1.     Mi trovi su: Homepage #8815024
    Diavolo! ^^
    Ho visto e letto un paio di Fan Fiction e ora mi sento dannatamente attratto!
    Voglio scriverne una anchio! :smile:

    La FF sarà in stile Kingdom Heart e Final Fantasy, quindi aspettatevi comparse vecchie e nuove!
    Per quanto riguqrda la storia.. non spoilero niente! ^^

    Ecco il prologo, buona lettura!

    Ed ecco una specie di "Main Theme", come sicuramente avrete intuito, sarà "Simple And Clean" tema del primo KH.. ma... questa... sarà... come posso dire.. leggermente differente.. ^^.. ascoltare per capire!

    Kingdom Hearts: Simple And Clean

    [FONT="Book Antiqua"]Prologo: Un tuffo nel cuore.[/FONT]


    "Ehi Ryu, posso farti una domanda?" mi chiede Sunny.
    "Spara." rispondo.
    "Cosa faresti se il nostro mondo d'un tratto sparisse?"
    Rimango fermo, ad osservarla a lungo. Che diavolo sta dicendo?
    "Che intendi con 'sparire'?" chiedo abbastanza confuso, ritornando a fissare davanti a me.
    "Non lo so. Cose farai... faremo.. se il nostro mondo sparisse... se non avessimo più un mondo a cui appartenere?" continua a dire Sunny, con la sua solita innocenza.
    "Io.. non lo so. Ma mi conosci.. sono un tipo che improvvisa. Mi inventerò qualcosa sul momento e salverò la situazione." rispondo.
    Sunny ridacchia, ma la sua faccia è mite, senza espressione.
    "Sei un tipo strano, sai?"
    "Già." rispondo.
    "Così improvviseresti, uh?"
    "Si, sono pronto a combattere per difendere ciò a cui tengo... diciamo che sono un tipo molto egoista."
    Altro ridacchiare senza espressione.
    Poi silenzio. Un lungo interminabile silenzio.
    "Bene, è tempo di andare." mi dice Sunny, alzandosi.
    "Dove andiamo?" chiedo imitandola.
    "A combattere." mi risponde lei.
    "A combattere?" ribadisco.
    "Non l'hai detto tu stesso? Saresti disposto a combattere per proteggere qualcosa a te caro." continua a dire, stiracchiandosi.
    Rimango in silenzio. Che sta dicendo?
    "Si, ma... non ne vedo il bisogno." rispondo guardandomi attorno.
    Sunny non dice niente e si volta verso di me, tendendomi una mano.
    "Il tempo è finito, andiamo?" mi dice in un tono curiosamente gentile.
    "Ma andare dove?" insisto non capendo.
    "Te l'ho detto, andiamo a combattere per proteggere le cose che amiamo."
    Rimango in silenzio, senza dire o fare nulla. Fino ad ora ha sempre tenuto una faccia di bronzo, senza espressione, come una statua. Ed è una cosa strana per una ragazza come Sunny, sempre solare e allegra, una che di giorno ha il sorriso stampato in faccia, e di notte il sorriso stampato nei sogni.
    Mi metto a fissare la sua mano. Sembra un'invito per qualcosa di cui non si potrà più fare ritorno. Qualcosa che darà una svolta alla mia vita.. un qualcosa scelto dal destino in persona.
    "D'accordo, ma se stai tramando qualcosa, te la farò pagare, intesi?" dico allungando la mano verso di lei. Non so cosa stia pensando, ma di lei, mi fido.
    Improvvisamente, mi sorride.
    E cade all'indietro.
    Immediatamente, mi butto in avanti, imprecando e afferandogli il braccio con la mano che gli stavo tendendo.
    Ma la mia mano afferra il nulla.
    "Sunny!" urlo mentre mi dispero cercando di afferrarla.
    Ma non è lei a cadere all'indietro.
    Sono io.
    Improvvisamente, tocco terra e comincio a sprofondare.
    Cerco di muovermi, cercando di uscire, ma è tutto innutile.
    In pochi istanti, sono risucchiato dal suolo.

    Dove sono?
    Nero. Solo nero.
    Sono morto?
    E' così la morte? Per l'eternità starò sempre e solo così? Fissando il buio? Che schifo. Non dovevo morire. Ma.. come sono morto? Forse morendo si cancella la memoria.
    Mi sento leggero, non ho alcun contatto con la realtà. Come se.. stessi galleggiando in acqua. Mi giro e mi rigiro. Sto volando. Uau.
    Perchè non mi sento affatto sorpreso?
    [FONT="Times New Roman"]Che peccato. Così tanto da fare, così poco tempo..[/FONT]
    Improvvisamente tocco il suolo. E ora dove sono? Sono ai bordi di una specie di finestra circolare vetrata. Come in un mosaico fatto di pezzi vetrati colorati, è disegnata una ragazza principesca al suolo. Che devo fare?
    Davanti a me appariono tre piedistalli raffiguranti ognuno una spada, una foto e uno scettro, disposti in un punto caridinale diverso.
    Mi guardo attorno.
    Niente. Solo oscurità. A quanto pare sono sopra ad una specie di piattaforma sospesa in mezzo ad il nulla oscuro. Bello.
    Mi avvicino alla spada. La tocco. Scompare.
    Mi avvicino allo scettro. Lo tocco. Scompare.
    [FONT="Times New Roman"]Perchè sei qui?[/FONT]
    Non lo so.
    Forse per trovare qualcosa che cerco.
    Per raggiungere i miei obbiettivi.
    Per fare quello che voglio.
    ...
    Per possedere ciò che desidero.
    Non lo so.
    [FONT="Times New Roman"]Vorresti abbandonare la luce e abbracciare le tenebre? Vorresti rinunciare agli amici, a proteggere chi ne ha bisogno per potere, distruzione e dominio?[/FONT]
    Servirà a raggiungere ciò che voglio?
    [FONT="Times New Roman"]Si.[/FONT]
    Allora va bene. Accetto.
    [FONT="Times New Roman"]Molto bene. Buona fortuna con la tua missione... Ryu Kage.[/FONT]
    La mia piattaforma comincia a giarare su se stessa, si capovolge.
    Senza nemmeno accorgemene, la figura nella mia piattaforma muta, trasformandosi in un'altra ragazza principesca.
    Improvvisamente, davanti a me appaiono due esserini neri, con orribili occhi gialli, simili a nani.
    Sembrano insetti venuti mali e poi dipinti di nero... hanno degli artigli... che sembrano parecchio affilati.
    D'un tratto sento un peso che compare nella mia mano destra.
    Una spada.
    Mi metto in una posizione difensiva Credo propio che sia giunto il momento di combattere.. uh?
    Mi faccio avanti sfoderando la mia spada.
    Due fendenti, uno si dissolve. Cerco di prendere anche il secondo nemico, ma quest'ultimo 'entra' letteralmente nel terreno e mi passa accanto.
    Mi giro e lo vedo uscire di getto dal suolo, fiondandosi dall'alto verso di me con gli artigli sguainati.
    Faccio una veloce capriola in avanti e schivo il colpo.
    Immediatamente, lo riporto nel mio raggio d'azione e lo dissolvo in un solo e singolo fendente.
    Non è stato poi così difficile. In fin dei conti sono da sempre stato un ottimo guerriero.
    ...
    La mia piattaforma ritorna di nuovo a capovolgersi.
    Stessa scena di prima, stesso luogo, diversa ragazza.
    Ma c'è qualcosa che non va.
    Un ruggito. Qualcosa si muove nell'ombra davanti a me.
    Dall'oscurità esce un uomo molto muscolo, simile a quelli di prima per il fatto che fosse nero e con gli occhi gialli. Ma l'unica differenza dagli esserini di prima, è il fatto che è alto almeno trenta mentri. Evvia.
    Preparo la spada. Ma non c'è più.. merda.
    Il colosso mi fissa, come se stesse guardando qualcosa di strano.
    Se quel mostro è amico di quelli di prima, sono nella merda.
    Disarmato e totalmente impossibilitato a combattere, mi metto a correre, rimanendo fermo, la paura aumenta soltanto.
    L'avversario alza un pugno.
    Comincio a muovervi a scatti, tenendo d'occhio la sua gigantesca mano. Devo cercare di prevedere i tempi, capire quando e il come schivare.
    Mi fermo, il colosso abbasso il pugno.
    Con un veloce scatto sulla destra lo schivo per un pelo, ma al il pugno si porta via un terzo del mio limitatissimo spazio d'evasione. Come se fosse neve colorata, i pezzettini di vetro cadono verso l'infinto, scomparendo nell'oscurità.
    Dai.. dannata spada... appari di nuovo!
    Il gigante alza di nuovo il pugno.
    Non c'è tempo per riposarsi. Ritorno a fare ciò che stavo facendo prima, ritorno a correre su e giù per la piattaforma, tenendolo d'occhio.
    Il mostro abbassa il pugno.
    Con una capriola, lo schivo facilmente ma.... via un'altro pezzo di piattaforma.
    Ora è rimasto solo un pezzo, simile ad una strada, che conduce direttamente al mostro.
    Appari!
    Il giagante alza il pugno, che mi becchi o no, per me è finita.
    Non ho altra scelta se non 'cavalcarlo'.
    La strada davanti a me è libera.
    Con tutte le forze rimaste, mi metto a correre dritto, assaltando frontalmente il mostro che intanto scaglia il terzo pugno.
    All'ultimo secondo salto in avanti e, mentre sento la mia ancora di salvezza scomparire in un tittinnio natalizio, atterro sul petto del mostro e mi metto a correre sul corpo del colosso, violando ogni legge della fisica.
    Corro, corro e corro. Non devo smettere di correre.
    Sento la sua mano che cerca di catturarmi, come un'onda che sta per abbattersi su una spiaggia, travolgendo ogni cosa.
    Ma io sono più veloce.
    Finalmente, gli raggiungo la testa e con un salto sguaino la spada.
    Dannazione, ora doveva comparire?
    Con tutte le mie forze, mi scaglio verso di lui, infilzandogli la lama preciso preciso nell'occhio destro.
    Velocemente, faccio un salto all'indietro, allontandnado da quell'essere.
    Il mostro urla. Si tiene l'occhio ferito con ancora dentro la mia spada.
    E infine cado.
    E' troppo lontano per raggiungerlo
    Mentre osservo il colosso dimenarsi dal dolore, cado.
    Verso l'oscurità, come la piattaforma di vetro... cado..
    Cado verso un nero profondo.
    Questo è propio uno strano sogno....

    ________________________

    Scusate se ho scritto tanto! ^^






  2.     Mi trovi su: Homepage #8815025
    complimenti :lol:




    i miei platini:
    Battlefield: Bad Company 2,
    Call of Duty: Black Ops,
    NARUTO SHIPPUDEN: Ultimate Ninja: STORM 2,
    RESIDENT EVIL 5,
    Uncharted: Drake's Fortune,
    Uncharted 2: Among Thieves.
    the sims 3
    dante's inferno
    Burnout Paradise
    Assassin's Creed II
    inFamous(il primo)
    tomb raider underworld
    dead nation
    terminator
    BioShock 2
    Prototype
    L.A Noire
    (piu altri)

  Kingdom Hearts: Simple and Clean - La mia prima Fan Fiction!!-

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina