1. Non è una capra, cretino, è il mio segno zodiacale  
        Mi trovi su: Homepage #6363249
    buffoni..... la gente non comprende i costi dietro i giochi da 60 dollari? credevo che i media più costosi fossero i film, e quelli li trovi al cinema dai 5-6€ sino ai dvd su 15-20€ (nuovissimi). Considerando poi quanto il mercato si sta spostando verso i giochi indie-social da pochi euro, vedremo quanto pagherà la lotta ai giochi usati. Psp Go docet, direi.
    Il lavoro di cui sono più orgoglioso, anche se ormai datato:
    http://www.gameplayer.it/speciale/speciale_pc_gaming_al_risparmio
  2. Da cosa partirà?  
        Mi trovi su: Homepage #6363325
    dal loro punto di vista non fa una piega, bisogna dargliene atto.
    /!\Il Multipiatta Sanguinario di Next-game/!\
    "Onestamente Meno, mi sei molto simpatico, e ti leggo spesso con piacere, ma qui stai facendo un pò una figura da cioccolataio "
    "la tua crescita è costante, la ps3 ti ha reso un giocatore migliore Meno, ma credo anche un uomo migliore, più sereno."
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #6363364
    Per la questione del sistema anti-usato mi torna in mente l'ultima vicenda tra ubisoft e guru3d che riguardava la drm strettamente legata all'hw.
    Rimango dell'opinione che per combattere l'usato, i giochi a soli 60 dollari non vanno bene.
    Ci vedrei bene i giochi alla bellezza di 20 dollari (gioco di parole voluto:).
    Se poi loro pensano : "Il mio prodotto vale 1000 dollari" tanto di cappello a quest'opinione soggettiva, sanno quanto ci sia lavorato solo loro.
    Ma non ci vengano a raccontare che fanno la fame se il gioco vien pagato meno di 60€
    L'usato esiste anche perché c'è chi non può permettersi di spendere miliardi in giochi per via del fatto che il tenore di vita e sceso (e non solo in italia c'è "la crisi"), mentre questi signori anche a questa condizione pretendono che il loro tenore di vita rimanga immutato.
  4.     Mi trovi su: Homepage #6363545
    secondo me alcune soluzioni sarebbero
    1 fare giochi piu brevi ( l aveva anche accennato miyamoto qualche tempo fa...) e quindi meno sviluppo per i programmatori e quindi costo finale minore.
    2 dire alle catene tipo game stop che una percentuale del venduto usato deve andare ai produttori del gioco.
    xenoblade......attendo the last story....
  5. U(fe)tente  
        Mi trovi su: Homepage #6364406
    Ormai è chiaro che hardware house e software house stanno cercando di mettere un freno all 'usato, con metodi sempre più invasivi e odiosi, si è passati dal contenuto extra a disposizione di chi compra per la prima volta il gioco, per poi passare all' online pass e per poi finire in bellezza con l' offline pass.

    Mi sembra che l'industria del videogioco più diventa ricca e più diventa accattona, l'usato non è altro che una risorsa per chi vuole coltivare questa passione a prezzi ragionevoli (ed i prezzi dei vg nuovi sono tutto tranne che ragionevoli), poi il sig. Durall dice che noi non ci rendiamo conto del perché i giochi costino 60% a botta, probabile, ma allora ce lo spieghino, ci facciano un bel riassuntino dei costi che hanno perché a me sfugge come in un mercato che ormai è industrializzato e serializzato come tutti gli altri dell' elettronica di consumo i prezzi dei prodotti sono stranamente tutti simili, tanto per capirci nel mercato dei cellulari ogni azienda rilascia sul mercato vari modelli a vari prezzi, nei vg casualmente tutti i titoli sembrano avere tutti gli identici costi di realizzazione visto che costano tutti lo stesso prezzo all' uscita (ma guarda che casualità), anche quelli che hanno 6 prequel dietro che usano lo stesso motore grafico costano come se fossero delle novità assolute.

    Ed il sig. Durall dovrebbe anche considerare che ad ogni copia usata è corrisposto un acquisto nuovo alla fonte e quindi il guadagno lo ha già bello che avuto, e mi sa che gli sfugge pure che molti giovani in Europa e negli stessi USA stanno pagando a caro prezzo una recessione economica che colpisce sopratutto i giovani che sono il fulcro di questo mercato.
  6.     Mi trovi su: Homepage #6364964
    Ce la menano che i costi degli attuali videogiochi hanno raggiunto livelli hollywoodiani... ma un colossal di Hollywood in Blu-Ray di carte ne costa 25, non 60-70. Certo, in quel caso c'è un primo passaggio in sala, se non ci fosse magari il disco costerebbe 10€ in più, ma sempre lontani dai soliti 60-70 di un vg. A parità di costi di sviluppo. Quindi come la mettiamo, cari sviluppatori? Per non parlare di quei giochi che, pur non avendo costi di sviluppo astronomici, vengono venduti allo stesso prezzo di quelli più pompati. Poi le case come Ubisoft si lamentano se Rayman non vende... Ho come l'impressione che, da quando esiste il mercato videoludico, ci abbiano preso tutti per il culo
  7.     Mi trovi su: Homepage #6364983
    Origamibuffoni..... la gente non comprende i costi dietro i giochi da 60 dollari? credevo che i media più costosi fossero i film, e quelli li trovi al cinema dai 5-6€ sino ai dvd su 15-20€ (nuovissimi). Considerando poi quanto il mercato si sta spostando verso i giochi indie-social da pochi euro, vedremo quanto pagherà la lotta ai giochi usati. Psp Go docet, direi.
    60 dollari=45 euro, che poi da noi si trasformano in 70 euro..... e speriamo che non richiedano pure la chiusura del mercato UK, allora penso che ci sarebbe la rivoluzione pure sui forum :DD .

  Notizia Saints Row: The Third: Volition contro i giochi usati

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina