1.     Mi trovi su: Homepage #8423617
    posto di seguito una recensione scritta da me l'anno scorso ;)



    Anno di rilascio: 2004
    Supporto: PS2 / XBox / PC (io mi riferirò alla versione PS2)
    Genere: Action RPG / Picchiaduro a scorrimento
    Numero di giocatori: 1

    ps: mentre cercavo degli screenshot da postare, ho notato che la versione PC potrebbe avere caratteristiche un po' differenti anche se comunque suppongo che la sostanza resti quella.

    Cireka, la generale Githyanki, brandisce sempre nelle sue battaglie una spada d'argento, venerata dalla sua intera razza. Questa spada avrebbe poteri straordinari se usati da qualcuno nella possibilità di usarli (no, voi non li sapete usare), ed ovviamente è ambita da qualcun altro, Ygorl, il signore degli Slaadi, creature che provengono dalla dimensione del Caos (non saprei proprio da che manuale saltano fuori sti tizi). I due sono impegnati in una lunga ed eterna battaglia capace di distruggere l'intero Faerun, e questo comporta l'arrivo di un certo Khelben "Blackstaff" Arunsun, il solito stregone lamer che però stavolta è buono, e riesce ad imprigionare i due all'interno di una pietra, la cosiddetta Demon Stone, bloccando, ma non facendo terminare, a tutti gli effetti, la battaglia.

    Dopo qualcosa come vent'anni, tuttavia, i poteri di questa pietra stanno dando un po' i numeri, e questo permette a Ygorl di esercitare i suoi poteri all'esterno della realtà in cui è stato imprigionato, riuscendo ad attirare tre avventurieri un po' sfigati fino al punto in cui è presente la Demon Stone. Il loro arrivo compromettera il funzionamento di questa, e i due combattenti potranno liberarsi per riprendere la loro eterna lotta, al pari delle loro armate.

    I tre avventurieri sono: Rannek, un guerriero che per rimorso, non essendo riuscito ad impedire il massacro di buona parte della gente del suo villaggio, ha deciso di autoesiliarsi, cominciando a vagare, e dandosi all'avventura come una sorta di via per la redenzione. L'altro è Illius, uno stregone cacciato dalla sua famiglia per avere scelto la via della magia anzichè quella delle arti marziali. L'ultima è infine Zhai, una mezzadrow che, scocciata dalla scarsa accettazione che gli altri drow hanno di lei, se n'è andata, dandosi all'avventura un po' come gli altri due elementi.

    Dopo avere malauguratamente liberato le due entità, a loro spetta l'onore di tornarle ad imprigionare.

    Il caso vuole che però Cireka venga uccisa da un drago, e per l'incantesimo avente a che fare con la Demon Stone era necessario che entrambi fossero presenti per essere imprigionati. La soluzione alla fine è solamente una. Seguire Ygorl, e ammazzare pure lui. Rannek prende la spada di Cireka, dando per scontato che sia più valida della sua, e infine il gruppo riparte, inabissandosi per le miniere naniche in cui è occultato il portale che conduce alla dimensione del Caos, dove, dopo avere scoperto interloquendo con Ygorl di essere stati attesi a lungo, scoprono anche che egli è ben felice che gli sia stata portata proprio la spada di Cireka.

    La storia, scritta da R. A. Salvatore, per quanto a tratti appaia "già vista", comunque ogni tanto riesce a stupire (per esempio quando si scopre che la spada era il reale interesse di Ygorl), ed è ben raccontata dallo svolgersi degli eventi che si diramano attraverso i 10 livelli di gioco. Su internet è etichettato come Action RPG solamente perchè ha l'ambientazione di D&D, ma personalmente lo ritengo un grosso errore, dato che ha molti più elementi in comune con il genere dei picchiaduro a scorrimento, come la crescita del personaggio, comunque simile a quella dei GDR, e gli svolgimenti generali comunque basati molto sul combattimento.

    Il sistema di crescita è totalmente differente da quello di un GDR: presenta un sistema a livelli che permette di accedere ad ogni livello a nuove capacità del personaggio che è possibile acquistare spendendo punti esperienza guadagnati sul campo.

    il fatto che sia poi basato su livelli, è un chiaro sintomo che questo gioco NON È un gdr, ma purtroppo pare che recensori più esperti di me così l'abbiano etichettato, e io mi devo adeguare.

    Tecnicamente non è male. Mancano filmati in Computer Grafica in stile Final Fantasy che avrebbero fatto decisamente da corona ad un titolo che comunque graficamente non perde molto. La compenetrazione poligonale è rara, l'animazione dei volti e dei personaggi è, tutto sommato, convincente. L'audio forse poteva essere fatto meglio: i dialoghi sono ben scritti ma per quanto i doppiatori siano espressivi trovo che a volte la calibrazione del suono non sia del tutto adeguata. Musiche ed effetti sono ben fatti, anche se sono, alla fine, le solite melodie da videogioco fantasy, già note da molti anni, ma questo non va a declassare il punteggio. La giocabilità è abbastanza buona, il sistema è alquanto diretto e facilmente comprensibile. La telecamera non controllabile potrebbe fare storcere il naso a chi preferisce avere sotto controllo tutto ciò che lo circonda, ma è stata comunque fatta bene, e personalmente trovo che nella maggior parte dei casi si trovi sempre puntata verso il punto giusto al momento giusto (solitamente è puntata verso il punto in cui devi andare).

    L'azione molto cinematografica di alcuni punti potrebbe divertire non poco coloro a cui, come me, piace essere circondati da una battaglia continua e gigante, e straordinariamente la presenza di questa orda di nemici, a volte anche in secondo o terzo piano rispetto agli eventi centrali, non è motivo di rallentamenti all'interno del gioco.

    PREGI: Sistema di controllo immediato, ottima varietà ambientativa nei 10 livelli di gioco proposti, storia in generale bella e ben narrata.
    DIFETTI: Forse un po' troppo corto, potrebbe far storcere il naso a chi, giocando ad un gioco basato su D&D, si aspettava un gioco di ruolo.

    DIFFICOLTA': Media, la curva di apprendimento è abbastanza docile, solo gli ultimi due livelli potrebbero essere un po' complessi anche per gli esperti e appassionati dei picchia-picchia a scorrimento.

    GRAFICA: 8
    SONORO: 8
    GIOCABILITA': 7.5
    LONGEVITA': 6
    RIGIOCABILITA': 7 <--- gli impatti col gioco sono poco numerosi, probabilmente una volta arrivati in fondo pochi saranno i motivi per giocarlo una seconda volta, ovviamente senza considerare la voglia che qualcuno potrebbe avere di cimentarsi per la seconda volta in una storia bellina, anche se piuttosto lineare.

    TOTALE: 7.5
    E non guardare troppo a lungo dentro la lavatrice, altrimenti anche la lavatrice guarderà dentro di te.

    Revan Adler
    Match di Improvvisazione Teatrale, Giugno 2009
  2.     Mi trovi su: Homepage #8423619
    come dicevo, è sempre meglio sapere cosa scegliere.

    conosco persone che si aspettavano una transposizione del d20 system :tongue_smilie:
    E non guardare troppo a lungo dentro la lavatrice, altrimenti anche la lavatrice guarderà dentro di te.

    Revan Adler
    Match di Improvvisazione Teatrale, Giugno 2009
  3.     Mi trovi su: Homepage #8423622
    Vegeta Ssj2Questo titolo si trova abbastanza facilmente nei negozi oppure è un impresa ardua?


    era uno dei playgeneration games, dunque al tempo lo beccavi anche in edicola. Oggi credo che comunque non sia troppo difficile da rintracciare, mi pare di incrociarlo spesso tra gli usati, al gemestop in cui vado di solito.
    E non guardare troppo a lungo dentro la lavatrice, altrimenti anche la lavatrice guarderà dentro di te.

    Revan Adler
    Match di Improvvisazione Teatrale, Giugno 2009

  [RECENSIONE] Demon Stone

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina