1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870782
    Diciamo che un giornale ha proposto alla nostra scuola un progetto: chiunque degli alunni voglia scrivere un articolo lo puo' fare entro questa settimana... poi loro verranno a prenderlo... i migliori saranno pubblicati...
    a seguito il mio... ditemi cosa ne pensate e cosa dovrei aggiustare (non vi scomodate per gli errori di ortografia... a quelli ci pensa la profe...)

    Graffiti: tra vandalismo e arte

    Il writing, anche detto Graffitismo, è una manifestazione sociale, culturale e artistica diffusa in tutto il pianeta. Nasce a Philadephia nei tardi anni sessanta si sviluppa a New York negli anni settanta per raggiungere la maturita' stilistica negli anni novanta.
    L’innovazione di questa arte sta nei supporti utilizzati, quali vagoni ferroviari e pareti urbane da cui nascono opere non vendibili, e dal fatto questa arte non necessita dell'appoggio di critici o galleristi, perchè direttamente guidata verso un pubblico "di massa". E appunto per questo da molti questa particolare espressione artistica viene catalogata come vandalismo, ma non sempre e' cosi. Infatti molti adepti di questo movimento hanno elevato il writting a una vera e propria forma d'arte eseguendo i loro lavori in posti poco frequentati o dove comunque non infastidiscono nessuno.
    Quando si parla di Writting si intende lo scrivere sui muri utilizzando bombole spary,pennarelli o strumenti del genere il nome o pseudonimo di ogni graffitista, il suo alter-ego.Sotto forma di tag oppure eseguendo dei wild style. Il tag viene scelto dal writer stesso, partendo da giochi di parole sulla propria identità, o semplicemente scegliendo la parola che più lo rappresenta, in base al suono o più frequentemente in base alle lettere che lo compongono. In alcuni casi il tag è seguito da un suffisso (molto comune il suffisso "one") oppure da alcune lettere che possono variare dalla data di nasciata al numero della strada o del palazzo in cui l'artista vive.
    Il Wild Style e' l'evoluzione della tag e consiste nel creare un proprio stile utilizzando lettere intrecciate e sovrapposte, forme indipendenti e associazioni con frecce o qualsiasi cosa riesca a donare all'opera originalita'. Molto spesso a causa della complessità per un occhio inesperto viene difficile da capire il "pezzo".
    Dato che a questo movimento artisitco-culturale aderiscono moltissimi giovani i comuni potrebbero organizzare degli spazzi e degli evenimenti a loro dedicati. Facendo cio' si potrebbe in qualche modo "combattere" gli aspetti negativi del fenomeno del Graffitismo, ma ancora piu' importante si potrebbero avvicinare i giovani all'arte e spronarli a esercitarsi e utilizzare la loro fantasia senza il pericolo che arrechino danni a qualsiasi proprieta',pubblica o privata o ancora peggio alla loro persona.
    Il writing e' da sempre stato sinonimo di vandalismo ma si spera che prima o poi la si trovera' una soluzione per elevarlo allo status di arte in tutto e per tutto.
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  2.     Mi trovi su: Homepage #8870783
    RavenDiciamo che un giornale ha proposto alla nostra scuola un progetto: chiunque degli alunni voglia scrivere un articolo lo puo' fare entro questa settimana... poi loro verranno a prenderlo... i migliori saranno pubblicati...
    a seguito il mio... ditemi cosa ne pensate e cosa dovrei aggiustare (non vi scomodate per gli errori di ortografia... a quelli ci pensa la profe...)

    Graffiti: tra vandalismo e arte

    Il writing, anche detto Graffitismo, è una manifestazione sociale, culturale e artistica diffusa in tutto il pianeta. Nasce a Philadephia nei tardi anni sessanta si sviluppa a New York negli anni settanta per raggiungere la maturita' stilistica negli anni novanta.
    L’innovazione di questa arte sta nei supporti utilizzati, quali vagoni ferroviari e pareti urbane da cui nascono opere non vendibili, e dal fatto questa arte non necessita dell'appoggio di critici o galleristi, perchè direttamente guidata verso un pubblico "di massa". E appunto per questo da molti questa particolare espressione artistica viene catalogata come vandalismo, ma non sempre e' cosi. Infatti molti adepti di questo movimento hanno elevato il writting a una vera e propria forma d'arte eseguendo i loro lavori in posti poco frequentati o dove comunque non infastidiscono nessuno.
    Quando si parla di Writting si intende lo scrivere sui muri utilizzando bombole spary,pennarelli o strumenti del genere il nome o pseudonimo di ogni graffitista, il suo alter-ego.Sotto forma di tag oppure eseguendo dei wild style. Il tag viene scelto dal writer stesso, partendo da giochi di parole sulla propria identità, o semplicemente scegliendo la parola che più lo rappresenta, in base al suono o più frequentemente in base alle lettere che lo compongono. In alcuni casi il tag è seguito da un suffisso (molto comune il suffisso "one") oppure da alcune lettere che possono variare dalla data di nasciata al numero della strada o del palazzo in cui l'artista vive.
    Il Wild Style e' l'evoluzione della tag e consiste nel creare un proprio stile utilizzando lettere intrecciate e sovrapposte, forme indipendenti e associazioni con frecce o qualsiasi cosa riesca a donare all'opera originalita'. Molto spesso a causa della complessità per un occhio inesperto viene difficile da capire il "pezzo".
    Dato che a questo movimento artisitco-culturale aderiscono moltissimi giovani i comuni potrebbero organizzare degli spazzi e degli evenimenti a loro dedicati. Facendo cio' si potrebbe in qualche modo "combattere" gli aspetti negativi del fenomeno del Graffitismo, ma ancora piu' importante si potrebbero avvicinare i giovani all'arte e spronarli a esercitarsi e utilizzare la loro fantasia senza il pericolo che arrechino danni a qualsiasi proprieta',pubblica o privata o ancora peggio alla loro persona.
    Il writing e' da sempre stato sinonimo di vandalismo ma si spera che prima o poi la si trovera' una soluzione per elevarlo allo status di arte in tutto e per tutto.
    e un articolo interessante:thumbup1:
  3.     Mi trovi su: Homepage #8870784
    bell'articolo :laugh:
    secondo me però manca il motivo, cioè quello che ha spinto i primi writer ad esprimersi attraverso i graffiti... per quanto ne sò io il motore di questa nuova arte è stata l'insoddisfazione verso la "staticità"delle città ( come la costruzione di edifici grigi e tutti uguali), con i graffiti ci si voleva ribellare all'omologazione dei quartieri tutti uguali e incolori ^^
    si voleva insomma esprimere la propria individualità
    LA MIA COLLEZIONE!!1!1!!1!!Grazie al mio Nipotazzo Nero :3

    Quote:





    Originally Posted by Genesis_94


    Ecco la dea, suprema spargitrice di flood dove ce n'è bisogno.





    Quote:





    Originally Posted by Nero1010100


    Giulietta e Manuelo: la storia d'amore (o meglio il porno) che ha fatto piangere [venire] moltissime persone.





    Quote:





    Originally Posted by Chisnef


    adesso dovremo chiamarti giulia passione recensioni. LOL




  4.     Mi trovi su: Homepage #8870785
    RavenDiciamo che un giornale ha proposto alla nostra scuola un progetto: chiunque degli alunni voglia scrivere un articolo lo puo' fare entro questa settimana... poi loro verranno a prenderlo... i migliori saranno pubblicati...
    a seguito il mio... ditemi cosa ne pensate e cosa dovrei aggiustare (non vi scomodate per gli errori di ortografia... a quelli ci pensa la profe...)

    Graffiti: tra vandalismo e arte

    Il writing, anche detto Graffitismo, è una manifestazione sociale, culturale e artistica diffusa in tutto il pianeta. Nasce a Philadephia nei tardi anni sessanta si sviluppa a New York negli anni settanta per raggiungere la maturita' stilistica negli anni novanta.
    L’innovazione di questa arte sta nei supporti utilizzati, quali vagoni ferroviari e pareti urbane da cui nascono opere non vendibili, e dal fatto questa arte non necessita dell'appoggio di critici o galleristi, perchè direttamente guidata verso un pubblico "di massa". E appunto per questo da molti questa particolare espressione artistica viene catalogata come vandalismo, ma non sempre e' cosi. Infatti molti adepti di questo movimento hanno elevato il writting a una vera e propria forma d'arte eseguendo i loro lavori in posti poco frequentati o dove comunque non infastidiscono nessuno.
    Quando si parla di Writting si intende lo scrivere sui muri utilizzando bombole spary,pennarelli o strumenti del genere il nome o pseudonimo di ogni graffitista, il suo alter-ego.Sotto forma di tag oppure eseguendo dei wild style. Il tag viene scelto dal writer stesso, partendo da giochi di parole sulla propria identità, o semplicemente scegliendo la parola che più lo rappresenta, in base al suono o più frequentemente in base alle lettere che lo compongono. In alcuni casi il tag è seguito da un suffisso (molto comune il suffisso "one") oppure da alcune lettere che possono variare dalla data di nasciata al numero della strada o del palazzo in cui l'artista vive.
    Il Wild Style e' l'evoluzione della tag e consiste nel creare un proprio stile utilizzando lettere intrecciate e sovrapposte, forme indipendenti e associazioni con frecce o qualsiasi cosa riesca a donare all'opera originalita'. Molto spesso a causa della complessità per un occhio inesperto viene difficile da capire il "pezzo".
    Dato che a questo movimento artisitco-culturale aderiscono moltissimi giovani i comuni potrebbero organizzare degli spazzi e degli evenimenti a loro dedicati. Facendo cio' si potrebbe in qualche modo "combattere" gli aspetti negativi del fenomeno del Graffitismo, ma ancora piu' importante si potrebbero avvicinare i giovani all'arte e spronarli a esercitarsi e utilizzare la loro fantasia senza il pericolo che arrechino danni a qualsiasi proprieta',pubblica o privata o ancora peggio alla loro persona.
    Il writing e' da sempre stato sinonimo di vandalismo ma si spera che prima o poi la si trovera' una soluzione per elevarlo allo status di arte in tutto e per tutto.


    mio fratello è un writer :biggrin:
    http://www.playgen.it/showthread.php?t=40562

    qual' è il significato della vita?
    non lo so,forse continuare a vivere senza farsi domande.
    [auto.cit]
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870786
    Goddess of warbell'articolo :laugh:
    secondo me però manca il motivo, cioè quello che ha spinto i primi writer ad esprimersi attraverso i graffiti... per quanto ne sò io il motore di questa nuova arte è stata l'insoddisfazione verso la "staticità"delle città ( come la costruzione di edifici grigi e tutti uguali), con i graffiti ci si voleva ribellare all'omologazione dei quartieri tutti uguali e incolori ^^
    si voleva insomma esprimere la propria individualità

    questo e il fatto che intendevano i graffiti come una forma di ribellione verso il sistema
    poi se non sbaglio agli inizi i graffiti venivano utilizzati per marchiare il territorio delle varie gang...
    ma ho cercato di essere il piu' sintetico possibile.. perche' col articolo non voglio parlare dei graffiti in generale ma della questione "graffiti nella societa' "
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870788
    essendo che hanno richiamato i miei genitori a scuola a causa di questo ed altro non mi posso permettere di toccare un argomento cosi scottante come quello delle droghe leggere e non... insomma in poche parole devono pensare che ho iniziato a fare il bravo ragazzo...
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870790
    Ravenessendo che hanno richiamato i miei genitori a scuola a causa di questo ed altro non mi posso permettere di toccare un argomento cosi scottante come quello delle droghe leggere e non... insomma in poche parole devono pensare che ho iniziato a fare il bravo ragazzo...


    be potevi parlare del fumo in generale come fenomeno sociale sempre piu' diffuso tra li adolescenti

    Firma by Krona

    Mercatino
    SIAMO PG ,NON VG ID PSN:RHCP-ITALY
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870791
    non sarebbe stata una cattiva idea ma per varie ragioni ho scelto questo come argomento (avevo preso in considerazione di scrivere qualcosa del genere)
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870793
    junglemannn farti fregare la mia idea dai tuoi compagni, acqua in bocca hhahah:ninja:

    na quelli ignoranti toccano temi scontati come lo sfruttamento minorile,la violenza sugli animali o che ne so l'emergenza ambiente....
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  10.     Mi trovi su: Homepage Homepage #8870794
    basmio fratello è un writer :biggrin:

    associati a lui....
    Lay beside me
    Tell me what they've done
    And speak the words I wanna hear
    To make my demons run
    The door is locked now
    But it's open if you're true
    If you can understand the me
    Then I can understand the you
    Lay beside me
    Under wicked sky
    Black of day
    Dark of night
    We share this paralyze
  11.     Mi trovi su: Homepage #8870795
    L'articolo non è male ma voglio darti alcuni consigli che mi ha dato la prof da quando abbiamo iniziato a scrivere articoli e saggi brevi in preparazione dell'esame.
    1 Devi mettere un titolo e un inizio "accattivante". Senza offesa ma il tuo attacco era troppo "statico".
    2 Questo non è della mia prof. Ti sei soffermato troppo sui nomi dei writer piuttosto che parlare di qesto fenomeno nella società odierna.
    3 Non dire che i comuni dovrebbero creare degli spazi appositi perchè se non sbaglio già esistono. Dì al massimo che li devono ampliare.

    Segui questi consigli se vuoi che compaia sul giornale. Se non vuoi rimane comunque un bell'articolo.
    Spero di esserti stato di aiuto:D
    Quote:





    Originally Posted by detto da solid93 in una partita di kino der toten


    Niko ti nomino ufficialmente secchione della worst






    Quote:





    Originally Posted by Ogihci Shirosaki


    Finalmente cominci a ragionare come un vero scrittore! Bravo Niko! Ti meriti proprio un Bel 10 e lode!





    KURO TORNA PRESTO NOI TI ASPETTIAMO
    grazie mille a krona per la firma^^


  12.     Mi trovi su: Homepage #8870796
    Ravenassociati a lui....


    non so disegnare...............


    adesso che mi ci fai pensare io non so fare niente :(
    http://www.playgen.it/showthread.php?t=40562

    qual' è il significato della vita?
    non lo so,forse continuare a vivere senza farsi domande.
    [auto.cit]

  Articolo "fatto in casa"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina