1.     Mi trovi su: Homepage #6371568
    Niente Olimpiadi a Roma, Monti "costi imprevedibili"

    (AGI) - Roma, 14 feb. - Roma non sara' una delle citta' candidate ad ospitare le Olimpiadi del 2020. Il pressing dei sostenitori dei Giochi nella Capitale si e' infranto contro la fermezza del governo che dopo una lunga riunione a palazzo Chigi, ha deciso che i costi per l'organizzazione dell'evento "sarebbero imprevedibili" e in un contesto di crisi "non sarebbe responsabile rischiare i soldi dei contribuenti".
    Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, spiega di essere "attento alle preoccupazioni del governo" e aggiunge che "non mancheranno altre occasioni per l'Italia", ma il Pdl insorge, giudica "un errore" la scelta dell'esecutivo e parla di "mancanza di coraggio".
    Esulta la Lega, con Umberto Bossi che 'sfotte' la Capitale "capace di fare solo casini", mentre il Pd e il terzo Polo difendono Mario Monti.


    E' meta' pomeriggio quando il premier scende in conferenza stampa a palazzo Chigi e conferma le voci pessimistiche che gia' dalla mattinata iniziano a diffondersi sul destino della Roma Olimpica. "Non vogliamo che il paese possa trovarsi in una situazione di difficolta'", dice Monti bacchettando le decisioni e le promesse dei governi precedenti "di qualsiasi colore essi fossero" che hanno preso "decisioni senza molto riguardo per le conseguenze di queste decisioni". Ci dobbiamo occupare della situazione italiana", ripete. "In passato il sistema politico ha raramente gettato lo sguardo al di la' dei prossimi mesi. Noi ci preoccupiamo per i giovani, della generazione futura. La traiettoria dell'Italia per numerosi anni a venire puo' dipendere dal successo o dal nostro insuccesso". Insomma, chiarisce il presidente del Consiglio, se anche il peggio puo' essere passato, "siamo nei mesi in cui e' prematuro sganciare la cintura di sicurezza".


    Ma il 'no' del governo e' accolto con rabbia sia dai principali esponenti dello sport italiano che dal Pdl. Il presidente del Coni Gianni Petrucci, parla di "ferita" e di "sogno svanito". Secondo il presidente del comitato promotore per Roma 2020, Mario Pescante, "e' stata una grandissima occasione persa". Ma e' la politica e il centrodestra in particolare a sferrare l'attacco piu' netto.
    Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, "prende atto della decisione del Governo", ma aggiunge che "rinunciare ad una candidatura vincente, sostenuta da un progetto di ottimo livello tecnico e di grande sobrieta' economica, significa non scommettere sul futuro dell'Italia". Ancora piu' duro il commento dei capigruppo del partito di Silvio Berlusconi alla Camera e al Senato. Fabrizio Cicchitto chiede di la rinuncia a sostenere la candidatura di Roma e' "un grave errore".
    Le Olimpiadi, aggiunge, "a seconda di come sono impostate e poi gestite possono essere un fattore di sviluppo o invece di dissipazione di risorse. A nostro avviso esistevano tutte le condizioni perche' si verificasse la prima di queste due ipotesi".
    Secondo Maurizio Gasparri parla di "delusione e amarezza" e definisce il governo "poco coraggioso".


    Se per il Pdl insomma Monti ha inferto un "danno all'Italia", il Pd difende la scelta del premier. Il governo ha preso una decisione meditata, che rispettiamo - dice il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani - l'importante adesso e' che questa scelta venga letta come segno di responsabilita' e non di sfiducia in noi stessi".
    Walter Veltroni, che aveva caldeggiato la candidatura di Roma criticando pero' la gestione di Alemanno, ammette che la scelta del governo "e' inevitabilmente un colpo all'immagine della citta'", ma sottolinea che "il contesto finanziario del paese avrebbe fatto apparire poco coerente un impegno in tal senso".

    Attacca anche il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, secondo cui "Un governo tecnico non ha titolo per occuparsi di qualcosa che avverra' nel 2020, deve occuparsi dei problemi dell'oggi".


    Appoggio pieno a Monti anche da parte di Pier Ferdinando Casini, secondo cui "Monti aveva davanti due strade: un si' facile e un no difficile. Ha scelto la strada della serieta'", "A tutti gli italiani piacerebbe avere le Olimpiadi a Roma" - ha continuato - abbiamo raccolto sollecitazioni di decine di dirigenti del partito nel Lazio e tutti erano favorevoli. Ma bisogna essere onesti. Le motivazioni di Monti sono tutt'altro che peregrine e dimostrano una grande serieta'".
    Gioisce infine la Lega. Umberto Bossi parla di "ottima decisione che condivido. A Roma fate solo casini...", chiosa il leader del carroccio. (AGI)
  2.     Mi trovi su: Homepage #6371925
    mah .. in un momento del genere era giusto accollarsi una tale spesa ?
    .
    C'è chi dice che un evento del genere possa essere un investimento sul futuro, perché le infrastrutture rimangono, il turismo se ne avvantaggia; questa ad esempio è un prospetto che circola ovunque e pubblicato dal "Il Tempo" :
    --------------------------------------------------
    Roma 2020 è un progetto sobrio: costerà 8,2 miliardi di euro di cui 3,5
    garantiti dal Cio attraverso sponsor, pubblicità e diritti tv; 4,7
    miliardi dovrà metterli lo Stato, che ne ricaverà 4,6 dal maggiore
    gettito erariale. Le Olimpiadi costeranno ai contribuenti alla fine 100
    milioni di euro. Con benefici rilevanti: la crescita prevista del Pil è
    dell'1,4% (17,7 miliardi); in 14 anni verranno creati 170mila posti di
    lavoro, 12mila l'anno con un picco di 29mila nel 2020. Una rinascita
    economica in grande stile, come e più del 1960. Il 70% degli impianti,
    inoltre, esiste già
    -------------------------------------------------
    Scritto così è sicuramente un buon investimento, se non fosse che, nella poco corrotta Londra i costi sono RADDOPPIATI (quasi triplicati) , rispetto ai preventivi iniziali (figurarsi cosa succederebbe nella sfacciatamente corrottissima Italia)
    - siamo inoltre reduci da due eventi (a Torino e Roma) che si dice siano stati gli ennesimi esempi di inefficienza ed approssimazione, con scarsissimi ritorni economici per le città che li hanno ospitati.
    - senza contare che una delle Maggiori voci di spesa (un terzo del debito pubblico) che hanno generato il default Greco sono proprio le Olimpiadi del 2004 (il che dimostrerebbe che i benefici sono alquanto incerti)
    .
    Insomma, come al solito non si riesce a capire se una tesi sia più veritiera dell'altra, e se dovessi valutare i maggiori sostenitori dell'impresa, sarei votato al pessimismo, dato che ieri Cicchitto ha tuonato contro il rifiuto, adducendo anche che la spesa che avrebbe dovuto sostenere lo Stato sarebbe potuta essere molto inferiore, perché si sarebbero potuti coinvolgere finanziamenti Privati; al che uno potrebbe pensare che come al soltio si vuol gettare sabbia negli occhi, perché magari, per un progetto titanico del Genere, le adesioni dei Privati dovevano essere raccolte PRIMA di decidere se si doveva accettare una simile spesa, e non farlo DOPO, col consueto sistema italiota della cortina fumogena per non far capire nulla a nessuno
    .
    Certo il segnale che arriva per la nostra economia è pessimistico (o realistico), ma già immagino le forse giuste polemiche che sarebbero seguite ad una eventuale accettazione di una spesa del genere, a fronte dei tagli alla spesa ed al reddito degli italiani che proprio il Governo Monti ha propinato
    .
    Per dire che nel marsma generale di oinioni e dati contrastanti, per una volta non sono in disaccordo con una decisione di questo Governo (anche se tanti dubbi rimangono)
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #6372378
    È deprimente che qualcuno a livello dirigenziale possa pensare che un'Olimpiade è una cosa di cui si può fare a meno... Capisco peraltro perfettamente, e condivido, l'antipatia per gli sprechi statali e per tutto ciò che riguarda mazzette e via dicendo ma la soluzione non è non fare più grandi opere ma affrontare il problema degli sprechi e delle infiltrazioni, altrimenti si entra in una spirale di atrofizzazione da cui non si esce più (e da cui non escono più soprattutto le aree a maggiore infiltrazione).

    Detto questo però devo anche dire che non posso bocciare la decisione sia perché non ho la competenza sull'analisi dei costi sia perché sono scelte politiche per le quali paghiamo dei professionisti. Peraltro va onestamente detto che le Olimpiadi non sono un modo per guadagnare dei gran soldi, tutt'altro. Le ultime due nazioni europee che hanno ospitato i Giochi sono la Spagna della bolla speculativa edilizia esplosa e della disoccupazione al 25% e la Grecia del ventilato default. Discorso diverso per le città, che guadagnano, se l'organizzazione è seria, tantissimo in termini di immagine e strutture per decenni a venire. Per capirsi, credo che l'Olimpiade sia un'occasione per fare lavori strutturali in un'area del Paese pagandoli molto meno di quello che sarebbero costati senza i Giochi (e quindi potendoli fare, visto che spesso i costi da soli impediscono di fare questi grossi progetti). Da milanese sarei stato contento di vedere rilanciare Roma e l'area circostante sapendo comunque che si sarebbe trattato di una spesa ingente per un beneficio locale. Peccato, speriamo le cose migliorino.
  4. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #6372447
    scudettowebÈ deprimente che qualcuno a livello dirigenziale possa pensare che un'Olimpiade è una cosa di cui si può fare a meno... Capisco peraltro perfettamente, e condivido, l'antipatia per gli sprechi statali e per tutto ciò che riguarda mazzette e via dicendo ma la soluzione non è non fare più grandi opere ma affrontare il problema degli sprechi e delle infiltrazioni, altrimenti si entra in una spirale di atrofizzazione da cui non si esce più (e da cui non escono più soprattutto le aree a maggiore infiltrazione).

    Detto questo però devo anche dire che non posso bocciare la decisione sia perché non ho la competenza sull'analisi dei costi sia perché sono scelte politiche per le quali paghiamo dei professionisti. Peraltro va onestamente detto che le Olimpiadi non sono un modo per guadagnare dei gran soldi, tutt'altro. Le ultime due nazioni europee che hanno ospitato i Giochi sono la Spagna della bolla speculativa edilizia esplosa e della disoccupazione al 25% e la Grecia del ventilato default. Discorso diverso per le città, che guadagnano, se l'organizzazione è seria, tantissimo in termini di immagine e strutture per decenni a venire. Per capirsi, credo che l'Olimpiade sia un'occasione per fare lavori strutturali in un'area del Paese pagandoli molto meno di quello che sarebbero costati senza i Giochi (e quindi potendoli fare, visto che spesso i costi da soli impediscono di fare questi grossi progetti). Da milanese sarei stato contento di vedere rilanciare Roma e l'area circostante sapendo comunque che si sarebbe trattato di una spesa ingente per un beneficio locale. Peccato, speriamo le cose migliorino.
    A parte che un'olimpiade non mi sembra sia una grande opera ma in ogni caso, in Italia le farebbero organizzare alla Camorra e ai casalesi e mezzi soldi se li ruberebbro i soliti furbetti.
    E' brutto da ammettere ma è così, questo paese NON deve organizzare nulla, non è in grado, a nessun livello.
    Basta vedere cosa hanno combinato proprio a Roma per il mondiali di nuoto, tra strutture inutili e lasciate in stato di abbandono, per non parlare poi dei giochi invernali di Torino 2006.
    State fermi con le Olimpiadi, questo paese è bene che pensi ad altro, le grandi manifestazioni le lasci organizzare a chi è in grado e soprattutto ONESTO.




    p.s.
    faccio notare che siamo l'unico paese di tutte le intergalassie che ha organizzato un mondiale e non ha rifatto gli stadi, anche se di soldi per Italia 90 ne sono spesi tanti tanti.
    Chissà perchè...
  5. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #6372529
    .TonyManero.
    p.s.
    faccio notare che siamo l'unico paese di tutte le intergalassie che ha organizzato un mondiale e non ha rifatto gli stadi, anche se di soldi per Italia 90 ne sono spesi tanti tanti.
    Chissà perchè...

    ????

    meta' degli stadi italiani di oggi sono li' solo grazie a italia 90..fanno schifo, ma sono stati fatti/messi a posto proprio per quel mondiale..
  6.     Mi trovi su: Homepage #6372565
    Sprawl????

    meta' degli stadi italiani di oggi sono li' solo grazie a italia 90..fanno schifo, ma sono stati fatti/messi a posto proprio per quel mondiale..
    Infatti...Hanno finito di refare San Siro durante lo scudetto trapattoniano....Copertura, terzo anello, poltroncine.
    Di refare da zero gli stadi allora non si parlava, s'era meno folli di adesso e quello che hanno fatto è stato sufficiente per rubare quel che serviva rubare...

    Comunque c'è ben altro da pensare che alle Olimpiadi....E agli stadi.....Diciamo che sono entrambe le cose l'ultima priorità....Cose belle eh, ma l'ultima priorità non è una priorità.

    A Roma poi turismo ce n'è già abbastanza. Senza bisogno di refare San Pietro :asd:
  7. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #6372617
    Sprawl????

    meta' degli stadi italiani di oggi sono li' solo grazie a italia 90..fanno schifo, ma sono stati fatti/messi a posto proprio per quel mondiale..

    Ma di che parli? Gli unici stadi nuovi sono stati quello di Bari (chissà perché proprio a Bari poi, chissà chissà) e il Delle Alpi che addirittura è stato abbattuto. Per gli altri solo COSTOSISSIME ristrutturazioni.
  8.     Mi trovi su: Homepage #6372921
    Londra 2012 e l’inchiesta shock: quadruplicati i costi?

    Mentre a Roma si discute del rifiuto dato da Mario Monti alla candidatura della Capitale per le Olimpiadi del 2020, a causa degli eccessivi e non gestibili costi di organizzazione (circa 8 miliardi di euro complessivi) che la manifestazione comporterebbe, su larga scala si presta attenzione ai prossimi Giochi Olimpici che avranno luogo quest’estate (dal 27 luglio 2012) a Londra. Quelle della capitale inglese saranno le prime Olimpiadi a disputarsi oltremanica dal lontano 1948. Ebbene, tutto sembrerebbe, in apparenza, procedere come da programma. Solo in apparenza. La realtà dei fatti ci dice invece come ci sia una decisa e “sensibile” variazione dei costi di organizzazione prevista per i Giochi londinesi, rispetto alle proiezioni originarie.
    Quando nel 2005 Londra si fece avanti per ospitare i Giochi, i costi di organizzazione erano stimati intorno a 2,37 miliardi di sterline. Eppure, già nel 2007, la cifra era lievitata fino a a 9,3 miliardi di sterline, circa 14 miliardi di dollari, in seguito all’aumento delle spese sia per la costruzione delle infrastrutture sia di sicurezza. Sebastian Coe, presidente del Comitato organizzatore, ritiene che non ci sia stato alcuno sforamento rispetto al budget previsto, cosí come anche lo stadio e gli altri edifici del Parco olimpico, a suo dire sono stati completati rispettando tempistiche e costi. A tal proposito Coe ha dichiarato: “Alcune cose sono costate piú del previsto, altre meno, ma nel complesso siamo rimasti all’interno della cifra di 9,3 miliardi”.


    Non finisce qui, però. Secondo un’inchiesta appena svolta da Sky News, il reale costo delle Olimpiadi di Londra si aggirerà intorno ai 12 miliardi di euro, con il rischio, ancor peggiore, che tale cifra raddoppi sino a toccare la soglia record di 24 miliardi di sterline. La decisa maggiorazione dipenderebbe dagli ‘incentivi’ ai dipendenti della Metropolitana per convincerli a non scioperare nelle settimane dei Giochi, ai costi supplementari dei controlli antidoping, sino alle spese necessarie per trasformare il parco olimpico in una zona residenziale verde ed ecosostenibile. Nelle cifre ufficiali non sarebbero neppure tenute in considerazione le spese relative ai costi di sicurezza, (almeno di 1,1 miliardi in piú per la polizia e 4,4 miliardi per i servizi di intelligence anti-terrorismo), oltre a non comprendere i 6,5 miliardi spesi per migliorare i servizi di trasporto urbano. Questi lavori sarebbero stati sicuramente destinati a data da rinviarsi se non fossero state in ballo le Olimpiadi, causa crisi economica e tagli alla spesa pubblica.

    Per il momento sembra che però la febbre delle Olimpiadi non abbia contagiato tantissimo i londinesi, preoccupati dal fatto di dover vivere in una città blindata per motivi di sicurezza. Tuttavia Sebastian Coe è convinto che l’entusiasmo sarà palpabile non appena la torcia arriverà in città a maggio, mentre il Governo è altresì convinto che i Giochi continueranno a fruttare anche dopo la chiusura, per tutta l’Inghilterra. Si prevede, infatti, un cospicuo aumento del flusso turistico che dovrebbe continuare anche nei prossimi quattro anni, creando 60mila posti di lavoro e portando due miliardi e mezzo di sterline all’economia della capitale inglese.
    Nel frattempo imperversano discussioni e polemiche. Celebre è la campagna dell’Economist partita nel maggio del 2004, con manifesti nel cuore di Londra che recitavano: “Ospitare le Olimpiadi è solo una perdita di soldi” con la figura di un discobolo bianco in campo nero e una serie di affermazioni per le quali Londra non avrebbe mai dovuto organizzare i Giochi Olimpici. Bersaglio prevedibile è divenuto poi anche il premier inglese David Cameron. Pesanti sono stati gli attacchi politici nei suoi confronti a seguito della decisione di raddoppiare le spese per la cerimonia di apertura e chiusura passate da 40 milioni a 81 milioni di sterline. La regia dello spettacolo è stata affidata a Danny Boyle, regista arcinoto per i film “Trainspotting” e “The Millionaire”, che dovrebbe tentare di superare la meraviglia offerta dai Giochi Olimpici di Pechino nel 2008, costati complessivamente 27,5 miliardi di sterline.

    Analizzando le città che in passato hanno ospitato le Olimpiadi è facile farsi due conti in tasca. I Giochi di Sydney nel 2000 costarono 4,2 miliardi di sterline, mentre quelli di Atene nel 2004 8,9 miliardi, dei quali soltanto 1,7 provenienti da privati. Da molti quelle Olimpiadi, sebbene fruttarono introiti enormi grazie ai diritti tv, hanno rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, acuendo la gravissima crisi greca di cui tutti siamo tristemente a conoscenza.
    Due sembrano essere state le occasioni in cui i Giochi si sono rivelati davvero fruttuosi, sia da un punto di vista economico che sociale. Parliamo di Los Angeles 1984, dove aziende e sponsor sborsarono 500 milioni di euro attuali ricavandone diritti tv per 218 milioni, nonchè di Barcellona 1992 che, ancora oggi, è indicata come l’unico esempio di Olimpiade diventata un successo sotto tutti i punti di vista. Non ci resta che attendere, e vedere cosa ne sarà dei Giochi Olimpici di Londra, visto che ormai di quelli romani, com’è noto, non se ne farà più nulla.


    attualissimo.it
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #6372953
    non capisco le polemiche sinceramente. Sappiamo tutti che avere le olimpiadi a roma significava dar soldi alla mafia e basta con costi abnormi.
    Rilanciare e pubblicizzare una città come Roma?Sinceramente ne ha bisogno?Non ho viaggiato molto è vero, ma cmq ho visto londra, parigi e tante altre città europee. Mai visto un assembramento di figa come a Roma...ed eravamo in Gennaio e non c'erano eventi particolari. Non c'è bisogno di pubblicizzare nulla secondo me.
    Per quanto riguarda le grandi opere se vogliamo creare lavoro iniziamo a finire quelle che ancora non sono state finite, altro che olimpiadi.
    La Germania non credo abbia rilanciato nulla con i mondiali 2006, semplicemente è efficente, organizzata, prima otteniamo questo POI pensiamo a fare le rifiniture. In ogni caso non vedo perchè fan drammi..non ci sarà roma 2020?Le fanno ogni 4 anni, possiamo anche aspettare di vedere se andiamo di c... prima di pensare a fiorellini e margherite.
  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #6373885
    per come la vedo io il vero motivo per organizzare una olimpiade o un evento simile è il ritorno di immagine, ovviamente accompagnato dalle opere infrastrutturali che nn sono gratis, ma che servono per il suddetto ritorno di immagine.

    eventi di questo tipo sono serviti molto laddove c'era volontà di spendere e voglia di far vedere come il proprio paese è avanzato o la propria città ben organizzata. A Londra, pur con costi quadruplicati ( lo stesso cameron ha avvertito monti di fare attenzione ai prospetti, perchè non sono mai veritieri), verrà bene perchè fondamentalmente è un paese che può supportare i costi e che trarrà i benefici del ritorno di immagine. Lo stesso può valere anche per quei paesi arabi o cmq non occidentali che hanno la necessità di un rilancio a livello europeo.

    In Italia, pur essendoci la necessità di un ritorno di immagine, non vi è alcuna copertura finanziaria. A costo uno stato deve garantire i fondi necessari per i vari progetti, ergo si deve esporre a bilancio per tutti i costi relativi l'organizzazione e l'Italia non può permetterselo.


    il discorso di mafia e furbetti viene dopo, assodato che i costi si alzeranno notevolmente, in italia c'è il rischio che tutti quei costi non porterebbero ad una reale rivalutazione infrastrutturale.

    ma ripeto, è un discorso che viene dopo e che non può fermare un paese, perchè significherebbe ammettere che non si è capaci di fronteggiare questo rischio e che è lo stesso stato a truffare.

    Monti, o qualsiasi rappresentante, non potrà mai ammettere quanto detto sopra, ma il discorso sui costi elevati( in tutti i paesi ci sono stati elevati, a priori di mafia e furbetti) è un discorso saggio, perchè non si può chiedere ai cittadini di stringere la cinghia e poi lo stato sperpera fondi per opere di non prima necessità. se ha quei fondi è il caso di spenderli per opere infrastrutturali di bene comune o di allegerire il cuneo fiscale, cosa che è impensabile adesso.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  11. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #6373899
    marcomixper come la vedo io il vero motivo per organizzare una olimpiade o un evento simile è il ritorno di immagine, ovviamente accompagnato dalle opere infrastrutturali che nn sono gratis, ma che servono per il suddetto ritorno di immagine.
    Beh, le opere sono utili anche per i cittadini eh. Ritorno di immagine ok, ma se riqualifichi per dire un'intera area i benefici sono notevoli. Questo non influisce sul tuo discorso globale ma credo sia giusto sottolineare il fatto che ci sono benefici strutturali anche se localizzati.
  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #6373905
    scudettowebBeh, le opere sono utili anche per i cittadini eh. Ritorno di immagine ok, ma se riqualifichi per dire un'intera area i benefici sono notevoli. Questo non influisce sul tuo discorso globale ma credo sia giusto sottolineare il fatto che ci sono benefici strutturali anche se localizzati.
    beh sicuramente possono esserci benefici strutturali solo che:

    sono localizzati e non razionalizzati, nel senso che si spenderebbe una ingente somma per riqualificare una zona che, forse, non ha la necessità estrema di essere riqualificata. per il semplice fatto che in quella zona ci saranno impianti o altro.
    inoltre hanno un costo, costo garantito dallo stato che va a bilancio e che pesa per tutto il paese.


    insomma per me le olimpiadi posso avere la doppia valenza di:

    1) ciliegina sulla torta, laddove un paese ha già una organizzazione strutturale efficiente, una olimpiade permette di riammodernare le infrastrutture e migliorarle sia sull'aspetto tecnico che sul profilo dell'immagine.

    2) l'incipit di una grande fase di ristrutturazione della città o del paese, in cui quello che permette di fare l'olimpiade va ad affiancare quello che lo stato aveva in progetto di fare per quella zona.

    in entrambi i casi l'italia non ha ne i fondi per permettersela ne si trova in una di quelle 2 situazioni.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  13. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #6373918
    marcomixbeh sicuramente possono esserci benefici strutturali solo che:

    sono localizzati e non razionalizzati, nel senso che si spenderebbe una ingente somma per riqualificare una zona che, forse, non ha la necessità estrema di essere riqualificata. per il semplice fatto che in quella zona ci saranno impianti o altro.
    inoltre hanno un costo, costo garantito dallo stato che va a bilancio e che pesa per tutto il paese.
    Posto che come hai letto sono sostanzialmente d'accordo, bisogna fare attenzione alle valutazioni locali. Una città come MIlano o come Roma ha un indotto, un PIL e un gettito fiscale tale da far impallidire alcune regioni e in grado di competere con quasi tutte le regioni del centro sud e con le più piccole del nord (vado a memoria). Va da sè che un aumento del PIL diciamo del 20% in una di queste due città è un beneficio per l'intero Paese in termini di gettito e di posti di lavoro. Naturalmente l'impatto è principalmente localizzato ma va anche detto che il sistema Paese ne beneficia.

    Certo, ripeto, sono investimenti che costano, le Olimpiadi sono sostanzialmente una forma di investimento straordinario, non di completa copertura dei costi.
  14. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #6373927
    massituonon capisco le polemiche sinceramente. Sappiamo tutti che avere le olimpiadi a roma significava dar soldi alla mafia e basta con costi abnormi.
    Rilanciare e pubblicizzare una città come Roma?Sinceramente ne ha bisogno?Non ho viaggiato molto è vero, ma cmq ho visto londra, parigi e tante altre città europee. Mai visto un assembramento di figa come a Roma...ed eravamo in Gennaio e non c'erano eventi particolari. Non c'è bisogno di pubblicizzare nulla secondo me.
    Per quanto riguarda le grandi opere se vogliamo creare lavoro iniziamo a finire quelle che ancora non sono state finite, altro che olimpiadi.
    La Germania non credo abbia rilanciato nulla con i mondiali 2006, semplicemente è efficente, organizzata, prima otteniamo questo POI pensiamo a fare le rifiniture. In ogni caso non vedo perchè fan drammi..non ci sarà roma 2020?Le fanno ogni 4 anni, possiamo anche aspettare di vedere se andiamo di c... prima di pensare a fiorellini e margherite.
    Rilanciare e pubblicizzare una città come Roma?Sinceramente ne ha bisogno?


    Esatto, diverso è stato per Torino che dopo il 2006 ha visto aumentare notevolmente il numero di turisti, ma Roma... non ha certo bisogno di Olimpiadi ecco.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  15. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #6373947
    scudettowebPosto che come hai letto sono sostanzialmente d'accordo, bisogna fare attenzione alle valutazioni locali. Una città come MIlano o come Roma ha un indotto, un PIL e un gettito fiscale tale da far impallidire alcune regioni e in grado di competere con quasi tutte le regioni del centro sud e con le più piccole del nord (vado a memoria). Va da sè che un aumento del PIL diciamo del 20% in una di queste due città è un beneficio per l'intero Paese in termini di gettito e di posti di lavoro. Naturalmente l'impatto è principalmente localizzato ma va anche detto che il sistema Paese ne beneficia.

    Certo, ripeto, sono investimenti che costano, le Olimpiadi sono sostanzialmente una forma di investimento straordinario, non di completa copertura dei costi.
    è esattamente quello il punto... credo che, almeno questo governo i calcoli a bilancio dovrebbe saperli fare, fatti i calcoli fra costi e benefici, sommati con il rischio costi aggiuntivi e possibili rientri derivati hanno valutato che la spesa non era sostenibile.

    bisogna considerare che, mi par di capire che sia così per eventi come le olimpiadi, lo stato ( o i comuni con l'aiuto dello stato) devono garantire i fondi per la realizzazione dei progetti dell'evento. ciò significa che ad esempio:

    se l'evento costa 15 miliardi sarà il comune a metterli in garanzia, poi i rientri commerciali e i finanziamenti privati e i possibili indotti derivati dovrebbero andare a coprire una parte della spesa.

    ma se già l'evento passa, con il tempo, da 15 a 30 miliardi diventa un grosso problema. inoltre questi soldi peseranno a bilancio tutti...i rientri verranno successivamente, insomma economicamente è come una finanziaria aggiuntiva.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose

  l'uomo del Monti ha detto no

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina