1.     Mi trovi su: #6096819
    soprendente che nessuno commenti
    personalmente questa scelta richiede una "sconfessione" del mio credo anti DRM
    per Ubisoft ho inneggiato al bicottaggio, ma dannazione... non posso mica boicottarmi DIABLO3

    probabilmente è il prezzo da pagare per avere online ed offline interconnessi...
  2. Acciderbolina!  
        Mi trovi su: Homepage #6096971
    Bè ovviamente quando prendono queste decisioni pensano a stati sicuramente più avanzati dell'Italia, dove la 56k è tutt'altro che dismessa.
    In ogni caso già con Starcraft II era necessario essere connessi a Battle.net per poter usufruire di tutti i contenuti.
  3.     Mi trovi su: Homepage #6096988
    Sarà che ne vengo da 6 anni di MMORPG (e lì o sei perma-connesso o tanti saluti) ma la cosa non mi fa nè caldo nè freddo.

    E' una scelta come un'altra. Trovo solo, non me ne voglia Tifa, che continuare nel 2011 a lamentarsi della cosa con la solita tiritera "eeeeeeeehhhhhh maaaaaaaaaa se mi cade la lineaaaaaaaaaa come facciooooooooo" mi sembra quantomeno anacronistico.

    Poteva essere un problema ai tempi di Half Life 2, ma oggi chi gioca su PC non può non avere una flat più o meno stabile.

    Cla.
    In hoc signo perdes
    La mia collezione di DVD (da aggiornare -.-)
    "È così che muore la libertà: sotto scroscianti applausi."
  4.     Mi trovi su: Homepage #6097674
    Il punto non è "se cade la linea che faccio", il punto è che se compro un mmo è perché voglio giocare online, ma se compro un altro genere di titolo è perchè vorrei anche poter non andarci. D3 è il classico titolo che giocherei anche in quelle situazioni in cui non ho una connessione... così facendo invece mi impongono un limite non giustificato dal genere.
  5.     Mi trovi su: Homepage #6097733
    Tifa LockheartIl punto non è "se cade la linea che faccio", il punto è che se compro un mmo è perché voglio giocare online, ma se compro un altro genere di titolo è perchè vorrei anche poter non andarci. D3 è il classico titolo che giocherei anche in quelle situazioni in cui non ho una connessione... così facendo invece mi impongono un limite non giustificato dal genere.

    Tipo col laptop nella Metro? No, perchè non vedo molti altri utilizzi (a meno che uno non sia così bruciato da portarsi il laptop in vacanza per giocare).

    Che vuoi che ti dica, si saranno fatti i loro calcoli. Per me è un falso problema, capisco che lo possa essere per chi abita nel paesino sperduto di montagna e per chi vuol giocarselo sul laptop in treno, ma la vita va avanti lo stesso. E' il prezzo da pagare per non avere cheating ed exploiting.

    Cla.
    In hoc signo perdes
    La mia collezione di DVD (da aggiornare -.-)
    "È così che muore la libertà: sotto scroscianti applausi."
  6. grazie a voi!  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6097820
    Devo ammettere di aver sempre trovato aberrante l'idiosincrasia tra offline ed online in Diablo 2.

    Solo in un mondo perfetto sarebbe possibile passare senza soluzione di continuità da una modalità all'altra, e purtroppo questo è il prezzo da pagare affinché un concept straordinario come quello di Diablo (sovrapposizione indistinguibile tra on e off) possa vedere concretamente la luce. In passato la scelta fu obbligata in un senso, ora invece è molto più naturale l'opzione opposta, sebbene si tratti ancora una volta (come nel caso dell'AH $) di una decisione dolorosa.

    Volendo fare filosofia da quattro soldi, Diablo 3 rappresenta uno specchio in cui l'animo umano si può ammirare mestamente in tutta la sua grettitudine : |.
    .....f|0w
    -----------.
    Steam ID|B.net

  Notizia Diablo III: Connessione perenne per Diablo III

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina