1.     Mi trovi su: Homepage #9089905
    Chiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Ps. Ascoltate la canzone di questo link, e sentitene le parole. Ascoltatela con la mente libera, e cercate di andare oltre il significato letterale del testo.Il link è questo http://www.youtube.com/watch?v=1t-RqQ2WWH4 mentre Il testo è questo:

    Ho visto
    La gente della mia età andare via
    Lungo le strade che non portano mai a niente
    Cercare il sogno che conduce alla pazzia
    Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
    Lungo le notti che dal vino son bagnate
    Dentro le stanze da pastiglie trasformate
    Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
    Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
    E un Dio che è morto
    Ai bordi delle strade Dio è morto
    Nelle auto prese a rate Dio è morto
    Nei miti dell'estate Dio è morto.
    Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
    In ciò che spesso han mascherato con la fede
    Nei miti eterni della patria o dell'eroe
    Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
    Le fedi fatte di abitudini e paura
    Una politica che è solo far carriera
    Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
    L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
    E un Dio che è morto
    Nei campi di sterminio Dio è morto
    Coi miti della razza Dio è morto
    Con gli odi di partito Dio è morto.
    Ma penso
    Che questa mia generazione è preparata
    A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
    Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
    Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
    E poi risorge
    In ciò che noi crediamo Dio è risorto
    In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
    Nel mondo che faremo
    Dio è risorto,
    Dio è risorto
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #9089906
    Alessandra[B]Chiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo.


    Uh? E perchè, a parte il "muro di testo della morte"*? :)



    *buttateci qualche a capo, se dovete scrivere tanto.
  3.     Mi trovi su: Homepage #9089907
    La fiducia in me stesso l'ho persa quando ho visto la lunghezza del post :nosmile:




    Bene, ora che la mia boiata l'ho detta mi metto a leggere tutto :wink:

    P.S: Dando uno sguardo veloce non capisco quale regola dovresti aver infranto con tale sprezzo da meritarti un ban .-. Non mi pare che tu stia dicendo nulla di sbagliato, ne tanto meno che tu discuta di qualcosa di illecito (se pensavi alla religione, hai solo citato il testo di una canzone, mica hai messo in discussione nulla) EDIT: Il Duffo parlò prima di me :biggrin:


    NON C'E' FORUM SENZA KURO
  4. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #9089910
    AlessandraChiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Ps. Ascoltate la canzone di questo link, e sentitene le parole. Ascoltatela con la mente libera, e cercate di andare oltre il significato letterale del testo.Il link è questo http://www.youtube.com/watch?v=1t-RqQ2WWH4 mentre Il testo è questo:

    Ho visto
    La gente della mia età andare via
    Lungo le strade che non portano mai a niente
    Cercare il sogno che conduce alla pazzia
    Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
    Lungo le notti che dal vino son bagnate
    Dentro le stanze da pastiglie trasformate
    Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
    Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
    E un Dio che è morto
    Ai bordi delle strade Dio è morto
    Nelle auto prese a rate Dio è morto
    Nei miti dell'estate Dio è morto.
    Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
    In ciò che spesso han mascherato con la fede
    Nei miti eterni della patria o dell'eroe
    Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
    Le fedi fatte di abitudini e paura
    Una politica che è solo far carriera
    Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
    L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
    E un Dio che è morto
    Nei campi di sterminio Dio è morto
    Coi miti della razza Dio è morto
    Con gli odi di partito Dio è morto.
    Ma penso
    Che questa mia generazione è preparata
    A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
    Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
    Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
    E poi risorge
    In ciò che noi crediamo Dio è risorto
    In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
    Nel mondo che faremo
    Dio è risorto,
    Dio è risorto


    " Dio è morto " è una delle mie canzoni preferite, tra l'altro quando è uscita è stata censurata dalla chiesa perchè ritenuta blasfema e offensiva, quando in realta' è un messaggio di straordinaria intensita' e speranza. Per quanto riguarda il resto che dire, anche il tuo in fondo è un messaggio di speranza, ma allo stesso tempo una dura presa di posizione. Personalmente ho smesso di credere negli altri gia' da molto, saro' drastico : questa societa' non mi rispecchia, i suoi valori non mi rispecchiano, chi ci vive non mi rispecchia.
    La voglia di provare a cambiarla nel mio piccolo l'ho persa molto tempo fa.
  5.     Mi trovi su: Homepage #9089911
    AlessandraChiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Ps. Ascoltate la canzone di questo link, e sentitene le parole. Ascoltatela con la mente libera, e cercate di andare oltre il significato letterale del testo.Il link è questo http://www.youtube.com/watch?v=1t-RqQ2WWH4 mentre Il testo è questo:

    Ho visto
    La gente della mia età andare via
    Lungo le strade che non portano mai a niente
    Cercare il sogno che conduce alla pazzia
    Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
    Lungo le notti che dal vino son bagnate
    Dentro le stanze da pastiglie trasformate
    Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
    Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
    E un Dio che è morto
    Ai bordi delle strade Dio è morto
    Nelle auto prese a rate Dio è morto
    Nei miti dell'estate Dio è morto.
    Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
    In ciò che spesso han mascherato con la fede
    Nei miti eterni della patria o dell'eroe
    Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
    Le fedi fatte di abitudini e paura
    Una politica che è solo far carriera
    Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
    L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
    E un Dio che è morto
    Nei campi di sterminio Dio è morto
    Coi miti della razza Dio è morto
    Con gli odi di partito Dio è morto.
    Ma penso
    Che questa mia generazione è preparata
    A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
    Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
    Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
    E poi risorge
    In ciò che noi crediamo Dio è risorto
    In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
    Nel mondo che faremo
    Dio è risorto,
    Dio è risorto


    Non per fare lo stronzo, ma tutto quello che hai scritto si può ridurre ad una sola domanda: Vi sentite dei falliti in questo stramaledetto mondo che ogni giorno peggiora sempre di più?

    Io ti posso dire che non mi sento affatto un fallito. Dipende da punti di vista, certo, ma dato che per me il punto di vista più importante è il mio, affermo con serenità di non essere un fallito. Più che altro, vedendo in giro le cose che tu hai elencato sento dentro di me l'umana pietà di cui tutti (chi più chi meno) è dotato. Quando posso cerco di aiutare il prossimo, quando posso cerco di fare giustizia, sempre secondo i miei ragionamenti intendiamoci. Si vive una volta sola, e se fossi in te non mi preoccuperei molto degli altri ma solo quel tanto che basta...è un po da bastardi detta così, ma da come la vedo io, è verità.

    Tutto era soggettivo. L'apocalisse è un qualcosa di personale. Niente è più un clichè, quando capita proprio a te.
    Il noir non è un genere. È un colore, uno stato d'animo, una sensazione.
    Sfigaaaaaato! Sei uno sfigaaaaaaato! [Cit.by Crash]
  6.     Mi trovi su: Homepage #9089912
    AlessandraChiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Ps. Ascoltate la canzone di questo link, e sentitene le parole. Ascoltatela con la mente libera, e cercate di andare oltre il significato letterale del testo.Il link è questo http://www.youtube.com/watch?v=1t-RqQ2WWH4 mentre Il testo è questo:

    Ho visto
    La gente della mia età andare via
    Lungo le strade che non portano mai a niente
    Cercare il sogno che conduce alla pazzia
    Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
    Lungo le notti che dal vino son bagnate
    Dentro le stanze da pastiglie trasformate
    Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
    Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
    E un Dio che è morto
    Ai bordi delle strade Dio è morto
    Nelle auto prese a rate Dio è morto
    Nei miti dell'estate Dio è morto.
    Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
    In ciò che spesso han mascherato con la fede
    Nei miti eterni della patria o dell'eroe
    Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
    Le fedi fatte di abitudini e paura
    Una politica che è solo far carriera
    Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
    L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
    E un Dio che è morto
    Nei campi di sterminio Dio è morto
    Coi miti della razza Dio è morto
    Con gli odi di partito Dio è morto.
    Ma penso
    Che questa mia generazione è preparata
    A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
    Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
    Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
    E poi risorge
    In ciò che noi crediamo Dio è risorto
    In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
    Nel mondo che faremo
    Dio è risorto,
    Dio è risorto


    il papiro di babilonia è troppo lungo...
    un riassuntino veloce di cosa dice??
  7.     Mi trovi su: Homepage #9089913
    AlessandraChiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…




    Pienamente d'accordo con te:laugh:
    Sono felice di vedere che a questo mondo c'è gente che ha ancora questa speranza di cambiare in meglio.
    Solo la vedo dura perchè se finora siamo andati avanti con reality, discoteche ecc... è perchè a molti piace quella vita perchè è più facile. C'è gente in giro che dice delle cose fuori dal mondo e senza neanche farlo a posta, una volta ho sentito chiedere se Dante era italiano...
    Come già detto la vedo molto difficile ma chi sà forse un giorno si potrà avverare questo sogno.
    Se vuoi ascoltati Giro di vite dei Modena City Rambles che in fondo tratta gli stessi argomenti. Non posto il link perchè è un filo politica :lol:
    P.S.: questo che hai scritto è il più bel post che mi sia capitato di leggere da quando mi sono iscritto nel forum.:laugh:



    EDIT: @ Hib: riprendi allora la teoria del tutto è relaitvo?:laugh:
    Non condivido tanto l'idea dell'egoismo perchè se non si crede negli altri alla fine si resta soli. Ovviamente penso anche io che gli s----zi siano molti ed è per questo che ha volte ho la necessità impellente di ascoltarmi Surfacing a manetta per svariati minuti altrimente scoppierei. Ma se riprendo la calma so che il mondo non è fatto di soli b****di ma anche da tante persone magnifiche.

    @ demon: mi dispiace che molte persone ti abbiano ferito. Fino a non molto tempo fa ti avrei dato ragione perchè anche io fino a non molti anni fa ti avrei dato ragione perchè anche io sono stato deriso e pugnalato alle spalle Dio solo sa quante volte. Poi tre anni fa ho avuto la fortuna di incontrare un gruppo di persone fantastiche con le quali ho stretto un grande amicizia e il bello è che loro sono anche l'opposto di me:laugh:.Per sfiga abitano lontano e quindi li posso vedere ormai solo a scuola nell'intervallo.
    Io ti propongo di fare almeno ancora un tentativo, prova ad uscire dal guscio e cerca qualcuno con cui fare amicizia. Prova ad andare in qualche luogo dove c'è gente che hai i tuoi stessi hobby o i tuoi stessi ideali, perchè gli amici virtuali potranno essere importanti ma con loro non puoi uscire per fare qualcosa insieme o fare una qualsiasi attività. Il mio è solo un consiglio e non so quanto questo per te possa valere. Spero di non averti offeso in un qualsiasi modo :laugh:
    Quote:





    Originally Posted by detto da solid93 in una partita di kino der toten


    Niko ti nomino ufficialmente secchione della worst






    Quote:





    Originally Posted by Ogihci Shirosaki


    Finalmente cominci a ragionare come un vero scrittore! Bravo Niko! Ti meriti proprio un Bel 10 e lode!





    KURO TORNA PRESTO NOI TI ASPETTIAMO
    grazie mille a krona per la firma^^


  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #9089914
    AlessandraChiedo umilmente scusa al Duffo, a Nymeria e a tutti gli altri del forum per aver creato la discussione contravvenendo alle ragole del forum stesso. Accetterò il ban senza protestare, perchè so di meritarlo. Intanto sono una ragazza di 17 anni e sono stanca di vedere ragazzi della mia età non credere più nella vita, nella speranza di non sentirsi più falliti, come mi sento io ora. Spero che tutti insieme, prima o poi, potremo aiutarci a vicenda e capire che l'Universo è fatto da tante piccole unità, che hanno il diritto e il dovere morale di cambiarlo, quando vi è il bisogno.

    Ragazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Ps. Ascoltate la canzone di questo link, e sentitene le parole. Ascoltatela con la mente libera, e cercate di andare oltre il significato letterale del testo.Il link è questo http://www.youtube.com/watch?v=1t-RqQ2WWH4 mentre Il testo è questo:

    Ho visto
    La gente della mia età andare via
    Lungo le strade che non portano mai a niente
    Cercare il sogno che conduce alla pazzia
    Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
    Lungo le notti che dal vino son bagnate
    Dentro le stanze da pastiglie trasformate
    Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
    Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
    E un Dio che è morto
    Ai bordi delle strade Dio è morto
    Nelle auto prese a rate Dio è morto
    Nei miti dell'estate Dio è morto.
    Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
    In ciò che spesso han mascherato con la fede
    Nei miti eterni della patria o dell'eroe
    Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
    Le fedi fatte di abitudini e paura
    Una politica che è solo far carriera
    Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
    L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
    E un Dio che è morto
    Nei campi di sterminio Dio è morto
    Coi miti della razza Dio è morto
    Con gli odi di partito Dio è morto.
    Ma penso
    Che questa mia generazione è preparata
    A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
    Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
    Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
    E poi risorge
    In ciò che noi crediamo Dio è risorto
    In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
    Nel mondo che faremo
    Dio è risorto,
    Dio è risorto


    mi pare un ragionamento un po' da yppie o come diamine si scrive,la poverta' c'è sempre stata e ci sara' sempre

    Firma by Krona

    Mercatino
    SIAMO PG ,NON VG ID PSN:RHCP-ITALY
  9.     Mi trovi su: Homepage #9089915
    AlessandraRagazzi, vi prego…Apriamo gli occhi…Pensiamo e crediamo davvero che il mondo, la realtà di oggi sia realmente una statica e meschina abitudine, di chi accetta tutto questo e crede di non esserne colpevole, solo perché si cela dietro il perbenismo quotidiano del proprio mondo, che finge di nascondere e celare tutto l’Universo che c’è intorno? Stamattina andando a scuola, lungo il tragitto ho visto un uomo frugare fra la spazzatura alla ricerca di qualche vestito…Apriva le buste una ad una, con delicatezza e direi quasi tenerezza, davanti ai miei occhi…Quando ha alzato il viso e si è accorto che lo stavo guardando, mi ha sorriso…Così…Semplicemente…Con la semplicità e la naturalezza delle piccole cose, che sembriamo aver ormai dimenticato, fra gli strascichi di questa realtà confusionaria, intrepida, sempre tesa, senza mai un attimo di pausa né per sé, né per gli altri…E quell’uomo, che poteva ignorarmi, mi ha guardata negli occhi e mi ha sorriso…Con una lezione di dignità, dimostrando la sua dignità, anche mentre frugava fra la spazzatura e gli scarti di un mondo che ha ridotto l’uomo stesso a misero scarto, da usare, consumare anche piuttosto velocemente, fra una partita e un reality, e poi gettare via…Allora chiedo a me per prima e a voi…Possiamo accattare tutto questo? Possiamo cavarcela con la misera scusa il mondo non cambierà mai? Quindi soltanto per questo è inutile anche tentare di reagire? Credete davvero che si nasca soltanto una volta? Io credo che si muoia ogni giorno…Sempre di più…Quando ci rassegniamo, raggomitolati sotto il letto…Quando la diamo vinta alla plastica di questa società che sembra essere lì lì per essere buttata a caso…Fra le carte…Fra la confusione di un uomo che ormai ha dimenticato il pensiero stesso, e si è ridotto a sterile pensiero, sbiadito fra falsi miti e paure inespresse, di uomo…Crediamo veramente che protestare sia soltanto scendere in piazza, un giorno, mentre la restante settimana continuiamo a schiavizzare la nostra mente e la nostra anima, al marciume dei fallimenti passati? Si parla tanto dei giovani…Si dice che ormai non hanno valori, né speranze…Si parla anche dei falsi paradisi dei giovani stessi…Alcol, fumo droga, incidenti, discoteca, macchine…Quanto credete che si possa andare avanti così? Quante altre volte dovrò sentirmi dire che la mia generazione è una generazione di falliti, soltanto perché è stata tratta in inganno da chi, prima di noi, ha dimenticato e realmente fallito con se stesso? Quante altre volte dovrò vedere genitori che si comportano da figli e non da padri? Quanto ancora sarò costretta a piangere, vedendo ragazzi abbandonati alla loro solitudine, schiacciati e confusi fra i neon e la musica a palla di una discoteca, dove tentano di dimenticare loro stessi, e il fallimento che credono di essere? Per quanto ancora? Per quanti anni dovrò continuare a ripetermi, per consolazione che ormai comincia a sapermi di bugia, che tutto prima o poi cambierà? E cosa, precisamente, potrà cambiare questa realtà? L’odio con il quale continuiamo ad irragare e concimare le nostre menti? L’odio con il quale ci scagliamo con chi non riconosciamo uguale a noi? L’odio con il quale ci rivolgiamo agli altri? L’odio che proviamo contro noi stessi? Oppure con l’ignoranza? Con l’ignoranza con la quale questa società, fatta di reality, polemiche, vino, gossip, ci sta crescendo? Credete veramente che riusciremo a salvarci e a salvare l’universo che ci circonda in questo modo? Continuando a fomentare ed alimentare la schiavitù non politica, bensì mentale, alla quale ci stanno riducendo? Avete ancora una personalità? Un’identità? Quanti di voi hanno il coraggio di dire io sono qui, e sono io, qui, per aiutare…Ci hanno detto che con la Divina Commedia non si ci fa un panino…Ma voi non vi sentite mortificati, nella vostra dignità di essere umani, nell’aprire la tv e sentire queste frasi? Non vi vergognate, come me, quando sentite gente che dice che gli extracomuntari sono arrivati in Italia a rubarci il lavoro, quando invece questa nostra società ci sta rubando l’identità e la libertà di pensiero? Non vi vergognate anche voi? E pensate che questo possa darvi un futuro? Che futuro abbiamo in un Paese dove più sei bravo, più fai paura al potente di turno, e più vieni emarginato e messo da parte? Non vi vergognate nel vedere nella nostra politica incompetenti che non sanno neanche la costituzione, quando invece noi studiamo fino a mezzanotte per cercare di imparare qualcosa? Non vi sentite dei falliti? Io studio fino a notte fonda, il sabato neanche esco, non faccio neanche sport, per avere il tempo di fare a scuola altri corsi di pomeriggio per approfondire….Come crediate che mi senta, nel vedere migliaia di precari e gente che ha sacrificato tutta la sua vita per una maledetta laurea sudata con il sudore della propria fronte, frugare fra le buste della spazzatura? Come vi sentite? Vi sentite apposto con la coscienza, soltanto perché, in fondo, nella nostra vita, non facciamo nulla di male? E che possibilità abbiamo noi così? Che speranza abbiamo, così? Come vi sentite a sapere che, per come stanno andando oggi le cose, se non avete i soldi e le possibilità economiche, non potrete neanche iscrivervi all’università, perché non potrete sostenerne le spese, visto che a causa dei tagli alla cultura che sono stati fatti le borse di studio sono quasi inesistenti? Certo, più siamo ignoranti, più sarà facile strumentalizzarci, raggirarci con un po’ di paroloni e false promesse, dai bravi demagoghi che verranno…Ragazzi svegliamoci! Le proteste non sono soltanto quelle che si fanno in piazza! Dobbiamo avere il coraggio di difendere i nostri diritti e la nostra dignità di esseri umani, e la CULTURA per prima…E dobbiamo aiutarci gli uni con gli altri, non solo scendendo in piazza, ma rendendo le nostre menti, una volta per tutte libere di pensare e ragionare realmente, non facendoci ingannare in continuazione, anche dalla rassegnazione e dall’ abitudine a tutto questo schifo, perché ne abbiamo diritto…Siamo uomini, ma soprattutto siamo arte, libera…E dobbiamo credere in noi, e nella possibilità di cambiare anche una piccola virgola, perché, oggi come oggi, anche questa è una grande vittoria…Oggi sono andata al gamestop, ho disdetto la hero edition di infamous 2 che costava 150 euro…Credo di essere più felice, sapendo che i miei soldi hanno regalato una giacca, un pantalone e un paio di scarpe all’uomo che stamattina frugava fra la spazzatura…Ora hanno un senso…


    Rientriamo IT, che ci siamo un pò persi.

    Allora, innanzi tutto ti dico che il tuo è stato indubbiamente un bel gesto e ti faccio i complimenti per questo, oltre al fatto di aver dimostrato di essere una bella persona (e di saper scrivere molto bene, che non è da tutti).

    Io, al tuo posto, non lo avrei mai fatto. Tralasciando il fatto che non posso permettermelo (150€ corrisponderebbero ad una percentuale ALTA delle mie sostanze), non avrei mai dato/usato una cifra simile per un'altra persona così. Perchè?
    1) Non darei MAI dei soldi ad una persona quando non so come li userà. Se si trova in una situazione simile, subito mi chiedo il perché. Ha dilapidato tutto ciò che ha in alcolici? Al videopoker? In cocaina o simili? (conosco una persona per ognuna di queste categorie, per inciso. Persone insospettabili. Ci penso sempre, e non riesco a fidarmi)
    2) Piuttosto che soldi, potrei dargli degli aiuti concreti? Oh, potrei eccome, mi sfugge solo il perché. Per compassione, perché potrei esserci io, perché sì. Ma queste sono motivazioni, non scopi.
    Dargli dei vestiti? E che se ne fa, avrà un aspetto vagamente migliore e starà più comodo? Boh, io (nella sua situazione) avrei altro a cui pensare
    Dargli qualcosa da mangiare? Ok. Ma Domani? Devo farlo di nuovo? E poi di nuovo? Spero di no, non sarebbe giusto. Ma farlo solo una volta per non rivederlo mai più non risulterebbe addirittura umiliante?

    Tutto ciò dal mio punto di vista. Pure io so che vuol dire rovistare nell'immondizia (certo per ragioni molto meno gravi del pane quotidiano, ma se credete sia piacevole dover rovistare la spazzatura perchè non puoi permetterti qualcosa...), eppure, se mai qualcuno si fosse avvicinato per aiutarmi, mai, MAI, mai e poi mai avrei accettato.
    Perchè? Per il semplice fatto che è una presa in giro. Chi mi aiuta lo fa per sentirsi meglio, quindi non aiuta me, aiuta se stesso. Che suona quasi imbarazzante.
    Una volta qualcuno disse "non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te". Bè, mi pare che il mio ragionamento sia in linea con questa frase...

    Pensate che io sia una persona di mer*a?
    Francamente... :nosmile:


    NON C'E' FORUM SENZA KURO
  10.     Mi trovi su: Homepage #9089916
    che mattone:nosmile: solo tu riesci a scrivere tanta roba

    comunque vedo che ti poni troppe domande ma non vedo nessuna risposta... come pensi di risolvere tutto questo... come pensi che la gente si occupi di tutto questo,avendo già problemi di per loro... pensi che la gente da un giorno all'altro si metta in piazza e dica: che qualcosa che non va in questo paese, dobbiamo modificarlo...no...no, non lo faranno, e sai perchè? perchè lo sanno di già, ma non lo dicono, non lo pensano e non ne lasciano che la più che minima brezza d'idea passi per la loro mente.
    perchè stanno bene così, perchè finchè l'ultimo finto moralista che ci dirà: domani mangeremo aragosta, caviale e berremo del costosissimo Perrier Jouet tanto saremo ricchi. ma solo che noi tutti ci crediamo,crediamo che quel fantomatico domani arriverà, pensiamo che che arriverà tra poco, pensiamo che ci si arriverà stando seduti in poltrona a profetizzare sul domani dele persone...
  11.     Mi trovi su: Homepage #9089918
    Infatti,basta con tutto questo "filtro perbenistico" il mondo sta andando a rotoli,a volte credo che la III guerra mondiale sia veramente vicina,tanto gli incompetenti che stanno in alto credono di poterci abbindolare,ma fuori dalla finestra in camera tua si combattono guerre,le persone muoiono di fame e i ricchi diventano sempre più ricchi,probabilmente dopo aver letto quello che sto per scrivere dirai ma riprenderai a navigare su internet,ma sarò felice che tu lo legga comunque:
    Alessandra ha ragione,dobbiamo cambiare il mondo,credere in noi stessi e lottare per i nostri ideali,altrimenti la generazione dopo di noi potrebbe non esistere.
    Io nella vita non ho motivazioni,nessuna fiducia,morirò senza amici al mio fianco ma spero almeno di aver fatto qualcosa di utile

  12.     Mi trovi su: Homepage #9089919
    Mamma quanto hai scritto...
    senti un po'...
    1) siamo uno sputo in un universo infinito
    2) la vita è una sola
    Hanno già provato a cambiare il mondo, in tutti i secoli, in tutti i modi.. e nessuno ci è mai riuscito...semplicemente perché sin dagli arbori della civiltà comanda chi ha il potere, e chi ha il potere fa i suoi interessi. Inutile a mio avviso "sprecare" una vita per cercare di cambiare il mondo, ma ovviamente c'è sempre chi lo fa .. e potrebbe meritarsi il mio appoggio.
    Manifestazioni? Il popolo se deve ribellare.. e che succede? Scoppia la guerra civile e ammesso che sei nel giusto, arrivano altri 20 paesi che ti invadono per "liberarti" (Libia attualmente, ma molti paesi dell'africa da anni o decenni addirittura) e mettono poi al comando chi vogliono loro.. non chi vuoi tu. Mi spiego?

    I valori importanti sono quelli che si tramandano in famiglia, i ragazzi sprovvisti di quelli sono coloro che vedi in discoteca a sballarsi senza scopo di vita.. e che finiranno a rovistare nella spazzatura come il barbone che hai visto. E se non ti puoi permettere l'università, lavori, e risparmiando ci vai in seguito. Le borse di studio sono solo per pochi veramente, e a mio avviso è giusto così.. che senso ha darle ad uno studente volenteroso ma mediocre? La prende chi se la merita sul serio.


    ps: ascolta questa
    NUOVO REGOLAMENTO, COMMENTARE QUI:
    http://www.playgen.it/showthread.php?t=1434




    BFP:8°

    La mia collezione QUI, commentate!!

  Ragazzi apriamo gli occhi e crediamo in noi!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina