1.     Mi trovi su: Homepage #7731944
    InFAMOUS

    E3 2007, evento importante dato che dalla sua conferenza Sony tirò fuori dal cilindro magico “inFAMOUS”, sviluppato da Sucher Punch. L’interesse verso il titolo risultò alquanto scarso, dato che all’epoca i titoli interessati al grande pubblico erano di ben altro spessore: stiamo parlando di MGS4 e GTAIV, ok? Sottovalutato, il lavoro dei Sucher Punch in silenzio religioso ha iniziato a crescere, a svilupparsi, a confrontarsi… ad avere un ruolo di protagonista nel parco giochi PS3. Il saper prendere le parti migliori di alcuni blockbuster è probabilmente una delle principali caratteristiche che ha contraddistinto il lavoro svolto in questi 2 anni. L’essere umili per potersi infine guadagnarsi un modesta fetta di mercato. Questo è inFAMOUS… un gioco lasciato parecchio in sordina per poi diventare una vera e propria K.A. (Killer Application). Ma ora è il momento di interrogare il discepolo su ciò che ha studiato e che poi è riuscito a mettere insieme in maniera coesa e quindi divertente.

    Niente è più difficile da vedere con i propri occhi di quello che si ha sotto il naso.
    J.W. Goethe


    Empire City… è da qui che ha inizio la nostra avventura. Il gioco ci metterà nei panni di Cole, un fattorino, il quale, in un normale quanto noioso giorno di lavoro, si ritrova ad avere tra le mani un pacco alquanto particolare dato che all’interno c’è una sottospecie di bomba che porterà la sua città in uno stato di crisi deprimente: furti, strupi, rapine… emergenza totale. Con l’avvenire dell’esplosione Cole verrà colpito dal raggio d’azione della bomba, rimanendo per qualche tempo stordito. Al suo risveglio Cole possiede al suo interno una notevole quantità di energia, che farà da preambolo a quella futura. Da qui esce un importante punto interrogativo: essere l’ancora di salvezza della città o la pala che scaverà meglio la sua tomba? Un aneddoto semplicemente geniale… il giocatore è l’artefice del proprio destino, ora lui ha in mano la situazione.
    La story-line si districa in una serie di eventi sorprendenti per la loro capacità di tenere il giocatore sempre attaccato alla TV per i colpi di scena, per il dinamismo e per la sottile ironia percepibile nei dialoghi dei personaggi, tutti quanti ben caratterizzati. L’innovazione maggiore è il modo con cui viene raccontata la vicenda; infatti gli sviluppatori hanno ben pensato di utilizzare un intelligente sistema di tavole da disegno contenenti schizzi dei personaggi possedenti anche di una discreta capacità di movimento, infondendo maggiore intensità. Purtroppo, però c’è da segnalare il doppiaggio italiano decisamente sottotono, eccezion fatta per la voce del protagonista e del suo compagno di sventura, Zeke. Vi consiglio caldamente di optare per il doppiaggio originale in lingua inglese disponibile con la patch 1.02. Gli effetti audio quindi possiamo ritenerli sufficienti, data la perfezione raggiunta con le musiche che fanno da sottofondo e con il suono degli effetti particellari, come l’elettricità di Cole. Lo ripetiamo… peccato per il doppiaggio in italiano.

    Non condivido ciò che dici, ma sarei disposto a dare la vita affinché tu possa dirlo.
    Voltaire


    Tutto questo va a braccetto con un dettaglio grafico di elevata qualità. La riproduzione di Empire City, simile nella struttura alla Liberty City di GTAIV, è un insieme di vicoli, incroci e collegamenti fognari. Il tutto sorprende per la minuzia dei particolari e per la pulizia grafica. Nota di demerito invece per i paesaggi in lontananza, simulati con semplice effetto Blur, ma che nel complesso non stonano troppo con l’ambiente del gioco. Per quanto riguarda i personaggi possiamo ritenerci soddisfatti solo per il lavoro svolto su Cole. Egli sembra infatti figurare come un personaggio a se, diverso e lontano dallo stile degli altri personaggi, che siano secondari o di sfondo… praticamente, un pesce grosso dentro lo stagno. Tutto questo però viene ripagato dall’eccellente lavoro svolto sulla fisica e sugli effetti particellari. Mai elettricità più viva si era vista in un videogame. Quando affronterete dei nemici vi troverete in un mare di colori di incredibile per sensazioni ed emozioni che vi riesce a trasmettere.

    Alcuni grandi di grande hanno solo la presunzione.
    Carl William Brown


    Tutto qui? Niente affatto. Data la pesante assenza dell’online (diciamocelo… non l’avremmo vista bene in un gioco come questo…) gli sviluppatori hanno ben pensato di inserire diverse mini-quest come missioni secondarie DAVVERO divertenti, ricerca di frammenti dell’esplosione, di dispositivi audio, accumulo dei punti xp (esperienza) per il potenziamento dei poteri e per ultimo il nostro comportamento nei confronti delle persone o dei nemici feriti. Un ottimo lavoro nel complesso.

    "Ho cercato la libertà, più che la potenza, e questa solo perché, in parte, assecondava la prima."
    Marguerite Yourcenar


    E’ arrivato il momento di dare un voto, un punteggio… una valutazione. InFAMOUS ha saputo catturare, in senso buono, tutto ciò che di bello ha fatto dei must, come GTAIV e Assassin’s Creed in primis, fondendoli con delle meccaniche di gioco geniali accompagnate però da un comparto tecnico non sempre all’altezza tra cui anche il comparto sonoro riluttante in alcuni frangenti. Un’ ultima riflessione, più personale che oggettiva: guardate i giochi in uscita nei prossimi quattro mesi… un occhiolino lo si può fare solo a GhostBuster (12 giugno) e FUEL (5 giugno), per il resto parliamo di giochi discreti se confrontati con InFAMOUS. Quindi riteniamo che InFAMOUS sia il miglior gioco di questa stagione estiva, longevo e che quindi può durare liberamente fino all’arrivo dei giochi di elevata fattura di Novembre. Un acquisto più consigliato che altro.

    [FONT="Impact"]ACCETTO COMMENTI!!![/FONT]

  Recensione InFamous

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina