1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155893
    E anche questo week-end si ritorna in pista, per un nuovo appuntamento del Motomondiale classi 125, Moto2 e MotoGp
    Questo fine settimana seguiremo il Gp di Aragona
    Presentazione a cura di: http://www.pianetariders.it
    Ancora la Spagna protagonista del Motomondiale 2011. Se nel terzo appuntamento iberico della stagione sono i piloti di casa, Lorenzo e Pedrosa, i protagonisti attesi dagli appassionati che raggiungeranno il circuito per tifare i propri beniamini, è la sfida tra la Yamaha M1 di Jorge e la Honda RC212V di Casey Stoner a tenere tutti col fiato sospeso.
    E se da un lato il fattore “campo” potrebbe favorire il Campione del Mondo in Carica, forte anche dell’ultimo successo di Misano, dall’altro l’australiano è un osso duro, determinatissimo a non farsi soffiare via il mondiale.

    Il GP di Aragon, quindi, sarà una pratica riservata esclusivamente a Lorenzo, Stoner e Pedrosa?
    Probabilmente sì, ma le gare sono sempre imprevedibili, quindi spazio aperto per possibili acuti provenienti dal gruppetto degli inseguitori. Simoncelli, Spies e Dovizioso, col capelluto della Honda Gresini in prima linea, potrebbero approfittare di una possibile bagarre ai vertici per rimanere in agguato e tentare il colpo gobbo al primo errore degli avversari. Di sicuro, tra di loro, se le daranno di santa ragione, senza escludere la possibilità di veder risalire un agguerrito Valentino Rossi, proprio come capitato durante l’ultimo GP di Imola.

    Adesso proviamo a rendere un po’ meno oscuri i passaggi del nuovissimo circuito di Aragon col bellissimo video on board qui in basso (realizzato da GPone) con commento in italiano, curva dopo curva. Schiacciate play, e buona visione.


    ORARI TV:
    Venerdi 16-09-2011:
    **ore 9.15-9.55, Prove libere 1, 125
    **ore 10.10-10.55, Prove libere 1, Moto GP
    **ore 11.10-11.55, Prove libere 1, Moto 2
    **ore 13.15-13.55, Prove libere 2, 125
    **ore 14.10-14.55, Prove libere 2, Moto GP
    **ore 15.10-15.55, Prove libere 2, Moto 2

    Sabato 17-09-2011:
    ore 2.00, Prove libere, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), sintesi
    **ore 9.15-9.55, Prove libere 3, 125
    **ore 10.10-10.55, Prove libere 3, Moto GP
    **ore 11.10-11.55, Prove libere 3, Moto 2
    **ore 13.00-13.40, Qualifiche, 125
    **ore 13.55-14.55, Qualifiche, Moto GP, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), diretta
    ore 15.00, Qualifiche, 125, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), sintesi
    **ore 15.10-15.55, Qualifiche, Moto 2, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), diretta

    Domenica 18-09-2011:
    **ore 8.40-9.00, Warm Up, 125
    **ore 9.10-9.30, Warm Up, Moto 2
    **ore 9.40-10.00, Warm Up, Moto GP
    **ore 11.00, Gara, 125, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), diretta
    **ore 12.15, Gara, Moto 2, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), diretta
    **ore 14.00, Gara, Moto GP, Italia 1 (Tivù Sat e DTT, criptato su SKY), diretta
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155895
    Classe 125 -- Terol guida la classe 125 verso MotorLand
    Il Gran Premio de Aragón accoglie la classe cadetta per il 13º appuntamento della stagione 2011, con Nico Terol ancora saldo al comando con un vantaggio di 31 punti.

    Grazie alle vittorie ottenute nelle ultime due gare, Nico Terol (Bankia Aspar) è riuscito ad allungare il proprio vantaggio in testa alla classifica a 31 punti, e con l'appuntamento del fine settimana proverà ad estendere ulteriormente il gap.

    Per Terol il trionfo di Misano è arrivato quando ormai sembrava certa la prima vittoria del francese Johann Zarco (Avant-AirAsia-Ajo), ma lo spagnolo è stato abile a far suo il gradino più lto del podio grazie alla zampata finale sulla linea del traguardo. Per Terol vittoria numero sette in questo 2011 e quinto secondo posto per il rivale.

    Quando mancano ormai solo cinque gare alla conclusione, il francese è ben consapevole dell'importanza del risultato del GP di questo weekend.

    Un solo punto separa Maverick Vinales (Blusens by Paris Hilton Racing) da Sandro Cortese (Intact Racing Team Germany) rispettivamente al terzo e quarto posto. Stessa situazione tra Jonas Folger (Red Bull Ajo Motorsport) e Hector Faubel, in quinta e sesta piazza.

    I piloti spagnoli Efren Vazquez (Avant-AirAsia-Ajo), Sergio Gadea (Blusens by Paris Hilton Racing) e Luis Salom (RW Racing) scenderanno tutti in pista per far registrare risultati importanti davanti al proprio pubblico, e con loro anche il rookie inglese Danny Kent (Red Bull Ajo Motorsport), attualmente 10º nella classifica generale.

    Tre wild card si uniranno alla classe cadetta per gli impegni del fine settimana: gli spagnoli Josep Rodrigues (Wild Wolf – RACC) e Pedro Rodriguez (Turismo de Aragón – DVJ), con il tedesco Kevin Hanus (Team Hanusch).


    Fonte: http://www.motogp.com
  3. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155896
    Classe Moto2 -- Tutto ancora da decidere in Moto2
    La classe intermedia si prepara ad affrontare il Gran Premio de Aragón, 13º appuntamento della stagione, con il leader della classifica generale Stefan Bradl e il rivale Marc Márquez protagonisti di una battaglia serrata al vertice.

    Con il divario tra il leader del Campionato Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing) e l'attuale Campione del Mondo 125 Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) sempre più ristretto, la classe Moto2 non smette di offrire uno spettacolo emozionante e ricco d'azione. Con la vittoria di Misano, Marquez ha riaperto di fatto il Campionato riducendo il distacco da Bradl a soli 23 punti. Tutto verrà quindi deciso in questi ultimi 5 appuntamenti della stagione 2011.

    Bradl, la cui ultima vittoria risale al round numero 6 di Silverstone, ha mantenuto comunque il proprio vantaggio grazie all'impressionante ritmo di podi conquistati, ma dal canto suo il giovane Marquez ha dato sfoggio del suo ottimo stato di forma vincendo cinque delle ultime sei gare, venendo così proiettato nelle zone alte della classifica generale. Il pilota spagnolo spera di sfruttare in pista quanto appreso nella due giorni di test privati seguiti all'appuntamento di Misano.

    Mentre buona parte dell'attenzione è concentrata sulla sfida al vertice per la conquista del titolo, in terza posizione la situazione rimane ancora del tutto aperta con Andrea Iannone (Speed Master), Alex De Angelis (JiR Moto2), Bradley Smith (Tech 3 Racing), Simone Corsi (Ioda Racing Project) e Thomas Lüthi (Interwetten Moto2 Paddock) racchiusi in un intervallo di 16 punti.

    Iannone, vincitore della gara di Aragón dello scorso anno, sembra esser tornato in splendida forma e lo testimoniano la vittoria di Brno e il terzo posto di Misano. Come lui, anche De Angelis e Smith sono stati fra i protagonisti delle accese battaglie per la conquista del podio, e proprio con questo obiettivo scenderanno in pista nel fine settimana.

    Per Julian Simon (Mapfre Aspar) Aragón ricorda il podio conquistato nella passata stagione, e proprio con quel punto di riferimento lo spagnolo proverà a rialzare la testa dopo il grave infortunio che ha segnato la prima parte del Campionato.

    Buoni i progressi mostrati dal connazionale Esteve Rabat, rookie che quest’anno corre per il team Blusens-STX, balzato al nono posto della classifica generale. Positivi anche i risultati messi a referto dal pilota inglese Scott Redding (Marc VDS Racing), finito in top5 a Indy e Misano. Yonny Hernández (Blusens-STX) torna all'agonismo dopo aver saltato gli ultimi due appuntamenti per infortunio, mentre per Kenan Sofuoglu (Technomag-CIP) rimane ancora dubbioso il rientro dopo l'ultimo incidente che lo ha visto protagonista.

    Questo fine settimana segna anche il ritorno nel Campionato del Mondo di Elena Rosell come wild card per il team Mapfre Aspar, mentre la squadra QMMF Racing schiererà il pilota polacco Mateusz Korobacz.


    Fonte: http://www.motogp.com
  4. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155898
    Classe MotoGp -- Aragon: appuntamento chiave per la stagione 2011 MotoGP
    Il Gran Premio de Aragón, 14º appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP 2011, vedrà il ritorno della classe regina sul suolo spagnolo per l’inizio dell'intensa fase finale della stagione.

    Nel fine settimana il Campionato del Mondo MotoGP ritorna in Spagna per il 14º round di questo 2011, il Gran Premio de Aragón, penultima tappa europea prima della serie Giappone, Australia, Malesia. L'imponente struttura del circuito MotorLand di Aragón, introdotto nel calendario solo lo scorso anno ed eletto da IRTA 'Miglior GP' del 2010, vedrà di nuovo scendere in pista i campioni della massima categoria per un altro passo fondamentale nella corsa al titolo.

    Casey Stoner (Repsol Honda), dopo il terzo posto di Misano, rimane saldo al vertice della classifica generale con 35 punti di vantaggio. Lorenzo, vincitore dell'ultimo GP italiano, sarà determinato più che mai a difendere il titolo dall'attacco dell'australiano, e sfrutterà al meglio i cinque round rimasti per portare a compimento il proprio obiettivo. La gara della passata stagione ha visto Stoner conquistare il gradino più alto del podio con la sua Ducati, mentre il maiorchino ha superato la linea d'arrivo in quarta posizione.

    Andrea Dovizioso (Repsol Honda) occupa la terza piazza della classifica generale, con quasi 40 punti di differenza dal 2º Lorenzo e dal 4º Pedrosa. L'italiano ha chiuso 5º nelle ultime due gare e non vede l'ora di tornare ad occupare uno dei gradini del podio, con il compagno di squadra Pedrosa desideroso di proseguire la direzione intrapresa con quattro top3 negli ultimi 5 round - l'ultimo podio di Misano era il numero 95 per lo spagnolo.

    Solo due punti separano Ben Spies (Yamaha Factory Racing) e Valentino Rossi (Ducati Team) rispettivamente in quinta e sesta posizione. L'americano si presenta ad Aragón con l'obiettivo di aggiungere ulteriori importanti risultati ai 3 podi finora conquistati, mentre l'italiano giunge in Spagna dopo il 7º piazzamento ottenuto nel GP casalingo, al quale sono seguiti dei test privati Ducati mirati a proseguire lo sviluppo del prototipo Desmosedici per il prossimo anno.

    Nicky Hayden, compagno di squadra di Rossi, cercherà di cancellare le deludenti conclusioni delle ultime due gare provando a ripetere il podio ottenuto lo scorso anno ad Aragón, mentre Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) scenderà in pista per lottare ancora una volta per i posti che contano. Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3) prenderà posto sulla griglia per la sua partenza numero 150, diventando così l'ottavo pilota della storia capace di raggiungere questo traguardo.

    Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini), Héctor Barberá (Mapfre Aspar) e Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) sono tutti pronti a far registrare ulteriori progressi in questa seconda stagione nella massima categoria, mentre gli esordienti Karel Abraham (Cardion AB Motoracing) e Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3) gireranno per la prima volta sul tracciato spagnolo in sella ad un prototipo MotoGP. Per il pilota di casa Toni Elias (LCR Honda), Randy De Puniet (Pramac Racing) e Loris Capirossi (Pramac Racing) ci sarà ulteriore occasione di crescere e far segnare importanti risultati.

    Questo, per il francese De Puniet, sarà un fine settimana speciale perché rappresenterà la partenza numero 100, grazie alla quale diventerà il primo pilota francese della storia capace di raggiungere tale obiettivo.


    Fonte: http://www.motogp.com
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155902
    Classe MotoGp -- I numeri del Gran Premio de Aragón
    I fatti e le statistiche più interessanti in vista del Gran Premio de Aragón.

    259 – Dopo 13 gare Casey Stoner comanda la classifica generale con un totale di 259 punti, dieci in più di quelli fatti segnare da Dani Pedrosa nel 2008, ovvero il precedente record di punti collezionati da un pilota Honda durante l'era 800 della MotoGP.

    117 – Colin Edwards e Valentino Rossi hanno entrambi totalizzato 117 partenze nella classe regina in sella a prototipi Yamaha. L'unico pilota capace di fare meglio, sempre nella massima categoria e sempre con una Yamaha, è stato Norick Abe con 143 partenze (107 in 500, 36 in MotoGP).

    100 – Al Gran Premio de Aragón, Randy De Puniet realizzerà la sua partenza numero 100 in MotoGP diventando così il primo pilota francese della storia capace di raggiungere tale traguardo. De Puniet debuttò nella classe regina nel round d'apertura della stagione 2006 tenutosi a Jerez.

    95 – La Spagna è il paese che ha ospitato il maggior numero di GP: quello di questo fine settimana sarà il numero 95. Fra gli altri anche quelli di Catalogna, Spagna, Aragón, Valencia, Madrid, Europa, FIM e Portogallo.

    61.5% – Marc Marquez ha vinto 16 delle ultime 26 gare disputate con le categorie 125 e Moto2: la prima risale al GP 125 italiano dello scorso anno, quando conquistò la sua prima vittoria in assoluto. La percentuale di successo del pilota spagnolo lungo queste 26 prove mondiali è pari a 61.5%.

    50 anni fa – Nel giorno delle qualifiche del GP di Aragón saranno trascorsi esattamente 50 anni dal Gran Premio svedese del 1961 in cui Mike Hailwood vinse la gara 250 in sella ad una Honda diventando così il primo pilota capace di conquistare il primo posto con un prototipo prodotto in Giappone.

    38 – La vittoria di Jorge Lorenzo conquistata a Misano è stata la numero 38 della sua intera carriera. Questo risultato pone il maiorchino all'11º posto nella classifica delle vincite di tutti i tempi al pari di John Surtees, vincitore del titolo 500 in quattro occasioni e del titolo 350 in tre.

    18 – Harry Stafford compirà 18 anni il giorno prima dell'inizio delle sessioni di prove libere del GP di Aragón.

    24 – Dal GP di Germania dello scorso anno, Valentino Rossi è andato ai punti in tutte le 24 gare disputate dopo il suo ritorno dall'infortunio alla gamba avvenuto nell'appuntamento italiano del Campionato.

    17 – La vittoria conquistata da Lorenzo a Misano era la numero 17 della sua avventura nella classe regina: solo una meno rispetto a quanto fatto nel 1987 dal Campione del Mondo 500 Wayne Gardner.

    8 – La pole position ottenuta a Misano da Stoner era la numero 8 della stagione in corso. Solo in altri due casi ci sono state più pole in una singola stagione durante l'era quattro tempi MotoGP: Valentino Rossi nel 2003 e Casey Stoner nel 2008, entrambi con 9 pole.

    6 – Sei differenti circuiti sono stati utilizzati per ospitare Gran Premi in Spagna: oltre ad Aragón, Jerez (con 25 GP disputati), Catalogna (20), Jarama (19), Montjuich (17) e il circuito Ricardo Tormo di Valencia (12).

    6 – La prima vittoria del 2011 conquistata nel GP di Francia da Marc Marquez lo ha reso il pilota più giovane in assoluto capace di salire sul gradino più alto di un GP della classe intermedia. Nel giorno del suo sesto trionfo stagionale, ottenuto sul circuito di San Marino, Marc Marquez aveva 18 anni e 199 giorni: tre giorni più giovane di quel Dani Pedrosa che nella classe intermedia vinse il GP del Sud Africa nel 2004.

    3 – Il GP di San Marino e della Riviera di Rimini è stato il terzo Gran Premio italiano consecutivo a regalare la vittoria a tre piloti di origine spagnola: Misano 2011 (Lorenzo, Marquez, Terol), Mugello 2011 (Lorenzo, Marquez, Terol) e Misano 2010 (Pedrosa, Elias, Marquez).



    Fonte: http://www.motogp.com/
  6. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155905
    Motomondiale - Calendario 2012, al Mugello in luglio
    Il Mondiale inizierà il 15 aprile in Qatar, chiusura l'11 novembre a Valencia. Lieve slittamento per il GP d'Italia. Confermato Motegi.

    La Federazione Internazionale di Motociclismo ha reso noto il calendario provvisorio per la prossima stagione di MotoGP.

    Il prossimo Mondiale inizierà il 12 aprile in Qatar, ovviamente in notturna. Ma non mancano le novità. Il GP d’Italia si correrà il 15 luglio al Mugello, quindi non più a giugno.

    Il GP di San Marino, invece, sarà a Misano il 16 settembre. La chiusura è fissata a Valencia per l’11 novembre.

    Questi gli appuntamenti in programma:

    15 aprile, Qatar* - Doha/Losail

    29 aprile, Spagna (STC) - Jerez de la Frontera

    6 maggio, Portogallo (STC) - Estoril

    20 maggio, Francia - Le Mans

    3 giugno, Catalogna - Catalunya

    17 giugno, Gran Bretagna - Silverstone

    30 giugno, Olanda** - Assen

    8 luglio, Germania (STC) - TBC

    15 luglio, Italia - Mugello

    29 luglio, Stati Uniti*** - Laguna Seca

    19 agosto, Indianapolis - Indianapolis

    26 agosto, Repubblica Ceca - Brno

    16 settembre, San Marino e Riviera di Rimini - Misano

    30 settembre, Aragon - Motorland

    14 ottobre, Giappone - Motegi

    21 ottobre, Malesia - Sepang

    28 ottobre, Australia - Phillip Island

    11 novembre, Valencia - Ricardo Tormo - Valencia

    * Gara in notturna

    ** Gara in programma sabato

    *** Solo categoria MotoGP

    STC (Soggetto al contratto)

    TBC (Da confermare)


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  7. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6155911
    Motomondiale - Lorenzo "Ridurremo il gap da Stoner"
    Dopo la vittoria a Misano, lo spagnolo torna in sella per l'Aragona, terzo appuntamento nel suo paese natale. "Siamo tutti convinti di riuscire a ridurre il nostro gap da Casey", ha detto il pilota convinto anche di poter rivendicare il podio mancato un anno fa

    Il Circus della MotoGP approda per la terza in Spagna, al "Motorland" di Aragon per il 14° round stagionale. Jorge Lorenzo, dopo la vittoria ottenuta la scorsa settimana a Misano Adriatico, ritorna in sella alla sua Yamaha YZR-M1 con rinnovata fiducia e grandi motivazioni, con il titolo iridato ancora tutto da giocare quando mancano 5 tappe al termine della stagione e con un gap di 35 punti dall'attuale leader Casey Stoner.

    Per Lorenzo c'è anche da rivendicare il podio mancato proprio ad Alcaniz nel 2010, dopo la partenza dalla seconda posizione in griglia e una lunga battaglia con Hayden fino alla bandiera a scacchi. "Sono molto felice di tornare di nuovo davanti al mio pubblico di casa e, per la seconda volta, sul circuito spagnolo di Aragon. Non vedo l'ora di ritrovare tutti i miei tifosi ad assistermi e soprattutto il mio Fan Club che è già partito per raggiungermi" dice il mallorchino.

    "Devo rivendicare quel podio che ho mancato lo scorso anno mentre correvo con il casco in memoria di Shoyà Comunque sono molto fiducioso perché a Misano ho fatto una buona gara e so di poter puntare in alto. Siamo tutti convinti di riuscire a ridurre il nostro gap da Casey".

    -------
    Motomondiale - Stoner "Dopo Misano ero distrutto"
    Il trio della Honda si avvicina al GP di Aragon con entusiamo, anche perché il leader mondiale ha ritrovato il passo giusto: "Per fortuna sono riuscito a recuperare delle energie dopo quel weekend e la mia moto va bene su questa pista"


    I piloti Repsol Honda hanno approfittato della settimana di pausa dopo la duplice trasferta di Indianapolis e Misano per riposarsi. Così Dani Pedrosa, Andrea Dovizioso e Casey Stoner approcciano la fase cruciale della stagione, determinati a centrare un bel risultato sulla pista spagnola.

    L’australiano, leader del Mondiale, cercherà di ripetere il successo dello scorso anno per aumentare il vantaggio su Jorge Lorenzo nella classifica iridata. Pedrosa, che aveva saltato la gara di casa (il GP di Catalunya) per infortunio, non vede l'ora di correre davanti al pubblico spagnolo e punta alla vittoria dopo l'ottimo secondo posto conquistato qui nel 2010. Con 5 gare ancora da disputare, il pilota spagnolo si trova quarto a 35 punti dal compagno di squadra Andrea Dovizioso, desideroso di tornare sul podio dopo due gare consecutive in cui ha chiuso quinto.

    I record stabiliti da Stoner e Pedrosa nel 2010 sono il riferimento per la pista di Aragon: Casey detiene il record della pole position con un crono di 1'48"942 Dani il giro veloce in gara con 1'49"521. "Sono contento di essermi riposato dopo la dura gara di Misano. Ero completamente sfinito. Il calendario così frenetico mi aveva lasciato senza energie, così ho approfittato di questa settimana per riposarmi e allenarmi" rivela Casey Stoner.

    "La pista di Aragon non è tra le mie preferite, ma non è male, forse potrebbe essere solo un po' più veloce. Lo scorso anno avevamo lavorato molto sulla messa a punto e alla fine la moto funzionava bene. Quest'anno arriviamo con una moto completamente diversa, così avremo molte cose da imparare nella prima sessione di libere, dalla giusta messa a punto del cambio all'assetto in generale per le caratteristiche del tracciato spagnolo. Sarà interessante correre con la RC212V, lo scorso anno Dani è andato forte, così penso che saremo competitivi anche noi e puntiamo a ottenere un buon risultato".

    "Arriviamo ad Aragon terzi in Campionato con l'intenzione di conquistare punti importanti per ridurre il distacco da Lorenzo, ma anche difendere la nostra posizione da Dani, attualmente quarto" dice Dovizioso. "Mi piace molto circuito di Aragon, è un bel tracciato, divertente da guidare. Ci sono tanti cambi di direzione e di pendenza e belle staccate in discesa. Il Motorland ha delle somiglianze con il circuito di Istanbul, un tracciato a me particolarmente caro. Non è troppo veloce, ma sono contento di tornare ad Aragon. Lo scorso anno era una pista nuova per tutti, credo che con un anno in più di esperienza potremo essere più competitivi. Lo scorso anno sono caduto all'ultimo giro mentre combattevo con Spies per la quinta posizione, quest'anno vorrei proprio fare una bella gara".

    "Ho dei buoni ricordi di Aragon, lo scorso anno siamo partiti con il passo giusto e abbiamo fatto una buona gara. Sono contento dei risultati ottenuti nelle scorse settimane e giorno dopo giorno mi sento meglio. Questa settimana mi sono riposato ed ho recuperato le energie per la nuova sfida di Aragon" dice, invece, Pedrosa.

    "Non vedo l'ora di correre davanti ai miei fans. Ad Aragon arrivano spettatori da ogni parte della Spagna e l'atmosfera è incredibile. Il tracciato è spettacolare e molto tecnico, ci sono curve lenti e veloci, alcune sono particolarmente complicate perché sono cieche, così occorre prendere dei punti di riferimento esterni alla pista. Dobbiamo trovare la giusta messa a punto per le caratteristiche di questo tracciato, sfruttando al meglio ogni sessione di prove. I dati dello scorso anno sicuramente saranno utili, ma sarà impor tante lavorare nella giusta direzione, restando concentrati. Dopo aver saltato il Gran Premio di Catalunya non vedo l'ora di correre davanti al pubblico spagnolo e spero che il pubblico di casa mi dia quella motivazione extra per fare un bella gara e un grande spettacolo per tutti".

    ------------
    Motomondiale - Rossi "Ho qualche aspettativa in più"
    Il pilota della Ducati conta molto sul prossimo GP di Aragon, dove la sua Desmosedici dovrebbe dimostrare un rendimento migliore rispetto alle ultime uscite. Anche Nicky Hayden ci spera parecchio.

    Il Gran Premio di Aragon di domenica prossima è il quattordicesimo appuntamento del calendario iridato della MotoGP e la seconda edizione del Gran Premio nella recente struttura della Spagna centrale dedicata ai motori.

    "L'anno scorso quella di Aragon è stata la gara migliore della stagione per la Ducati - afferma Valentino Rossi - quindi ci avviciniamo a questo appuntamento con un po' di aspettativa in più. Inoltre a Misano, dopo prove difficili, alla fine abbiamo individuato una buona messa a punto e, in gara, mi sono trovato abbastanza bene con la moto e sono riuscito a guidarla meglio, soprattutto nei primi giri. Quindi adesso cercheremo di sommare le due cose, la pista che sembra adatta alla Desmoesedici e un buon lavoro di messa a punto per ritrovare le stesse sensazioni anche domenica prossima".

    "Sono contento di tornare ad Aragon, una pista che mi piace - afferma il compagnio di squadra Nicky Hayden - Non la conosciamo benissimo avendoci corso solo una volta quindi ti da ancora la sensazione di 'nuovo'. L'anno scorso è stato il fine settimana migliore della stagione per la nostra squadra quindi, in teoria, dovrei trovarmi bene, sia io sia la mia moto. L'anno scorso il 'grip' era ottimo e il fondo perfetto, vedremo se sarà ancora così. Ci sono diversi dislivelli e qualche curva con belle uscite aperte, una cosa buona per noi. Dopo la caduta di Misano sono a posto al 100%, non ci sarebbero scuse su quel fronte, quindi speriamo davvero di fare bene ad Aragon".



    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  8. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6157239
    Classe 125 -- Ad Aragón parte bene Viñales
    Non perde tempo il giovane talento del team Blusens by Paris Hilton Racing che sale subito in cattedra ponendosi al comando dell’intera categoria. Alle sue spalle Nicolas Terol (Bankia Aspar) e Danny Kent (Red Bull Ajo MotorSport).

    Aragón, tredicesimo round del Campionato del Mondo 125. Un bel sole splende sul circuito MotorLand di Alcañiz offrendo così le migliori condizioni possibili per l’entrata in scena dei piloti della classe cadetta. In un crescendo di giri sempre più rapidi, Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing) conquista nella volata finale il primato nelle FP1 fermando il cronometro sul 2:00.897.

    L’attuale leader della classifica generale Nicolas Terol (Bankia Aspar) si vede sottrarre la prima piazza proprio negli ultimi secondi della sessione, scivolando a 266 millesimi dal connazionale Viñales: 2:01.163 per lui.

    Il trio di piloti in testa si chiude con l’inglese Danny Kent (Red Bull Ajo MotorSport) che percorre 15 giri del circuito di Alcañiz prima di mettere a referto un tempo di 2:01.547, a 650 millesimi dalla vetta.

    L’ordine d’arrivo prosegue poi con la coppia del team Avant-AirAsia-Ajo, con Efren Vazquez e Johann Zarco rispettivamente in quarta e quinta posizione: lo spagnolo termina con un crono di 2:01.598 (+0.701s), mentre il francese firma un 2:01.622 (+0.725s).

    Sulla sesta linea della tabella dei tempi troviamo poi un altro pilota di casa, Alberto Moncayo (Andalucia Banca Civica), autore di un 2:01.873 (+0.976s), seguito dal tedesco Sandro Cortese (Intact-Racing Team Germany), 7º con 2:02.098 (+1.201s), e dal portoghese Miguel Oliveira (Andalucia Banca Civica), 8º grazie al suo 2:02.469 (+1.572s).

    Definiscono la top ten l’altro pilota Bankia Aspar Hector Faubel, in nona posizione con un crono di 2:02.555 (+1.658s), e l’olandese Jasper Iwema (Ongetta-Abbink Metaal) che gira con un tempo di 2:02.720 (+1.823s).


  9. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6157248
    Classe MotoGp -- Pedrosa apre il weekend del MotorLand Aragón
    Lo spagnolo del team Repsol Honda chiude con il miglior crono della classe il primo turno di libere del Gran Premio de Aragón. Dietro di lui Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing) e Casey Stoner (Repsol Honda).

    Al via il 14º appuntamento della stagione 2011 MotoGP, con i piloti che scendono in pista sul tracciato di Alcañiz per la terza prova corsa in terra spagnola. Le previsioni parlano di un weekend totalmente dominato dal bel tempo, e ne è una dimostrazione lampante il cielo azzurro completamente sgombro di nubi. Si apre la prima sessione di prove libere e ci pensa subito il pilota di casa Dani Pedrosa (Repsol Honda) a far registrare il crono più rapido superando la linea del traguardo nell’ultimo giro a dispozione con un tempo di 1:50.281.

    Seconda e terza posizione per la coppia di piloti che sta animando le zone alte della classifica generale nella corsa al titolo di Campione del Mondo MotoGP 2011: il maiorchino di Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, si piazza alle spalle del connazionale con un ritardo di 449 millesimi (1:50.730 per lui), seguito un posto sotto dall’attuale leader del Campionato Casey Stoner (Repsol Honda), che firma un 1:50.806 scivolando a 525 millesimi dal compagno di squadra in testa.

    È poi la volta di due piloti italiani, Marco Simoncelli e Andrea Dovizioso: il pilota del team San Carlo Honda Gresini completa 18 giri del MotorLand Aragón e nel penultimo mette a referto un crono di 1:50.893 (+0.612s), mentre il numero 4 di Repsol Honda è il primo a superare la linea dell’1:51 chiudendo in quinta posizione a 810 millesimi dal compagno di squadra Pedrosa (1:51.091 per lui).

    Sesto piazzamento per il francese Randy De Puniet (Pramac Racing), che supera il secondo di gap dalla testa ma fa registrare un buon 1:51.376. Alle sue spalle troviamo la coppia Ducati Nicky Hayden e Valentino Rossi: l’americano, giunto 3º lo scorso anno, mette mano sul 7º posto grazie al suo 1:51.418 (+1.137s), mentre l’italiano rimane a 1.395s dal miglior tempo della sessione accontentandosi così dell’ottava posizione finale (1:51.676 il suo tempo). Rossi scende in pista con il nuovo telaio in alluminio, provato per la prima volta in occasione dei test privati Ducati svolti subito dopo Misano.

    Completano la top ten l’americano Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3), 9º con 1:51.826 (+1.545s), e il giapponese Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini), autore di un 1:51.859 (+1.578s).

    Solo 11º l’altro pilota Yamaha Factory Racing Ben Spies (1:51.911 per lui). Dietro l’americano si piazzano Hector Barberá (Mapfre Aspar), 12º con 1:52.016 (+1.735s), Álvaro Bautista (Rizla Suzuki), 13º con 1:52.224 (+1.943s), Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3), 14º con 1:52.580 (+2.299s), Karel Abraham (Cardion AB Motoracing), 15º con 1:53.158 (+2.877s), Toni Elias (LCR Honda), 16º con 1:53.440 (+3.159s), ed infine Loris Capirossi (Pramac Racing), 17º con 1:53.842 (+3.561s).


  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6157253
    Classe Moto2 -- Marquez all’attacco già dal primo turno di libere
    Lo spagnolo del team CatalunyaCaixa Repsol apre subito nel migliore dei modi il 13º round del Campionato del Mondo Moto2 2011 dominando le FP1. Inseguono Aleix Espargaró (Pons HP 40) e Andrea Iannone (Speed Master).

    In pista anche la categoria intermedia per affrontare la prima sessione di libere del Gran Premio de Aragón. L’attuale Campione del Mondo 125 Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) pazienta 16 giri prima di mettere a referto il crono più rapido dei 45 minuti a disposizione: lo spagnolo è autore di un 1:54.857 che lo proietta sulla linea più alta della tabella dei tempi.

    In top3 finisce anche il connazionale Aleix Espargaró (Pons HP 40), che si accontenta della seconda posizione per soli 23 millesimi (1:54.880 il suo crono), seguito dall’italiano Andrea Iannone: il pilota del team Speed Master, vincitore della gara Moto2 dello scorso anno, è il primo a superare la barriera dell’1:55 scivolando a 303 millesimi dalla testa (1:55.160 per lui).

    Quarta piazza per l’inglese Scott Redding (Marc VDS Racing Team), che gira in 1:55.173 (+0.316s), mentre termina 5º il sammarinese Alex De Angelis (JiR Moto2), che sale in sella alla sua MotoBI per superare il traguardo con un miglior tempo di 1:55.382 (+0.525s).

    L’ordine d’arrivo finale prevede poi in sesta posizione l’italiano Simone Corsi (Ioda Racing Project), autore di un 1:55.416 (+0.559s), l’australiano Anthony West (MZ Racing Team), 7º con 1:55.433 (+0.576s), e l’attuale leader del classifica generale Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing), 8º con un 1:55.631 (+0.774s).

    Completano il gruppo dei primi dieci l’inglese Bradley Smith (Tech 3 Racing), che firma un 1:55.656 (+0.799s), e il giapponese Yuki Takahashi (Gresini Racing Moto2), sul traguardo con un crono rapido di 1:55.658 (+0.801s). Da segnalare a circa 28 minuti dalla conclusione della sessione la caduta, senza conseguenze, dello spagnolo Pol Espargaró (HP Tuenti Speed Up) all’altezza della curva 1.

    Appena sotto la top ten gli italiani Mattia Pasini (Ioda Racing Project) e Michele Pirro (Gresini Racing Moto2), rispettivamente in 11esima e 12esima posizione. Finisce 17º Alex Baldolini (Pons HP 40) e 21º Claudio Corti (Italtrans Racing Team).


  11. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6157608
    Classe 125 -- Terol torna a comandare in 125
    L’attuale leader della classifica generale Nicolas Terol (Bankia Aspar) si impone nel secondo turno di prove libere del Gran Premio de Aragón. Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing) e Sandro Cortese (Intact-Racing Team Germany) chiudono rispettivamente con il 2º e il 3º miglior tempo.

    Si apre il pomeriggio dedicato alla seconda sessione di prove libere del 13º appuntamento della stagione 125 di questo 2011. Temperature in costante aumento accompagnano in pista i piloti della classe cadetta, e dal gruppo emerge l’idolo di casa Nicolas Terol (Bankia Aspar), giunto 2º in mattinata: lo spagnolo mette a referto un 1:59.409, levando poco meno di due secondi al precedente crono.

    Il più veloce delle FP1, Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing), scivola in seconda posizione a 365 millesimi dal connazionale con un 1:59.774, ultimo tempo sotto i 2 minuti.

    Terzo miglior crono per il tedesco di Intact-Racing Team Germany Sandro Cortese, che nel penultimo giro dei 14 percorsi blocca il cronometro sul 2:00.165 (+0.756s).

    Coppia di piloti spagnoli in quarta e quinta posizione: Hector Faubel (Bankia Aspar) fa registrare un 2:00.710 che lo vede chiudere a 1.301s dal compagno di squadra Terol, mentre Efren Vazquez (Avant-AirAsia-Ajo) supera la linea del traguardo dell’ultima tornata a sua disposizione con un tempo di 2:00.751, 1.342s più lento della testa.

    Termina 6º Johann Zarco (Avant-AirAsia-Ajo), attualmente secondo in classifica generale alle spalle di Nicolas Terol: il francese firma un 2:00.765, a 1.356s dal rivale. L’ordine d’arrivo prosegue poi con l’inglese Danny Kent (Red Bull Ajo MotorSport), 7º con 2:01.153 (+1.744s), il portoghese Miguel Oliveira (Andalucia Banca Civica), 8º con 2:01.403 (+1.994s), lo spagnolo Adrian Martin (Bankia Aspar), 9º con 2:01.454 (+2.045s), e il connazionale Luis Salom (RW Racing GP), in decima posizione con un tempo di 2:01.549 (+2.140s) nonostante l’incontro ravvicinato con la ghiaia all’altezza della curva 1.


  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6158080
    Motomondiale - Pedrosa un lampo, poi il black out
    Cancellate le libere del pomeriggio a causa di un guasto elettrico. In mattinata Dani Pedrosa davanti a tutti: dietro lo spagnolo Lorenzo e Stoner. Più staccate le Ducati, con Hayden settimo davanti a Valentino Rossi.

    Clamoroso ad Aragon, dove la direzione corse si è vista costretta a cancellare la seconda sessione di prove libere di MotoGp e Moto2. Un problema elettrico, infatti, ha messo in ginocchio l’intera organizzazione del GP spagnolo costringendo l’organizzazione a rispedire tutti a casa. Dopo circa un’ora di black out, i tecnici sembravano aver riparato il generatore di corrente alle porte del circuito con tanto di annuncio che le prove sarebbero riprese intorno alle 16:20.

    Poco dopo, però, un nuovo guasto che ha costretto a prendere una decisione definitiva: prove cancellate che saranno recuperate sabato mattina. In serata, infatti, dovrebbe arrivare da Saragozza un nuovo generatore.

    In pista quindi sono riusciti a scendere solo i ragazzi della 125cc, con Nico Terol davanti a tutti col tempo di 1’59”409, precedendo Vinales di +0.365. Più staccati tutti gli altri, a cominciare dal tedsco Cortese (+0.756) e (Faubel, oltre a un secondo)


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  13. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6159142
    Classe 125 -- Zarco, avanti tutta nelle FP3
    Il francese del team Avant-AirAsia-Ajo mette a referto il tempo più veloce dell’ultimo turno di libere del Gran Premio de Aragón. Inseguono Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing) e Danny Kent (Red Bull Ajo MotorSport).

    Seconda giornata di libere del 13º appuntamento del Campionato del Mondo 125 2011. La classe cadetta, l’unica a scendere in pista per disputare le terza sessione di prove prevista, non è rimasta penalizzata dal black out che ha colpito l’impianto di MotorLand Aragón nel pomeriggio di ieri, ma si è vista però costretta ad entrare in azione un quarto d’ora prima per permettere lo svolgimento di sessioni di libere estese per le restanti categorie.

    Ad accomodarsi sulla linea più alta della tabella dei tempi ci pensa Johann Zarco (Avant-AirAsia-Ajo): il francese, 2º in classifica generale, aumenta sempre più il proprio ritmo giro dopo giro, ed approfitta di un problema tecnico nell’Aprilia del leader del Campionato Terol (Bankia Aspar) che costringe quest’ultimo all’uscita di scena anticipata a 28 minuti dal termine. Zarco completa 16 giri del circuito e nel penultimo supera la linea d’arrivo con un tempo di 1:59.791, rimanendo però quasi 4 decimi più lento del miglior crono di ieri fatto registrare da Terol.

    Alle sue spalle si piazza il giovane Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing) che si vede sottrarre la leadership per soli 76 millesimi, chiudendo il turno con un 1:59.867. L’ultimo a rimanere sotto i due minuti è Danny Kent (Red Bull Ajo MotorSport) che firma un crono di 1:59.967, staccato di 176 millesimi dalla testa.

    Quarto posto per l’altro pilota Bankia Aspar Hector Faubel, che fa segnare un 2:00.116 (+0.325s), mentre appena sotto troviamo una coppia di piloti tedeschi, con Sandro Cortese (Intact-Racing Team Germany) autore di un 2:00.368 (+0.577s) che gli vale la quinta posizione, e Jonas Folger (Red Bull Ajo MotorSport) ad occupare il 6º posto grazie al suo 2:00.431 (+0.640s).

    È poi la volta di tre piloti spagnoli, con Alberto Moncayo (Andalucia Banca Civica) 7º con un 2:00.474 (+0.683s), Efren Vazquez (Avant-AirAsia-Ajo) 8º con un 2:01.100 (+1.219s), e Adrian Martin (Bankia Aspar) 9º con un 2:01.173 (+1.282s). Completa al top ten il portoghese Miguel Oliveira (Andalucia Banca Civica) che fa registrare un 2:01.217, a 1.426s da Zarco.


    Fonte: [url]http://www.motogp.com[/url ]
  14. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6159144
    Classe MotoGp -- Stoner inarrivabile e lanciato verso la pole
    Nell’ultimo turno di libere del Gran Premio de Aragón nessuno più veloce del pilota australiano del team Repsol Honda. Alle sue spalle Dani Pedrosa (Repsol Honda) e Randy De Puniet (Pramac Racing).

    Sabato mattina particolare per la classe regina che recupera le FP2 perse ieri a causa del black out che ha colpito l’impianto del MotorLand Aragón. Si passa quindi dai classici 45 minuti a 75, con l’inizio della sessione leggermente anticipato per permettere il rispetto del programma anche per l’ultimo turno di libere della categoria intermedia. Condizioni climatiche perfette e temperature piacevoli accompagnano i piloti MotoGP in pista, e dopo soli pochi giri è subito Casey Stoner (Repsol Honda) a comandare il gruppo. All’australiano bastano solo 8 tornate del circuito di Alcañiz per sottrarre quasi un secondo e mezzo al tempo di ieri e far registrare l’1:49.272 che gli vale la leadership del sabato mattina.

    Secondo crono rapido per il compagno di squadra Dani Pedrosa (Repsol Honda): il pilota di casa, padrone delle FP1, prova ad infastidire Stoner ma si deve arrendere per soli 62 millesimi alla seconda posizione finale (1:49.334 per lui, ultimo a rimanere sotto l’1:50). Chiude a sorpresa la top3 il francese di Pramac Racing Randy De Puniet, che completa ben 31 giri della pista e al terzultimo firma un 1:50.003, a 731 millesimi dalla testa.

    Due piloti italiani in quarta e quinta piazza: Andrea Dovizioso (Repsol Honda) fa segnare un 1:50.139 (+0.867s), mentre Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) è autore di un 1:50.197, che lo vede chiudere a poco meno di un secondo di gap da Stoner (+0.925s).

    Sesto posto per l’americano Ben Spies (Yamaha Factory Racing), che nonostante la caduta all’altezza della curva numero 2 mette a referto un 1:50.376 (+1.104s). È poi la volta di due piloti spagnoli, con Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) 7º grazie al suo 1:50.422 (+1.150s), e il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), con qualche difficoltà nella ricerca della messa a punto che meglio si adatta alle richieste del MotorLand Aragón. Il maiorchino porta a termine 26 giri della pista e al numero 22 supera la linea d’arrivo in 1:50.444 (+1.172s).

    Chiudono la top ten i due piloti Ducati: Valentino Rossi, alle prese con il lavoro sul nuovo telaio in alluminio provato per la prima volta nei test privati post Misano, conquista il 9º posto forte del suo 1:50.484 (+1.212s), mentre Nicky Hayden, che ha mantenuto il telaio in carbonio, gira in 1:50.567 (+1.295s).

    Scorrendo la tabella dei tempi troviamo poi Hector Barberá (Mapfre Aspar), 11º con 1:50.584 (+1.312s), Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3), 12º con 1:50.690 (+1.418s), Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini), 13º con 1:50.760 (+1.488s), e Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3), 14º con 1:50.898 (+1.626s).

    Completano lo schieramento Karel Abraham (Cardion AB Motoracing), Loris Capirossi (Pramac Racing), e Toni Elias (LCR Honda).


  15. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6159322
    Classe Moto 2 -- Marquez continua la sua corsa verso la pole
    Dopo aver dominato la prima giornata di libere del Gran Premio de Aragón, l’attuale Campione del Mondo 125 Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) firma anche il tempo più rapido dell’ultimo turno. Seguono Alex De Angelis (JiR Moto2) e Scott Redding (Marc VDS Racing Team).

    Sessione del sabato mattina allungata anche per i piloti della categoria intermedia che scendono sull’asfalto del MotorLand Aragón per affrontare i 75 minuti di libere concessi dopo la cancellazione delle FP2 del venerdì pomeriggio dovuta ad un problema nel sistema di gestione della corrente del circuito di Alcañiz.

    Come già visto ieri, il più veloce del turno è Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol), che nelle battute finali, esattamente al giro numero 21, supera con la sua Suter la linea del traguardo forte di un crono pari a 1:53.888, levando un secondo al precedente miglior risultato.

    Dopo aver mantenuto la leadership per buona parte dei minuti a disposizione, il sammarinese Alex De Angelis (JiR Moto2) si deve infine accontentare del 2º piazzamento, a 296 millesimi da Marquez (1:54.184 per lui). Definisce la top3 l’inglese Scott Redding (Marc VDS Racing Team) che blocca il cronometro sull’1:54.331, con un gap di 443 millesimi dalla testa.

    La classifica vede poi lo svizzero Thomas Luthi (Interwetten Paddock Moto2) al 4º posto grazie al suo 1:54.438 (+0.550s), seguito dal leader del Campionato Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing), che si piazza in quinta posizione a 566 millesimi dal rivale (1:54.454 il suo crono).

    Unico italiano in top ten è Michele Pirro (Gresini Racing Moto2) che porta a termine 22 tornate del MotorLand Aragón e alla numero 20 fa segnare l’1:54.660 (+0.772s) che gli vale il 6º posto.

    Alle sue spalle troviamo poi Aleix Espargaró (Pons HP 40), 7º con 1:54.663 (+0.775s), Mika Kallio (Marc VDS Racing Team), 8º con 1:54.683 (+0.795s), Bradley Smith (Tech 3 Racing), 9º con 1:54.697 (+0.809s), ed infine Julian Simon (Mapfre Aspar Team Moto2), 10º con 1:54.760 (+0.872s).

    Andrea Iannone (Speed Master) finisce 12º, seguito da Mattia Pasini (Ioda Racing Project). Claudio Corti (Italtrans Racing Team) non va oltre la 15esima posizione, mentre Simone Corsi (Ioda Racing Project) è solo 21º.


  Motomondiale2011: Gp di Aragona

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina