1.     Mi trovi su: Homepage #8935734
    In occasione del secondo capitolo ( che gioco tutt'ora è che è a dir poco un capolavoro) recensisco il primo.

    Un pupazzo deliziosamente tenero

    La prima cosa che ci viene mostrata,ancor prima del gioco stesso,e con il quale spesso ci identifichiamo,è il protagonista(o i protagonisti) di un gioco.Stringiamo con lui un legame,un intesa,un rapporto che va al di là del videogame,si allunga,si dilata,diventa a volta il centro stesso del gioco.E spesso,riconosciamo un gioco per i suoi personaggi,per il suo protagonista...oltre che..immancabilmente...per la sua originalità.Little big planet è un capolavoro già da questo;dal suo protagonista,dal modo in cui tratta il suo protagonista.O meglio ancora,dal fatto che,un protagonista vero e proprio non esiste ! Dietro al delizioso pupazzetto di pezza,non c'è niente; non c'è carattere,non c'è storia,non c'è nulla.Detta così sembrerebe quasi un difetto;e invece no,perchè qui entra in gioco un fatto importante,che è cardine dell'intero gioco : quello di creare.In little big planet,il protagonista lo creamo noi,gli diamo noi un aspetto,un volto,perfino una storia.Ed ecco che quel discorso di prima si amplia,e il rapporto cresce;perchè in un certo senso,il sackboy è nostro,e lo creamo come lo desideriamo...è il frutto della nostra fantasia.

    Crea,gioca,condividi

    [LEFT]Tre grandi parole all'apparenza,tre concetti che appaiono lontani,e che invece sono molto più vicini di quanto sembrano.Little big planet estende al massimo l'idea di videogioco,la allunga al limite,e ci offre un mondo ampio,vario,intimo.Un luogo che prima di tutto,prima ancora di essere videogioco,nasce da idea : quella di offire un mezzo per trasformare in raltà i nostri sogni.O meglio,la nostra immagisfera.Inutile dire che lbp ci riesce,e anche bene.Per tutto il gioco,si a quella strana senzazione,di completezza.Di soddisfazione personale,di continua sorpresa.Little big planet ha la bizzara capacità di ridarci quella infantilità,quell'occhio innocente,che avevamo da bambini.Quella sensazione di stupore di fronte a cose nuove,che non avresti mai immaginato.In certo senso,ci riporta a quel periodo,e poi ci lascia liberemante vagare senza chiedere nulla in cambio.E questa strana sensazione continua,anche dopo aver terminato quella fativica partita,anche dopo aver completato quel particolare livello.Per un attimo,il mondo ci sembra diverso.Più bello.E poi,come tutti i pensieri,quella sensazione svanisce.
    [/LEFT]

    Come un pittore con un violino in testa

    [LEFT]Graficamente parlando,little big planet mostra un originalità fuori dal comune.Non per qualita di pixel,non per fotogrammi al secondo,non per scenari maestosi...semplicemente perchè l'idea di base...quella del sogno...viene rispecchiata benissimo anche dalla grafica.Quella sensazione,non si perde,al contrario si amalgama alla perfezione,e fermandoci a fissare un livello,non si può non rimanere rapiti da quel vortice di colori che ricorda quando,da piccoli,costruivamo con le lego.Mattone per mattone,lo scenario prende vita...in tutto il suo splendore.E senza dilugarci..che le parole sono già abbastanza...lo stesso vale per le splendide musica


    Finale : ed egli alla fine,giunse

    Little big planet racchiude in se tutto il significato più profondo di videogioco : una grande comunità di persone che ,nella loro normalità sono speciali.Che sognano,pensano,creano e al quale media moluche ha voluto offrire la loro personale e fantasiosa versione del piccolo,grande mondo.

    Grazie.
    [/LEFT]
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  2.     Mi trovi su: Homepage #8935736
    sackboy GIn occasione del secondo capitolo ( che gioco tutt'ora è che è a dir poco un capolavoro) recensisco il primo.

    Un pupazzo deliziosamente tenero

    La prima cosa che ci viene mostrata,ancor prima del gioco stesso,e con il quale spesso ci identifichiamo,è il protagonista(o i protagonisti) di un gioco.Stringiamo con lui un legame,un intesa,un rapporto che va al di là del videogame,si allunga,si dilata,diventa a volta il centro stesso del gioco.E spesso,riconosciamo un gioco per i suoi personaggi,per il suo protagonista...oltre che..immancabilmente...per la sua originalità.Little big planet è un capolavoro già da questo;dal suo protagonista,dal modo in cui tratta il suo protagonista.O meglio ancora,dal fatto che,un protagonista vero e proprio non esiste ! Dietro al delizioso pupazzetto di pezza,non c'è niente; non c'è carattere,non c'è storia,non c'è nulla.Detta così sembrerebe quasi un difetto;e invece no,perchè qui entra in gioco un fatto importante,che è cardine dell'intero gioco : quello di creare.In little big planet,il protagonista lo creamo noi,gli diamo noi un aspetto,un volto,perfino una storia.Ed ecco che quel discorso di prima si amplia,e il rapporto cresce;perchè in un certo senso,il sackboy è nostro,e lo creamo come lo desideriamo...è il frutto della nostra fantasia.

    Crea,gioca,condividi

    [LEFT]Tre grandi parole all'apparenza,tre concetti che appaiono lontani,e che invece sono molto più vicini di quanto sembrano.Little big planet estende al massimo l'idea di videogioco,la allunga al limite,e ci offre un mondo ampio,vario,intimo.Un luogo che prima di tutto,prima ancora di essere videogioco,nasce da idea : quella di offire un mezzo per trasformare in raltà i nostri sogni.O meglio,la nostra immagisfera.Inutile dire che lbp ci riesce,e anche bene.Per tutto il gioco,si a quella strana senzazione,di completezza.Di soddisfazione personale,di continua sorpresa.Little big planet ha la bizzara capacità di ridarci quella infantilità,quell'occhio innocente,che avevamo da bambini.Quella sensazione di stupore di fronte a cose nuove,che non avresti mai immaginato.In certo senso,ci riporta a quel periodo,e poi ci lascia liberemante vagare senza chiedere nulla in cambio.E questa strana sensazione continua,anche dopo aver terminato quella fativica partita,anche dopo aver completato quel particolare livello.Per un attimo,il mondo ci sembra diverso.Più bello.E poi,come tutti i pensieri,quella sensazione svanisce.
    [/LEFT]

    Come un pittore con un violino in testa

    [LEFT]Graficamente parlando,little big planet mostra un originalità fuori dal comune.Non per qualita di pixel,non per fotogrammi al secondo,non per scenari maestosi...semplicemente perchè l'idea di base...quella del sogno...viene rispecchiata benissimo anche dalla grafica.Quella sensazione,non si perde,al contrario si amalgama alla perfezione,e fermandoci a fissare un livello,non si può non rimanere rapiti da quel vortice di colori che ricorda quando,da piccoli,costruivamo con le lego.Mattone per mattone,lo scenario prende vita...in tutto il suo splendore.E senza dilugarci..che le parole sono già abbastanza...lo stesso vale per le splendide musica


    Finale : ed egli alla fine,giunse

    Little big planet racchiude in se tutto il significato più profondo di videogioco : una grande comunità di persone che ,nella loro normalità sono speciali.Che sognano,pensano,creano e al quale media moluche ha voluto offrire la loro personale e fantasiosa versione del piccolo,grande mondo.

    Grazie.
    [/LEFT]


    ottima recensione, ma nonostante io mi sforzi, non riesce proprio a piacermi..


    Un grazie a Chris!



    Torna presto, Gabriele.
  3.     Mi trovi su: Homepage #8935738
    grazie mille per il complimento

    p.s : il due è sensazionale fidati non riesco a staccarmene
    Le charme discret de la bourgeoisie....


    Non esiste una libertà parziale. Nelson Mandela

    Esser celebri lontano da qui! | Oh, cara aurea mediocritas! | Ma l'arte è tanto grande, | ... e la vita così breve! (pag. 1373)
  4.     Mi trovi su: Homepage #8935739
    bellissima rece!!:smile: anche se il gioco a me non è particolarmente piaciuto:closedeyes:
    Provate il dolore. Contemplate il dolore. Accettate il dolore. Conoscete il dolore. Coloro che non comprendono il vero dolore, non capiranno mai quale sia la vera pace.
    - I Sei Cammini di Pain, il Dio del Villaggio della Pioggia -



    firma by Krona-san*.*

    Giocando: -- Platinando: --
    Rigiocando(retrò): --
    Prossimi acquisti: Ni No Kuni: Wrath of the White Witch
  5.     Mi trovi su: Homepage #8935741
    il gioco è molto bello, vario e infinito, pieno di cose da fare, qualche volta fa un pò sclerare. é un gioco originale, ma bisogna saperci fare, io gioco solo i livelli, sono negato a crearli.
    grafica: 93
    sonoro: 96
    longevità: infinitoooooooooooo
    giocabilità: 95
    divertimento: 94
    Voto: 93
    "Fare un film significa migliorare la vita, sistemarla a modo proprio, significa prolungare i giochi dell'infanzia." François Truffaut
    "Il cinema non è un pezzo di vita, è un pezzo di torta" Alfred Hitchcok
    "Il cinema è come una vecchia puttana, come il circo e il varietà, e sa come dare molte forme di piacere." Federico Fellini
  6.     Mi trovi su: Homepage #8935742
    sackboy Gè un gioco particolare


    si è un gioco particolare.... il giorno in cui l'ho comprato pensavo di aver buttato via 20 euro... poi arrivato a casa... lo provo.... e.... a prima vista pensavo veramente di aver sprecato i miei soldi!!! lascio da parte il gioco per un mese e poi un giorno decido di rigiocarci.... quel giorno cambiai parere.... lbp mi apparve come un gran gioco!!!
    fra un po' forse prenderò il 2... che lo sa!!^^
    comunque ottima recensione :001_smile:
    ID PSN: cloud_9_5





    LA MIA COLLEZIONE
    http://www.playgen.it/showthread.php?t=11214

  little big planet

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina