1. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6309008
    Makinitcome vedete, a prezzi stracciati SI PUO' vendere
    Non è assolutamente niente di applicabile a giochi usciti da poco e che devono ritornare dei costi di sviluppo.


    Parliamo di due milioni di dollari che vanno suddivisi su SETTE giochi, alcuni dei quali rimasti in sviluppo per anni. Si parla di un guadagno medio di 300.000 dollari lordi per ciascun gioco.



    Con "guadagni" simili più che altro la conferma che certe fette di mercato NON fruttano granché, a prescindere dal fatto che per un humble bundle si parli di record. Ed è un peccato.

    OOOPS: chiedo scusa. Non avevo notato che i giochi sono saliti a 12 nell'ultima settimana... quando l'ho preso io erano solo sette.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  2. Pappapishu  
        Mi trovi su: Homepage #6309086
    Beh, non è proprio così stefano.

    I giochi della Humble Indie Bundle sono usciti oramai da un pò di tempo e hanno quindi già incassato quello che dovevano incassare. Questi due milioni di dollari per gli sviluppatori sono tutti brodo che cola visto che arrivano da giochi perlopiù "morti" da un punto di vista commerciale.

    E' vero che non si può vendere un titolo tripla A a prezzi così stracciati, ma è altrettanto vero che c'è una grossa fetta di acquirenti che è disposta ad acquistare videogiochi non nuovissimi a prezzi ridotti, in particolare in Digital Delivery e prive di lucchetti digitali.
    Cosa che le multinazionali dell'intrattenimento videoludico stentano a capire. Le strepitose 12 "offerte natalizie" di SONY sono un esempio perfetto di ottusità e scarsità di vedute.
  3. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6309092
    TharonnoBeh, non è proprio così stefano.

    I giochi della Humble Indie Bundle sono usciti oramai da un pò di tempo e hanno quindi già incassato quello che dovevano incassare. Questi due milioni di dollari per gli sviluppatori sono tutti brodo che cola visto che arrivano da giochi perlopiù "morti" da un punto di vista commerciale.


    Riporto dal messaggio che ho inviato e a cui tu stai rispondendo:
    "Non è assolutamente niente di applicabile a giochi usciti da poco e che devono ritornare dei costi di sviluppo."
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  4. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6309093
    TharonnoCosa che le multinazionali dell'intrattenimento videoludico stentano a capire. Le strepitose 12 "offerte natalizie" di SONY sono un esempio perfetto di ottusità e scarsità di vedute.
    Su questo sono con te: sono abbastanza ridicole.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  5. Pappapishu  
        Mi trovi su: Homepage #6309105
    E infatti ho evidenziato io stesso con "E' vero che non si può vendere un titolo tripla A a prezzi così stracciati". ;)

    Concordavo con te che non sia una cosa applicabile ai giochi di nuova uscita, ma il mio disaccordo era nel taglio della tua risposta tout court a Makinit. Si può vendere eccome a prezzi stracciati, a tempo e modo adatti ovviamente. E questo aiuterebbe di molto a combattere la pirateria.

    Ho levato io stesso parecchia gente dalla "strada" della pirateria indirizzandoli a Steam. Ragazzi e adulti che in vita loro non avevano mai acquistato videogiochi originali (al contrario, non perdevano occasione di percularmi per il mio "vizio" del legittimo) e che ora spulciano febbrilmente i cataloghi in cerca di offerte e altre promozioni da aggiungere alla propria collezione.
  6. Smazzato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6309114
    TharonnoE infatti ho evidenziato io stesso con "E' vero che non si può vendere un titolo tripla A a prezzi così stracciati". ;)

    Concordavo con te che non sia una cosa applicabile ai giochi di nuova uscita, ma il mio disaccordo era nel taglio della tua risposta tout court a Makinit. Si può vendere eccome a prezzi stracciati, a tempo e modo adatti ovviamente. E questo aiuterebbe di molto a combattere la pirateria.

    Ho levato io stesso parecchia gente dalla "strada" della pirateria indirizzandoli a Steam. Ragazzi e adulti che in vita loro non avevano mai acquistato videogiochi originali (al contrario, non perdevano occasione di percularmi per il mio "vizio" del legittimo) e che ora spulciano febbrilmente i cataloghi in cerca di offerte e altre promozioni da aggiungere alla propria collezione.
    Tra Steam e altri digital delivery su PC e negozi online su console direi che chi oggi si dedica alla pirateria è ulteriormente un ladro rispetto a chi lo faceva anni fa. E' davvero vergognoso, considerando che videogiocare non è mai costato così poco (e no, non si tratta di accontentarsi di giochini).

    Premesso questo, lo schema del "pay what you want" non è applicabile allo sviluppo di giochi tripla-AAA e per questo esempi come l'humble bundle sono situazioni a se stanti che non potrebbero mai sostenere il mercato dei videogame.


    Che poi si possano individuare tutta una serie di vie di mezzo (che molto probabilmente emergeranno col tempo?) è vero, per carità. Ma, ripeto, citare a esempio l'humble bundle per gridare "Si può fare!" è semplicemente una banfata.
    --
    Stef
    Ex Redattore apodittico di Nextgame.it ed ex-ex-curatore di Deck & Board
    Rantolii, niuz e boiate videoludiche su Il Paradroide e Outcast.it.
  7. Vi mando affanculo ma vi voglio bene  
        Mi trovi su: Homepage #6309137
    Makinitcome vedete, a prezzi stracciati SI PUO' vendere, non mi si venga più a dire che abbassare i prezzi non è un buon sistema antipirateria
    assolutamente d'accordo con te. Per vendere contano qualità ovviamente, prezzo, finestra temporale e "unicità". Ci sono molti indie developers che lo hanno capito e che preferiscono tenere un prezzo di vendita basso sapendo del ritorno. Tipo Trine che viene venduto a 12,99 euro.

    La pirateria è una sciocchezza che si raccontano gli sviluppatori che non ce l'hanno fatta mancando uno di quei 4 fattori. Penso ad Amnesia: The Dark Descent che ha incassato molto di più quando è stato venduto sotto i 5 euro. Il Team di sviluppo è ritornato dall'investimento già dopo il primo mese, grazie alle vendite del gioco si sono allargati senza fare passi più grandi, hanno addirittura il prossimo gioco già ripagato.

    Così si lavora. Ci sono troppi giochi in uscita, soprattutto su PC visto che il mercato è fiorente, mentre il numero dei videogiocatori è sostanzialmente stabile, almeno per certi titoli. O lavorano su quei 4 fattori lì oppure non resta che gridare al lupo al lupo contro la pirateria. :asd:
  8. next  
        Mi trovi su: Homepage #6309144
    Stefano Castelli Ma, ripeto, citare a esempio l'humble bundle per gridare "Si può fare!" è semplicemente una banfata.
    il pay what you want in ambito tripla-a esiste già e si chiama free-to-play: perché non crederai che dc universe online sia costato uno sputo a sony. eppure adesso qualcuno ci gioca, magari non è ancora in attivo ma può diventarlo. ovviamente funziona perché i mmog sono giochi che tengono incollati i giocatori per mesi mentre un dead space, finita la campagna, lo metti nello scaffale e amen. per altro, è facile parlare di banfata quando, per colpa delle royalties dei produttori di hardware e per quel po' di potere che ancora ha gamestop, il modello pay what you want lo puoi applicare solo al digital delivery per pc. resterà una banfata fin tanto che sony, ms e nintendo continueranno ad arricchirsi coi loro sistemi chiusi. e fin tanto che activision potrà permettersi di vendere i cod a prezzo pieno *anche* in digital delivery. ma tutto intorno non c'è il deserto, ci sono i minecraft, i team fortress 2, gli humble bundle ecc. l'offerta è enorme e ognuno si diverte come meglio crede, al prezzo che preferisce.
  9. Vi mando affanculo ma vi voglio bene  
        Mi trovi su: Homepage #6309150
    babalotil pay what you want in ambito tripla-a esiste già e si chiama free-to-play: perché non crederai che dc universe online sia costato uno sputo a sony. eppure adesso qualcuno ci gioca, magari non è ancora in attivo ma può diventarlo. ovviamente funziona perché i mmog sono giochi che tengono incollati i giocatori per mesi mentre un dead space, finita la campagna, lo metti nello scaffale e amen. per altro, è facile parlare di banfata quando, per colpa delle royalties dei produttori di hardware e per quel po' di potere che ancora ha gamestop, il modello pay what you want lo puoi applicare solo al digital delivery per pc. resterà una banfata fin tanto che sony, ms e nintendo continueranno ad arricchirsi coi loro sistemi chiusi. e fin tanto che activision potrà permettersi di vendere i cod a prezzo pieno *anche* in digital delivery. ma tutto intorno non c'è il deserto, ci sono i minecraft, i team fortress 2, gli humble bundle ecc. l'offerta è enorme e ognuno si diverte come meglio crede, al prezzo che preferisce.
    Per non parlare di Lotr che da quando è diventato gratuito muove cifre spaventose, ma non mi avranno mai. :asd:
    Il mercato sta svoltando fortunatamente, sono quasi finiti i tempi delle 60 carte per un gioco, ci sono troppi developers in giro.
  10. Account abbandonato. Fade to black.  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #6309154
    Personalmente prima di quest'anno non ho mai acquistato così tanto... a così poco. E titoli anche di qualità, non solo giochini indie fatti in Flash.
    Il resto lascia un po' il tempo che trova.
    Sbaglio o c'è sempre più gente che se ne esce con "mah, su PC non sviluppo" salvo poi ripensarci?
    Activision su PC deve ringraziare di aver acquistato Blizzard, altrimenti da me 60 carte per un gioco non le avrebbero viste mai. Men che meno per COD.
    "A te t'ha rovinato il team corse" (C) 2004 AlGaloppo
  11. Vi mando affanculo ma vi voglio bene  
        Mi trovi su: Homepage #6309159
    Dypa77Personalmente prima di quest'anno non ho mai acquistato così tanto... a così poco. E titoli anche di qualità, non solo giochini indie fatti in Flash.
    Il resto lascia un po' il tempo che trova.
    Sbaglio o c'è sempre più gente che se ne esce con "mah, su PC non sviluppo" salvo poi ripensarci?
    Activision su PC deve ringraziare di aver acquistato Blizzard, altrimenti da me 60 carte per un gioco non le avrebbero viste mai. Men che meno per COD.
    per i team indipendenti questo è sicuro, anche quando firmano con Microsoft fanno sempre un'esclusiva temporale al max che non incide sulle loro vendite su Steam, Super Meat Boy è un esempio. Ma anche i "triplaAAA" vogliono sviluppare a momenti pure su Android visti i numerosi costi. Da più parti si legge che i titoli big budget in futuro saranno 3-4 l'anno, è una cifra un po' al ribasso ma se mi dicono 6-7 non stento a crederci. Che poi big budget ormai significa "videogioco che si gioca da solo". :asd:

  Notizia Super Meat Boy: Humble Bundle da record

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina