipicamente umana: per eliminare le guerre dovresti eliminare le risorse e ancor prima le semplici dispute e discussioni.
    E' decontestualizzato storiograficamente dici? Approfondiscine le ragioni portando fatti a supporto. Tengo a ricordarti che le rinascite economiche dell'europa si sono sempre verificate nei dopoguerra; guerre scoppiate, guardacaso, al culmine di periodi di recessione.
  12.     Mi trovi su: Homepage #6079637
    arcturus85Gli USA imploderanno per la massiccia immigrazione (non qualificata e figlia dell'assistenzialismo) dal Sud del mondo (Messico e Paesi limitrofi), per lo squilibrio demografico tra discendenti europei e altre etnie e per la totale distruzione del comparto industriale.
    In molte aree si parla praticamente solo lo spagnolo ed il fenomeno è in aumento.
    La criminalità è in crescita: sempre più bande di 25/30 persone organizzate svuotano negozi e fuggono indisturbati, senza che la polizia possa fare nulla.
    Un amico è stato 5 mesi a Miami quest'anno, il tasso di criminalità è assurdo, interi quartieri sono in mano a haitiani, portoricani, esattamente come in GTA.
    Come se non bastasse, l'influenza che gli USA hanno sul Mondo è sensibilmente calata rispetto agli anni 80 e 90.
    E' un impero ferito e secondo me nel giro di 15-20 anni si potrebbe trasformare in un'immensa bidonville sudamericana o indiana.

    Un impero ferito con tante testate atomiche da poter spostare l'orbita della Terra sulla fascia di Kuiper.
    Un impero ferito con ancora la più alta (leggi: hyper mega mostruosamente più alta) spesa militare.

    Come tutti gli imperi feriti si darà selvaggiamente alla guerra. E saranno "pennuti per diabetici" per tutti.
    Due Minuti D'Odio per Bin Laden

  Se Sparta piange, Atene non ride

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina