1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6186255
    E si torna nuovamente in pista per un nuovo appuntamento del mondiale di F1.
    Questo Week-end, direttamente dal circuito da Suzuka seguiremo il Gp del Giappone

    Presentazione a cura di http://www.blogf1.it/
    Esattamente tra sette giorni saremo incollati agli schermi televisivi per seguire il Gran Premio di Giappone che si terrà sullo storico circuito di Suzuka. Il tracciato è uno dei più importanti impianti permanenti storici della Formula 1 che esercita il suo fascino sia sugli addetti ai lavori che sui semplici appassionati.

    Presente in calendario dal 1987, Suzuka è stato sostituito solamente per due anni (2007 e 2008) con il circuito del Fuji, prima di tornare ad essere la sede principale della corsa giapponese. Di proprietà della Honda, il circuito è situato all’interno di un grandissimo parco giochi nel quale spicca la grande ruota panoramica che domina il rettilineo principale.

    Il circuito dall’inconfondibile forma ad “8″ è stato spesso luogo di epiche lotte passate alla storia, come quella tra Senna e Prost o le più recenti con Schumacher ed Hakkinen. Quella di quest’anno, sarà la ventisettesima edizione del Gran Premio del Giappone e, con molta probabilità, assegnerà il titolo mondiale a Sebastian Vettel. Il tedesco della Red Bull necessita di un altro punto di vantaggio sui rivali per potersi godere matematicamente il secondo titolo mondiale consecutivo.

    Suzuka è un tracciato molto tecnico e veloce, veramente completo. Con le sue diciotto curve viene spesso paragonato a Spa Francorchamps. Nonostante negli anni l’impianto abbia subito dei lavori di ammodernamento, restano dei punti dove le vie di fuga sono insufficienti ed un errore, spesso, può costare molto caro. I punti caratteristici di Suzuka sono veramente tanti: fin dalla prima curva occorre avere una vettura ben bilanciata, che consenta i repentini cambi di direzione nelle “S” in successione che compongono le curve dalla 2 alle 6. Da lì si arriva al velocissimo curvone Dunlop che porta fino alla Degner: in questa curva, l’uscita è vitale; se si tocca troppo il cordolo si va a perdere il controllo della monoposto e si può rovinosamente finire nella ghiaia.

    Molto interessante il tornante Hairpin, il tratto più lento di tutta la pista. Ricorderete sicuramente che in quel tratto, lo scorso anno, Kobayashi ha dato spettacolo, regalando una serie di sorpassi entusiasmanti. Assolutamente da non sottovalutare la complessità della Spoon Curve e della velocissima 130R, un curvone verso sinistra che conduce alla Triangle Chicane, l’ultima prima del rettilineo principale.

    INFO
    Lunghezza del circuito: 5,807 km
    Giri da percorrere: 53
    Distanza totale: 307,471 km
    Numero di curve: 18
    Senso di marcia: orario
    Mescole Pirelli: soffici/medie
    Apertura farfalla: 67% della percorrenza

    RECORD
    Giro prova: 1:28.954 – M Schumacher – Ferrari – 2006
    Giro gara: 1:31.540 – K Raikkonen – McLaren Mercedes – 2005
    Distanza: 1h23:53.413 – F Alonso – Renault – 2006
    Vittorie pilota: 6 – M Schumacher
    Vittorie team: 8 – McLaren
    Pole pilota: 8 – M Schumacher
    Pole team: 9 – Ferrari
    Km in testa pilota: 1.787 – M Schumacher
    Km in testa team: 2.921 – McLaren
    Migliori giri pilota: 4 – M Schumacher
    Migliori giri team: 8 – Williams
    Podi pilota: 9 – M Schumacher
    Podi team: 24 – McLaren

    ———-
    Albo d’oro
    01. 1976 M Andretti – Lotus Ford
    02. 1977 J Hunt – McLaren Ford
    03. 1987 G Berger – Ferrari
    04. 1988 A Senna – McLaren Honda
    05. 1989 A Nannini – Benetton Ford
    06. 1990 N Piquet – Benetton Ford
    07. 1991 G Berger – McLaren Honda
    08. 1992 R Patrese – Williams Renault
    09. 1993 A Senna – McLaren Ford
    10. 1994 D Hill – Williams Renault
    11. 1995 M Schumacher – Benetton Renault
    12. 1996 D Hill – Williams Renault
    13. 1997 M Schumacher – Ferrari
    14. 1998 M Hakkinen – McLaren Mercedes
    15. 1999 M Hakkinen – McLaren Mercedes
    16. 2000 M Schumacher – Ferrari
    17. 2001 M Schumacher – Ferrari
    18. 2002 M Schumacher – Ferrari
    19. 2003 R Barrichello – Ferrari
    20. 2004 M Schumacher – Ferrari
    21. 2005 K Raikkonen – McLaren Mercedes
    22. 2006 F Alonso – Renault
    23. 2007 L Hamilton – McLaren Mercedes
    24. 2008 F Alonso – Renault
    25. 2009 S Vettel – Red Bull Renault


    ORARI TV:
    Venerdì 7 Ottobre
    10:00-11:30 (03:00-04:30) Prove Libere 1
    14:00-15:30 (07:00-08:30) Prove Libere 2

    Sabato 8 Ottobre
    1:00-12:00 (04:00-05:00) Prove Libere 3
    14:00-15:00 (07:00-08:00) Qualifiche – Rai Due/Rai HD

    Domenica 9 Ottobre
    15:00 (08:00) Gara – Rai Uno/Rai HD

    Tra parentesi gli orari italiani.



    Il circuito (in allegato)
    (fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/)
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6188420
    Caschi più sicuri a Suzuka per i piloti di Formula 1
    Tutti i piloti di Formula 1 utilizzeranno caschi più sicuri questo weekend a Suzuka. Ad inizio 2011 alcuni piloti hanno testato una strip di Zylon a prova di proiettile nella parte superiore delle visiere per prevenire ferite come quelle di Felipe Massa in Ungheria due anni fa.

    Da Singapore, 12 dei 24 piloti usano questa fascia. Auto Motor und Sport sostiene che ora anche l’apertura minima della visiera è stata ridotta e il nuovo standard debutterà al GP Giappone di questo weekend.

    I nuovi caschi sono 50 grammi più pesanti dei precedenti ed alcuni piloti si sarebbero detti insoddisfatti perchè una volta rimossa la strip danneggia la colorazione della visiera.

    Anche alcuni sponsor, secondo il giornale tedesco, non sarebbero contenti della striscia nera di Zylon posta sopra le visiere.

    --------
    Il circuito di Austin rischia di perdere il proprio promoter ed organizzatore Tavo Hellmund
    Vi sono timori circa l’organizzazione del Gran Premio degli Usa, dato che sembra che il promoter Tavo Hellmund, la vera forza ed anima dietro il progetto del circuito ad Austin, sia prossimo alla sostituzione.

    I lavori presso il circuito sono visibilmente rallentati, secondo l’Austin American Statesman. Viene pertanto suggerito che il promoter o comunque il management dell’evento vengano sostituiti, dopo che Susan Combs ha scritto al patron della F1 al riguardo.

    Questa lettera è stata scritta dopo che Hellmund ha ripetutamente chiesto alla Combs se un cambio nel management avrebbe compromesso i fondi promessi dal governo del Texas.

    Bernie Ecclestone e Hellmund non hanno dato nessun tipo di risposta al riguardo, non rispondendo né ad email, né alle chiamate

    ------------
    La Ferrari ha chiesto a Massa di rovinare la gara di Hamilton a Singapore
    La polemica tra Felipe Massa e Lewis Hamilton in merito all’incidente tra i due al GP Singapore è destinata a riaccendersi dopo la pubblicazione di messaggi radio inediti. Sul sito ufficiale della F1 sono stati pubblicati infatti gli highlights della gara di Singapore che includono un messaggio dell’ingegnere Rob Smedley diretto a Massa che non era stato mandato in onda in diretta.

    “Tieni dietro Hamilton il più possibile. Distruggi la sua gara il più possibile. Dai ragazzo!” ha comunicato Smedley al brasiliano.

    Non è ancora chiaro quando sia stato inviato il messaggio. Hamilton si era ritrovato alle spalle di Massa, quinto, dopo la brutta partenza che l’aveva visto precipitare in ottava posizione. Hamilton è rimasto alle spalle della Ferrari fino al pitstop di entrambi all’11mo giro. I due sono arrivati al contatto nel giro di uscita dai box con Hamilton che ha toccato la Rossa di Massa che a sua volta ha rimediato una foratura mentre l’inglese ha subito danni all’ala anteriore. Hamilton è poi stato punito con un drive-through per il contatto.

    Dopo la gara, Massa si è congratulato sarcasticamente con Hamilton per la sua condotta di gara nell’area delle interviste. Il brasiliano non ha risparmiato critiche al suo collega che non ha commentato l’incidente in pubblico dopo le polemiche del sabato per un altro episodio durante le qualifiche.



    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com
  3. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6190782
    Formula 1 - McLaren: Button, rinnovo pluriennale
    Il pilota britannico, campione del mondo nel 2009, annuncia l'accordo raggiunto con il team di Woking senza però specificarne la durata. "Sarà pluriennale - dice Button - Non mi sono mai sentito a casa come alla McLaren"

    Jenson Button e McLaren Mercedes ancora insieme. Il team di Woking ha annunciato che il 31enne pilota inglese, campione del mondo 2009, ha firmato un nuovo contratto "pluriennale", senza specificarne la durata.

    "Non mi sono mai sentito così a casa come alla McLaren - commenta Button, alla sua seconda stagione - Ho vinto quattro delle più grandi gare della mia vita qui (Australia e Cina nel 2010, Canada e Ungheria nella stagione in corso, ndr), sono secondo nel Mondiali piloti e sento che sto guidando meglio che mai. Non ho mai fatto mistero delle mie ambizioni e sono assolutamente convinto che questo e' il posto dove posso raggiungere i miei obiettivi. Qui sappiamo come vincere".

    "E' una grande notizia che Jenson abbia scelto di rimanere con noi - ha aggiunto Lewis Hamilton - E' una bella persona con cui lavorare e un ottimo compagno di squadra. Io e lui siamo affamati e ambiziosi".

    Martin Whitmarsh si dice "orgoglioso di essere il team principal di Button, è uno dei piloti più capaci e rispettati che abbiamo mai avuto e sono perciò felice che continui a lavorare con noi. La McLaren ha la miglior coppia di piloti di tutta la Formula Uno".


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  4. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6193020
    Gran Premio del Giappone - A Suzuka è gelo tra Massa e Hamilton
    Ancora gelo tra Lewis Hamilton e Felipe Massa. Il brasiliano ha cercato un incontro con il pilota McLaren ma l'invito è stato ignorato. Nessun chiarimento tra i due

    Ci si aspettava un gesto tra Hamilton e Massa per mettere fine al surreale teatrino di Singapore. Niente di tutto questo, i due piloti si sono letteralmente evitati in quel di Suzuka. Nessun incontro e nessun gesto chiarificatore. Il capitolo sembra essersi chiuso nel peggiore dei modi: nel silenzio.

    Eppure un tentativo c'è stato. Felipe Massa, secondo fonti vicine al paddock, avrebbe infatti chiesto un incontro con l'inglese per scusarsi per quella pacca sulla spalla in mixed zone al termine della gara di Singapore. Un gesto di cui il brasiliano della Ferrari si è fin da subito pentito. Hamilton avrebbe rispedito al mittente l'invito per un incontro ai box, lontano da giornalisti e addetti ai lavori.

    Questi gli ultimi aggiornamenti da Suzuka. La McLaren difende il suo pilota e allontana le polemiche. Il caso Singapore si chiude quindi con il silenzio dei due protagonisti. Per adesso.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6193021
    GP Giappone, Prove Libere 1: Button davanti, incidente per Vettel
    Jenson Button ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del GP Giappone di Formula 1. A Suzuka la McLaren ha piazzato una doppietta nella prima sessione di prove libere del venerdì con Lewis Hamilton alle spalle del suo compagno di squadra. Brutto inizio di weekend per Sebastian Vettel che ha concluso la sua sessione nelle barriere della Degner.

    Il tedesco, terzo, è finito largo nel suo ultimo tentativo alla Degner 1, e non è riuscito quindi a rallentare la sua Red Bull alla curva successiva. Pochi i danni alla vettura.

    Button è stato il più veloce per gran parte della sessione e all’ultimo giro è sceso a 1.33.634. Hamilton è staccato di soli 91 millesimi mentre Fernando Alonso è quarto con la Ferrari davanti a Mark Webber.

    Ottimo sesto tempo per Jaime Alguersuari con la Toro Rosso, davanti all’altra Ferrari di Felipe Massa e all’altra Toro Rosso di Sebastien Buemi. Michael Schumacher (Mercedes GP) e Vitaly Petrov (Lotus Renault GP) completano la top 10.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com

    -------------------
    Risultati completi prove Libere2
    Pos Pilota Team Tempo Giri
    1. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m33.634s 20
    2. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m33.725s + 0.091 18
    3. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m34.090s + 0.456 22
    4. Fernando Alonso Ferrari 1m34.372s + 0.738 24
    5. Mark Webber Red Bull-Renault 1m34.426s + 0.792 25
    6. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m34.937s + 1.303 23
    7. Felipe Massa Ferrari 1m35.585s + 1.951 27
    8. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m35.590s + 1.956 25
    9. Michael Schumacher Mercedes 1m36.033s + 2.399 22
    10. Vitaly Petrov Renault 1m36.370s + 2.736 18
    11. Bruno Senna Renault 1m36.487s + 2.853 18
    12. Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 1m36.700s + 3.066 21
    13. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m36.948s + 3.314 24
    14. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m36.949s + 3.315 22
    15. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m37.103s + 3.469 29
    16. Nico Rosberg Mercedes 1m38.197s + 4.563 18
    17. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m38.331s + 4.697 11
    18. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m38.446s + 4.812 8
    19. Jarno Trulli Lotus-Renault 1m39.168s + 5.534 10
    20. Karun Chandhok Lotus-Renault 1m39.946s + 6.312 22
    21. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m40.872s + 7.238 13
    22. Jerome D'Ambrosio Virgin-Cosworth 1m41.019s + 7.385 24
    23. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m41.106s + 7.472 25
    24. Narian Karthikeyan HRT-Cosworth 1m41.775s + 8.141 25
  6. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6193093
    GP Giappone, Prove Libere 2: Button davanti ad Alonso
    Jenson Button è stato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del GP Giappone. Nel venerdì di Suzuka l’inglese della McLaren ha girato in 1.31.901 precedendo la Ferrari di Fernando Alonso e le Red Bull di Sebastian Vettel e Mark Webber.

    I due piloti del team campione del mondo hanno comunque mostrato un passo superiore alla concorrenza nei long run con la mescola di gomme più morbida.

    I piloti della McLaren si sono portati in testa nelle prime fasi della sessione con Button e Hamilton che si sono alternati al comando della classifica. Hamilton ha avuto inizialmente la meglio con 1.34.529, un tempo poi battuto da Alonso in 1.33.848 poi da Webber in 1.33.782. Alonso ha risposto poco dopo con 1.33.503, tempo rimasto il migliore per diversi minuti.

    In questa fase Kamui Kobayashi ha avuto diversi controlli al limite mentre Bruno Senna si è girato alla curva 1 senza danneggiare la sua vettura. Problemi anche per Rubens Barrichello, finito nelle barriere alla Degner 1 dopo un’uscita sull’erba. Il brasiliano è uscito indenne dalla sua Williams. Sessione deludente per il team di Grove: Pastor Maldonado ha infatti parcheggiato la sua vettura alla Degner 1 poco prima dei primi 60 minuti a causa di un problema tecnico. L’esposizione delle bandiere gialle ha poi rovinato il run a gomme morbide di diversi piloti.

    Poco dopo Alonso ha girato in 1.32.075 e Webber si è portato a 72 millesimi. Ma Button ha fatto meglio girando in 1.31.901.

    A 20 minuti dal termine Vettel si è portato in terza posizione davanti al compagno di squadra Webber: i primi quattro piloti sono racchiusi in soli 2 decimi e mezzo.

    I team si sono poi dedicati alla valutazione delle gomme morbide nei long run ed è parso chiaro che mentre McLaren e Ferrari sono veloci nei giri singoli, le Red Bull hanno spesso un secondo di vantaggio nei long run.

    Felipe Massa è quinto con l’altra Ferrari davanti a Michael Schumacher (Mercedes GP). Settimo Nico Rosberg davanti a Hamilton, Vitaly Petrov e Sebastien Buemi.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com

    --------
    Risultati completi prove libere2
    Pos Pilota Team Tempo Giri
    1. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m31.901s 32
    2. Fernando Alonso Ferrari 1m32.075s + 0.174 33
    3. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m32.095s + 0.194 35
    4. Mark Webber Red Bull-Renault 1m32.147s + 0.246 28
    5. Felipe Massa Ferrari 1m32.448s + 0.547 34
    6. Michael Schumacher Mercedes 1m32.710s + 0.809 26
    7. Nico Rosberg Mercedes 1m32.982s + 1.081 27
    8. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m33.245s + 1.344 26
    9. Vitaly Petrov Renault 1m33.446s + 1.545 36
    10. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m33.681s + 1.780 33
    11. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m33.705s + 1.804 25
    12. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m33.790s + 1.889 36
    13. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m34.393s + 2.492 35
    14. Bruno Senna Renault 1m34.557s + 2.656 27
    15. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m34.601s + 2.700 33
    16. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m36.038s + 4.137 33
    17. Heikki Kovalainen Lotus-Renault 1m36.225s + 4.324 35
    18. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m37.123s + 5.222 14
    19. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m37.440s + 5.539 30
    20. Jerome D'Ambrosio Virgin-Cosworth 1m38.093s + 6.192 30
    21. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m38.387s + 6.486 16
    22. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m38.763s + 6.862 36
    23. Jarno Trulli Lotus-Renault 1m39.800s + 7.899 24
    24. Tonio Liuzzi HRT-Cosworth 1m42.480s + 10.579 4
  7. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6193794
    Schumacher multato per un episodio in pitlane
    Michael Schumacher è stato multato di 5000 Euro per un’entrata aggressiva in pitlane. Il tedesco ha infatti superato il segnalatore che delimita l’inizio della corsia box, violando il regolamento sportivo.

    Dopo un’indagine dei commissari la FIA ha deciso di comminare solo una multa dal momento che l’infrazione è stata commessa nelle libere.

    Intanto Lewis Hamilton, Bruno Senna, Sebastien Buemi ed Heikki Kovalainen hanno evitato sanzioni dopo un’indagine dei commissari per presunte violazioni in regime di bandiere gialle. I quattro piloti erano stati chiamati dai commissari dopo aver segnato i migliori parziali proprio quando Tonio Liuzzi era rimasto fermo nella seconda sessione.

    I commissari hanno poi appurato che tutti i piloti hanno rallentato e quindi non hanno preso provvedimenti.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com
  8. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194303
    GP Giappone, Prove Libere 3: Button ancora davanti
    E’ stato ancora Jenson Button il più veloce nelle prove libere del GP Giappone di Formula 1. Nella terza sessione di prove libere, nel sabato mattina di Suzuka, il pilota della McLaren si è portato in testa nella prima metà della sessione girando in 1.33.493. Button è poi sceso a 1.33.044.

    La Mercedes è stato il primo team a montare le gomme morbide negli ultimi 20 minuti: Nico Rosberg prima e Michael Schumacher poi si sono quindi portati al comando.

    Button ha poi montato a sua volta le gomme morbide riprendendosi la testa della classifica con 1.31.255. Secondo tempo per l’altra McLaren di Lewis Hamilton, staccato di mezzo secondo. Sessione in tono minore per Sebastian Vettel, terzo con la Red Bull a 8 decimi.

    Fernando Alonso è quarto con la Ferrari davanti all’altra Red Bull di Mark Webber e all’altra Ferrari di Felipe Massa.

    Le Mercedes sono scese in settima e ottava posizione davanti a Vitaly Petrov (Renault) e Adrian Sutil (Force India).

    Fuori dalla top 10 entrambe le Toro Rosso. Williams lenta dopo i problemi di ieri: Pastor Maldonado 16mo, Rubens Barrichello 18mo. La sessione è stata interrotta per 8 minuti con bandiera rossa a causa di un incidente di Bruno Senna alla Spoon dopo 25 minuti. Il brasiliano è finito largo in uscita, si è girato ed è finito nelle barriere. Problema di pressione idraulica per Tonio Liuzzi, rimasto fermo in pista con la sua HRT.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com


    ----------

    Risultati completi prove libere3
    Pos Pilota Team Tempo Distacco
    1. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m31.255s
    2. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m31.762s + 0.507s
    3. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m32.122s + 0.867s
    4. Fernando Alonso Ferrari 1m32.279s + 1.024s
    5. Mark Webber Red Bull-Renault 1m32.401s + 1.146s
    6. Felipe Massa Ferrari 1m32.429s + 1.174s
    7. Michael Schumacher Mercedes 1m32.725s + 1.470s
    8. Nico Rosberg Mercedes 1m32.878s + 1.623s
    9. Vitaly Petrov Renault 1m33.058s + 1.803s
    10. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m33.424s + 2.169s
    11. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m33.469s + 2.214s
    12. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m33.545s + 2.290s
    13. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m33.818s + 2.563s
    14. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m33.836s + 2.581s
    15. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m33.990s + 2.735s
    16. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m34.321s + 3.066s
    17. Bruno Senna Renault 1m35.389s + 4.134s
    18. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m35.651s + 4.396s
    19. Jarno Trulli Lotus-Renault 1m36.327s + 5.072s
    20. Heikki Kovalainen Lotus-Renault 1m36.912s + 5.657s
    21. Jerome D'Ambrosio Virgin-Cosworth 1m37.938s + 6.683s
    22. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m38.011s + 6.756s
    23. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m38.355s + 7.100s
    24. Tonio Liuzzi HRT-Cosworth 1m41.097s + 9.842s
  9. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194304
    Gran Premio del Giappone - Pole Vettel, le Ferrari continuano a deludere
    Pole position per Sebastian Vettel che a Suzuka beffa per soli 9 millesimi il pilota McLaren Jenson Button. Terzo Lewis Hamilton mentre la Ferrari chiude in seconda fila con Massa davanti ad Alonso quinto. Sfortunato Rosberg che non esce a causa di un problema idraulico e partirà dall'ultima fila

    Ore 7:45. La Ferrari twitta al mondo intero che si lotterà per la terza fila. È il messaggio forse più triste dell’intero mondiale del Cavallino rampante. Una resa che arriva nel bel mezzo delle qualifiche di Suzuka, mentre Red Bull e McLaren continuano a infilare giri veloci e il pubblico si esalta per il bravo Kobayashi che entra in top ten. Una resa che fa male. Parole che i tifosi Ferrari non hanno (quasi) mai dovuto leggere e sopportare. Il sabato degli uomini di Maranello finisce qui, ad appena un quarto d’ora dalla soddisfazione del miglior tempo di Alonso in Q1. Seconda e terza sessione sono infatti roba solo per McLaren e Red Bull. Unica nota positiva il “regalo” di Webber che lascia il quarto posto a Felipe Massa.

    Q1, ALONSO ILLUDE E NICO SALUTA – Eppure il sabato giapponese non comincia male per la Ferrari che parte subito in testa con Alonso in grado di prendere subito confidenza con le medie in attesa delle morbide che invece faranno letteralmente volare Red Bull e McLaren. Lo spagnolo chiude in 1:32.817. Sfortunato Nico Rosberg che a causa di un problema idraulico non riesce neanche a fare un giro veloce e abbandona le qualifiche parcheggiando la sua Mercedes in ultima fila.

    Q2, SUBITO MCLAREN-RED BULL – Le speranze della Ferrari vengono subito soffocate dal furore della Red Bull e della McLaren. La Rossa, nonostante il cambio mescola, comincia già a lottare per la terza fila. Una lotta che si rivela poi interna con il solo Webber in grado di regalare qualcosa ad Alonso o Massa. Hamilton è il più veloce nella seconda sessione con il tempo di 1:31.139. Nel finale il pubblico giapponese si esalta per il suo eroe Kobayashi che riesce, all’ultimo giro, a entrare in top ten.

    Q3, POLE VETTEL PER SOLI 9 MILLESIMI – Lo sprint per la pole diventa un gioco solo per tre piloti e a tremare stavolta è la Red Bull. La McLaren infatti dimostra un potenziale di tutto rispetto e i primi giri lasciano pensare a un colpo di scena con il team di Woking in grado di strappare la prima fila ai missili austriaci. Alonso preferisce difendere le gomme. Si aggrappano alle Pirelli anche Schumacher, Senna, Petrov e Kobayashi che non completano il giro cronometrato. A girare ci pensano quindi le McLaren, in testa fino alla fine, fin all’ultimo giro di Vettel che piazza l’1:30.466 che vale la pole position. Jenson Button ci prova ma chiude a soli 11 millesimi dal tedesco. Terzo tempo per Lewis Hamilton. Seconda fila completata da Felipe Massa che chiude davanti a Fernando Alonso. Lo spagnolo si accomoda in terza fila accanto a Mark Webber.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/

    ----------
    Risultati completi qualifiche
    In allegato
    Fonte: http://en.espnf1.com/

  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194373
    INTERVISTE E COMMENTI POST-QUALIFICHE
    Gran Premio del Giappone - Hamilton “Ostacolato da Webber e Schumi”
    È un Hamilton furioso quello che si presenta ai microfoni al termine delle qualifiche di Suzuka. L’inglese sarebbe stato condizionato da Webber e Schumacher nel giro decisivo

    Neanche il tempo di parcheggiare le monoposto che il Gran Premio del Giappone si infiamma con le nuove rivalità e frecciate tra i piloti. Protagonista sempre lui, Lewis Hamilton che al termine delle qualifiche punta il dito contro Michael Schumacher e Mark Webber colpevoli, secondo il pilota McLaren, di averlo ostacolato nel giro veloce.

    “Mi è mancato l’ultimo giro. Stavolta ero in condizioni come macchina di giocarmela con la Red Bull. Dopo quel primo giro mi ero reso conto di avere ancora margine, nel primo tentativo pur facendo il miglior tempo avevo lasciato qualche decimo qua e là, ma nel secondo quando sono uscito avevo Webber e Schumacher vicino. Mi hanno condizionato e non sono riuscito a migliorarmi”

    La dinamica è stata ababstanza chiara. Il pilota McLaren negli ultimi secondi disponibili si trovava dietro a Button pronto per lanciarsi nel giro veloce. Hamilton ha quindi lasciato un po’ di spazio ed è proprio in questo spazio che si è infilato prima Webber quindi Schumacher con una manovra davvero al limite. Schumacher si è addirittura trovato sull’erba e per Hamilton non c’è stato nulla da fare, al suo arrivo al traguardo sventolava già la bandiera a scacchi.



    -------
    Gran Premio del Giappone - Alonso "McLaren e Red Bull più veloci"
    Alonso si affida alla strategia sperando di non dover affrontare i problemi di Singapore. Massa soddisfatto della seconda fila e Domenicali parla di risultati in linea con le aspettative

    ALONSO “MCLAREN E RED PIU’ VELOCI” – Poco da dire e soprattutto da fare. Fernando Alonso si accomoda in terza fila e rispetta quelle che erano state le sue previsioni. Red Bull e McLaren irraggiungibile per una Ferrari che dimostra, per l’ennesima volta, di poter lottare al massimo per una seconda fila: “Non sono molto sorpreso da questo risultato: in fondo McLaren e Red Bull sono sempre state più veloci di noi tutto il fine settimana e, almeno, siamo entrambi riusciti a piazzarci davanti a Webber. Ho fatto l’abbonamento al quinto posto quest’anno e, almeno, partirò dal lato pulito della pista. Domani mi aspetto una gara caratterizzata da un degrado importante degli pneumatici quindi, con la possibilità di avere numerosi pit-stop, la strategia giocherà un ruolo importantissimo. Speriamo di non avere gli stessi problemi avuti due settimane fa a Singapore. La vittoria è certamente più lontana e come si è visto dalle qualifiche qui la McLaren sembra essere molto vicina alla Red Bull. Anche la partenza sarà un momento significativo: sia io che Felipe proveremo a mettere pressione sui nostri avversari più vicini e poi, se dovessimo guadagnare delle posizioni, proveremo a giocarci le nostre carte. Il mio primo tentativo in Q3? Stavo spingendo al massimo ma, dopo aver guardato l’analisi dei tempi, non credo che avrei potuto fare molto meglio del mio secondo tentativo.”

    MASSA “CI SIAMO MESSI ALLE SPALLE UNA RED BULL” – Per una volta il brasiliano chiude davanti a Fernando Alonso e, grazie al sesto posto di Mark Webber, piazza la sua Ferrari in seconda fila. Più di così impossibile: “E’ stata una qualifica difficile ma, almeno, siamo riusciti a metterci alle spalle una delle quattro macchine migliori. Qui non è mai semplice fare il giro perfetto e il mio ultimo tentativo è stato molto buono, anche se ho perso qualcosa nell’ultimo settore. Domani sarà importante fare una buona partenza. Ci sarà Hamilton accanto a me in griglia? Per me non fa alcuna differenza che ci sia lui o chiunque altro. La corsa si preannuncia complicata, con tante soste per cambiare gli pneumatici che qui hanno un degrado molto importante cosicché la strategia sarà fondamentale. Sarà cruciale trovare il passo giusto, in modo da essere veloci ma, nello stesso tempo, salvaguardare le gomme. I sorpassi non saranno facili, nonostante KERS e DRS. Il nostro obiettivo è il podio: partiamo dalla posizione immediatamente successiva ed è realistico sperare di raggiungerlo.”

    DOMENICALI “RISULTATI IN LINEA CON ASPETTATIVE” – Nessuna sorpresa per Stefano Domenicali. Il Giappone ha confermato le aspettative: “Il risultato è più o meno in linea con le aspettative. Sappiamo quale sia la nostra attuale situazione tecnica e dobbiamo cercare di approfittare di ogni opportunità per lottare per un piazzamento sul podio. Lo faremo con il consueto impegno, che deve sempre contraddistinguerci.”




    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com
  11. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194650
    GP Giappone, Kobayashi partirà settimo
    Kamui Kobayashi scatterà dalla settima posizione al Gran Premio del Giappone di Formula 1 dopo che la Federazione ha comunicato la griglia di partenza ufficiale della gara di domani.

    Il pilota della Sauber, che non ha completato alcun giro cronometrato in Q3, era stato in precedenza accreditato della decima posizione ma con i tre piloti davanti a lui che hanno scelto a loro volta di non segnare un tempo, il giapponese scatterà quindi dalla settima posizione.

    Il regolamento infatti prevede che nel caso un pilota non segni un tempo la griglia sia decisa in questo modo:

    1. Ogni pilota che ha tentato un tempo di qualifica iniziando un giro cronometrato
    2. Ogni pilota che non ha iniziato un giro cronometrato
    3. Ogni pilota che non ha lasciato i box

    Kobayashi infatti ha iniziato il giro cronometrato a differenza dei tre piloti che lo precedevano. Michael Schumacher (Mercedes GP) scatterà dall’ottava posizione in grigli davanti alle Renault di Bruno Senna e Vitaly Petrov.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com/



    ----------------
    Gran Premio del Giappone - Hembery "Troviamo soluzione per il Q3"
    Paul Hembery annuncia che verrà cercata una soluzione per garantire il regolare svolgimento del Q3, onde evitare che alcuni team non scendano in pista per preservare le gomme: Stefano Domenicali si era lamentato a riguardo al termine delle qualifiche di Suzuka.

    Paul Hembery risponde alla polemica sollevata da Stefano Domenicali al termine della sessione di qualifiche sul circuito di Suzuka: il team principal della Ferrari ha “consigliato” di rivedere il regolamento che permette alle monoposto qualificate per il Q3 di non uscire per l’ultima sessione per risparmiare le gomme. In questo modo, però, il terzo blocco delle qualifiche del GP del Giappone è stato “monco”, con solo 6 macchine su 10 in pista (hanno girato soltanto Red Bull, Ferrari e McLaren).

    "È stata una qualifica molto veloce e gli pneumatici hanno risposto bene alla velocità del circuito di Suzuka, con consumo e degrado che si sono attestati entro i normali parametri - puntualizza il direttore di Motorsport Pirelli -. Tuttavia sembra diventata una consuetudine che alcune monoposto che passano in Q3 non facciano un tempo per risparmiare pneumatici. Lavoreremo con i team e la FIA per trovare una soluzione condivisa da tutti, al fine di evitare il ripetersi di questi comportamenti non corretti nei confronti degli spettatori”.

    Hembery si concentra poi su un’analisi più dettagliata delle prestazioni delle gomme durante le qualifiche: il tempo di Vettel, segnato con le gomme soft, quelle più performanti all’inizio, è stato ottimo.

    Vettel ha girato in 1'30"466, con pneumatici Pirelli P Zero Yellow soft, e ha battuto il suo stesso tempo della pole dello scorso anno di (1'30"785) - commenta Hembery -. Si tratta della pole più ravvicinata di sempre a Suzuka, che eguaglia quella di Michael Schumacher nel 2000, quando batté Mika Hakkinen esattamente con lo stesso margine. Con una differenza in termini di prestazioni di poco più di un secondo tra gli pneumatici P Zero White medium e P Zero Yellow soft, tutti i piloti hanno cercato di preservare il più a lungo possibile i rispettivi set di pneumatici più veloci, sebbene all'inizio del Q2 i primi siano usciti subito con le mescole soft, per essere certi di passare al Q3. Le caratteristiche impegnative del circuito di Suzuka, con le sue curve veloci che surriscaldano gli pneumatici, hanno fatto sì che le soft abbiano fatto registrare le loro migliori prestazioni nel primo giro lanciato dopo quello di uscita, mettendo quindi sotto pressione i piloti, costretti a dare subito il meglio”.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194737
  13. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194943
    Gran Premio del Giappone - Vettel ancora una volta Campione del Mondo!
    Il terzo posto a Suzuka basta al tedesco per laurearsi per il secondo anno consecutivo campione del mondo. In Giappone lo spettacolo è pero' tutto di Button, vincitore, e di Alonso che chiude al secondo posto. Sesto posto per Schumacher
    Red Bull Formula One driver Sebastian Vettel of Germany celebrates with Ferrari's Fernando Alonso (R) of Spain after qualifying for the Abu Dhabi F1 Grand Prix at Yas Marina circuit November 13 , 2010. - 0

    Doveva dimostrare molto Vettel e probabilmente deve ancora farlo ma questo 2011 passerà sicuramente alla storia, trascinando con forza il tedesco nella leggenda della Formula uno. Tutto merito della Red Bull? Poco importa, Sebastian Vettel è campione del mondo e lo è per la seconda volta in due anni. E non solo. Il giovane pilota della Red Bull ha strappato il record ad Alonso come bicampione più giovane. Dobbiamo aggiungere qualcosa? Sì. il record ormai vicinissimo del maggior numero di pole in una stagione. Sono "ancora" 12 e ne mancano giusto un paio per raggiungere il mitico Mansell. Direi che possiamo fermarci qui e applaudire a questo talento unico.

    La domenica di Suzuka comincia bene per Vettel che esagera in partenza trascinando il fin da subito pericoloso Jenson Button sull'erba ma viene incredibilmente graziato dai commissari. Nessuna penalità e dominio Red Bull che viene spezzato solo da quelle che a pieno titolo possiamo ormai definire le vere "vincitrici" del mondiale, le Pirelli. Le gomme del tedesco cominciano a dare problemi dall'ottavo giro con Button e Hamilton in lotta per il secondo posto e i ferraristi a mettersi d'accordo sul passo io passi te. Alla fine Alonso prende il quarto posto.

    Subito bagarre ai pit stop ma l'equilibrio non cambia. Vettel resta il leader della corsa e bisognerà attendere il secondo, terzo pit stop e soprattutto la scelta sbagliata di anticipare l'ultimo cambio per vedere il tedesco alle spalle di Alonso, al terzo posto. Button è veloce e lo dimostra fin da subito anche se le McLaren mettono in evidenza qualche problema sulal gestione gomme. Sempre in casa McLaren ci pensa il buon Hamilton a riscaldare l'atmosfera con qualche manovra al limite e un nuovo duello con l'ormai "nemico" Felipe Massa. Proprio il contatto tra il brasiliano e l'inglese segna la svolta della gara. Massa perde un pezzo di anteriore e a Suzuka entra in scena la safety car. Distacchi annullati, ancora cambi gomme e tutti in pista per l'ultima parte della sfida.

    Anche Hamilton si salva dalla penalità e la corsa si sposta tutta sui tre davanti. Vettel anticipa l'ingresso ai box. Alonso attende giustamente in pista cercando di aumentare il distacco in vista dell'ultimo sprint con le tanto odiate medie. Scelta giustissima quella degli uomini di Maranello. Lo spagnolo rientra in pista infatti alle spalle di Button a meno di due secondi dall'inglese. Alle sue spalle un Vettel che prova solo inizialmente l'attacco ma poi, invitato anche dai box, stacca il piede dall'acceleratore. Anche Webber viene invitato a non provare ad avvicinarsi al compagno di squadra e restare al quarto posto. Gara finita? No perché Alonso spinge forte e si porta addirittura a meno di un secondo da Button, passato in testa dopo il pit stop di un Michael Schumacher addirittura leader per pochi giri. i giri lenti dell'inglese però si rivelano solo strategici per la gestione gomme e per Alonso il sogno vittoria finisce a tre giri dalla bandiera a scacchi. Vettel chiude al terzo posto laureandosi per la seconda volta consecutiva campione del mondo.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/

    ----------
    Risultati completi gara
    In allegato
    Fonte: http://en.espnf1.com/

  14. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194944
    Classifica mondiale piloti
    1 Vettel Sebastian (GER) 324 ---- CAMPIONE DEL MONDO 2011!!!
    2 Button Jenson (GBR) 210
    3 Alonso Fernando (SPA) 202
    4 Webber Mark (AUS) 194
    5 Hamilton Lewis (GBR) 178
    6 Massa Felipe (BRA) 90
    7 Rosberg Nico (GER) 63
    8 Schumacher Michael (GER) 60
    9 Petrov Vitaly (RUS) 36
    10 Heidfeld Nick (GER) 34
    11 Sutil Adrian (GER) 28
    12 Kobayashi Kamui (JPN) 27
    13 di Resta Paul (GBR) 20
    14 Alguersuari Jaime (SPA) 16
    15 Buemi Sebastien (SVI) 13
    16 Perez Sergio (MEX) 13
    17 Barrichello Rubens (BRA) 4
    18 Maldonado Pastor (VEN) 1
    19 Kovalainen Heikki (FIN) 0
    20 Liuzzi Vitantonio (ITA) 0
    21 Karthikeyan Narain (IND) 0
    22 Glock Timo (GER) 0
    23 d'Ambrosio Jerome (BEL) 0
    24 Trulli Jarno (ITA) 0

    ----------
    Classifica mondiale costruttori

    1 RedBull 518
    2 McLaren Mercedes 388
    3 Ferrari 292
    4 Mercedes GP 123
    5 Renault 70
    6 Force India 48
    7 Sauber F1 Team 40
    8 Toro Rosso 29
    9 Williams 5
    10 Virgin 0
    11 Team Lotus 0
    12 HRT F1 Team 0
  15. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6194945
    ALBO D'ORO F1

    1950 Nino Farina (Ita) Alfa Romeo 158
    1951 Juan Manuel Fangio (Arg) Alfa Romeo 159
    1952 Alberto Ascari (Ita) Ferrari 500 F2
    1953 Alberto Ascari (Ita) Ferrari 500 F2
    1954 Juan Manuel Fangio (Arg) Mercedes W196
    1955 Juan Manuel Fangio (Arg) Mercedes W196
    1956 Juan Manuel Fangio (Arg) Ferrari-Lancia D50
    1957 Juan Manuel Fangio (Arg) Maserati 250F
    1958 Mike Hawthorn (GB) Ferrari 246
    1959 Jack Brabham (Aus) Cooper-Climax T51
    1960 Jack Brabham (Aus) Cooper-Climax T51
    1961 Phil Hill (Usa) Ferrari 156
    1962 Graham Hill (GB) BRM P57
    1963 Jim Clark (GB) Lotus-Climax 25
    1964 John Surtess (GB) Ferrari 158
    1965 Jim Clark (GB) Lotus-Climax 25 e 33
    1966 Jack Brabham (Aus) Brabham-Repco BT19
    1967 Denny Hulme (N.ZEL) Brabham-Repco BT24
    1968 Graham Hill (GB) Lotus-Ford 49B
    1969 Jackie Stewart (GB) Matra-Ford MS 80
    1970 Jochen Rindt (Aut) Lotus-Ford 49C e 72
    1971 Jackie Stewart (GB) Tyrrell-Ford 003
    1972 Emerson Fittipaldi (Bra) Lotus-Ford 72
    1973 Jackie Stewart (GB) Tyrrell-Ford 006
    1974 Emerson Fittipaldi (Bra) McLaren-Ford M23
    1975 Niki Lauda (Aut) Ferrari 312T
    1976 James Hunt (GB) McLaren-Ford M23
    1977 Niki Lauda (Aut) Ferrari 312 T2
    1978 Mario Andretti (Usa) Lotus-Ford 79
    1979 Jody Scheckter (SAF) Ferrari 312T4
    1980 Alan Jones (Aus) Williams-Ford FW07B
    1981 Nelson Piquet (Bra) Brabham-Ford BT49C
    1982 Keke Rosberg (Fin) Williams FW08
    1983 Nelson Piquet (Bra) Brabham-BMW BT52
    1984 Niki Lauda (Aut) McLaren-Tag Porsche
    1985 Alain Prost (Fra) McLaren-Tag Porsche
    1986 Alain Prost (Fra) McLaren-Tag Porsche
    1987 Nelson Piquet (Bra) Williams-Honda FW11/B
    1988 Ayrton Senna (Bra) McLaren-Honda MP4/4
    1989 Alain Prost (Fra) McLaren-Honda MP4/5
    1990 Ayrton Senna (Bra) McLaren-Honda MP4/5B
    1991 Ayrton Senna (Bra) McLaren-Honda MP4/6
    1992 Nigel Mansell (GB) Williams-Renault FW14B
    1993 Alain Prost (Fra) Williams-Renault FW15C
    1994 Michael Schumacher (Ger) Benetton-Ford B194
    1995 Michael Schumacher (Ger) Benetton-Renault B195
    1996 Damon Hill (GB) Williams-Renault FW18
    1997 Jacques Villeneuve (Can) Williams-Renault FW19
    1998 Mika Hakkinen (Fin) McLaren-Mercedes MP4/13
    1999 Mika Hakkinen (Fin) McLaren-Mercedes MP4/14
    2000 Michael Schumacher (Ger) Ferrari F1-2000
    2001 Michael Schumacher (Ger) Ferrari F1-2001
    2002 Michael Schumacher (Ger) Ferrari F1-2002
    2003 Michael Schumacher (Ger) Ferrari F1-2003GA
    2004 Michael Schumacher (Ger) Ferrari F-2004
    2005 Fernando Alonso (Spa) Renault R25
    2006 Fernando Alonso (Spa) Renault R 26
    2007 Kimi Raikkonen (Fin) Ferrari F1- F2007
    2008 Lewis Hamilton (GB) McLaren-Mercedes MP4/23
    2009 Jenson Button (GB) Brawn GP BGP001
    2010 Sebastian Vettel (Ger) Red Bull R6
    2011 Sebastian Vettel (Ger) Red Bull R7

  F1 2011: Gp del Giappone

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina