1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6238978
    E si torna nuovamente in pista per un nuovo appuntamento del mondiale di F1.
    Questo Week-end, direttamente dal circuito da Yas Marina seguiremo il Gp di Abu Dhabi :D

    Presentazione
    a cura di http://www.blogf1.it/
    Entrato nel calendario di Formula 1 nel 2009, anche questo tracciato fa parte dei nuovi impianti disegnati da Hermann Tilke. Realizzato su un’isola artificiale, a poco meno di mezz’ora del centro di Abu Dhabi, lo Yas Marina Circuit è il fiore all’occhiello del Medio Oriente: quest’anno ospiterà la penultima tappa del mondiale 2011.

    Difficile trovare uno scenario spettacolare come quello dell’isola di Yas Marina: numerosi gli alberghi a cinque stelle che ben si adattano al clima d’élite che si respira in F1. Un classico esempio è lo Yas Marina Hotel, realizzato direttamente sulla pista: 85 mila mq distribuiti su due torri di dodici piani, ciascuna con cinquecento stanze.

    Tutto quello che circonda il circuito è spettacolare. Peccato, però, che il layout del tracciato non sia all’altezza. Lo Yas Marina Circuit è caratterizzato da due lunghi rettilinei, spezzati da chicane e curve lente. Per configurazione, ricorda in parte il tracciato di Singapore. Quello di Abu Dhabi, pur essendo un tracciato permanente, non offre grandi spunti per sorpassare e spesso la sede stradale è molto stretta.

    Con la gara che parte al tramonto per terminare in notturna, si viene a creare un effetto scenico davvero esaltante. Peccato che, salvo qualche colpo di scena, lo spettacolo in pista diventa una semplice passerella di vetture. Sorpassare è davvero complicato: basti pensare a Fernando Alonso, lo scorso anno, bloccato dietro a Petrov dopo che il team aveva sbagliato la strategia di gara, perdendo di fatto un mondiale quasi vinto. L’unica speranza di vedere qualche sorpasso in più è data dal sistema DRS, dato che la FIA ha confermato che per questo evento di Abu Dhabi sarà riproposta la doppia zona di utilizzo che dovrebbe facilitare i sorpassi.

    Su questa pista, appena un anno fa, è iniziata l’avventura della Pirelli per il suo ritorno in Formula 1. Molti test sono stati effettuati qui, anche in condizioni di bagnato artificiale. Tutto ciò ha permesso al gommista italiano di poter raccogliere una quantità massiccia di informazioni. La combinazione scelta per questo GP prevede l’utilizzo delle mescole medie (prime) e morbide (option). Paul Hembery, direttore di Pirelli Motorsport, ha così commentato la scelta: “Abu Dhabi è una pista a noi molto familiare, sappiamo che le mescole medium e soft si adatteranno molto bene alle caratteristiche del tracciato”.


    INFO

    Lunghezza del circuito: 5,554 km
    Giri da percorrere: 55
    Distanza totale: 305,355 km
    Numero di curve: 21
    Senso di marcia: antiorario
    Mescole Pirelli: soffici/medie
    Apertura farfalla:

    RECORD
    Giro prova: 1:39.394 – S Vettel – Red Bull Renault – 2010
    Giro gara: 1:40.279 – S Vettel – Red Bull Renault – 2009
    Distanza: 1h34:03.414 – S Vettel – Red Bull Renault – 2009
    Vittorie pilota: 2 – S Vettel
    Vittorie team: 2 – Red Bull
    Pole pilota: 1 – L Hamilton, S Vettel
    Pole team: 1 – McLaren, Red Bull
    Km in testa pilota: 439 – S Vettel
    Km in testa team: 439 – Red Bull
    Migliori giri pilota: 1 – L Hamilton, S Vettel
    Migliori giri team: 1 – McLaren, Ferrari
    Podi pilota: 2 – S Vettel, J Button
    Podi team: 3 – Red Bull

    ———-
    Albo d’oro
    1. 2009 S Vettel – Red Bull Renault
    2. 2010 S Vettel – Red Bull Renault




    ORARI TV:
    Venerdì 11 Novembre
    13:00-14:30 (10:00-11:30) Prove Libere 1
    17:00-18:30 (14:00-15:30) Prove Libere 2

    Sabato 12 Novembre

    14:00-15:00 (11:00-12:00) Prove Libere 3
    17:00-18:00 (14:00-15:00) Qualifiche – Rai Due/Rai HD

    Domenica 13 Novembre
    17:00 (14:00) Gara – Rai Uno/Rai HD

    Tra parentesi gli orari italiani


    Il circuito (in allegato)
    (fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/)
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6243004
    Formula 1 - Schumi "La Svizzera è la mia patria"
    Michael Schumacher si lascia andare a un commento poco ortodosso in un'intervista rilasciata a un quotidiano svizzero, ma in Germania le sue parole non passano inosservate. "Schumi, come dovremmo interpretarla questa?", titola la Bild. FOTO: AP/LaPRESSE

    La patria è il luogo in cui si nasce o quello in cui ci si sente in piena armonia e in pace con se stessi? La domanda è stata posta anche a Michael Schumacher dal quotidiano “Neue Zuercher Zeitung”, e il sette-volte campione del mondo non ha avuto esitazioni nel rispondere: la Svizzera.

    “La mia unica patria è la Svizzera - ha affermato Schumi, nato nel 1969 vicino a Colonia, in Germania, ma residente da 15 anni nella Confederazione elvetica -. La Svizzera è armonia pura, qui sono felice al 100%, non c’è niente di più bello. La patria è il luogo in cui ci si sente felici, e per me è il Lago di Ginevra”.

    Pronta anche la replica da parte della “Bild”, il maggior quotidiano tedesco, che si è sentito “tradito” dalle dichiarazioni di uno degli sportivi più importanti nella storia della Germania. “Schumi, come dovremmo interpretarla questa?”, titolava il quotidiano chiedendo allo stesso Kaiser se non fosse il caso di cambiare cittadinanza.

    “Ma no, ma no, sono tedesco - ha rassicurato il pilota della Mercedes, provando a mettere una pezza alla gaffe -. Ho il passaporto tedesco, e quando posso vengo sempre in Germania di corsa”. Anche il suo entourage ha tentato di ricomporre i cocci del vaso spaccato con una dichiarazione ad effetto: “Il cuore di Schumi è così grande che c’è posto sia per la Svizzera che per la Germania”.

    Più secca, invece, la visione del magazine “Focus”, che spiega il “tradimento” di Schumacher con le condizioni fiscali più favorevoli in Svizzera. L’ex-ferrarista si è stabilito quattro anni fa in una villa di 2.200 metri quadrati sul Lago di Ginevra, e non è stato l’unico pilota a prendere questa decisione. Anche Sebastian Vettel, infatti, dopo aver seguito le sue orme in pista ha fatto lo stesso anche nella vita privata


    ------------
    Formula 1 - Massa "Spero che il 2012 sia migliore"
    Felipe Massa presenta il prossimo appuntamento sul circuito di Abu Dhabi, augurandosi di poter chiudere bene la stagione per essere subito competitivi nella prossima. FOTO: AP/LaPRESSE
    2011 Felipe Massa Ferrari Ap/LaPresse - 0

    "Sono appena arrivato ad Abu Dhabi da San Paolo, dove sono stato finora dopo l'ultimo round del campionato, disputato a Nuova Delhi" scrive Felipe Massa sul proprio diario sul sito della Ferrari. "A causa della lunghezza con cui si concluderà la stagione di Formula 1, a fine novembre, non ho potuto prendere parte alle Finali Mondiali Ferrari, che si sono svolte al Mugello lo scorso fine settimana, ma ho ben chiaro il messaggio esposto in quell'occasione dal nostro Presidente Montezemolo e da Domenicali, su quanto il mio ruolo sarà di traino nella prossima stagione per la Scuderia. Per me è di fondamentale importanza poter contare sull'appoggio di tutta la squadra, anche se in questo preciso momento quello che conta di più è dare il massimo nelle ultime due gare della stagione", prosegue il brasiliano.

    SUBITO COMPETITIVI NEL 2012 - "Con il team stiamo già guardando al prossimo anno, sapendo che l'obiettivo del nostro pre-campionato deve essere quello di produrre un pacchetto che sia competitivo fin dal primo Gran Premio, che ci consenta di lottare per la vittoria ad ogni gara. Nel 2012 dobbiamo avere una stagione migliore di quella che si sta concludendo. Ad Abu Dhabi ho guidato solo una volta lo scorso anno, dopo aver mancato la gara inaugurale nel 2009, a causa del mio infortunio. La struttura è fantastica e la pista abbastanza interessante. Un aspetto negativo è che finora non si sono visti molti sorpassi, ma quest'anno grazie al contributo del DRS mi aspetto qualcosa in più", auspica Felipe.

    ABU DHABI, UNA CORSA SPECIALE - "E' una gara unica come tempistiche, che inizia con la luce del giorno e si conclude sotto la luce artificiale: l'illuminazione del tracciato è eccellente e non rappresenta uno svantaggio, anzi è positivo correre di sera perché le temperature si abbassano. Per noi queste ultime due gare rappresentano un'ultima possibilità per ottenere buoni risultati, oltre ad essere parte integrante della nostra preparazione per il 2012. Abbiamo cercato di individuare componenti che possano adattarsi alla nuova monoposto, ma anche valutato nuove idee in termini di conduzione e set-up. Penso che nella nostra preparazione sia importante non solo il punto di vista tecnico ma anche l'approccio al weekend di gara", prosegue.

    "La gara di Yas Marina è un appuntamento speciale per la Ferrari, particolarmente legata ad Abu Dhabi perché proprio accanto al circuito sorge il Ferrari World, il nostro parco tematico. L'anno scorso sono andato a fare un giro sulle montagne russe ed è stata un'esperienza fantastica, non vedo l'ora di tornarci perché questa volta porto anche mia moglie!".


    ---------
    Gran Premio di Abu Dhabi - Alonso "Vorrei vincere di nuovo"
    L'asturiano confessa di essere in crisi d'astinenza da successi e spera di poter ottenere un buon risultato anche per gratificare il team all'interno della squadra, che si sta dando molto da fare per approntare una monoposto che sia la migliore possibile

    "Ormai siamo arrivati alla fine di questo campionato: in ballo c'è ancora il secondo posto nella classifica Piloti ma, se devo essere sincero, sarei molto più contento se riuscissimo ad aggiungere un altro successo a quello conquistato a Silverstone nel luglio scorso".

    Fernando Alonso, nel suo diario pubblicato sul sito di Maranello, non nasconde la sua voglia di chiudere nel migliore dei modi la stagione. "Parlando con i ragazzi della squadra - continua lo spagnolo - ho capito che ci terrebbero davvero a darmi la possibilità di arrivare secondo in campionato e mi fa molto piacere che sia così perché capisco che lo sentono come una sorta di riconoscimento per tutti gli sforzi fatti durante la stagione. Però lo sapete come siamo fatti noi piloti: vogliamo sempre arrivare primi, i piazzamenti hanno un significato relativo. Sono perfettamente consapevole che vincere sarà molto ma molto difficile. In quest'ultimo scorcio di stagione i rapporti di forza sono molto chiari, ma abbiamo visto anche che ci possono essere delle condizioni tali per cui ci possiamo ritrovare a lottare per la vittoria, com'è accaduto ad esempio a Suzuka. Noi sappiamo che, se facciamo tutto alla perfezione, ce la possiamo giocare per il podio ma il nostro piazzamento naturale in qualifica è rappresentato dalla terza fila. In gara poi le cose possono andare diversamente ma la realtà è questa. L'obiettivo quindi è il podio, un risultato che, fra l'altro, mi permetterebbe di colmare una lacuna nella mia stanza dei trofei, visto che quello di Abu Dhabi è l'unico che mi manca di tutte le gare ancora parte del calendario iridato".

    "Sono sicuro - continua Alonso - che la domanda più gettonata negli incontri con la stampa di domani riguarderà il ritorno sul circuito di Yas Marina dopo la gara dello scorso anno. Non sarei sincero se vi dicessi che non ci penserò con un po' di disagio domani mattina, quando entrerò per la prima volta nel paddock, ma poi questa sensazione sparirà e lascerà spazio al presente, che vuol dire cercare di far bene in questo fine settimana, e al futuro, cioè a imparare oggi quanto più possibile in vista del prossimo anno. E' giusto che sia così perché nello sport, come nella vita del resto, bisogna sempre guardare avanti. Abu Dhabi 2010 è stata comunque una tappa importante nella mia carriera e, ne sono sicuro, il mio rapporto con la Ferrari è diventato, anche attraverso quella brutta giornata, ancora più forte".


    ----------
    Formula 1 - Ecclestone e la mazzetta tedesca
    Il patron della F1 testimone nel processo contro un ex banchiere. Presso la Corte di Monaco di Baviera, si procede contro Gerhard Gribkwosky, accusato di aver intascato da Ecclestone per dei soldi per evitare controlli fiscali sull'acquisizione dei diritti tv

    Svolta importante nel processo che si sta svolgendo a Monaco di Baviera a carico del banchiere tedesco Gerhard Gribkowsky e che coinvolge in veste di testimone anche il patron della Formula 1 Bernie Ecclestone. Quest’ultimo ha dichiarato di aver pagato una mazzetta all’ex impiegato della Bayern Landesbank per evitare che il Fisco britannico svolgesse dei controlli sull’acquisione, per 66 milioni di euro, da parte dell’istituto di credito di una quota della Formula 1 nel 2006.

    “Barbara Stockinger, portavoce del Pubblico ministero di Monaco, ha dichiarato alla stampa: “Il signor Ecclestone sarà interrogato in giornata, il pm ha emesso un mandato di comparizione nei suoi confronti. Lo riteniamo un testimone fondamentale per questo processo”. La Stockinger aggiunge: “Ha fornito importante verifiche alle nostre indagini con le sue dichiarazioni e ha certificato l’esistenza di pagamenti di somme di denaro al signor Gribkowsky”. L'81enne dirigente ha assicurato di aver agito sempre nel rispetto della legge, ma che voleva evitare il rischio di un'ispezione. Ecclestone ha negato che Gribkowsky avrebbe voluto ricattarlo. "Non mi minacciò mai direttamente". Eppure, ha detto che temeva che il tedesco potesse riferire tutto alle autorità. "Sarebbe stato un disastro per me".

    In qualità di testimone, al momento Bernie Ecclestone non risulta nell’elenco degli indagati da parte della procura, ma questo non esclude che ulteriori sviluppi della vicenda portino a un'incriminazione per il numero 1 del Circus. Per Gribkowsky si parla, invece, di corruzione e appropriazione indebita, avendo guadagnato una cifra intorno ai 32 milioni di euro sull'affare portato a termine dal suo istituto di credito per l'acquisizione dei diritti tv sulla Formula 1 dal fallito gruppo Kirch.





    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  3. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6243535
    Raikkonen conferma le trattative con la Williams per il ritorno in F1
    Un accordo non è ancora stato raggiunto ma Kimi Raikkonen ha finalmente ammesso di essere in trattativa con la Williams per tornare in Formula 1 l’anno prossimo.

    “Stiamo trattando con la Williams, ma non ho ancora firmato alcun accordo” ha dichiarato Raikkonen al giornale Turun Sanomat. “Nulla è cambiato” ha aggiunto Raikkonen.

    Dopo aver lasciato la F1 alla fine del 2009, Raikkonen ha corso principalmente nel mondiale rally e ha provato anche a correre in NASCAR.

    “E’ stato divertente e, rispetto al mio livello iniziale, sono migliorato molto” ha dichiarato in riferimento ai rally.

    Con un Michael Schumacher che si è ritrovato in difficoltà dopo 3 anni di assenza dalla F1, Raikkonen ha minimizzato la sfida di un ritorno in F1: “E’ quello che ho fatto per la maggior parte della mia vita. E’ molto più difficile provare a fare qualcos’altro”.

    La F1 non è cambiata molto dal 2009 secondo Raikkonen: “Da quello che ho visto in TV no. La principale differenza è data dalle gomme”.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com/


    --------------
    Formula 1 - Rosberg e Mercedes insieme fino al 2013
    Nico Rosberg resterà con la Mercedes almeno fino al 2013 e farà nuovamente coppia con Michael Schumacher nella prossima stagione. Spente le voci di mercato che lo volevano al volante della Ferrari

    Nico Rosberg e Ferrari è un matrimonio che non si consumerà, almeno per il momento. Il pilota tedesco, sul quale si era chiacchierato parecchio negli ultimi giorni riguardo a un possibile scambio con Felipe Massa, ha rinnovato con la Mercedes fino al 2013 con opzione per la stagione successiva.

    “Sono molto contento per il prolungamento del contratto - ha commentato Rosberg -. Vincere con una Freccia d’Argento sarà il mio più grande obiettivo e farò di tutto per aiutare la mia squadra a diventare uno dei migliori team nella Formula1. Il futuro mi ispira: sono sicuro che la prossima macchina sarà molto competitiva e che saremo degni di raccogliere l’eredità delle Frecce d’Argento. Ci sarà da divertirsi nei prossimi anni in Mercedes”.

    “Siamo molto contenti di aver prolungato con Nico – ha aggiunto il team principal, Ross Brawn, che ha annunciato una strategia ambiziosa per la prossima stagione – perché è un pilota valido che potrà vincere tanto in futuro. Ha raccolto grandi risultati negli ultimi due anni in Mercedes, ha una grande etica del lavoro e, con Michael, avremo due piloti di qualità che aiuteranno la squadra a migliorare in continuazione. Puntiamo a rafforzarci, e daremo a Nico una macchina competitiva che gli permetterà di lottare per la sua prima vittoria in Formula1”.

    Michael Schumacher ha già firmato un’estensione contrattuale per il 2012 ma potrebbe prolungare anche fino al 2013 la sua lunghissima carriera nel circus, e mantenere dunque invariata la line-up della Mercedes per le prossime due stagioni.


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  4. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6244599
    Gran Premio di Abu Dhabi - Hamilton tende la mano a Felipe Massa
    "Dovremo incontrarci a metà strada però", ha commentato l'inglese intento a chiarirsi dopo l'ennesima collisione col brasiliano durante il Gran Premio indiano. "La volontà non può venire solo da una parte!, ha concluso (FOTO AP/LaPresse)

    Lewis Hamilton pronto a chiarirsi una volta per tutte con Felipe Massa dopo l'ennesima collisione in pista nel Gran Premio indiano. Quello sul nuovo circuito di Buddh e' stato il quinto contatto della stagione tra i due. Il campione del mondo 2008 ha ribadito di non aver problemi con Massa. "Non ho parlato con lui", ha detto Hamilton ad Abu Dhabi.

    "Vorrei fare chiarezza, ma dobbiamo incontrarci a metà strada, la volontà non può venire solo da una parte. Anche Lui deve essere disposto" ha aggiunto Hamilton. "Abbiamo avuto i nostri scontri in pista, ma realmente non ho alcun problema con lui, ed è stato così per tutto l'anno".

    Per la gara di Abu Dhabi Lewis si propone di lottare per la vittoria e "neanche lontanamente" con Massa in questo fine settimana. "Non ho assolutamente intenzione di essere vicino a Lui" ha concluso.



    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6244885
    GP Abu Dhabi, Prove Libere 1: Button al comando
    Miglior tempo per Jenson Button nella prima sessione di prove libere del GP Abu Dhabi di Formula 1 che ha visto una McLaren davvero in forma. A negare la doppietta al team di Woking è stato Mark Webber (Red Bull), balzato in seconda posizione negli ultimi istanti della sessione scavalcando Lewis Hamilton, terzo.

    Quarto tempo per Sebastian Vettel (Red Bull) che precede le due Ferrari di Fernando Alonso e Felipe Massa.

    Adrian Sutil è settimo con la Force India davanti alla Mercedes di Nico Rosberg. Paul di Resta e Jaime Alguersuari completano la top 10 mentre i test driver del venerdì, Jean-Eric Vergne (Toro Rosso) e Romain Grosjean (Renault) hanno ottenuto l’11mo e il 12mo tempo.

    Hamilton è entrato in pista nelle prime fasi della sessione girando in 1.43.899 dopo i primi 20 minuti. L’inglese ha poi fatto segnare ottimi tempi in un long run di 11 giri concluso con un 1.41.846.

    Intanto Barrichello è stato costretto a parcheggiare la sua Williams alla curva 13 per un problema tecnico. Dopo i primi 35 minuti Vettel si è portato in seconda posizione a 1″7 con un decimo di vantaggio su Maldonado che per primo ha montato le gomme morbide.

    Ciò ha portato più azione in pista con Hamilton davanti a Vettel, Webber, Alonso, Button e Maldonado.

    Button si è poi portato a 15 millesimi da Hamilton e quando le due Red Bull di Webber e Vettel hanno iniziato a far segnare giri veloci solo Button è stato in grado di rispondere con 1.40.955 e staccando tutti gli altri di mezzo secondo.

    Dopo 55 minuti Hamilton si è riportato in testa con 1.40.466 prima di tornare ai box. Vettel si è poi portato in seconda posizione a 341 millesimi, inserendosi tra le due McLaren. Massa invece, salito in quinta posizione, è finito in testacoda alla curva 1.

    Problemi simili poco dopo anche per Alonso alla curva 5 e per Heikki Kovalainen. Lo spagnolo è finito fuori pista 10 minuti dopo, a conferma delle difficoltà della Ferrari nel trovare il giusto bilanciamento.

    I top driver hanno poi girato con le gomme soft sperimentali negli ultimi 15 minuti e Button è stato il primo a migliorare girando in 1.40.263 portandosi in testa. Anche Webber è riuscito a migliorare ma non abbastanza per superare le McLaren.

    L’australiano ci è poi riuscito negli ultimi minuti portandosi a 126 millesimi da Button. Tutti gli altri non sono riusciti a migliorare per la presenza in pista di alcuni detriti della vettura di Petrov e relative bandiere gialle.



    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com

    -------------
    Risultati completi prove libere1
    Pos Pilota Team Tempo Giri
    1. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m40.263s 21
    2. Mark Webber Red Bull-Renault 1m40.389s + 0.126 26
    3. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m40.403s + 0.140 27
    4. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m40.755s + 0.492 27
    5. Fernando Alonso Ferrari 1m40.801s + 0.538 25
    6. Felipe Massa Ferrari 1m41.260s + 0.997 17
    7. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m41.340s + 1.077 23
    8. Nico Rosberg Mercedes 1m42.130s + 1.867 26
    9. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m42.151s + 1.888 28
    10. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m42.377s + 2.114 26
    11. Jean-Eric Vergne Toro Rosso-Ferrari 1m42.633s + 2.370 26
    12. Romain Grosjean Renault 1m42.685s + 2.422 29
    13. Vitaly Petrov Renault 1m43.118s + 2.855 13
    14. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m43.255s + 2.992 29
    15. Michael Schumacher Mercedes 1m43.389s + 3.126 24
    16. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m44.412s + 4.149 28
    17. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m44.484s + 4.221 18
    18. Heikki Kovalainen Lotus-Renault 1m44.565s + 4.302 27
    19. Jarno Trulli Lotus-Renault 1m44.898s + 4.635 25
    20. Tonio Liuzzi HRT-Cosworth 1m46.385s + 6.122 28
    21. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m46.532s + 6.269 27
    22. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m48.024s + 7.761 20
    23. Robert Wickens Virgin-Cosworth 1m48.551s + 8.288 23
    24. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 3
  6. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6245398
    GP Abu Dhabi, Prove Libere 2: Hamilton il più veloce, incidenti per Vettel e Alonso
    Lewis Hamilton ha ottenuto il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere del GP Abu Dhabi di Formula 1. A Yas Marina il pilota della McLaren ha preceduto il suo compagno di squadra, Jenson Button.

    La curva 1 si è però rivelata una trappola per due campioni del mondo: Sebastian Vettel e Fernando Alonso sono infatti finiti entrambi nelle barriere durante la sessione. L’incidente dello spagnolo ha costretto il ferrarista a concludere anzi tempo le sue prove. Alonso ha comunque ottenuto il terzo tempo davanti all’altra Ferrari di Felipe Massa e alle Red Bull di Mark Webber e Vettel.

    Michael Schumacher, autore di diversi fuoripista, è settimo davanti alle Force India di Adrian Sutil e Paul di Resta e alla Sauber di Kamui Kobayashi.

    Un inizio serrato di sessione ha visto Di Resta portarsi in testa con 1.42.550 ma poco dopo Webber lo ha battuto di mezzo secondo. La Red Bull ha quindi dominato per 15 minuti con Vettel davanti a Webber ma l’australiano ha subito risposto con 1.40.723. I due si sono dati ancora battaglia e Vettel ha girato in 1.40.197. Tutti i piloti più veloci nelle prime fasi hanno utilizzato le nuove gomme Pirelli sperimentali.

    Alonso si è poi portato in seconda posizione con la Ferrari e poi con 1.40.141 si è portato al comando con gomme soft e poi con 1.39.971 alla fine del run.

    Verso metà sessione Red Bull e McLaren si sono concentrate sui long run e Webber è stato protagonista di un testacoda alla curva 18. A 40 minuti dal termine le McLaren hanno montato le gomme soft ufficiali per questa gara (non le sperimentali) e Hamilton si è subito portato in testa con 1.39.586, seguito da Button con 1.39.785.

    Anche la Red Bull ha montato le Pirelli soft e Vettel è finito nelle barriere mentre era quinto. Il tedesco è passato sul cordolo alla curva 1, ha perso il controllo del posteriore ed è finito lateralmente nelle barriere. Qualche danno per la RB7 oltre all’ala anteriore ma Vettel è stato poi in grado di tornare a girare.

    Dopo 10 minuti Alonso ha imitato il campione del mondo in carica ma la Ferrari ne è uscita visibilmente danneggiata all’ala posteriore e alla sospensione.

    La McLaren e Webber si sono quindi concentrati sui long run e negli ultimi 20 minuti non ci sono stati sconvolgimenti della classifica.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com

    ------------
    Risultati completi prove libere2
    Pos Pilota Team Tempo Giri
    1. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m39.586s 31
    2. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m39.785s + 0.199 30
    3. Fernando Alonso Ferrari 1m39.971s + 0.385 20
    4. Felipe Massa Ferrari 1m39.980s + 0.394 34
    5. Mark Webber Red Bull-Renault 1m40.104s + 0.518 35
    6. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m40.132s + 0.546 26
    7. Michael Schumacher Mercedes 1m40.553s + 0.967 34
    8. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m40.951s + 1.365 34
    9. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m41.021s + 1.435 37
    10. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m41.490s + 1.904 34
    11. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m41.565s + 1.979 34
    12. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m41.680s + 2.094 33
    13. Vitaly Petrov Renault 1m41.947s + 2.361 31
    14. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m41.983s + 2.397 34
    15. Bruno Senna Renault 1m42.369s + 2.783 36
    16. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m42.798s + 3.212 35
    17. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m42.910s + 3.324 34
    18. Heikki Kovalainen Lotus-Renault 1m43.562s + 3.976 36
    19. Jarno Trulli Lotus-Renault 1m44.050s + 4.464 38
    20. Nico Rosberg Mercedes 1m44.265s + 4.679 41
    21. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m45.486s + 5.900 34
    22. Jerome D'Ambrosio Virgin-Cosworth 1m46.142s + 6.556 32
    23. Tonio Liuzzi HRT-Cosworth 1m46.249s + 6.663 21
    24. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m46.328s + 6.742 34
  7. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6245852
    F1: nuova polemica sui diffusori?
    La polemica sui diffusori in F1 non si sarebbe ancora conclusa. Nonostante la controversia scoppiata a Silverstone a luglio la Federazione aveva alla fine deciso di rendere effettivo il divieto sui diffusori soffiati a partire dal 2012. Recentemente si è appreso che la FIA ha aggiunto nuove ed importanti limitazioni per evitare che gli scarichi possano essere usati per ottenere un aumento del carico aerodinamico.

    Ma intervistato da O Estado de S.Paulo ad Abu Dhabi in merito ad un possibile dominio della Red Bull anche nella prossima stagione nonostante l’assenza dei diffusori soffiati, Mark Webber ha risposto: “Forse potremo ancora utilizzare questa idea. Ci sono voci riguardo un possibile utilizzo dei diffusori soffiati anche l’anno prossimo” ha spiegato l’australiano.

    McLaren e Red Bull starebbero spingendo per tornare al regolamento attuale sostenendo che i progetti per il 2012 sono già troppo avanzati e si ritroverebbero penalizzate dall’ultima direttiva della FIA.

    D’altra parte Ferrari, Sauber e HRT spingono per regole ferree sui diffusori.

    Red Bull e McLaren si sarebbero rifiutate di approvare il nuovo divieto della FIA al recente meeting della F1 Commission, si tratta di modifiche che devono essere accettate dai team prima di essere ratificate dalla FIA a dicembre. HRT potrebbe decidere quindi di presentare una protesta ufficiale nelle ultime due gare mettendo in dubbio la legalità delle attuali soluzioni tecniche. Il team guidato da Colin Kolles, infatti, giustificherebbe questa azione sostenendo che dei team rivali hanno violato i patti di Silverstone in cui avevano accettato la messa al bando totale dei diffusori soffiati per il 2012.


    ------------
    Diffusori soffiati, i team votano per il divieto per il 2012
    I team di Formula 1 non potranno utilizzare alcun tipo di scarichi soffianti in rilascio l’anno prossimo dal momento che Ferrari, Sauber e HRT hanno votato contro ogni possibile variante dei diffusori soffiati in vista del GP Abu Dhabi.

    La FIA, resasi conto che l’obbligo di adottare scarichi alti nel 2012 non avrebbe impedito di sfruttare i gas di scarico per migliorare l’aerodinamica, aveva diramato il mese scorso un’ulteriore direttiva che inaspriva maggiormente le limitazioni in termini di mappature del motore.

    La decisione aveva scontentato diversi team, preoccupati di dover rivedere i propri progetti in vista del 2012. Il soffiaggio degli scarichi ad acceleratore non premuto infatti avrebbe infatti comportato l’utilizzo di un serbatoio più grande.

    Nonostante la decisione della FIA diversi team stavano spingendo per reintegrare nelle regole per il 2012 il soffiaggio degli scarichi in rilascio. Alla riunione della Formula 1 Commission della scorsa settimana, nonostante si vociferasse di un accordo unanime tra i team, Ferrari, Sauber e HRT hanno invece votato contro rimandando la questione al Technical Working Group. Riunitosi oggi ad Abu Dhabi il gruppo di lavoro ha discusso ancora delle regole e di una clausola che avrebbe permesso il soffiaggio degli scarichi ma questa è stata di nuovo rifiutata da Ferrari, Sauber ed HRT ed è stata quindi accantonata per ora.

    La regola avrebbe permesso di definire “incidentale” e quindi non illegale qualsiasi soffiaggio degli scarichi che interferisce con l’aerodinamica delle vetture.

    Il Technical Working Group avrebbe però deciso di rivalutare la questione in vista del 2013.

    Dal momento che la FIA ha già chiarito la sua posizione in merito e i team non sono riusciti a trovare un accordo unanime dall’anno prossimo qualsiasi tipo di soffiaggio degli scarichi in rilascio sarà considerato una violazione dell’Articolo 3.15 del Regolamento Tecnico della F1, che “vieta l’utilizzo di parti aerodinamiche che usano il movimento del pilota per alterare le caratteristiche aerodinamiche”.





    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com
  8. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6246036
    GP Abu Dhabi, Prove Libere 3: Hamilton ancora il più veloce
    Lewis Hamilton ha ottenuto il miglior tempo anche nella terza sessione di prove libere del GP Abu Dhabi di Formula 1. L’inglese della McLaren Mercedes ha preceduto il campione del mondo Sebastian Vettel (Red Bull Racing) e Mark Webber mentre Jenson Button è quarto con l’altra McLaren.

    Sessione tranquilla per Fernando Alonso, quinto con la Ferrari, davanti alla Mercedes di Nico Rosberg. Settimo tempo per Felipe Massa (Ferrari) davanti alle due Force India di Adrian Sutil e Paul di Resta. Michael Schumacher completa la top 10 con l’altra Mercedes.

    Dopo un avvio lento la sessione si è fatta interessante negli ultimi cinque minuti. Webber è stato il primo a mostrare le sue carte con 1.39.668 seguito da Vettel poco dopo. Hamilton ha poi girato in 1.39.177 e poco dopo in 1.38.976. Vettel è poi salito in seconda posizione e Webber non è riuscito a rispondere ai loro tempi.


    Fonte: http://f1grandprix.motorionline.com/

    ----------
    Risultati completi prove libere3
    Pos Driver Team/Car Time Gap Laps
    1. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m38.976s 17
    2. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m39.403s + 0.427s 18
    3. Mark Webber Red Bull-Renault 1m39.427s + 0.451s 18
    4. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m39.429s + 0.453s 16
    5. Fernando Alonso Ferrari 1m39.661s + 0.685s 16
    6. Nico Rosberg Mercedes 1m40.135s + 1.159s 19
    7. Felipe Massa Ferrari 1m40.183s + 1.207s 18
    8. Adrian Sutil Force India-Mercedes 1m40.429s + 1.453s 21
    9. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m40.511s + 1.535s 19
    10. Michael Schumacher Mercedes 1m40.938s + 1.962s 18
    11. Bruno Senna Renault 1m41.509s + 2.533s 21
    12. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m41.527s + 2.551s 21
    13. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m41.566s + 2.590s 20
    14. Vitaly Petrov Renault 1m41.594s + 2.618s 18
    15. Sebastien Buemi Toro Rosso-Ferrari 1m41.622s + 2.646s 18
    16. Jaime Alguersuari Toro Rosso-Ferrari 1m41.855s + 2.879s 18
    17. Pastor Maldonado Williams-Cosworth 1m42.025s + 3.049s 19
    18. Heikki Kovalainen Lotus-Renault 1m43.409s + 4.433s 22
    19. Rubens Barrichello Williams-Cosworth 1m43.861s + 4.885s 5
    20. Timo Glock Virgin-Cosworth 1m45.262s + 6.286s 23
    21. Tonio Liuzzi HRT-Cosworth 1m45.302s + 6.326s 20
    22. Jerome D'Ambrosio Virgin-Cosworth 1m45.509s + 6.533s 22
    23. Daniel Ricciardo HRT-Cosworth 1m45.732s + 6.756s 20
    24. Jarno Trulli Lotus-Renault 1
  9. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6246206
    Gran Premio di Abu Dhabi - Vettel come Mansell! Ferrari in ritardo
    Ad Abu Dhabi, il tedesco della Red Bull centra la 14esima pole stagionale eguagliando così il record di un mito come Nigel Mansell. Alle spalle del tedesco le McLaren di Hamilton e Button. Webber precede le Ferrari di Alonso e Massa. Ultime due posizioni per le Williams

    Cannibale, insaziabile o più semplicemente vincente. Sebastian Vettel, nonostante il titolo in tasca, continua a dare spettacolo e ad Abu Dhabi, nel penultimo appuntamento del Mondiale 2011, centra la 14esima pole position stagionale eguagliando il record del 1992 di un mito come Nigel Mansell. Ma non è finita qui. Già, perché il fenomeno della Red Bull sale a quota 29 pole in carriera raggiungendo un altro mito della Formula Uno, Juan Manuel Fangio.

    Decisiva la zampata finale con cui Vettel gela il crono in 1’38”481 strappando la pole dalle mani di un Lewis Hamilton (+0.141) che aveva dominato fin lì, beffando anche l’altra McLaren di Jenson Button (+ 0.150). Più indietro tutti gli altri, a cominciare dall’altra Red Bull di Mark Webber e dalle due Ferrari di Fernando Alonso (+ 0.577) e Felipe Massa (+ 1.214), rispettivamente quinto e sesto ma mai in grado di lottare per la pole.

    Q2 – MALDONADO COMPLETA IL DISASTRO WILLIAMS – Disastro per Frank Williams che, dai box, non può nulla nemmeno quando Maldonado centra la 17esima posizione e viene così eliminato. Ma non è finita qui perché in realtà il pilota colombiano – avendo cambiato il motore – domenica scatterà in ultima posizione di fianco al compagno di squadra Barrichello. Probabilmente la peggior sessione di qualifiche nella storia della scuderia britannica. Oltre a Maldonado, non riescono a qualificarsi per l’ultima sessione di qualifiche anche i vari Senna, Petrov, Kobayashi, Buemi, Perez e Alguersuari.

    Q1 – BARRICHELLO NON PARTE NEMMENO - Lewis Hamilton fa segnare il miglior tempo nella prima manche di qualifiche del Gran Premio di Abu Dhabi. Il pilota anglo-caraibico della McLaren gira in 1'39"782, precedendo Mark Webber, Jenson Button e Sebastian Vettel. Nono crono per Fernando Alonso, 13^ Felipe Massa. Eliminati Heikki Kovalainen (Lotus), Jarno Trulli (Lotus), Timo Glock (Virgin), Daniel Ricciardo (HRT), Jerome D'Ambrosio (Virgin), Vitantonio Liuzzi (HRT) e Rubens Barrichello (Williams), con l'ex ferrarista che non è nemmeno sceso in pista. "Abbiamo avuto dei problemi sul motore già da stamattina, i meccanici hanno cercato di risolverlo ma non ci sono riusciti e io non sono potuto uscire – il commento amaro del brasiliano - Cambiare motore? Non lo so, è ancora da vedere, ma sono ultimo e mettere il motore nuovo oppure no non cambia nulla. Sono deluso".


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com


    -------------
    Risultati completi qualifiche
    In allegato
    Fonte: http://en.espnf1.com/

  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6246235
    INTERVISTE E COMMENTI POST-QUALIFICHE


    Gran Premio di Abu Dhabi - Alonso rassegnato "Speriamo nel podio"
    I commenti di tutti i protagonisti delle qualifiche di Abu Dhabi. Alonso si accontenta ma per la gara punta al massimo al podio; Hamilton, deluso, cercherà di vendicarsi di Vettel nella gara di domenica


    SEBASTIAN VETTEL (Red Bull, poleman) - "Dopo ieri pensavamo che si potesse fare di più e già nel pomeriggio la macchina andava meglio. Questa pista è difficile, si fanno le prove col sole, con la pista più calda, e la sera invece si fanno le qualifiche e non è facile fare tutto in modo corretto. Oggi il feeling con la macchina era migliore, anche passando alle morbide, ma non era facile fare tutto bene nello stesso giro. Qui ci sono molte curve, nell'ultimo settore ci sono molte possibilità di guadagnare tempo ma correndo dei rischi si possono fare degli errori. Non ero felice del primo giro nel Q3, è andato meglio il secondo e nel finale sono riuscito a farne uno sufficiente per superare Hamilton, che è andato forte per tutto il weekend".

    LEWIS HAMILTON (McLaren, secondo) - "Devo dire che è stata una bella sessione, anche ieri, con notevoli miglioramenti. Ero veloce e la macchina è andata sempre bene ma alla fine sono riuscito a fare solo quel tempo, non è stato un bel giro, sono andato meglio nella Q2. "Ma domani la corsa sarà diverso".

    JENSON BUTTON (McLaren, terzo) - "Sappiamo che la macchina ha il passo giusto. Si tratta solo di trovare il giusto equilibrio, un buon bilanciamento. Nel Q3 c'era un po' meno grip, la macchina si è comportata in maniera diversa ma siamo riusciti a migliorare il bilanciamento e ho fatto un buon giro".

    MARK WEBBER (Red Bull, quarto) - "Seb ha fatto un lavoro fantastico, mentre io sono deluso del quarto tempo. Nell'ultimo giro non è andata bene, da parte mia potevo fare di più, non è stata sicuramente una giornata ideale per quanto mi riguarda. Cercherò di spingere di più domani".

    FERNANDO ALONSO (Ferrari, quinto) – "Penso che sia la posizione che più o meno ci aspettavamo, credo che sia la nona volta (l'ottava in realtà, ndr) che parto quinto, è la nostra posizione, quella che dobbiamo accettare perché Red Bull e McLaren sono più forti nelle qualifiche mentre in gara siamo più simili. Le aspettative sono sempre le stesse, fare una buona partenza, avere una buona strategia e cercare di arrivare sul podio, che è il nostro obiettivo più realistico come lo è stato negli ultimi 5-6 Gp, consapevoli delle difficoltà che abbiamo. Il mio ha lavorato bene, so che c'è stato qualche problema con quello di Felipe, vediamo di avere domani ancora più dati- Magari con due alettoni diversi impariamo qualcosa di più".

    FELIPE MASSA (Ferrari, sesto) - "Anche oggi abbiamo visto loro andare molto veloci e quindi non è molto diverso da quello che abbiamo visto in India, quando il venerdì eravamo veloci ma loro hanno migliorato il sabato. Ho dovuto anche cambiare l'alettone anteriore ed ho perso un bel po' di performance"



    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/
  11. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6246404
    Formula 1 - Risolto il mistero dell'ala di Webber
    Il furto di Monza era stato portato a termine da un normale appassionato di Formula 1 e non rientra in un'opera di spionaggio da parte della concorrenza della Red Bull

    Formula 1 e spy-story vanno spesso a braccetto, si sa. Ma questa volta il giallo è rimasto in piedi soltanto per un po’. Poi per svelare l’arcano è bastata una lettera spedita a Marca, autorevole testata sportiva spagnola. E, tutto, è divenuto tremendamente normale.

    Ma andiamo con ordine. Siamo nel settembre scorso, durante l’attesissimo weekend del GP di Monza. Il pilota della Red Bull Mark Webber va a sbattere contro i muretti della prima chicane e rompe il musetto. Ma nel post-gara si scopre che a sparire è stata un’altra componente, l’ala.

    Un pezzo che viene dato per disperso e porta alle teorie complottiste più disparate. Nel paddock si arriva addirittura a vociferare che dietro questa misteriosa sparizione possa esserci la Ferrari, che avrebbe approfittato dell’incidente per copiare l’ala che stava portando la Red Bull al secondo titolo iridato consecutivo.

    Il mistero è rimasto tale sino ad oggi. Quando Marca ha pubblicato la lettera di un tifoso spagnolo, che ha svelato di essere il vero protagonista del furto. “Un commissario aveva messo da parte l’ala subito dopo l’incidente – ha scritto il “ladro” – e io l’ho tenuta d’occhio. Poi, a fine gara, mi sono avvicinato e l’ho presa. Non pensavo che fosse una questione così importante e comunque non ho mai pensato di darla alla Ferrari”.

    Soltanto un souvenir, altro che spy-story. Con buona pace di chi aveva sottolineato i misteriosi progressi dell’ala proposta dalla Rossa nei GP immediatamente successivi a quello di Monza...



    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com
  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6246619
  13. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6247026
    Gran Premio di Abu Dhabi - Vettel stecca, Hamilton vince su Alonso
    Il campione iridato esce al primo giro: Button chiude al terzo posto e tiene il secondo in classifica generale con dieci punti di vantaggio sullo spagnolo della Ferrari. Mark Webber è quarto, quinto Felipe Massa. Mercedes tra sesto e settimo posto con Rosberg e Schumacher. FOTO AP/LA PRESSE

    Sebastian Vettel è umano. Ma per capirlo è servito il penultimo GP stagionale, quello di Abu Dhabi. Al quale il campione iridato della Red Bull si presentava non soltanto con il record di pole position eguagliato, ma anche con il titolo in cassaforte ormai da tempo. Il tedesco questa volta ha steccato, con un errore dopo due curve che gli è costato il ritiro. A vincere è un ottimo Lewis Hamiton, che ha chiuso davanti a un Fernando Alonso che ci ha provato sino all’ultimo. Terzo posto per Jenson Button, quarto Mark Webber e quinto Felipe Massa.

    VETTEL SUBITO FUORI – Parte bene, benissimo il pilota della Red Bull. Ma l’errore è dietro l’angolo, alla seconda curva. Con le gomme ancora non in pressione, Vettel sbatte troppo violentemente contro il cordolo e fora. La sosta ai box non serve a nulla, il campione iridato getta la spugna dopo nemmeno un giro e lascia il palcoscenico ai rivali di sempre. Per lui si tratta del primo ritiro stagionale, fatto che non si verificava dal GP di Corea del 2010. Non mollava al primo giro addirittura da tre anni e veniva da 19 gare sempre a punti. Ma, evidentemente, anche lui è un essere umano.

    Il campione iridato esce al primo giro: Button chiude al terzo posto - 2 GRAN DUELLO HAMILTON-ALONSO – Ad approfittarne per primo è l’inglese, che scatta davanti a tutti e prova a fare il vuoto. Se non ci riesce è soltanto per merito di un Alonso che inizia una gara di pura tenacia e sofferenza. Il fiato sul collo dello spagnolo non permette a Hamilton di andare al di sopra dei cinque secondi di vantaggio e nemmeno la prima sosta ai box, operata al 15esimo giro, cambia gli equilibri. Perché la Ferrari, come sempre, fatica a mandare in temperatura le morbide. Ma nel giro di quattro-cinque giri torna a dare battaglia su ritmi vorticosi. Hamilton e Alonso continuano ad alternarsi con il miglior giro, facendo il vuoto. La svolta arriva a quindici tornate dal termine. Hamilton rallenta, Alonso si porta dietro di tre secondi e lascia andare ai box il pilota McLaren. Che mette le intermedie e fatica a tenere il passo dello spagnolo. Il vantaggio di Alonso sfiora i 20’’, ma non va oltre. E, così, a dici giri dal termine arriva l’ultima sosta del ferrarista. Che rientra con le medie dietro a Hamilton e perde ogni possibilità di vittoria. Il trionfo è tutto di Hamilton, che conquista il diciassettesimo GP in carriera davanti a un Alonso comunque soddisfatto dal primo podio ad Abu Dhabi.

    Il campione iridato esce al primo giro: Button chiude al terzo posto - 3 BUTTON VINCE TRA GLI ALTRI – La bagarre non manca, anche se i sorpassi sono soprattutto nelle retrovie. Alla fine la spunta il pilota della McLaren, che arriva terzo e tiene il secondo posto in classifica generale con dieci punti di vantaggio su Alonso, 22 su Webber e 28 su Hamilton (fuori dai giochi per la piazza d’onore in classifica piloti). Button non è brillante per colpa di problemi al kers, mentre a movimentare il tutto è l’insolita strategia della Red Bull, che al secondo pit stop di Webber monta ancora le soft all’australiano. La seconda guida rimonta a suon di tempi record (il migliore sarà proprio uno dei suoi: 1’42’’612) e si issa al terzo posto, ma non riesce a staccare Button. Arriva così il terzo stop nell’ultimo giro, ma Webber rientra dietro all’inglese. Quanto meno, è davanti a Massa. Il ferrarista, infatti, resta piuttosto in ombra e a quattro tornate dal termine va anche in testacoda, compromettendo definitivamente ogni possibilità di arrivare in quarta piazza. Se non altro, Nico Rosberg chiude dietro di lui (ma davanti a Michael Schumacher, per la prima volta a punti in una gara in oscurità).


    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/

    --------------
    Risultati completi gara
    In allegato
    Fonte: http://en.espnf1.com/

  14. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6247104
    Classifica mondiale piloti

    1 Vettel Sebastian (GER) 374
    2 Button Jenson (GBR) 255<
    3 Alonso Fernando (SPA) 245
    4 Webber Mark (AUS) 233
    5 Hamilton Lewis (GBR) 227
    6 Massa Felipe (BRA) 108
    7 Rosberg Nico (GER) 83
    8 Schumacher Michael (GER) 76
    9 Petrov Vitaly (RUS) 36
    10 Heidfeld Nick (GER) 34
    11 Sutil Adrian (GER) 34
    12 Kobayashi Kamui (JPN) 28
    13 Alguersuari Jaime (SPA) 2
    14 di Resta Paul (GBR) 23
    15 Buemi Sebastien (SVI) 15
    16 Perez Sergio (MEX) 14
    17 Barrichello Rubens (BRA) 4
    18 Maldonado Pastor (VEN) 1
    19 Kovalainen Heikki (FIN) 0
    20 Liuzzi Vitantonio (ITA) 0
    21 Karthikeyan Narain (IND) 0
    22 Glock Timo (GER) 0
    23 d'Ambrosio Jerome (BEL)
    24 Trulli Jarno (ITA) 0

    -----------
    Classifica mondiale costruttori

    1 Red Bull 595
    2 McLaren 442
    3 Ferrari 325
    4 Mercedes 145
    5 Renault 72
    6 Force India 2 51
    7 Sauber 41
    8 Toro Rosso 41
    9 Williams 5
    10 Lotus 0
    11 Hispania 0
    12 Virgin 0
  15. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6247109
    INTERVISTE E COMMENTI
    Gran Premio di Abu Dhabi - Horner "Vettel non ha sbagliato"
    Tutte le dichiarazioni dei protagonisti del GP di Abu Dhabi. FOTO AP/LA PRESSE

    Grandi emozioni nel GP di Abu Dhabi. Alla fine la spunta Lewis Hamilton, ma il pensiero di molti va all’errore di Sebastian Vettel dopo due curve. Ecco tutte le dichiarazioni a caldo.

    === MCLAREN ===

    LEWIS HAMILTON

    "Devo dire che è il compleanno di mia madre, quindi è stato stupendo vincere oggi. È stata una delle corse più belle, me lo dicevo mentre rallentavo. Sono riuscito a dare il massimo per tutta la gara ma ho controllato i pneumatici, il divario, il team ha fatto bene nei pit-stop, mi sento in estasi e questa sera potro' sorridere pensando alla gara".

    MARTIN WHITMARSH (team principal McLaren)

    “E’ stata una gara fantastica per Lewis. Alonso ha spinto sempre, ma Hamilton non ha commesso errori e abbiamo portato due piloti sul podio. Button è terzo soprattutto perché ha avuto problemi con il kers. Ottima giornata per noi, andremo in Brasile per chiudere in grande”.

    === RED BULL ===

    SEBASTIAN VETTEL

    “Sono molto sorpreso per quello che è successo, voglio capire bene quello che è accaduto. Quanto meno stare ai box mi ha aiutato a capire quello che fanno dietro al muretto”.

    MARK WEBBER

    “All'inizio c’è stata una bella lotta; ma poi è stato molto difficile questo Gran Premio. Non sono riuscito a tenere il passo di Hamilton e Alonso. È andata così: pazienza. Ci rifaremo in Brasile".

    CHRIS HORNER (team principal Red Bull)

    “E’ il nostro primo ritiro per ragioni meccaniche della stagione. C’è stata una foratura, cose che possano accadere. Vettel non poteva farci niente, non ha affato commesso errori. C’è stato qualcosa che ha forato il pneumatico e basta. Dopo è rimasto a guardare tutta la corsa ai box per capire cosa era successo e aiutare Webber con la strategia”.


    --------------------
    Gran Premio di Abu Dhabi - Alonso "Di più non potevo fare..."
    Tutte le dichiarazioni della Ferrari dopo il GP di Abu Dhabi. Felipe Massa accampa un paio di scuse per il proprio quinto posto con tanto di testacoda: "Io giravo con l'ala vecchia e non avevo grip...". FOTO AP/LA PRESSE


    Un Fernando Alonso stratosferico basta per tenere la Ferrari in corsa sino all’ultimo nel GP di Abu Dhabi. Ma non è sufficiente a vincere. Delude ancora Felipe Massa. Ecco tutte le dichiarazioni a caldo dal box della Rossa.

    === FERRARI ===

    FERNANDO ALONSO

    "E' stata una gara fantastica anche per me. Ottima partenza, buon primo giro, ho lottato con Jenson e visto il problema di Vettel mi sono trovato al secondo posto. Ho mantenuto il divario, prima dell'ultimo pit stop ho fatto due giri in più, ma ho trovato traffico rientrando, loro avevano più passo, ma è stato un week-end anche per me. Ci ho provato dall’inizio alla fine. Ho cercato di vivere la gara come se fosse un’unica grande qualifica, una corsa personale contro il tempo. Ho cercato di fare dei giri da qualifiche in ogni tornata per accorciare il margine che mi distanziava da Hamilton. Ma prima guadagnavo un decimo e poi lo perdevo. È andata così. Ho avuto qualche problema con i doppiaggi e ho perso un paio di secondi. Ma non penso di aver perso per questo motivo. Adesso guardo con fiducia al GP del Brasile. A dirla tutta voglio finire presto questa stagione e concentrarmi sul 2012 il più presto possibile. Non voglio scordarmi del 2011 perché è stato importante per il team in generale, abbiamo fatto molti miglioramenti rispetto alla stagione scorsa. Ma non abbiamo mai lottato per il titolo. Il 2012 sembra già molto stimolante. Vogliamo fare molto meglio”.

    FELIPE MASSA

    “Sapevo che alla fine con le gomme dure avrei avuto problemi, ho sofferto tanto. C’è stato poi il problema di tornare all’ala vecchia, che mi ha tolto molto. Se mi sono girato alla fine era perché non c’era grip. Spero di vincere la prima gara dell’anno in Brasile. Lì c’è la mia torcida e mi dà forza. Fa tanto e spero di fare bene”.

    STEFANO DOMENICALI (team principal Ferrari)

    “Eravamo partiti con l’obiettivo del podio e siamo contenti di aver fatto un’ottima gara. Mi è sembrato di aver visto una prestazione sulle gomme medie migliore della McLaren, quindi questo è un buon risultato. Sono molto contento”.




    Fonte: http://it.eurosport.yahoo.com/

  F1 2011: Gp di Abu Dhabi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina