1.     Mi trovi su: Homepage #8848176
    Ecco la mia nuova storia…spero che vi piaccia


    1229.2229

    Prologo


    Il vento soffiava forte quel giorno;all’interno del faro della cittadina di Aiber faceva freddo. Maledattamente freddo.Guglielmo gettò un altro ceppo nel camino :

    -Dannato tempaccio,homo non può vivere in questa Terra ! Et Terra non vuole che viviamo su di Essa,e più trascorro qui la mia vita,pìù mi accorgo di quanto sia inutile la mia esistenza ! Diceva fra se,più per combattere la solitudine che per convinzione.
    Era un’uomo saggio,o meglio un tempo lo era stato; conosceva alla perfezione il Latino e il Greco,e perfino quando oramai la lingua del popolo era il volgare,continuava a sparpagliare nei suoi discorsi qualche accenno alla lingua dei poeti.E degli stolti,talvolta.Aveva studiato,e letto…ah quanto aveva letto. Migliaia di volumi lo avevano accompagnato in tutta la sua vita,e adesso,vecchio com’era,anche quel piccolo lusso che era il dono della lettura gli era stato strappato via,insieme alla sua vista. Abitava in quel faro da 3 anni oramai e per lui era molto dipiù di una casa…era la sua ragione di esistenza.Da quanto lo studio gli era diventato ostile,si dedicava notte e dì a quel faro.
    Quel giorno mancavano 3 ore alla fine dell’anno 1229,e tutto era calmo.
    All’improvviso,come sbucato dal nulla,un lampo di luce accecante attraverso la stanza, e il povero Gugliemo si ritrovò a terra,incapace di intendere e di volere.E poi,come era iniziato,tutto era finito,nel silenzio.L’oscurità invase di nuovo il faro,e per un attimo Guglielmo pensò di essersi immaginato tutto.Ma poi,come a svegliarlo da un sogno,una voce si manifestò :
    -Chi va la ! Urlò l’uomo impaurito.
    La voce parlò ancora :
    -Chi va là ! Ripete ancora Gugliemo con voce tremante.
    Dall’ombra una piccola figura lentamente prendeva forma : un ragazzo basso,magro e vestito di stranissimo vestiti :
    -Chi sei ? Urlò.
    Silenzio.
    -Da dove vieni ?
    Silenzio.
    Poi una voce,quasi strozzata :
    -Mi chiamo Shon Arter,ho 15 anni e vengo dalla regione di Argon !
    Qualche secondo di altro silenzio.
    -Impossibile,non conosco questa regione di cui parli,ragazzo !
    -Infatti signore,non esiste.O meglio,non ancora !
    -Di che stai parlando,ragazzo !
    -Forse è meglio se le spiego : io mi chiamo shon Arter,ho 15….!
    -Ho capito ragazzo e…! Esclamò Gugliemo .
    -SE magari mi fa finire….dicevo…..vengo dalla regione di Argon….e dall’anno 2229 !
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8848179
    wtf? davvero strano come inizio.... aspetto il secondo capitolo per pronunciarmi sulla trama... in quanto alla scrittura...la stessa di sempre. Ben ritornato sack e' da una vita che non ti vedevo in giro per il foro...
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  3.     Mi trovi su: Homepage #8848180
    Grazie dei commenti....ma era solo un'assagio...aspettate e vedrete



    Capitolo 1
    S1g2o
    Il tempo era oramai terminato;era la fine.Gugliemo si risvegliò all’improvviso,e nello stesso momento capì di aver sognato;lentamente riaprì gli occhi : un raggio di luce gli attraversò il viso,e il vecchio ne dedusse che dovesse essere giorno :
    -Ehi,vecchiaccio,sveglia !
    Guglielmosi ritirò su a fatica,e si guardò attorno : alcuni ragazzi lo fissavano ridendo :
    -Ehi,vecchiaccio …!
    -Via !!! Andate via ! Gridò il vecchio cercando di sembrare più minaccioso possibile,e anche ciò non ebbe nessun effetto,i ragazzi scomparirono ridacchiando. “Il mio faro,come hanno fatto ad entrarci “ si chiese e mentre rifletteva,si accorse del fatto : intorno a lui non c’erano le spesse mura ,ne la sua poltrona, e l’aria non era intrisa del familiare odore della carta.Si guardò di nuovo attorno : una strada vuota si ergeva davanti ai suoi occhi,e in lontananza si poteva sentire le grida di qualche persona. Gugliemo comprese di essere finito in paese,ma ancor prima di domandarsi come fosse arrivato fino a lì(forse nel sonno) ,si chiese come mai il paese fossi così vuoto.Da tempo oramai non ci metteva piede,ma poteva scommetterci la testa : qualche strano avvenimento aveva spostato l’attenzione della plebe in qualche posto.Guidato dalle voci,prima un sussurrio e poi,man mano che proseguiva si trasformavano in grida,giunse fino al porto,e lì la gente ,radunata in una massa omogenea,pareva scalpitare per vedere un non so quale cosa,così bizzarra da indurre centinaia di persone fino a quel punto.Gugliemo si fece largo tra la gente, e mentre avanzava uno strano presentimento lo domiva.E poi,quando finalmente giunse ad un punto che permetteva la vista,il sangue gli si gelò nelle vene : dove prima stava il suo amato faro,ora c’erano,minacciose e tristi,un cumulo di macerie :
    -Il mio faro,i miei libri ! Gridò gettandosi a terra ,quasi in preda alla disperazione.E mentre balbettava lamenti incomprensibili,ecco notò uno strano segno sul terreno : tracciato sulla terra proprio di fronte al faro,a caratteri cubitali era scritto :

    [CENTER][FONT=Algerian]1229.2229[/FONT]
    [/CENTER]
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  4.     Mi trovi su: Homepage #8848181
    Grazie dei commenti....ma era solo un'assagio...aspettate e vedrete



    Capitolo 1
    S1g2o
    Il tempo era oramai terminato;era la fine.Gugliemo si risvegliò all’improvviso,e nello stesso momento capì di aver sognato;lentamente riaprì gli occhi : un raggio di luce gli attraversò il viso,e il vecchio ne dedusse che dovesse essere giorno :
    -Ehi,vecchiaccio,sveglia !
    Guglielmosi ritirò su a fatica,e si guardò attorno : alcuni ragazzi lo fissavano ridendo :
    -Ehi,vecchiaccio …!
    -Via !!! Andate via ! Gridò il vecchio cercando di sembrare più minaccioso possibile,e anche ciò non ebbe nessun effetto,i ragazzi scomparirono ridacchiando. “Il mio faro,come hanno fatto ad entrarci “ si chiese e mentre rifletteva,si accorse del fatto : intorno a lui non c’erano le spesse mura ,ne la sua poltrona, e l’aria non era intrisa del familiare odore della carta.Si guardò di nuovo attorno : una strada vuota si ergeva davanti ai suoi occhi,e in lontananza si poteva sentire le grida di qualche persona. Gugliemo comprese di essere finito in paese,ma ancor prima di domandarsi come fosse arrivato fino a lì(forse nel sonno) ,si chiese come mai il paese fossi così vuoto.Da tempo oramai non ci metteva piede,ma poteva scommetterci la testa : qualche strano avvenimento aveva spostato l’attenzione della plebe in qualche posto.Guidato dalle voci,prima un sussurrio e poi,man mano che proseguiva si trasformavano in grida,giunse fino al porto,e lì la gente ,radunata in una massa omogenea,pareva scalpitare per vedere un non so quale cosa,così bizzarra da indurre centinaia di persone fino a quel punto.Gugliemo si fece largo tra la gente, e mentre avanzava uno strano presentimento lo domiva.E poi,quando finalmente giunse ad un punto che permetteva la vista,il sangue gli si gelò nelle vene : dove prima stava il suo amato faro,ora c’erano,minacciose e tristi,un cumulo di macerie :
    -Il mio faro,i miei libri ! Gridò gettandosi a terra ,quasi in preda alla disperazione.E mentre balbettava lamenti incomprensibili,ecco notò uno strano segno sul terreno : tracciato sulla terra proprio di fronte al faro,a caratteri cubitali era scritto :

    [CENTER][FONT=Algerian]1229.2229[/FONT]

    [/CENTER]
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8848182
    ancora non ci sto capendo na mazza ma vada... mi piace..
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  6.     Mi trovi su: Homepage #8848183
    e molto misterioso...e lo sarà fino all'ultimo capitolo
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8848184
    maddo mi devo mangiare il cervello fino all'ultimo capitolo nel tentativo di capire qualche cosa?
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8848186
    ora ci faccio caso: sacboy e' tornato nel tempo e ha fatto due post perche' prima uno nn c'era!
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  9.     Mi trovi su: Homepage #8848188
    Sack è tornato, finalmente :D
    Great, mi intriga ^^
    The moment man devoured the fruit of knowledge, he sealed his fate... Entrusting his future to the cards, man clings to a dim hope. Yet, the Arcana is the means by which all is revealed. Beyond the beaten path lies the absolute end. It matters not who you are... Death awaits you.
  10.     Mi trovi su: Homepage #8848189
    e se nessuno lo sapesse....fra poco il secondo capitolo
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  11.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8848190
    okay...io aspetto...
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze

  1229.2229

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina